Ustica sape

Ricordi in attesa del 16 dicembre – inizio Novena Natale!

Agostino CasertaUn ricordo particolare del Santo Natale è di sicuro la novena, che in Sicilia è ancora uno dei momenti più alti e avvertiti dal calendario culturale e liturgico della tradizione popolare, caratterizzata dal suono delle cornamuse, nelle piazze, per le vie o antistante le chiese.

Ma la novena di Ustica aveva (e ancora in parte ha) un fascino particolare che ancora i ricordi… mi emozionano.

All’alba, più o meno alle 05,00 del mattino, ancora ragazzi (carusi), venivamo svegliati da suoni e canti natalizi che si spandevano per le suggestive vie del paese, creando un’atmosfera davvero straordinaria, che invitava la gente a recarsi in chiesa. Intanto le strade, ancora buie, si riempivano di gente infreddolita, ma contenta, perché a riscaldarla erano le note di “Tu scendi dalle stelle…” che, comunicando un messaggio di gioia, invitavano all’aggregazione  e  davano quel sufficiente calore interiore…

Tutte le mattine era una festa – nella festa . La Messa terminava intorno le 7,00, e prima di intraprendere il proprio lavoro l’usanza era quella di scommettere a chi pagava il classico caffé con “sfogliatella” dallo zio Goffredo, oppure andare al forno e farsi una “mafalda” calda con olio, pepe e sale, pomodoro fresco schiacciato e origano, mangiando, parlando e “sparlando” (anche se erano stati in Chiesa) di tutto… e di tutti…

Fantastico modo per intraprendere i lavori programmati per la giornata!

Tutto cominciò nell’anno 1957. Dopo la morte prematura di mia zia Teresa, ci avvicinammo alla Chiesa e la Novena di Natale faceva parte della Devozione.

Mio padre Armando che, come si sa, era amante di musica, organizzatore e animatore di Feste Popolari, ideò la “matinata” della Novena che consisteva nella “sveglia del paese” con musica e canti natalizi.

Per i canti era facile reperire gente, ma per la musica l’unico, ad Ustica, che poteva aiutare era Alfredo Favaloro, che si dilettava a suonare il sassofono. Armando, diceva Alfredo,

“guarda che la mattina fa un freddo cane…” . ” Non ti preoccupare Alfredo….” gli rispose mio padre, che aveva già intuito di averlo convinto, ” Pensa a saluti !”

Il primo giorno eravamo in pochi, ma durante la giornata la “matinata” era nella bocca di tutti .

[ id=1018 w=320 h=240 float=center]

Il secondo giorno il figlio di Alfredo, Giovanni, si aggregò con la chitarra, e poi Pasquale Tranchina con la fisarmonica . Alla fine eravamo in tanti con mio padre sempre in testa, incluso il bravo Alfredo e l’asini con le ceste per la raccolta di dolci (cassatele, panettoni, e altro) che dovevano servire a portare un po’ di gioia nelle case dei più poveri. La tradizione della Novena, con sveglia e giro del Paese ad Ustica ancora resiste! Mancherà l’asinello per la “raccolta” in quanto i veri poveri, per fortuna, mancano!

Agostino Caserta

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Buon Compleanno

A  Mario Bellavista a  Massimiliano Mancuso a   Giovanni Basile (C/da Piano Cardoni) a   Felice Caserta a   Cheryl Bertucci ad  Alessia Canè a 

Read More »
  • CONTATTAMI


  • WEBCAM - USTICA PORTO

  • WEBCAM SPALMATORE


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM PORTO PALERMO


  • VENTI


  • VENTI


  • NAVI


  • Privacy

    Licenza Creative Commons
    Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported. DMCA.com
  • TRADUTTORE

  • COME RAGGIUNGERE USTICA

  • Il Libro per tutti i genitori!

  • Hanno detto sul blog

  • Luglio 2024
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • ASD Ustica

    ASD Ustica