Solidarietà, ma l’occupazione dell’aula consiliare non basta…


[ id=11737 w=320 h=240 float=left] Quando si arriva ad una forma estrema, come l’occupazione dell’Aula consiliare per difendere il proprio posto di lavoro nonche’ la dignita’ dell’uomo che da esso ne deriva, non si puo’ che essere solidali ed appoggiare tale gesto.

Pero’ mi chiedo, perche’ occupare l’Aula, per “difendere” solo una parte della comunita’ usticese e non avere concordato l’occupazione!?

Mi spiego, siccome l’occupazione dell’Aula del Consiglio (Sede Politica) e cuore dell’Amministrazione…(la Giunta dovrebbe essere la Testa)… non la si decide dopo aver preso il caffe’ alle prime luci dell’alba, mi ri-chiedo, perche’ non aver concordato tale gesto coinvolgendo altri imprenditori e ovviamente i cittadini “comuni”!?!?!?

Perche’ non approffitare di questo spiacevole momento (non tutti i mali vengono per nuocere) per OCCUPARE l’INTERA CASA COMUNALE e non solo il “SALOTTO”!?

Perche’ non approffittarne per attuare altre forme di protesta, quale l’occupazione del porto e del molo al cimitero per il continuo prenderci in giro con la storia delle corse di aliscafi,catamarani e motonave che non recano nessun vantaggio alla nostra comunita’, nonche’ ovviamente per l’ultimo (in senso cronologico) spiacevole caso dei “corpi morti” !?

Perche’ non occupare la “sede” del distributore di benzina e lottare fin quando esso non ritorni di competenza del Comune dell’Isola di Ustica!?

Perche’ non Protestare per il Campo Sportivo, la Rocca della Falconiera, l’Acquario (Caletta, porto) etc etc etc etc etc etc etc etc etc etc etc etc !?!?!

Perche’ non Protestare per lo Stato di Salute (coma farmacologico) in cui versa la nostra “TARTARUGA”….e chiedere (come giustamente dice Salvatore Militello) il Commissariamento del NOSTRO COMUNE….!?!?!?!?

p.s.Il semplice fatto che il Sindaco si faccia fotografare in bella posa insieme a chi protesta ed occupa l’Aula consiliare, mi lascia un po perplesso!!!!!

Jose’ Zagame

 

^^^^^^^^

COMMENTI:

Da Napoli Lidia Ferrero

Gent.le Sig. Pietro, capisce adesso perchè non sono più intervenuta sul suo sito? Da tempo mi ero resa conto di ciò che stava accadendo: si stava creando un circolo chiuso entro il quale si potevano esprimere solo gli Usticesi e nel quale gli altri venivano visti come degli intrusi.
Se al Sig. Josè hanno dato del turista e dell’extracomunitario, a me avrebbero dato addirittura della ” straniera”.
Se qualcuno si è “azzardato” a manifestare il proprio pensiero, sicuramente lo ha fatto per solidarietà, per incentivare e spronare, perchè essere lontani non ti permette di fare altro.
In bocca al lupo ad Ustica.

Lidia Ferrario Follari

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Gaetano lo Nero

Ciao josè ho letto il tuo ultimo commento e da persona corretta nella quale mi reputo! se il tuo commento era fondato nella solidarietà ai nostri “Padri, Fratelli e Amici” Usticesi che a causa di un ministro stanno perdendo il lavoro, ti chiedo scusa! credimi che stiamo vivendo una situazione davvero drammatica per il nostro futuro sia da isolani che da piccoli imprenditori! in ultimo ti invito a leggere l’ultima ordinanza!

a presto Gaetano

^^^^^^^^^^^^

Dalla Germania Josè Zagame

Con questo mio ultimo commento spero di essere ancora piu’ chiaro per evitare ulteriori strumentalizzazioni; Io ho iniziato il mio commento esprimendo la mia SOLIDARIETA’ ai miei compaesani PESCATORI; Il “salotto” a cui faccio riferimento e’ l’Aula consiliare della “Casa comunale” e non il salotto composto da chi l’ha occupata.

Pertanto vi invito a rileggere il mio commento, sicuramente capirete che il mio era un’appello per allargare la protesta e renderla dell’intera comunita’ usticese e non solo dei pescatori; in tal senso avrebbe avuto il coinvolgimento anche di altri impenditori che operano nel settore del turismo e non solo.

Concludo sperando che Rosaria, Michele, Gaetano e tutti coloro che si sono sentiti offesi dal mio commento possano rendersi conto della sincerita’ con cui ho voluto semplicemente esprimere un mio pensiero.

A coloro che invece hanno voluto maliziosamente manipolare il mio commento per distogliere l’attenzione dal VERO PROBLEMA (stato in cui versa Ustica) ovvero quello POLITICO, dico che siete semplicemente dei Gattopardi;

Jose’ Zagame

^^^^^^^^^^^

Da Michele Arnò

Rispondo al mio compaesano Josè, cercherò di essere poco polemico e non di parte…
Visto che hai tanti temi da portare su di un tavolo, visto che credi che ci siamo tante altre problematiche che richiedono l’urgenza di una soluzione..
Ti chiedo e mi chiedo se non sia il caso di prendere anche tu coraggio come hanno fatto altri paesani e andare tu in prima persona a organizzare un “salotto” al comune?
Chissà, magari potresti anche essere più fortunato, potresti avere udienza dal prefetto ancora prima dei tuoi fratelli paesani..
Io sono sempre stato uno che è andato poco per il sottile, ho sempre fatto e chiacchierato poco!
Penso che dovresti provare a vedere le cose con un apertura mentale maggiore…
Prova anche tu a metterti nei panni d chi si trova senza più certezze e si mette in gioco, pur di mantenere l’onore e l’orgoglio alto!
Sono solidale con tutti i miei paesani, spero con tutto il cuore che il prefetto vi riceva quanto prima e che si metta almeno ad ascoltarvi..
Seguirò con interesse la vicenda e mi riprometto di creare un po’ di rumore tra i vari social network che sono un mezzo importante di comunicazione..
Non fermatevi, non accettate contentini e soprattutto esercitate quelle che sono le vostre idee in modo forte e preciso senza arretrare mai!
Mio padre mi ha sempre detto che chi ha ragione, può gridarlo al mondo e non deve temere nulla..
Siamo esasperati e credo che adesso sia il momento giusto per gridarlo con forza…
Porto Ustica nel cuore, anche se sono lontano..
Porto i miei fratelli Usticesi e i ricordi che ho di loro sempre con me..
Siate forti, siate affamati di giustizia, siate sempre orgogliosi di essere Usticesi…
Con affetto, un figlio di Ustica.

Michele Arnò.

^^^^^^^^^^^

Dalla Germania Josè Zagame

Da Bayreuth, casa mia (anzi in affitto), Io e chi vuole un’Isola migliore;

Ai Pescatori COMUNITARI di Ustica vorrei semplicemente rispondere, che io non posso risolvere problemi dei quali non ho responsabilita’!!!

Estrapolare una riga da un contesto e Manipolare (a quale scopo? ) quanto da me pensato e scritto lo reputo semplicemente da  Irresponsabili;

Jose’ Zagame

^^^^^^^^^

Da Ustica Rosaria

Caro Josè

è vero che la nostra Tartaruga sta morendo ma ti ricordo che la classe dei pescatori è stata sempre quella messa da parte e quella a non essere mai aiutata.Sai cosa penso con l’ultimo commento che hai fatto sulla tua perplessità!che Ustica non và più avanti per i commenti politici come i tuoi.

Hai pensato prima di scrivere? I pescatori sono tutti padre di famiglia che non sanno prima dove sbattersi la testa x mandare avanti la famiglia Un saluto Rosaria

^^^^^^^

Da Ustica Gaetano Lo Nero 

Caro josè! purtroppo mi trovi in completo disaccordo!!! ti ricordo che fermandosi la nostra marineria si ferma definitivamente la nostra economia!!!! ti parlo da ristoratore… dimmi cosa diamo a mangiare ai turisti come tè che vengono in vacanza ?!!! Sai non è bello che le critiche vengano da un ragazzo che al posto di investire sulla nostra meravigliosa isola cerca lavoro fuori!!!

^^^^^^^^^^

Da Ustica, sala consiliare, i pescatori tutti

Caro Josè,

rispondiamo tutti coloro che occupiamo la sala consiliare dicendoti che il caffè noi non lo prendiamo solo per i favori, ma ti invitiamo a risolverceli tu questi problemi – considerandoti un extracomunitario.

 

 

8 thoughts on “Solidarietà, ma l’occupazione dell’aula consiliare non basta…

  1. Caro josè! purtroppo mi trovi in completo disaccordo!!! ti ricordo che fermandosi la nostra marineria si ferma definitivamente la nostra economia!!!! ti parlo da ristoratore… dimmi cosa diamo a mangiare ai turisti come tè che vengono in vacanza ?!!! Sai non è bello che le critiche vengano da un ragazzo che al posto di investire sulla nostra meravigliosa isola cerca lavoro fuori!!!

  2. Caro Josè
    è vero che la nostra Tartaruga sta morendo ma ti ricordo che la classe dei pescatori è stata sempre quella messa da parte e quella a non essere mai aiutata.Sai cosa penso con l’ultimo commento che hai fatto sulla tua perplessità!che Ustica non và più avanti per i commenti politici come i tuoi.
    Hai pensato prima di scrivere? I pescatori sono tutti padre di famiglia che non sanno prima dove sbattersi la testa x mandare avanti la famiglia
    Un saluto Rosaria

  3. Da Bayreuth, casa mia (anzi in affitto), Io e chi vuole un’Isola migliore;

    Ai Pescatori COMUNITARI di Ustica vorrei semplicemente rispondere, che io non posso risolvere problemi dei quali non ho responsabilita’!!!
    Estrapolare una riga da un contesto e Manipolare (a quale scopo? ) quanto da me pensato e scritto lo reputo semplicemente da Irresponsabili;

    Jose’ Zagame

  4. Rispondo al mio compaesano Josè, cercherò di essere poco polemico e non di parte…
    Visto che hai tanti temi da portare su di un tavolo, visto che credi che ci siamo tante altre problematiche che richiedono l’urgenza di una soluzione..
    Ti chiedo e mi chiedo se non sia il caso di prendere anche tu coraggio come hanno fatto altri paesani e andare tu in prima persona a organizzare un “salotto” al comune?
    Chissà, magari potresti anche essere più fortunato, potresti avere udienza dal prefetto ancora prima dei tuoi fratelli paesani..
    Io sono sempre stato uno che è andato poco per il sottile, ho sempre fatto e chiacchierato poco!
    Penso che dovresti provare a vedere le cose con un apertura mentale maggiore…
    Prova anche tu a metterti nei panni d chi si trova senza più certezze e si mette in gioco, pur di mantenere l’onore e l’orgoglio alto!
    Sono solidale con tutti i miei paesani, spero con tutto il cuore che il prefetto vi riceva quanto prima e che si metta almeno ad ascoltarvi..
    Seguirò con interesse la vicenda e mi riprometto di creare un po’ di rumore tra i vari social network che sono un mezzo importante di comunicazione..
    Non fermatevi, non accettate contentini e soprattutto esercitate quelle che sono le vostre idee in modo forte e preciso senza arretrare mai!
    Mio padre mi ha sempre detto che chi ha ragione, può gridarlo al mondo e non deve temere nulla..
    Siamo esasperati e credo che adesso sia il momento giusto per gridarlo con forza…
    Porto Ustica nel cuore, anche se sono lontano..
    Porto i miei fratelli Usticesi e i ricordi che ho di loro sempre con me..
    Siate forti, siate affamati di giustizia, siate sempre orgogliosi di essere Usticesi…
    Con affetto, un figlio di Ustica.
    Michele Arnò.

  5. Con questo mio ultimo commento spero di essere ancora piu’ chiaro per evitare ulteriori strumentalizzazioni;
    Io ho iniziato il mio commento esprimendo la mia SOLIDARIETA’ ai miei compaesani PESCATORI;
    Il “salotto” a cui faccio riferimento e’ l’Aula consiliare della “Casa comunale” e non il salotto composto da chi l’ha occupata.
    Pertanto vi invito a rileggere il mio commento, sicuramente capirete che il mio era un’appello per allargare la protesta e renderla dell’intera comunita’ usticese e non solo dei pescatori; in tal senso avrebbe avuto il coinvolgimento anche di altri impenditori che operano nel settore del turismo e non solo.
    Concludo sperando che Rosaria, Michele, Gaetano e tutti coloro che si sono sentiti offesi dal mio commento possano rendersi conto della sincerita’ con cui ho voluto semplicemente esprimere un mio pensiero.
    A coloro che invece hanno voluto maliziosamente manipolare il mio commento per distogliere l’attenzione dal VERO PROBLEMA (stato in cui versa Ustica) ovvero quello POLITICO, dico che siete semplicemente dei Gattopardi;

    Jose’ Zagame

  6. Carissimo Josè,
    ti scrivo come cittadina Usticese e non come figlia di un Pescatore.
    Una volta ti dissi che litigare tra noi era inutile e ci faceva solamente perdere del tempo preziso.
    Oggi ripeto a te ed a tutti noi la stessa cosa, manteniamo la calma e ragioniamo!
    L’occupazione della Sala Consiliare è per tutti noi una cosa particolare ( i pescatori sono abituati ad andare a lavorare ) ed è stato giusto chiedere al primo cittadino che si occupasse di questa problematica (altrimenti cosa ci sta a fare?).
    Bene, intanto si aspetta di essere ricevuti dal prefetto e dopo si vedrà…
    Chiaramente, certe cose si vivono e si comprendono meglio se si è presenti e si va alla fonte per informarsi.Le notizie da lontano, spesso arrivano sfuocate!!!
    E’ chiaro che tutti al momento possono, se lo desiderano, dare la loro solidarietà e rimanendo vicini altre cose si potranno ancora fare.
    A presto, Angela

  7. Ciao josè ho letto il tuo ultimo commento e da persona corretta nella quale mi reputo! se il tuo commento era fondato nella solidarietà ai nostri “Padri, Fratelli e Amici” Usticesi che a causa di un ministro stanno perdendo il lavoro, ti chiedo scusa! credimi che stiamo vivendo una situazione davvero drammatica per il nostro futuro sia da isolani che da piccoli imprenditori! in ultimo ti invito a leggere l’ultima ordinanza!
    a presto Gaetano

  8. Gent.le Sig. Pietro, capisce adesso perchè non sono più intervenuta sul suo sito? Da tempo mi ero resa conto di ciò che stava accadendo: si stava creando un circolo chiuso entro il quale si potevano esprimere solo gli Usticesi e nel quale gli altri venivano visti come degli intrusi.
    Se al Sig. Josè hanno dato del turista e dell’extracomunitario, a me avrebbero dato addirittura della ” straniera”.
    Se qualcuno si è “azzardato” a manifestare il proprio pensiero, sicuramente lo ha fatto per solidarietà, per incentivare e spronare, perchè essere lontani non ti permette di fare altro.
    In bocca al lupo ad Ustica.
    Lidia Ferrario Follari

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.