Recita Festa dei Genitori – 1961


[ id=10988 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^

COMMENTO:

Dalla California Agostino Caserta

Dal colore dei capelli dei ragazzi e’ sicuro che non siamo in Svezia…Le ragazzine non e’ facile riconoscerle perche’ lontane e non bene a fuoco ma sulla sinistra si riconosce Fra’ Mariano, sacrestano molto liberale, che andava con noi ragazzi al bagno al Cimitero, amante della Divina Commedia, che recitava a memoria senza problemi e cultore della lingua Italiana. Quando ci incamminavamo ci diceva :”ascoltate bene, questa non e’ la strada che porta al Cimitero ma….che conduce al Cimitero “. E sulla destra il famoso Televisore da 25″, il piu’ grande sul mercato, che per molti anni, con sala gremita tutte le sere, tenne incollati gli usticesi alle sedie, dopo cena, per vedere carosello, telegiornale e film nell’unico canale RAI esistente fino al ’62. E….. quando nei film si vedevano i bacetti, Padre Carmelo si alzava quasi di scatto e spegneva subito la TV, faceva un mezzo risolino e con aria quasi dispiaciuta diceva : ” la luce e’ cara, bisogna prendersi intervalli… “.

 

One thought on “Recita Festa dei Genitori – 1961

  1. Dal colore dei capelli dei ragazzi e’ sicuro che non siamo in Svezia…Le ragazzine non e’ facile riconoscerle perche’ lontane e non bene a fuoco ma sulla sinistra si riconosce Fra’ Mariano, sacrestano molto liberale, che andava con noi ragazzi al bagno al Cimitero, amante della Divina Commedia, che recitava a memoria senza problemi e cultore della lingua Italiana. Quando ci incamminavamo ci diceva :”ascoltate bene, questa non e’ la strada che porta al Cimitero ma….che conduce al Cimitero “. E sulla destra il famoso Televisore da 25″, il piu’ grande sul mercato, che per molti anni, con sala gremita tutte le sere, tenne incollati gli usticesi alle sedie, dopo cena, per vedere carosello, telegiornale e film nell’unico canale RAI esistente fino al ’62. E….. quando nei film si vedevano i bacetti, Padre Carmelo si alzava quasi di scatto e spegneva subito la TV, faceva un mezzo risolino e con aria quasi dispiaciuta diceva : ” la luce e’ cara, bisogna prendersi intervalli… “.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.