Sulla lettera al cugino – due osservazioni di Mario Oddo


Giovanni, ho letto con la dovuta attenzione la tua analisi alquanto impietosa; non entro in generale nel merito delle tue osservazioni in quanto al contrario del Sottoscritto ritengo abbia dal tuo osservatorio interno istituzionale numerosi “punti d’appoggio”, condivisibili o meno, per sostenerle. Su due particolari però desidero dire la mia. Primo, che il Sindaco abbia la predisposizione al “faccio tutto io” credo che sia un atteggiamento che non risale certo ad oggi; già due anni fa in un mio intervento su questo Sito ebbi in proposito a definirlo metaforicamente un “one man band”. Evidentemente ha sempre ritenuto di poter svolgere più compiutamente il suo ruolo in questa condizione di solitudine anche se obiettivamente non va ignorata una costante attività dei suoi più stretti collaboratori che proprio perché “silenziosa” gode all’esterno di minore visibilità.; con quali risultati ? beh !, se una certa “vox populi” come capita di sentire spesso in questi ultimi tempi invoca ad alta voce il subentro al più presto di un commissario con compiti di “reset” verso l’attuale Amministrazione un motivo ci sarà certo. Secondo, capitolo Dott. Mistretta. Nessuna meraviglia, bisogna riconoscere ad Aldo Messina una grande coerenza; fedele al suo credo in fatto di Assessori al Turismo al Comune di Ustica “se non sono fantasmi non li vogliamo” ha affidato la delega a chi ha assicurato continuità alla stessa invisibilità del suo predecessore ovviamente non mi riferisco al Sig. Felice Giardina. A suo tempo il Sindaco lo ha preferito ad altri dal curriculum certamente molto ma molto più modesto non ritenendoli affatto all’altezza della situazione. Avesse avuto a fianco un “asino vivo” al posto di un “dottore morto” forse la Comunità locale oggi ne avrebbe avuto qualche beneficio in più. Giovanni, stendo un velo pietoso sulla pretesa e ottenuta tessera VIP (viviamo ancora all’epoca del “lei non sa chi sono io ? ”) e concludo, non senza salutarti, con un consiglio da amico che mi auguro accetterà “sportivamente” al Dott. Giuseppe Mistretta che sono certo condividerai e con te in molti: con tutta la condivisione per la sua passione per le immersioni sarebbe meglio per il bene della Comunità usticese che Lei ogni qual volta sull’Isola la testa la tenesse sopra il pelo dell’acqua e non sotto ….

Mario Oddo

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Eliana Dominici

Grandissimo Mariuccio come sempre e come sempre analisi completa ……

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Mario, condivido le tue osservazioni, che non dovrebbero rimanere solo parole scritte, e ne aggiungo una molto semplice e profonda che riempie gli occhi, il cuore e l’immaginazione di chi legge, anche se non e’ di Ustica, e mi rifersico al bellissimo soprannome ( ‘nciurio ) ‘ detto “Il Telebano”, prodotto di pregiata fattura della fantasia popolare, che orgogliosamente Giovanni esibisce come un ” titolo nobiliare “

2 thoughts on “Sulla lettera al cugino – due osservazioni di Mario Oddo

  1. Mario, condivido le tue osservazioni, che non dovrebbero rimanere solo parole scritte, e ne aggiungo una molto semplice e profonda che riempie gli occhi, il cuore e l’immaginazione di chi legge, anche se non e’ di Ustica, e mi rifersico al bellissimo soprannome ( ‘nciurio ) ‘ detto “Il Telebano”, prodotto di pregiata fattura della fantasia popolare, che orgogliosamente Giovanni esibisce come un ” titolo nobiliare “.

  2. Grandissimo Mariuccio come sempre e come sempre analisi completa ……

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.