Proposta Gestione Area Marina Protetta – Ustica


comune-ustica-5COMUNE DI USTICA

Ustica 23.01.12
Prot n 258

Ministero dell’Ambiente – Ill:mo Sig Ministro Onorevole Corrado Clini

Ministero dell’ambiente – IllMo Sig direttore Generale dr Renato Grimaldi

E p.c. Sig Assessori
Sig Presidente Consiglio
Responsabili Area

OGGETTO:Proposta gestionale AMP Ustica

Desidero confermare la volontà dell’ amministrazione comunale e dell’intera cittadinanza, confortata da una sottoscrizione popolare a suo tempo presentata alla Vs attenzione, di potere gestire in modo autonomo l’Area marina protetta Isola di Ustica che continuiamo a considerare elemento fondamentale della nostra identità. Né si ha motivo di ritenere che tale nostra volontà possa essere mortificato da un diverso indirizzo ministeriale. D’altronde la fallita esperienza del destino delle AMP nelle Eolie ed a Pantelleria dovrebbero indurre a rispettare le identità delle isole minori.

Da amministratori consapevoli e da cittadini partecipi ci rendiamo conto delle difficoltà economiche che il nostro paese sta attraversando, anche se non comprendiamo le motivazioni che possano avere indotto il Parlamento a destinare 70 milioni di euro per 21 parchi nazionali e solo 3,8 milioni per 27 + 3 aree marine protette. Per restare in tema, in tutta sincerità, non si comprende neanche perché nella vs nota a noi indirizzata si affermi testualmente” …che dalla manovra finanziaria in atto potrebbe scaturire un più che dimezzamento e fino all’annullamento degli stanziamenti … per l’area protetta in argomento”. Riteniamo si volesse affermare “ per le aree protette “ in genere e non certo solo per quella in argomento, la nostra.

Ciononostante desideriamo ancora una volta confermare che siamo pronti ad affermare che la cittadinanza usticese farà comunque la sua parte.

Pertanto, seppur nei caratteri generali, siamo pronti a redigere un piano di gestione che tenga conto delle esigenze e degli obiettivi che il Ministero intenderà affidarci, collaborando con le nostre forze lavoro ed economie affinchè l’obiettivo fissatoci possa essere raggiunto. Ci proponiamo infatti come “Ente Gestore” nel senso etimologico latino del termine, cioè come “colui che fa, opera” nelle veci di qualcun altro, in questo caso il Ministero e ne rispetta pertanto le indicazioni.

Appare apprezzabile il fatto che il Ministero, prima di affidare un bene così prezioso quale è certamente la prima Area Marina Protetta d’Italia, desideri avere contezza del suo destino ed è pertanto con la presente e con l’atto deliberativo consiliare che ne conseguirà, riconquistare la fiducia del dicastero.

Ciò premesso, desideriamo ricordare che questa amministrazione dispone già nel suo organico di quelle qualificate professionalità che avevano reso grande il nome dell’AMP Isola di Ustica, tolte da una per tutti imbarazzante (anche per i Ministero) condizione di precariato ed assunte da questa amministrazione nei ruoli del Comune senza chiedere alcun sostegno economico ad altre amministrazioni. Il loro contratto d’assunzione prevede l’impiego per funzioni relative al funzionamento dell’AMP ed è questo un costo che questa amministrazione già sostiene.

Segnaliamo che questa nostra nota appare “ orfana” dell’indicazioni derivate dal Progetto ISEA del Ministero dell’Ambiente e del WWF , che non ci sono ancora pervenute. Viceversa, come evidenzieremo appresso, sono state, pur in assenza di una certezza sul ritorno gestionale dell’AMP, intraprese una serie di relazioni istituzionali che consentiranno un adeguato e proficuo margine di operatività ed apporto economico.

Viceversa occorrerà recuperare il tempo perduto , non certo per colpa di questa amministrazione, perché l’AMP Ustica venisse dotata di quelle certificazioni tipo EMAS e di quelle interrelazioni che necessariamente un’AMP deve istituzionalizzare con le limitrofe zone di Riserva Terrestre e delle zone SIC e ZPS già esistenti nel territorio.

La “ voce costi”, che è quella sulla quale ci sembra il Ministero desideri essere notiziato, verrebbe così scomposta:

– Costi Fissi

— Spese Istituzionali (Commissione di Riserva, Collegio revisori, rappresentanza). Come Già affermato questa amministrazione è già nelle condizioni di potere assolvere questi costi utilizzando il proprio personale ed il Revisore del Conto del Comune.

— Direzione. La Giunta ed Il Consiglio Comunale di Ustica sottoporranno al Ministero la proposta di accettare la nomina quale direttore dell’AMP Isola di Ustica del Prof Marco Arcoleo, docente d Biologia Marina presso l’Università degli studi di Palermo e direttore del CIRITA. Questi due prestigiosi incarichi ne attestano sia la competenza scientifica che quella tecnico-organizzativo gestionale . Lo stesso si è dichiarato disponibile ad assumere, quantomeno nelle prime fasi , gratuitamente l’incarico.

— Costi di amministrazione (utenze, materiali di consumo, assicurazioni). I Dirigenti Ministeriali potranno confermare che questa voce incide in minima parte.

— Sorveglianza. Premesso che rimane il ruolo istituzionale della Capitaneria di Porto nella sorveglianza dell’Area e che questa ha recentemente rinforzato il proprio contingente sull’isola, grazie all’affidamento di alcuni locali che sempre quest’amministrazione ha messo a loro disposizione, e che si ha fiducia nel ruolo di sorveglianza operato dalla locale marineria, si vorrà valutare l’ipotesi progettuale di un sistema di videosorveglianza dell’area.

— Manutenzione( immobili, mezzi nautici e terrestri, boe, cartellonistica e segnaletica, ormeggi e gavitelli). Relativamente alla voce immobili questa Amministrazione intende mettere a disposizione i propri locali (Centro accoglienza, Uffici Comunali), oggi potenziati rispetto al passato da un Centro congressi appena realizzato che sarà utile a rilanciare l’immagine dell’isola.

Certamente il competente Ministero desidera anche conoscere la nostra capacità di “reperire ” risorse oltre quelle ministeriali.

E’ opportuno in questo contesto evidenziare che questa amministrazione in carica dal 2003 ha dimostrato una buona capacità di utilizzo dei fondi europei.

Cinque interventi strutturali( tra i quali un museo ed un centro congressi) sono stati realizzati su fondi PIT, due sui fondi APQ. Sono state completate le opere portuali di cui ai “Patti Territoriali”, attivati dalla precedente amministrazione. Analogamente completate le opere per Parco Suburbano ed il recupero dei Gorghi su fondi APQ. In corso di definizione e già finanziata la nuova senti eristica naturalistica ed i lavori di una piazza di cui al DUPIM 2008-2009. Presentata una richiesta di finanziamento per il recupero di un Albergo acquisito al patrimonio comunale in quanto realizzato abusivamente e da adibire a Campus universitario con fondi PIST. Con gli stessi fondi si intende ristrutturare la scuola materna.

In prospettiva del ritorno gestionale al comune dell’AMP abbiamo già aderito alle seguenti progettualità:

– Distretto Turistico Geografico “Golfo di Castellammare

– Distretto Turistico tematico “Cultura della Pesca”

I Distretti turistici (distinti in tematici e geografici) sono stati espressamente realizzati e saranno finanziati dalla Regione Siciliana . Nel contesto del Distretto turistico Geografico è stato da noi richiesto il finanziamento di una piattaforma per apneisti.

– GAC (Gruppo azione Costiera) Isole Minori

– Protocollo d’intesa italia Malta.

Sarà possibile inoltre reperire somme per la stampa e la divulgazione dei materiali, utilizzando le somme dei numerosi progetti POR – Sicilia dell’Assessorato regionale Commercio, artigianato e pesca.

Un’ultima nota va fatta sull’acquario di Ustica. Realizzato su fondi Ministeriali l’opera è stata completata nel 2005 e regolarmente collaudata ed affidata all’Ente gestore pro-tempore, Capitaneria di Porto di Palermo. Non essendo mai stato mai messo in funzione si ha motivo di ritenere, per non dire che si ha la certezza, che saranno presenti danni strutturali soprattutto alle pompe di sollevamento dell’acqua marina. Di questa criticità gestionale non si è occupato alcun organo di controllo nonostante le nostre note.

Oggi riteniamo l’attivazione dell’acquario fondamentale per il rilancio dell’AMP non solo per il suo compito educativo e di coinvolgimento di flussi turistici specie scolastici ma anche quale elemento di ricerca e studio. Ed in questo la ripresa collaborazione con l’Università può essere di fondamentale importanza. Al di là dei costi di gestione annui della struttura, ci si dia la possibilità di utilizzare, per il recupero e l’arricchimento strutturale dell’immobile, le somme ministeriali residue ancora a nostra disposizione.

Si allega alla presente la proposta di Piano Gestione 2011 già approvata con delibera consiliare n. 20 del 09.05.11

IL SINDACO
Aldo Messina

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Palermo Vincenzo Pizzurro

A sentire le parole Del Sindaco Dott.re Aldo Messina è ancora più concreta l’immagine di una persona la cui volontà non lascia dubbi sull’importanza di una continuità e presenza indispensabile di coloro i quali con spirito e amore per Ustica hanno fino ad oggi manifestato l’intenzione di uscire da un letargo durato quasi dieci anni a causa di coloro i quali in parte fisiologicamente estromessi dalla naturale volontà di crescita, cultura e sviluppo a cui Ustica deve gli anni peggiori della sua nascita Ringrazio il Sindaco Dottore Aldo Messina per l’amore con cui porta avanti l’unico volano di sviluppo di una cosi bella Isola, fragile e allo stesso tempo UNICA.

Ringrazio anche il Presidente del Consiglio Leonardo Cannilla che ha guidato un opposizione costruttiva, propositiva e che insieme al Dott.re Messina sindaco di Ustica condividono idee e progetti con i quali si sta tentando di dare un futuro migliore all’isola.

Mi auguro che si trovi un anello di congiunzione che possa legare l’amministrazione futura e portare avanti i tanti progetti necessari alla rinascita di un Isola al momento al collasso.

Spero anche che il Dott.re Messina Sindaco di Ustica abbia anch’esso il desiderio di vedere realizzato quanto con sacrificio portato avanti fino ad oggi, anche dopo il suo fine naturale da Sindaco ad Ustica.

Alla luce di quanto sta accadendo in Sicilia e in Italia, mi piacerebbe vedere una nuova politica che non interrompa il percorso che a fatica si è capito essere l’unico possibile per la ripresa dell’isola, ma al contrario approfitti delle risorse umane anche dopo la loro naturale scadenza di mandato, per non vedere svanire i sacrifici fatti dagli Usticesi, vecchie e nuove generazioni, che sostengono gli attuali artefici di un cosi voluto cambiamento culturale ed epocale.

Spero di vedere realizzato in armonia con il territorio quello che credo sia l’unica e ultima possibilità per un Isola davvero unica.

Saluti

Vincenzo Pizzurro

 

Da Ustica Salvatore Militello

Non voglio entrare nel merito della lettera. Desidero soffermarmi quanto diventa difficile, talvolta, seguire e capire (per mia ignoranza) tutto quello che c’è scritto. In una sola comunicazione ci sono ben 12 “sigle” così come spesso negli sms moderni:

AMP; ISEA; WWF;EMAS; SIC; ZPS; PIT; APQ; DUPIM; PIST; GAC; POR; Taluni conosciuti ma il resto cos’è?…

Buona lettura!

 

 

 

 

2 thoughts on “Proposta Gestione Area Marina Protetta – Ustica

  1. Salve,
    Non volgio entrare nel merito della lettera. Desidero soffermarmi quanto diventa difficile, talvolta, seguire e capire (per mia ignoranza) tutto quello che c’è scritto. In una sola comunicazione ci sono ben 12 “sigle” così come spesso negli sms moderni:
    AMP; ISEA; WWF;EMAS; SIC; ZPS; PIT; APQ; DUPIM; PIST; GAC; POR;
    Taluni conosciuti ma il resto cos’è?…
    Buona lettura!

  2. A sentire le parole Del Sindaco Dott.re Aldo Messina è ancora più concreta l’immagine di una persona la cui volontà non lascia dubbi sull’importanza di una continuità e presenza indispensabile di coloro i quali con spirito e amore per Ustica hanno fino ad oggi manifestato l’intenzione di uscire da un letargo durato quasi dieci anni a causa di coloro i quali in parte fisiologicamente estromessi dalla naturale volontà di crescita, cultura e sviluppo a cui Ustica deve gli anni peggiori della sua nascita
    Ringrazio il Sindaco Dottore Aldo Messina per l’amore con cui porta avanti l’unico volano di sviluppo di una cosi bella Isola, fragile e allo stesso tempo UNICA.
    Ringrazio anche il Presidente del Consiglio Leonardo Cannilla che ha guidato un opposizione costruttiva, propositiva e che insieme al Dott.re Messina sindaco di Ustica condividono idee e progetti con i quali si sta tentando di dare un futuro migliore all’isola.
    Mi auguro che si trovi un anello di congiunzione che possa legare l’amministrazione futura e portare avanti i tanti progetti necessari alla rinascita di un Isola al momento al collasso.
    Spero anche che il Dott.re Messina Sindaco di Ustica abbia anch’esso il desiderio di vedere realizzato quanto con sacrificio portato avanti fino ad oggi, anche dopo il suo fine naturale da Sindaco ad Ustica.
    Alla luce di quanto sta accadendo in Sicilia e in Italia, mi piacerebbe vedere una nuova politica che non interrompa il percorso che a fatica si è capito essere l’unico possibile per la ripresa dell’isola, ma al contrario approfitti delle risorse umane anche dopo la loro naturale scadenza di mandato, per non vedere svanire i sacrifici fatti dagli Usticesi, vecchie e nuove generazioni, che sostengono gli attuali artefici di un cosi voluto cambiamento culturale ed epocale.
    Spero di vedere realizzato in armonia con il territorio quello che credo sia l’unica e ultima possibilità per un Isola davvero unica.
    Saluti
    Vincenzo Pizzurro

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.