La Regione scopre un “buco”… conseguente taglio ai collegamenti marittimi


Nella malaugurata ipotesi il Parlamento regionale dovesse confermare i tagli ai collegamenti marittimi , Scrive il sindaco Aldo Messina, la Regione intende abolire, relativamente all’isola di Ustica, la linea Napoli- Ustica- Favignana e ritardare al 20 giugno l’ inizio della doppia corsa giornaliera Palermo Ustica.

E’ quanto è emerso oggi dall’incontro all’Assessoprato regionale Trasporti tra l’Assessore, Piercarmelo Russo , il direttore Falgares , e il dirigente drssa Salvina Severino con i sindaci delle isole minori siciliane.

” La Regione Siciliana scopre un buco che, a conti fatti è di quasi 400 milioni di euro, e corre ai ripari, per quanto ci riguarda, tagliando quei servizi di trasporto per tutte le isole minori che non siano necessarie alla continuità territoriale. Salteranno le corse Eolie- Reggio Calabria ed Eolie- Cefalù, quelle tra Lampedusa ed Agrigento e così via. Nel nostro caso il taglio della linea con Napoli appare preoccupante in considerazione del fatto che la linea si stava appena mettendo a regime dopo la sospensione di qualche anno fa. Inoltre ritardare l’inizio delle doppie corse al 20 giugno è contro la politica di destagionalizzazione. Ho anche evidenziato il problema del mancato finanziamento della nave trasporto merci pericolose e rifiuti il cui contratto per Ustica, Pantelleria e le Egadi scade il 6 luglio e che , in base all’articolo 125 della legge sugli appalti, in mancanza di un finanziamento, non può essere neanche prorogato. Occorrono forme di sensibilizzazi8one e di lotta neri confronti del parlamento regionale per scongiurare una situazione che vanificherebbe ogni sforzo fatto per portare avanti l’isola”.

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.