Internet… quale uso?


Il Sindaco finalmente, anche se quasi a fine mandato, su alcuni argomenti , sta prediligendo il fare che al dire …

Anche il silenzio può essere una “buona risposta”: anzi ottima!

Credo che ognuno di noi debba fare il proprio lavoro e non sostituirsi ad altri e, ancor peggio, alle Istituzioni: in tal modo siamo tutti a perderne in credibilità.

Se le inchieste giornalistiche servono principalmente al “giornale” queste restano fini a se stesse qualora non intervengano le “istituzioni” all’uopo demandate anche se un loro eventuale intervento sembrerebbe come una dichiarazione di “inefficienza”.

E purtroppo casi di inefficienze ce ne sono tanti: basta seguire semplicemente Striscia la Notizia ,che credo sia insostituibile, per averne prontezza.

Ed Ustica, ma non solo, non è esente da questo fenomeno indegno: sia nell’attuazione sia nel controllo.

Il mio intervento non vuole essere né una critica, né tanto meno una indicazione ma solo una constatazione sulla nostra catastrofica situazione generale ( diretta ed indiretta) alimentata – molto spesso – anche da “internet” e dai suoi fruitori.

Non è un problema di “omertà” o che si voglia prediligere la strada “del non dire o del non denunciare” ma credo che ultimamente “internet” ( arma micidiale per la sua ramificazione) sia stato usato molto impropriamente e principalmente per notizie “falsate, travisate o non veritiere” creando allarmismo e cattiva pubblicità al buon nome dell’Isola di Ustica.

Accenno brevemente alla disgrazia fatta passare inizialmente come una “ruberia”; a dei controlli che hanno dato luogo a delle irregolarità – talvolta solo amministrative – facendole veicolare su internet come se nell’Isola vi fossero solo “cattivi ristoratori”, facendo di tutta un’erba un fascio; al fatto che sull’Isola vi siano degli “abusivi” non accennando invece sui tanti in regola ecc. ecc.: ecco ciò è causa dell’uso improprio di “internet” e talvolta anche delle leggerezze operate da taluni che fuorviano il “Cliente”.

Vero è che la cattiva notizia attrae (basta guardare un telegiornale qualsiasi per vedere solo disgrazie, omicidi e furti) mentre la buona passa quasi inosservata. Quindi, utilizziamo si “internet” , ma facciamone – io per primo – buon uso.

Non tralasciando tutto quello di positivo che ci da internet, pensiamo cosa sarebbe – oggi – una settimana senza “internet”…Saremmo sicuramente più’ tranquilli e sereni.

Vi anticipo che nessun ulteriore commento o risposta sarà data – per coerenza – ad altri eventuali interventi su tale argomento.

Salvatore Militello

 

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.