Riceviamo e pubblichiamo – Controlli della guardia costiera da Cefalù a Ustica: multe e sequestri di pesce


L’operazione “Spring fish” ha interessato punti di sbarco, ristoranti, pescherie, mercati ittici e grossisti. Obiettivo: contrastare la pesca illegale del tonno rosso

Da PalermoToday

Più di quattro tonnellate di pesce sequestrato, di cui quasi tre di tonno rosso, e 24 multe elevate per un totale di oltre 42 mila euro. Sono i numeri più significativi dell’operazione “Spring fish”, coordinata dal centro controllo Area Pesca della Direzione marittima, conclusa nei giorni scorsi. I militari della guardia costiera hanno eseguiti ben 547 controlli lungo i litorali che si estendono da Cefalù a Gela, incluse le isole di Ustica, Egadi, Pantelleria e Pelagie. Sotto la lente punti di sbarco, ristoranti, pescherie, mercati ittici e grossisti.

Obiettivo: contrastare la pesca illegale del tonno rosso e la vendita di quest’ultimo da parte degli ambulanti abusivi che spesso, a causa delle inidonee modalità di conservazione, determinano, ogni anno, molti casi di intossicazione da sindrome sgombroide. Quindici i sequestri effettuati. “L’attività di controllo – annunciano dalla Guardia costiera – proseguirà con maggiore intensità nel corso della stagione estiva, periodo in cui si registra un maggior consumo di pesce, a tutela della salute pubblica e della risorsa ittica sottoposta a particolari limitazioni di cattura”.

Fonte: PalermoToday

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.