“MIO FIGLIO. L’AMORE CHE NON HO FATTO IN TEMPO A DIRGLI” ARRIVA IN LIBRERIA  


Una lettura per figli, genitori e docenti

di M.T.
Dai primi giorni di giugno, in tutte le librerie, incluse le principali on line, è disponibile “Mio figlio. L’amore che non ho fatto in tempo a dirgli” di Marco Termenana (pseudonimo), edito da CSA di Castellana Grotte, Bari.

L’autore, con lo pseudonimo di El Grinta, sullo stesso argomento, ha già pubblicato GIUSEPPE.

Il romanzo è ispirato al suicidio realmente accaduto nella notte tra il 24 ed il 25 marzo 2014 a Milano, città in cui vive, di Giuseppe, il figlio all’epoca ventunenne (il primo di tre), quando cioè apre la finestra della sua camera, all’ottavo piano di un palazzo, e si lancia nel vuoto.

Si racconta il mal di vivere di un essere che si è sentito sin dall’adolescenza intrappolato nel proprio corpo e, infatti, è anche la storia di Noemi, alter ego femminile che assume contorni definiti nella vita dei genitori solo nel momento in cui si toglie la vita.

Tragedia non solo di mancata transessualità ma anche e soprattutto di sofferto e mortale isolamento, al secolo hikikomori.

Da novembre 2017 a novembre 2019, prima cioè che il covid fermasse l’attività in presenza delle scuole, l’autore ha presentato la storia per tutta Italia, in 24 Istituti Superiori e una di primo grado (solo alle terze), fino ad arrivare a novembre 2020, quando, attraverso questa testimonianza, l’Amministrazione Comunale di Viareggio ha voluto tenere anche un incontro on line, con un credito formativo riconosciuto dal MIUR, per i docenti che vi partecipavano.

E se questo la dice lunga sul pubblico, come critica letteraria, da agosto 2016 ad aprile 2019 (la prima edizione è di maggio 2016 e la seconda di maggio 2018), il racconto ha ricevuto 21 riconoscimenti in tutta Italia, tra cui vari primi Premio per la narrativa edita.

Ma perché un nuovo libro su Giuseppe e perché ancora questi temi? Non si rischia di essere banali e sdolcinati? Bruschezza a parte, quanti sono i figli che muoiono in incidenti o si suicidano perché non si sentono accettati o per il loro orientamento sessuale o anche per altro e quanti sono i libri, le poesie, i film o le canzoni che si scrivono su di loro? Perché leggere una storia del genere?

L’argomento non è affatto banale e sdolcinato e non è questo. O, forse meglio, non è solo questo. Il vero argomento è l’incomunicabilità tra genitori e figli. Il libro infatti, se letto correttamente, può unire figli e genitori: i figli perché, attraverso un esempio di vita vera, hanno modo di rendersi conto di quanto sono amati dai genitori e i genitori fin dove possono spingersi con i figli.  In più, l’autore è dotato di un talento naturale di cui probabilmente neanche lui si rende conto, tale che gli consente di raccontare i sentimenti e i fatti che ha vissuto, anche i più tragici, attraverso delle maglie poetiche, come già ha scritto qualche giornale, che rendono la sua lettura avvincente e convincente.

Parliamo come genitori: non sappiamo se davvero abbia delle colpe come padre e neanche lo vogliamo sapere, sta di fatto che quando si mette a scrivere, diventa un vero e proprio “berretto verde” della letteratura – da cui tutti noi possiamo prendere e apprendere – con il magico potere di modificare finanche il tempo e farlo diventare uno solo: il presente di ciò che narra.

Per questo siamo fermamente convinti che questo è il libro che tutti i ragazzi, a partire dalla scuola media, e i loro genitori e docenti dovrebbero leggere almeno una volta.

Ultimo ma non per ultimo, suggerito anche alle nonne, visto il rapporto che Giuseppe aveva con quella materna e teneramente narrato.

E allora, sotto ragazzi e in bocca al lupo Giuseppe!

———-

L’autore è contattabile attraverso la sua nuova pagina Facebook

Fonte: ilGiornalediRieti.it

“MIO FIGLIO. L’AMORE CHE NON HO FATTO IN TEMPO A DIRGLI”


LIBRI, COSTUME E CULTURA D’AVANGUARDIA 

“MIO FIGLIO. L’AMORE
CHE NON HO FATTO IN TEMPO A DIRGLI”
ARRIVA IN LIBRERIA

Una lettura per figli, genitori e docenti

Dai primi giorni di giugno, in tutte le librerie, incluse le principali on line, è disponibile “Mio figlio. L’amore che non ho fatto in tempo a dirgli” di Marco Termenana (pseudonimo), edito da CSA di Castellana Grotte, Bari.

L’autore, con lo pseudonimo di El Grinta, sullo stesso argomento, ha già pubblicato GIUSEPPE.

Il romanzo è ispirato al suicidio realmente accaduto nella notte tra il 24 ed il 25 marzo 2014 a Milano, città in cui vive, di Giuseppe, il figlio all’epoca ventunenne (il primo di tre), quando cioè apre la finestra della sua camera, all’ottavo piano di un palazzo, e si lancia nel vuoto.

Si racconta il mal di vivere di un essere che si è sentito sin dall’adolescenza intrappolato nel proprio corpo e, infatti, è anche la storia di Noemi, alter ego femminile che assume contorni definiti nella vita dei genitori solo nel momento in cui si toglie la vita.

Tragedia non solo di mancata transessualità ma anche e soprattutto di sofferto e mortale isolamento, al secolo hikikomori.

Da novembre 2017 a novembre 2019, prima cioè che il covid fermasse l’attività in presenza delle scuole, l’autore ha presentato la storia per tutta Italia, in 24 Istituti Superiori e una di primo grado (solo alle terze), fino ad arrivare a novembre 2020, quando, attraverso questa testimonianza, l’Amministrazione Comunale di Viareggio ha voluto tenere anche un incontro on line, con un credito formativo riconosciuto dal MIUR, per i docenti che vi partecipavano.

E se questo la dice lunga sul pubblico, come critica letteraria, da agosto 2016 ad aprile 2019 (la prima edizione è di maggio 2016 e la seconda di maggio 2018), il racconto ha ricevuto 21 riconoscimenti in tutta Italia, tra cui vari primi Premio per la narrativa edita.

Ma perché un nuovo libro su Giuseppe e perché ancora questi temi? Non si rischia di essere banali e sdolcinati? Bruschezza a parte, quanti sono i figli che muoiono in incidenti o si suicidano perché non si sentono accettati o per il loro orientamento sessuale o anche per altro e quanti sono i libri, le poesie, i film o le canzoni che si scrivono su di loro? Perché leggere una storia del genere?

L’argomento non è affatto banale e sdolcinato e non è questo. O, forse meglio, non è solo questo. Il vero argomento è l’incomunicabilità tra genitori e figli. Il libro infatti, se letto correttamente, può unire figli e genitori: i figli perché, attraverso un esempio di vita vera, hanno modo di rendersi conto di quanto sono amati dai genitori e i genitori fin dove possono spingersi con i figli.  In più, l’autore è dotato di un talento naturale di cui probabilmente neanche lui si rende conto, tale che gli consente di raccontare i sentimenti e i fatti che ha vissuto, anche i più tragici, attraverso delle maglie poetiche, come già ha scritto qualche giornale, che rendono la sua lettura avvincente e convincente.

Parliamo come genitori: non sappiamo se davvero abbia delle colpe come padre e neanche lo vogliamo sapere, sta di fatto che quando si mette a scrivere, diventa un vero e proprio “berretto verde” della letteratura – da cui tutti noi possiamo prendere e apprendere – con il magico potere di modificare finanche il tempo e farlo diventare uno solo: il presente di ciò che narra.

Per questo siamo fermamente convinti che questo è il libro che tutti i ragazzi, a partire dalla scuola media, e i loro genitori e docenti dovrebbero leggere almeno una volta.

Ultimo ma non per ultimo, suggerito anche alle nonne, visto il rapporto che Giuseppe aveva con quella materna e teneramente narrato.

E allora, sotto ragazzi e in bocca al lupo Giuseppe!

———-

L’autore è contattabile attraverso la sua nuova pagina Facebook “Marco Termenana”.

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


I vaccini sono un gesto di amore per i propri figli e per i più deboli. Chi li omette senza motivo è un pericoloso irresponsabile.
(Roberto Burioni)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno.


Troppo ancora hai da imparare, se non sai come l’amore possa trasformarsi in odio, e l’odio in amore.
(Arturo Graf)

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
(Mahatma Gandhi)

Conserva l’amore nel tuo cuore. Una vita senza amore è come un giardino senza sole dove i fiori sono morti.
(Oscar Wilde)

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


asino, biada, calci, corbello

“Una persona cattiva – è qualcuno che fa del male per amore del male – è altrettanto rara quanto un santo.”
GODFRIED BOMANS

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


“Se l’uomo coltivasse l’amore e l’amicizia tanto quanto cura i propri interessi, i rapporti umani sarebbero migliori.”
EMANUELA BREDA

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


“Il primo effetto di un eccessivo amore per la ricchezza è la perdita della propria personalità. Si è tanto più persone quanto meno si amano le cose.”
VITALIANO BRANCATI

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


La pace non è il contrario di odio, la pace è amore in azione. Ogni cosa che possa esistere deve passare dalle parole all’azione. E’ questa la cosa più difficile. 

~Stephen Littleword ~

Ustica giro podistico, due foto da ricordare – compleanno e un Grande Amore…


grande Amore

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore.
(Papa Francesco)

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


La fonte e la sorgente dell’amicizia è l’amore: infatti ci può essere amore senza amicizia, ma non amicizia senza amore.

Henry David Thoreau

Ustica, AMORE a prima vista…


Un AMORE a prima vista, al Villaggio Letterario Punta Spalmatore, tra uno dei migliori attori di teatro comico siciliano Sergio Vespertino e la signora italo americana Maria Compagno Bertucci, proveniente da New Orleans ma nata ad Ustica. Anche l’Amico della signora Maria, Tony Pittari, ha gioito appena è venuto a conoscenza della notizia.

 Nato un Amore a prima vista
Nato un Amore a prima vista
Vespertino, Maria e Tony

 

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

“Il tempo è troppo lento per coloro che aspettano, troppo rapido per coloro che temono, troppo lungo per coloro che soffrono, troppo breve per coloro che gioiscono, ma per coloro che amano il tempo è eternità.” 
HENRY VAN DYKE

Aforismi, citazioni, proverbi… del giorno


???????

Gli uomini politici non conoscono né l’odio né l’amore. Sono spinti dall’interesse e non dai sentimenti.
(Lord Chesterfield)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

“Il vero amore deve sempre fare male. Deve essere doloroso amare qualcuno, doloroso lasciare qualcuno. Solo allora si ama sinceramente.”
MADRE TERESA DI CALCUTTA

L’Amore della nonna per Frank


 l'Amore della nonna per il nipote

Giulia e George, un amore a prima vista…


Giulia e George, un amore a prima vista
Giulia e George, un amore a prima vista

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw 

How sweet !!! adorable Julia, a hard worker and a special lady !!! We will always remember Julia !!!

Che dolce !!! adorabile Julia, una grande lavoratrice e una donna speciale !!! Ci ricorderemo sempre Julia!!!

Si scrive Ustica si legge paradiso: l’inno d’amore della scrittrice Annabella Di Vita


punta_cavazzi_ustica-670x446 (1)PALERMO – L’estate si sa è la stagione dei flirt, la maggioranza dei quali si conclude a settembre. Quella di cui scriviamo oggi però è una storia diversa che promette di portar via il cuore per sempre a chi vi si accosta con lo spirito giusto. Se infatti mettiamo per un attimo da parte il cliché che vuole l’estate meta esclusivamente di paradisi tropicali tipo Maldive e simili e ci soffermiamo sulle bellezze che il nostro Paese ha da offrire, basta prendere il largo dalla costa di Palermo, percorrere circa 67 km in direzione nord-ovest e approdare all’isola di Ustica per restare folgorati dalle tante bellezze che questa terra solo apparentemente ostile, per via delle numerose grotte e le coste alte e scoscese, ha da offrire. Parola di Annabella Di Vita, scrittrice palermitana autrice del libro “Piccoli uomini non crescono mai” che ha deciso di dedicare all’isolotto il suo personalissimo “alfabeto” in cui ad ogni lettera corrisponde un tratto peculiare dell’isola, un po’ come fece Troisi nel celebre film “Il Postino”, quando decise di imprimere su cassetta i suoni più caratteristici della sua isola per mandarli all’amico Pablo Neruda perché ne serbasse il ricordo.

Sul perché della scelta caduta proprio su Ustica, Annabella Di Vita dichiara: “Annabella Di VitaIo mi innamoro di tutto quello che vedo ed ho scelto Ustica come isola da visitare quest’anno ma in effetti tutto quello che c’è in giro per il mondo è tutto da vedere e da scoprire. Io – continua – per esempio adoro certe isole greche ma queste mie parole non devono essere interpretate nel senso di una preferenza rispetto ad un’altra località. Io tendo – conclude – a vedere il meglio in tutto, anche dove magari a prima vista non c’è ma Ustica è bellissima, quindi a maggior ragione si deve apprezzarla”.

L’alfabeto, che potete leggere andando sul sito https://www.usticasape.it/ustica-lalfabeto-dellisola-dal-diario-di-annabella-di-vita/ si conclude con una vera e propria dichiarazione d’amore: “Ustica. Raggiungerla è facile, invaghirsene di più”. Al lettore l’arduo compito di giudicare se queste parole sono veritiere o meno, magari sfruttando le ferie.

Teresa Fabiola Calabria
Fonte: Newsicila.it

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Los Angeles Tom Robershaw

I palermitani in particolare e gli italiani in generale hanno la fortuna di vivere a breve distanza di Ustica. L’isola ha cambinato diverse vacanze in una. Ci sono spiagge, peace, immersioni subacquee, e grotte per una tipica vacanza sull’isola mediterranea. Ci sono strutture storiche dell’età bronzo, Romani, e Borboni. Può essere un posto tranquillo dove si puo’ fare una passeggiata e chiacchierare nella piazza. Come un Americano, deve viaggiare in tutto il mondo per visitare Ustica, ma vale la pena il viaggio.

^^^^^^^^^

Dalla California Marlene RobershawManfrè

Ustica è veramente un Paradiso, a me piace molto Ustica !! Marlene Robershaw

^^^^^^^^^^^^

Da Los Angeles Nancy Stone

Oh Ustica! Kiss that land!
Oh Ustica! Bacio quella Terra

Aforismi, Citazione, Proverbi… del giorno


???????
???????

La pace richiede quattro condizioni essenziali: verità, giustizia, amore e libertà.”
PAPA GIOVANNI PAOLO II