Incontro istituzionale a Roma


Il Sindaco, Aldo Messina, il Vice Sindaco Giuseppe Caminita ed il Rresidente del Consiglio, Leo Cannilla si sono recati a Roma per incontri istituzionali.
In mattinata hanno fatto visita all’ingegner Mario Gamberale, amministratore delegato della società Azzero Co2, esperto di progetti sostenibili per le isole minori, con il quale hanno discusso delle possibili strategie da attuare a Ustica. “Ci sono fondi per 121 milioni di euro, riservati a progetti di sostenibilità ambientale in campo di energia, rifiuti, trasporti e acqua, destinati nella misura dell’80 per cento alle isole minori”, ha spiegato Messina. “Con riferimento alla nostra realtà – ha aggiunto – abbiamo parlato, tra le altre cose, della possibilità di migliorare l’utilizzo dei fanghi derivanti dalla depurazione dell’acqua, estraendo, da questi, biogas; di riprendere gli impianti fotovoltaici esistenti e realizzarne di nuovi, dopo avere valutato le migliori soluzioni per renderli compatibili con la centrale elettrica di Ustica. Andranno evitate differenze di fase e di potenza per scongiurare danni alla centrale stessa. L’ingegner Gamberale verrà pertanto a Ustica per studiare le soluzioni migliori.
Il secondo incontro ha avuto luogo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Precedenza per la Programmazione economica , servizio III, comunicazione e rapporti istituzionali, dal dr Ugo Scherino, al fine di valutare la possibilità di realizzare il molo di protezione nel porto di Ustica. Il Sindaco si è impegnato a fornire la documentazione per comprendere ” lo stato dell’arte”. In particolare il livello della progettualità.
L’intervento del Cipe è infatti finale rispetto a quello del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e questo, a sua volta, rispetto al parere della Regione siciliana.
Infine l’ultimo incontro presso il Ministero Ambiente alla presenza dei delegati del Ministro, della Capitaneria di Porto( ammiraglio Carpinteri e Pace), Della Presidenza della Regione ( Totò Cianciolo), dell’Assessore Territorio ed Ambiente ( Ing: Scalia) e della Provincia ( Presidente Avanti e in Angelo Troja) Tutti hanno concordato – Provincia e Capitaneria inclusa- sull’importanza di completare le operazioni di passaggio dell’AMP al Comune di Ustica. Ovviamene l’ultima risposta spetta al Ministro Prestigiacomo e pertanto ci si è autoconvocati per il 14 marzo.

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.