Proviamo ai riconoscere “meriti” e “colpe” in tono “fraternalistico”…


Signori, mi riferisco in particolare a Salvatore, ad Attilio, ad Angelo ed Altri, in un momento in cui la casa-Ustica per comune constatazione sta “bruciando” c’è bisogno di “pompieri” ma da quel che leggo mi sembra che di acqua sul fuoco non c’è proprio intenzione di gettarne e non è, a mio giudizio, il segnale di cui in questo momento l’Isola ha bisogno per costruire un futuro migliore che è, a parole, nelle aspirazione di tutti. Sulla storia della Riserva Marina o AMP come dir si voglia evitate se potete ormai anacronistici rimpalli di responsabilità; riconoscetevi al contrario con umiltà, salomonicamente, un concorso di meriti e colpe e utilizzate diversamente le vostre riconosciute energie positive. Sarebbe un bel primo passo per … quella “Serie A” dove Ustica finalmente meriterebbe di militare. Spero scuserete ed accetterete questo mio tono “fraternalistico”. Grazie !

Mario Oddo

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Caro Mario in riferimento al tuo commento dico che sono assolutamente d’accordo con te,anzi ti dico di più è necessario rasserenare il clima,serve un passo indietro da parte di tutti.Se il nostro paese versa in queste condizioni gran parte delle responsabilità sono solo di noi Usticesi, le divisioni che ci affliggono da anni devono a tutti costi cessare, per consentire una inversione di rotta.

La prossima classe dirigente che avrà il compito di amministrare il nostro paese è chiamata a costruire un futuro migliore per tutti i cittadini di Ustica soprattutto per le nuove generazioni, affinchè questo avvenga è necessario che ognuno di noi si sforzi e si impegni a lavorare per il rilancio della nostra isola:

Mi fa piacere e apprezzo che tu Mario fai queste incursioni per cercare di rasserenare il dibattito, d’altronde ho avuto modo di conoscerti meglio quando ci siamo candidati insieme, sempre garbato sempre moderato.Grazie per il contributo.

Infine sulla Riseva Marina ti riporto fedelmente un mio commento di pochi giorni fa su Buongiorno Ustica “Dal 1984 per venti anni il comune di Ustica con le varie amministrazioni di diverso colore che si sono succedute, ha sempre gestito con grande impegno di TUTTI la Riserva Naturale Marina Isola Di Ustica”.Un primo passo avanti verso la”Serie A”.

 Giovanni Tranchina (tacco)

3 thoughts on “Proviamo ai riconoscere “meriti” e “colpe” in tono “fraternalistico”…

  1. Caro Mario in riferimento al tuo commento dico che sono assolutamente d’accordo con te,anzi ti dico di più è necessario rasserenare il clima,serve un passo indietro da parte di tutti.Se il nostro paese versa in queste condizioni gran parte delle responsabilità sono solo di noi Usticesi, le divisioni che ci affliggono da anni devono a tutti costi cessare, per consentire una inversione di rotta.
    La prossima classe dirigente che avrà il compito di amministrare il nostro paese è chiamata a costruire un futuro migliore per tutti i cittadini di Ustica soprattutto per le nuove generazioni, affinchè questo avvenga è necessario che ognuno di noi si sforzi e si impegni a lavorare per il rilancio della nostra isola:
    Mi fa piacere e apprezzo che tu Mario fai queste incursioni per cercare di rasserenare il dibattito, d’altronde ho avuto modo di conoscerti meglio quando ci siamo candidati insieme, sempre garbato sempre moderato.Grazie per il contributo.
    Infine sulla Riseva Marina ti riporto fedelmente un mio commento di pochi giorni fa su Buongiorno Ustica “Dal 1984 per venti anni il comune di Ustica con le varie amministrazioni di diverso colore che si sono succedute, ha sempre gestito con grande impegno di TUTTI la Riserva Naturale Marina Isola Di Ustica”.Un primo passo avanti verso la”Serie A”.

  2. Condivido pienamente sia il pensiero di Mario, sia quello di Agostino (Nuccio), sia il pensiero del mio coetaneo Giovanni (Tacco!).
    Del passato occorre farne tesoro ma è al futuro che bisogna pensare: con serenità, con equilibrio, collaborazione e lealtà!
    Non servono e non ne abbiamo certamente bisogno di inchieste, di messaggi più o meno forti, oggi Ustica (e noi tutti ) abbiamo la necessità di porre rimedio agli errori commessi – certamente in buona fede – ma con pace di tutti!
    Se non attuiamo ciò saremo sempre allo stesso punto.
    Dobbiamo cambiare mentalità e modo di agire ed ognuno di noi deve passarsi la mano sulla propria coscienza.
    Siamo e dobbiamo continuare ad essere una grande “famiglia” senza lasciarci coinvolgere da interferenze esterne e come una grande famiglia “ amministrare” l’ amministrabile; non cerchiamo progetti faraonici ma sistemiamo dapprima il nostro territorio con la collaborazione di tutti, affrontiamo i problemi prioritari che ci attanagliano.
    Ed è per questa ragione che da tempo ho scritto al Sindaco di dimettersi e fare arrivare un Commissario: per avere un periodo di “decantazione” finalizzato ad un rassetto “amministrativo” dentro il Comune, ad una formazione futura di persone, anche con visioni politiche diverse, ma con un unico obiettivo: il bene dell’Isola.
    Del resto è ciò che tutti vogliamo? O no?… ed ancora se l’economia isolana va bene, gira e funziona ciò va bene a tutti, altrimenti va male per tutti!

  3. Le piccole isole, considerati tutti i disagi, le privazioni, limitazioni, i problemi diversi e unici che le caratterizzano ecc..ecc… sono tutte indistintamente, riconosciuto e narrato anche da romanzieri, ognuna naturalmente una “NAZIONALE” a se. Altro che Serie A ! – Verso la serie A – usato da qualcuno, sembra uno slogan con pretese elettorali ma e’ non definito, e’ vuoto, non significa niente, e’ aleatorio e falso, c’e’ fra l’altro anche la Serie A da bassa classifica e quella che retrocede… Capisco la buona fede di chi scrive, ma solo gente con una forza e coraggio incredibile da campioni puo’ vivere normalmente e comodamente in piccole isolette. Non e’ da tutti. Le isolette sono territori e creature ” speciali ” e non e’ tanto bello discriminare dividendole in isole di serie A e isole di serie B……

    La Serie A, pero’, c’entra. Eccome ! Ma non nel ghettizzare le isole, poverine…. Veramente visto che siamo tutti una “NAZIONALE” ma che per vincere ci vogliono i giocatori da Serie A, un bello slogan very nice and very good, verace che va a braccetto con il detto ” NENTI MINESTRA RICAVURIATA.. ” e che calzerebbe a pennello, visti i risultati degli ultimi 17 anni, per riportare Ustica agli splendori sperati, c’e’, e lo slogan e’ questo : “GENTE NUOVA !! e da SERIE A !! ” . If you like it, passaparola, please. Thank you.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.