Marina militare a supporto delle vaccinazioni anti Covid nelle isole minori


Le Forze Armate sono scese in campo anche con i propri medici e infermieri per effettuare sia tamponi sia vaccinazioni. Ecco quanto si sta facendo alle isole Eolie e alle Egadi.

da quotidiano do Sicilia

È partita a dicembre l’operazione EOS predisposta dal Comando di Vertice Interforze della Difesa, su richiesta dell’allora Commissario Straordinario Domanico Arcuri, per la distribuzione dei vaccini anti Covid in tutta Italia.

Nel tempo, però, le Forze Armate sono scese in campo anche con i propri medici e infermieri per effettuare sia tamponi sia vaccinazioni. Alle isole Eolie, ad aiutare il personale dell’Asp di Messina, ci sono anche 1 medico e 1 infermiere del Sovrano Ordine di Malta, e 1 medico e 2 infermieri della Marina Militare.

«Siamo personale medico e infermieristico della Marina Militare, arrivato con la nave militare “Numana” venerdì mattina a Salina, per supportare la vaccinazione di massa nelle isole Eolie», riferisce il Tenente di Vascello della Marina Militare, Federica Lo Re, laureata alla Facoltà di “Medicina e Chirurgia” dell’Università di Palermo, attualmente specializzanda in otorinolaringoiatria e vincitrice di concorso per nomina diretta come ufficiale medico della Marina Militare.

«Abbiamo ormeggiato la nave al porto di Salina, che è un supporto h24 per i nostri spostamenti, ieri sera ci siamo spostati a Lipari che sarà la nostra base e da qui ci sposteremo giorno per giorno, in accordo con il personale dell’Asp di Messina, per andare sulle varie isole e completare le vaccinazioni» precisa ancora il tenete Lo Re.

Proprio ieri, infatti, a Salina si è conclusa la prima parte della vaccinazione generalizzata. Il personale sanitario è riuscito a vaccinare già l’80 per cento degli aventi diritto, mentre da stamattina è iniziata anche la vaccinazione al domicilio per i non deambulanti.

«Per fortuna la popolazione sembra abbastanza propensa alla vaccinazione, sabato a Salina c’è stata un’affluenza copiosa – ha raccontato ancora il medico tenete palermitano – Qui abbiamo avuto a disposizione i vaccini Jhonson&Jhonson, AstraZeneca e Moderna che abbiamo somministrato in accordo con le direttive del Ministero della Salute per categorie di età ed eventuali patologie».

Nel frattempo si prosegue con la vaccinazione nelle altre isole minori dell’arcipelago eoliano: oggi Alicudi e Filicudi, domani Panarea, mercoledì Stromboli e Ginostra, giovedì Vulcano e da venerdì in poi Lipari. Anche nelle isole di Lampedusa e Linosa è stata avviata la campagna di vaccinazione per tutti gli abitanti: la metà ha già ricevuto il vaccino, le altre 1.400 fiale completeranno l’operazione nelle prossime ore. Il programma andrà avanti nei prossimi giorni nelle restanti isole minori per concludersi con Ustica e Pantelleria.

Ad Ustica, in particolare, sarà ancora impegnato il personale sanitario della Marina Militare, così come sta già facendo ad esempio a Capraia e Matera. L’operazione EOS non ha infatti previsto un termine come precisa Federica Lo Re: «Quella di cui facciamo parte è un’iniziativa voluta dal Ministro della Difesa e disposta dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, che coinvolge tutte le forze armate ed è diretta dal Comando Operativo di Vertice Interforze grazie al contatto con istituzioni, autorità sanitarie locali e dipartimento della Protezione Civile. L’obiettivo ovviamente è quello di rendere le isole Covid-free e via via immunizzare tutta la popolazione italiana. Noi della Marina Militare andremo dove sarà richiesto il nostro supporto a favore della collettività».

Sonia Sabatino

Fonte: Quotidiano di Sicilia

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.