Ogni cosa al posto giusto!…


Si approvano in linea di massima gli sforzi che stanno facendo i commercianti per non chiudere bottega ma personalmente non ho capito perche’ e’ stato tolto agli anziani il loro locale per farlo diventare Centro Informazioni. Il Centro Informazioni/Accoglienza si dovrebbe allestire con un gazebo sul Belvedere del Lungomare Filippo Vassallo o alla Banchina Sailem, per dare appunto le prime informazioni e anche una certa accoglienza al turista che arriva (non abbiamo altre vie d’ingresso al centro abitato), e fare ritornare gli anziani al loro posto.

Il Centro Informazioni in piazza, in un locale così grande e pomposo, si avvicina più che ad un Centro Informazione ad un “salotto buono”. Leggendo gli orari di apertura del centro, al mattino dalle 10,00 alle 12,00, sembrerebbe non essere fatto per agevolare il turista che arriva, in quanto i primi mezzi da Palermo arrivano alle 08,30 e alle 09,30 e la nave dopo le 12,00. C’è qualche cosa che chi sta lontano da Ustica, ma che continuamente cerca di aggiornarsi, non capisce, ma che forse non capiscono nemmeno quelli che ci abitano.

Se il Centro Informazioni si doveva fare proprio in piazza, contrariamente a quanto avviene in quasi tutte le località turistiche più organizzate che usano i porti e le stazioni ferroviarie e/o gli aeroporti, perché non si chiedeva la piccola stanza accanto al Centro Accoglienza, che tra l’altro era più facile attrezzarla e si spostava quel materiale culturale ed interessante, che attualmente si trova all’interno, come mostra permanente, al Centro Studi e si lasciavano in pace gli anziani?

Probabilmente, per rimediare a danni pregressi si è trovato una soluzione che ha danneggiato notevolmente gli anziani e “non favorisce” i turisti che e’ il motivo per cui il movimento delle P.IVA fu creato.

Allora il Centro Informazioni in Piazza, che NON da informazioni, chi favorisce ?

E’ il classico errore di valutazione di chi “gestisce il potere” o il classico “piatto di lenticchie” per quietare chi si lamenta o, come spesso accade, si è “forti con i deboli e deboli con i forti”?

Invece di risolvere il problema che esisteva ( che andava eliminato solo in una maniera : impiantando un gazebo-informazioni alla Cala ) se ne sono creati due :

1) niente servizio informazioni per i turisti.
2) niente sala da gioco per gli anziani.

Non scherziamo con gli anziani ! ! Per loro ci sono 58.000 euro stanziati all’anno. Per una soluzione equa, logica e indolore si puo’ trasferire il Centro Informazioni al Porto e riportare gli anziani al Centro Accoglienza in Piazza.

Nuccio Caserta

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Fabio Ailara

Zio Nuccio….resto senza parole alla tua lettera… quando verrai a trovarci forse capirai molte cose… ti abbraccio e a presto

 

Fabio Ailara

 

6 thoughts on “Ogni cosa al posto giusto!…

  1. Egregio Sig. Caserta,
    condivido integralmente la Sua analisi, a tal proposito vorrei informare chiunque fosse interessato che a bordo del Catamarano è presente un gazebo nuovo (ancora sigillato) di dimensioni 3×4 mt. – sarei felice di metterlo a disposizione per realizzare un punto d’accoglienza in banchina Sailem. – tuttavia per la sua collocazione, trovandoci in area demaniale, è necessario presentare un piccolo progetto all’Assessorato Territorio ed Ambiente…..attendo eventuali uomini di buona volontà, sapete dove trovarci!
    Cordiali saluti
    Com.te G.Bertolini – Cat/no Ale M

  2. Zio Nuccio….resto senza parole alla tua lettera… quando verrai a trovarci forse capirai molte cose… ti abbraccio e a presto

    Fabio Ailara

  3. Intervengo per un breve commento sui due punti sollevati da Nuccio Caserta sul cui contenuto mi trova assolutamente concorde. Parto dall’apprezzamento per l’iniziativa che i promotori del “movimento delle partite Iva” stanno lodevolmente portando avanti e non potrebbe essere diversamente in quanto, e non da ora, sono un convinto sostenitore di ogni forma di collaborazione spontanea, autonoma, con connotati di volontariato finalizzata all’immagine dell’Isola di Ustica. Anzi, dal momento che ho letto tra l’altro un passaggio finale del comunicato del Movimento che recita “saranno ben accetti contributi anche da privati” più avanti, se graditi, proverò a darne qualcuno. Sul secondo punto, in effetti anche a me riesce difficile comprendere la nuova destinazione d’uso con conseguente “sfratto” degli anziani. La logistica legata alla prima accoglienza del turista che sbarca nell’Isola avrebbe dovuto suggerire un “info-point” giù al porto. In tutte le località turistiche marine è così. Il locale in Piazza è chiaramente più da “circolo”; le banchine più da naturale “informazione immediata” e da una informazione data immediatamente al turista chi ha tutto da guadagnare se non le singole attività dei Titolari delle partite Iva che del Movimento fanno parte integrante ? Come mai non si è pensato ? A prescindere, buon lavoro !

  4. Signor Nuccio Caserta scusi per l’espressione “MA COSA STà DICENDO” !!!! Il centro informazioni… “NON DA INFORMAZIONI !!!!”, sono “STATI MANDATI VIA GLI ANZIANI PER NON DIRE CACCIATI” ….ma smettiamola di giudicare il lavoro degli altri…se lei approva in parte ciò che stiamo facendo devo dire che un motivo in più a continuare per ” NON CHIUDERE BOTTEGA” perchè in realtà forse ancora non è chiaro che se chiudono le attività ad Ustica possiamo fare le valigie ed andare via tutti e quindi abbandonare la nostra meravigliosa isola e NON servirà più UN PIATTO DI LENTICCHIE per QUIETARE LE NOSTRE LAMENTELE…..purtroppo per la situazione attuale che c’è ad Ustica non si cerca più un colpevole ma si cerca di andare avanti in tutti modi e quindi con quello che abbiamo a disposizione e con quello che ci offrono…..
    Il centro informazioni è sempre stato in piazza come lei stesso mi può ricordare ….per quanto riguarda gli orari, questi sono gli orari di Giugno e poi si cerca di agevolare anche chi ci aiuta a dare informazioni perchè non vogliamo approfittare del suo volontariato….
    Il comune ha dato a disposizione il locale più grande per poter pubblicizzare al meglio la nostra isola con materiale fotografico, televisori, tavoli per l’esposizioni e tavoli dove il turista con la quiete della nostra isola può anche fare “salotto” scrivendo delle cartoline ed altro….
    Per quanto riguarda l’allestimento di un gazebo al porto, purtroppo non è così facile come crede e poi comunque con il caos che si crea all’arrivo non può nemmeno essere così informativo….quindi abbiamo pensato che il turista dopo la sistemazione in camera con calma e tranquillità va in piazza, il luogo più comune per lo stare insieme, e va a chiedere le sue informazioni….
    Comunque tutto questo non è stato fatto per “CACCIARE” via gli anziani, perchè gli anziani sono LA STORIA IN PERSONA della nostra isola….e quindi nessuno ” STà SCHERZANDO” con loro…..
    ma dire che il centro informazioni è stato inutile non è così…
    Dato che sono stati stanziati tutti questi soldi per garantire una soluzione equa, logica e indolore sicuramente ci sarà al più presto un luogo a loro disposizione con tutto ciò che gli servirà, come era già stato creato una volta.

    Elsa Zanca

  5. Ulteriore informazione per coloro che non vivendo qui ad Ustica non sanno bene di cosa si parla, faccio sapere che la stanzetta piccola è oggi ma gia da un anno sede del “Piccolo Museo del Mare”, facciamo chiudere anche questo per metterel’info point’ cosi i ns giovani e meno giovani possono giocare al posto dell’info point???, cari signori dare una location per un centro di aggregazione sociale, si chiama cosi e non centro anziani, è un dovere da parte dell’amministrazione ma è anche un piacere per tutti vedere giocare il centenario zio pasqualino con i ragazzi….
    In attesa che il nuovo locale gia destinato a ristrutturazione venga aperto per centro sociale l’hotel clelia mette a disposizione dei giocatori di carte i tavoli sulla scalinata, oppure si puo utilizzare il casotto al bivio cimitero tramontana, oppure la sala espositiva, oppure abbiamo la sala del teatro, penso che il problema sia risolvibile, anche se il problema è piu per voi che state fuori che i nostri amici giocatori…
    Gazebo giu al porto???? se ci fosse qualcuno che in aggiunta al centro info in piazza ha la volontà e i soldi per tenerlo aperto che ben venga, pronto a portare il mio materiale… comunque è quasi una pazzia, la gente che arriva stanca e piena di bagagli, stanca per la traversata o per l’attesa la prima cosa che vuole appena messo piede a terra è essere accompagnata in hotel o nella sistemazione prenotata, di sicuro non farà la coda per avere un’informazione che non ricorderà ma che avrà in una stupenda location Centro info) molto piu completa ed esaustiva…. Il centro accoglienza è li gia dagli anni ottanta, prima c’era la pro loco (informazioni anche allora), quel luogo è stato in passato e lo è anche oggi e lo sarà in futuro un gran bel biglietto di visita per i turisti, vi invito a visitarlo… Zio Nuccio, Mario Oddo ed altri…gli usticesi amano il proprio passato e di conseguenza i propri anziani e a nessuno è mai sfiorata l’idea di “sfrattarli” come voi scrivete, credo però che i nostri anziani sono ben disposti a fare un piccolo e breve sacrificio vedendo i loro giovani sbracciarsi ed adoperarsi per il bene dell’isola.
    Non è piu il tempo di essere qualunquisti e populisti….
    Fabio Ailara

  6. Mi permetto, se è vero che il Movimento delle Partite Iva accetta “contributi anche da privati”, di spendere due parole anch’io sulla scelta logistica del Centro Informazioni di Ustica.
    Grazie alla Sig.ra/ina Zanca per averci delucidato sui motivi di tale scelta, ma io da turista, seppur con origini usticesi e lettrice, da tale intervento mi pare passi questo messaggio: è l’utente che deve adeguarsi a noi e non il contrario…

    1)Nessuno sta facendo critiche alla mission del vostro operato, semmai si sta cercando di indirizzarvi verso la modernità circa i servizi che richiede il turismo, se è turismo che si vuole fare.
    2) Al turista che non conosce le problematiche interne all’isola, non frega nulla se voi state cercando di tappare gli enormi buchi creati: lui vuole solo divertirsi, trascorrere dei giorni in pieno relax visto che spende i suoi soldi.
    3) Il fatto che il Centro informazioni sia stato sempre i piazza non significa che risponda logisticamente alle esigenze del turista, forse tanti anni fa poteva andare bene, ma il turismo è cambiato e si necessistano i punti nevralgici per dare servizio, altrimenti spiegatemi perchè mai tali Info-Points sono ubicati all’interno di aeroporti e porti.
    Giustamente, come ha fatto notare il Com.te Bertolini che ringrazio personalmente per la Sua disponibilità circa il Gazebo,si necessita di un piccolo Progetto, ma bisognava farlo prima…
    4) Il turista solitamente sceglie la piazza dopo aver trascorso il suo tempo a vivere le bellezze del mare e per scrivere cartoline e chiacchierare gli basta sedersi su una comoda sedia di un bar all’aperto, godendosi i colori ed il brusìo della gente che passeggia.
    5) Per quanto riguarda gli orari, sono solo 3 mesi circa di lavoro: non potete pensare di agevolarvi a discapito del servizio che dovete dare al turista: Il Centro deve essere operativo alla partenza e all’arrivo dei mezzi.
    6) Mi sembra un po’ troppo semplicistico dire che “visto che sono stanziati tutti questi soldi per gli anziani ci sarà sicuramente qualcosa anche per loro…” Io veramente è da quest’inverno che leggo di anziani che vivono questa problematica….Si, forse ci sarà qualcosa anche per loro: nel mese di Mai dell’anno di Poi..
    Spero che il mio intervento non abbia “infastidito”, non mi reputo una che ha le soluzioni per tutto, ho solo cercato di ragionare come un turista.
    Cordiali saluti.
    Mariangela Militello

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.