Ritorno ad Ustica dopo anni…


Intanto è doveroso un saluto , dato che nel giorno in cui mancava la benzina ad Ustica,(fortunatamente Gaetano Nava è venuto a recuperarmi), la nave ha spontaneamente deciso di attraccare al cimitero… senza preavviso????!!

[ id=14278 w=320 h=240 float=left]CIAO FEDI E BARTOLO, SONO VENUTA A SALUTARVI NEL SILENZIO E NELLA PACE SUBITO AVVERTITI , MESSO PIDE A TERRA, LA STESSA CHE ANNI FA MI FECE AMARE LA VOSTRA ISOLA NATIA….

Detto ciò ci tengo prima di continuare col mio articolo, precisare una cosa.

Considerato che ho AMICI proprio con tutte le lettere maiuscole ad Ustica e considerato che essendo tornata , non intendo più star molto lontana , anzi quando mio figlio andrà all’università o lavorerà direttamente (scelta che si vedrà), comprerò una casetta proprio nell’isola dove passare la vecchiaia nell’unico posto dove mi sento a casa e che mi dona pace……

LA PREMESSA: Mi avete visto più volte difendere anche nell’indifendibile il vostro attuale sindaco Aldo Messina , al punto tale da fantasticarci sopra….

Io ed Aldo Messina siamo sempre e solo stati Amici.

Soprattutto dopo la nascita di mio figlio che in suo onore ho chiamato ‘’Aldo’’ come lui, mi è stato accanto con dolcezza e se non ha sempre finto (amico se lo sei non smetti di esserlo, altrimenti significa aver sempre finto e non si possono fingere anni ed anni di amicizia), si è allontanato a causa di voci maligne.

Aldo Messina è il mio migliore amico , anche se ovviamente ritengo non essere più considerata tale da lui.

Ogni gesto , di qualsiasi natura è stato amicale. Non ho mai avuto con lui una relazione amorosa, né una relazione carnale.

Che poi abbia agito male come sindaco , non si sia circondato delle persone giuste ed abbia involontariamente cambiato l’isola in peggio è un altro discorso.

Io sono stata lontana dall’isola tanto tempo proprio per evitare voci non corrette, che poi ci sono state lo stesso.

Ora che sono tornata vorrei che dubbi, voci ed altro su questo sparissero.

Mio figlio Aldo non può materialmente essere suo , dato che essere Amici migliori non prevede l’atto carnale.

Semplicemente il padre ha deciso di non riconoscerlo e semplicemente io ho avuto il piacere di dargli questo nome.

…….Possiamo andare avanti…..

Alla vigilia si S. Bartolo mi appresto a recarmi al porto con mio figlio per prendere la nave veloce. Siamo partiti un po’ in ritardo , ma tutto ok.

Con sorpresa dovevamo attraccare al porto principale ed invece siamo attraccati al cimitero ……… senso di profonda pace e rispetto , però fatica tanta.

Come su detto , ho salutato Fedi e Bartolo ed ho aspettato Gaetano che ringrazio vivamente…

Salendo noto un suggestivo monumento a pendio del mare….maestosità e tradizionalismo….meraviglioso….non lo ricordavo….

Ma vedo poca cura , per arrivarci devi superare le sterpaglie….e mi chiedo :’’ perché’’?

Mi incammino sino a che non incontro Gaetano e sento il silenzio e la pace, l’aria che soffia lieve, l’odore , la brezza…. non sentivo nemmeno caldo… abbraccio le mura, mi sento felice e dimentico la fatica…..

Arriviamo finalmente al centro di accoglienza che Bruno per me ha tenuto aperto…. L’amico Pietro è a letto con la febbre (lo sarei andata a trovare a casa più tardi insieme a Mario)…..

L’Amico Bruno mi regala la foto [ id=14280 w=320 h=240 float=right]più bella, da me preferita … ne ero ammaliata….. ricordo meraviglioso , che ora sta nella mia stanza davanti a me…. ogni volta mi dona gioia….

Per fortuna dopo anni almeno il centro accoglienza è stato recuperato…. la giornata un po’ sfigata. Il mio saggio maestro Pietro malato e Bruno con 8 ospisti…

Non è un problema quando ti senti a casa….Io ed Aldo mangiamo al carpe diem e dopo un po’ di shopping…

Prima di andare a fare il giro con la barchetta turistica del mio amico Salvatore , ne approfitto per scattare qualche foto.

Ci rechiamo al porto e scendendo dalla scalinata noto che le gradinate sono peggiorate, non c’è come far scendere i portatori di handicap, non ci sono cestini in giro se magari una persona vuole buttare qualcosa, mancano le luci quindi un pericolo costante la sera… mah

La cosa mi è molta dispiaciuta , non era così e poi in tanti anni cosa ci voleva ad adeguare e mettere a norma le scalinate fondamentali per arrivare al porto?

Mi aspettavo di trovare risolto da tempo il problema…

[ id=14279 w=320 h=240 float=left]Continuo arrivo al porto dal grandissimo Salvo che ci porta due orette in giro con la barca panoramica.

Poi tornati a terra, ero parecchia stanca, c’era una navetta , l’unica con benzina dato che ormai avendo venduto l’unico rifornitore di dipende da altri… volevo prenderlo ma non è stato possibile perché mi ha risposto che avendo poco carburante preferiva caricare la gente che arrivava con l’aliscafo… mi è salita la tristezza …

Se si continua così , che ne sarà della bella e affascinante Ustica…..

Mi rincammino a piedi ed arrivo distrutta da Bruno…….

Poi incontro il mio divertente ed ironico amico Mario Oddo che mi porta dal saggio e malato Pietro. Gioia mia immensa vederlo anche se solo per poco….

Ustica ,UN’ISOLA d’arte dove esprimersi ed essere se stessi nella pace e nella tranquillità….

Tornerei oggi stesso sull’isola, già me ne manca l’odore, la dolce brezza , i fondali , i miei amici e la loro dolcezza e disponibilità… però siccome ci tornerò presto organizzandomi meglio e con un pernottamento , la vorrei vedere più su…. cestini, luci, benzina per tutti, mezzi pubblici, guide , l’acquario funzionante… dove è finita la perla della Sicilia se non perla del mediterraneo?

Guardavo gli occhi delle persone rassegnate e tristi…

Ustica non è isola fatta per i politici che arrivano da lontano, ma per l’unione della sua gente. Solo gli usticesi sanno cosa vogliono e di cosa l’Isola ha bisogno… (collegamenti con mezzi efficienti in primis).

Spero vedere, quanto prima, questa stupenda isola Amministrata da un suo “figlio”…

Auguri Ustica, terra che mi affascina.

Eliana Dominici

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Andrea

…e come nelle serate invernali passate a giocare a carte e bere un bicchiere di vino rosso dell’isola che fa vedere la realtá delle cose concludevamo che “ustica é un’isola strana pi genti strana” gli anni passano e piú questa teoria si conferma….

 

2 thoughts on “Ritorno ad Ustica dopo anni…

  1. …e come nelle serate invernali passate a giocare a carte e bere un bicchiere di vino rosso dell’isola che fa vedere la realtá delle cose concludevamo che “ustica é un’isola strana pi genti strana” gli anni passano e piú questa teoria si conferma….

  2. Che dire Andrea….Fiera e felice di essere strana e di sentirmi parte dell’isola……..In fondo mi hanno sempre detto che ero strana perchè non ero nel posto per me ed Ustica lo è!!!!
    Appena i trasporti permetteranno mi organizzero per rivenire …ormai praticamente sarà la mia seconda casa….Già penso ad Ustica e sento pace dentro……..

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.