Provvedimenti amministrativi – Aumento tariffa acqua potabile del 40% dal 1° Gen. 2012


comune-ustica-5La giunta comunale con deliberazione 51 del 17-10-2012 –“ tenuto conto che il comune, di fatto, si trova in una condizione finanziaria riconducibile, nell’immediato, al dissesto finanziario, stante agli innumerevoli debiti fuori bilancio che provengono dagli esercizi finanziari precedenti” ha aumentato del 40% le tariffe per l’uso e la distribuzione acqua potabile a decorrere dal 1° Gennaio 2012 così come appresso riportato:

PUBBLICI ESERCIZI

Da    0  a  60           € 0.6250     (0,6250)

da   60 a   500       € 1.6220     (1.1590)

da   500  a   1000    € 1.8690    (1.3350)

da   1000  a  2000    € 2.2270    (1.5910)

Da   2000  e  oltre    € 2.7830    (1.9880)

 

USO ABITAZIONE RESIDENTI

DA    0   a   60         € 0.3310    (0,3310)

da    60  a    120      € 0.8520   (0.6090)

da   120 e oltre       € 1.5470   (1.1050)

 

ATTIVITA’ INDUSTRIALI

Da    0   a  440     1.5900    (1.1360)

da    441 e oltre    2.3140   (1.6530)

 

CONSUMO ACQUA NON RESIDENTI

Da    0  e  oltre     € 1.7290   (1.2390)

 

FOGNATURA                    0.1590   (0.1140)

DEPURAZIONE              0.4554    (0.3254)

NOLO CONTATORE    7.224 (2.16)

Tra parentesi la tariffa applicata nel 2011

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Angelo Tranchina

Un breve commento, anche,per la delibera che aumenta in modo spropositato il canone dell’acqua, bene primario per la sopravvivenza.

Ho l’impressione e non credo sia sola impressione che l’Amministrazione attiva abbia il sacro santo dovere di mettere a conoscenza tutti i cittadini dell’elenco di questi benedetti debiti fuori bilancio e chi li ha provocati.

Se non facciamo qualcosa e rimaniamo in silenzio vuol dire che ci dobbiamo accollare maggiori tasse, incremento dell’acqua e aumento di qualunque altro servizio che in tempi normali sarebbe costato il giusto prezzo. “PURE I LOCULI HANNO SUBITO IL LORO INCREMENTO”!!!, NON SI PUO’ PIU’ MORIRE.

Ognuno di noi che ha scelto di vivere ad Ustica ha tenuto in conto anche i disagi che viviamo quotidianamente ed in aggiunta dobbiamo subire anche di essere tartassati per errori compiuti da Dirigenti del Comune o dall’Amministrazione attiva. E’ necessario caro Giovanni proclamare un’assemblea cittadina perchè siamo tutti cointeressati e vedere il da farsi. La mia sarà una provocazione ma la butto sul sito: sarebbe opportuno da parte dei consiglieri in carica arrivare al dissesto finanziario, solo così La Giustizia Finanziaria,Corte dei Conti, potrebbe approfondire e cercare chi ha prodotto il danno al Comune e a tutti noi cittadini, imputando a ciascuno di loro il costo dei debiti che ha provocato. Se così non sarà fatto rimarrà lettera morta come il caso Famularo, nessun è colpevole e intanto noi paghiamo le conseguenze.

^^^^^^^^^^^

Da Milano Mino De Girolamo

Non ci sono parole per commentare questi “abusi” ai danni dei cittadini, che devono subire ancora una volta ingiustizie (non certo per colpa loro) da parte dell’Amm.ne Comunale e come sempre a pagare saranno i soliti noti e non verra’ data nessuna spiegazione delle responsabilita’ c’e’ da giurarci ,anche perche’ la Giunta e’ arrivata alla fine del percorso .Scommettiamo che in campagna elettorale in occasione dell’elezione del Sindaco verranno fuori i nomi di eventuali colpevoli della situazione creatasi sull’isola nelle dispute personali ? Quello che sta’ avvenendo in ambito nazionale con provvedimenti drammatici per i cittadini onesti , sta’ avvenendo in ambito locale a livello comunale ! E’ veramente vergognoso !!! Mino De Girolamo

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Giovanni Tranchina (taccareddu)

Sindaco e giunta hanno il dovere verso i cittadini di spiegare dicendo tutta la verità sulla situazione finanziaria del comune di Ustica.Cosa vuol dire “innumerevoli debiti fuori bilancio che provengono da esercizi finanziari precedenti”.Se pensano di risanare le casse del Comune sulla pelle dei cittadini con le famiglie che non arrivano a fine mese lo dicano chiaramente.Appresa la notizia ho scritto su Ustica Democratica che è necessario e urgente un incontro con Sindaco e giunta successivamente una assemblea cittadina.Questo è un problema che investe tutta la cittadinanza Usticese senza distinzione alcuna,vorrei sapere se siete d’accordo con la mia proposta e come attuarla.

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Gaetano, non possiedo proprietà alcuna nell’Isola ma mi metto nei vostri panni e comprendo e condivido in toto la tua indignazione che sono sicuro non rimarrà isolata. Mi auguro per voi una serena revisione del provvedimento; se così non sarà spero come minimo che le Autorità comunali proponenti gli aumenti in cotanta percentuale e retroattività avvertiranno la correttezza istituzionale di fornire doverosamente ai tantissimi “Totò” un dettagliato “inventario” dei debiti fuori bilancio possibilmente con tanto di “atto di nascita” e naturalmente (purtroppo) nel tempo crescita. Se proprio i cittadini dovranno pagare, santo Dio, si vuole almeno dare loro la “soddisfazione” di sapere grazie a chi o grazie a cosa ?

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Gaetano Nava

Nel leggere sul sito, i provvedimenti amministrativi presi dalla Giunta Comunale con la delibera del 17-10-2012, per l’aumento delle tariffe dell’acqua e della TARSU, a decorrere dal 1°-Gennaio c.a. del 40%, c’è da rabbrividire solo a pensare questa cosa.

Leggo, “che dato il dissesto finanziario riconducibile agli innumerevoli debiti fuori bilancio, che provengono dagli esercizi finanziari precedenti, si delibera l’aumento”. Debiti fuori bilancio?????? Chi li ha causati? Possibile che i Dirigenti preposti al controllo non se ne siano accorti? Di chi è stata la colpa? E’ stata negligenza, o cosa… che ha portato ad avere un dissesto così oneroso.

Sarebbe opportuno, che qualcuno che sa…… ci informasse, come “sono scaturiti questi debiti e di chi è la colpa,” “FUORI LE P…., scusate gli ATTRIBUTI” .

Smetto, per non svelenire ancora gli elettori, più di quanto, dopo aver letto l’aumento praticato della Giunta Comunale. Vorrei far mia una frase del grande TOTO’ “E io pago” o meglio “e noi paghiamo”. Saluti Gaetano Nava

 

 

 

 

5 thoughts on “Provvedimenti amministrativi – Aumento tariffa acqua potabile del 40% dal 1° Gen. 2012

  1. Nel leggere sul sito, i provvedimenti amministrativi presi dalla Giunta Comunale con la delibera del 17-10-2012, per l’aumento delle tariffe dell’acqua e della TARSU, a decorrere dal 1°-Gennaio c.a. del 40%, c’è da rabbrividire solo a pensare questa cosa.
    Leggo, “che dato il dissesto finanziario riconducibile agli innumerevoli debiti fuori bilancio, che provengono dagli esercizi finanziari precedenti, si delibera l’aumento”. Debiti fuori bilancio?????? Chi li ha causati? Possibile che i Dirigenti preposti al controllo non se ne siano accorti? Di chi è stata la colpa? E’ stata negligenza, o cosa… che ha portato ad avere un dissesto così oneroso.
    Sarebbe opportuno, che qualcuno che sa…… ci informasse, come “sono scaturiti questi debiti e di chi è la colpa,” “FUORI LE P…., scusate gli ATTRIBUTI” .
    Smetto, per non svelenire ancora gli elettori, più di quanto, dopo aver letto l’aumento praticato della Giunta Comunale. Vorrei far mia una frase del grande TOTO’ “E io pago” o meglio “e noi paghiamo”. Saluti Gaetano Nava

  2. Gaetano, non possiedo proprietà alcuna nell’Isola ma mi metto nei vostri panni e comprendo e condivido in toto la tua indignazione che sono sicuro non rimarrà isolata. Mi auguro per voi una serena revisione del provvedimento; se così non sarà spero come minimo che le Autorità comunali proponenti gli aumenti in cotanta percentuale e retroattività avvertiranno la correttezza istituzionale di fornire doverosamente ai tantissimi “Totò” un dettagliato “inventario” dei debiti fuori bilancio possibilmente con tanto di “atto di nascita” e naturalmente (purtroppo) nel tempo crescita. Se proprio i cittadini dovranno pagare, santo Dio, si vuole almeno dare loro la “soddisfazione” di sapere grazie a chi o grazie a cosa ?

  3. Sindaco e giunta hanno il dovere verso i cittadini di spiegare dicendo tutta la verità sulla situazione finanziaria del comune di Ustica.Cosa vuol dire “innumerevoli debiti fuori bilancio che provengono da esercizi finanziari precedenti”.Se pensano di risanare le casse del Comune sulla pelle dei cittadini con le famiglie che non arrivano a fine mese lo dicano chiaramente.Appresa la notizia ho scritto su Ustica Democratica che è necessario e urgente un incontro con Sindaco e giunta successivamente una assemblea cittadina.Questo è un problema che investe tutta la cittadinanza Usticese senza distinzione alcuna,vorrei sapere se siete d’accordo con la mia proposta e come attuarla.

  4. Non ci sono parole per commentare questi “abusi” ai danni dei cittadini, che devono subire ancora una volta ingiustizie (non certo per colpa loro) da parte dell’Amm.ne Comunale e come sempre a pagare saranno i soliti noti e non verra’ data nessuna spiegazione delle responsabilita’ c’e’ da giurarci ,anche perche’ la Giunta e’ arrivata alla fine del percorso .Scommettiamo che in campagna elettorale in occasione dell’elezione del Sindaco verranno fuori i nomi di eventuali colpevoli della situazione creatasi sull’isola nelle dispute personali ? Quello che sta’ avvenendo in ambito nazionale con provvedimenti drammatici per i cittadini onesti , sta’ avvenendo in ambito locale a livello comunale ! E’ veramente vergognoso !!! Mino De Girolamo

  5. Un breve commento, anche,per la delibera che aumenta in modo spropositato il canone dell’acqua, bene primario per la sopravvivenza.
    Ho l’impressione e non credo sia sola impressione che l’Amministrazione attiva abbia il sacro santo dovere di mettere a conoscenza tutti i cittadini dell’elenco di questi benedetti debiti fuori bilancio e chi li ha provocati.
    Se non facciamo qualcosa e rimaniamo in silenzio vuol dire che ci dobbiamo accollare maggiori tasse, incremento dell’acqua e aumento di qualunque altro servizio che in tempi normali sarebbe costato il giusto prezzo. “PURE I LOCULI HANNO SUBITO IL LORO INCREMENTO”!!!, NON SI PUO’ PIU’ MORIRE.
    Ognuno di noi che ha scelto di vivere ad Ustica ha tenuto in conto anche i disagi che viviamo quotidianamente ed in aggiunta dobbiamo subire anche di essere tartassati per errori compiuti da Dirigenti del Comune o dall’Amministrazione attiva. E’ necessario caro Giovanni proclamare un’assemblea cittadina perchè siamo tutti cointeressati e vedere il da farsi. La mia sarà una provocazione ma la butto sul sito: sarebbe opportuno da parte dei consiglieri in carica arrivare al dissesto finanziario, solo così La Giustizia Finanziaria,Corte dei Conti, potrebbe approfondire e cercare chi ha prodotto il danno al Comune e a tutti noi cittadini, imputando a ciascuno di loro il costo dei debiti che ha provocato. Se così non sarà fatto rimarrà lettera morta come il caso Famularo, nessun è colpevole e intanto noi paghiamo le conseguenze.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.