Anteprima di stasera su Rai cinque alle ore 22.00 su Ustica

CAMPIONATO DI 3^ CATEGORIA, GIR. B RUBRICA. “ASPETTANDO LE PARTITE”


anteprima-partita

Anteprima partita Asd Ustica – Asd V.M.Arenella


Anteprima partita

Presentazione in anteprima del francobollo dedicato ad Ustica


[nggallery id=524]

Le Poste Italiane hanno individuato nell’Isola di Ustica, sede della prima Riserva Marina dal 1986, la località della Sicilia a cui dedicare l’emissione del “Francobollo Turistico 2012”, nell’ambito dell’ormai storica serie filatelica. Il “Francobollo Turistico”, infatti, è una delle emissioni tematiche più longeve della storia della Filatelia Italiana: nata nel 1974, raggiungerà quest’anno la sua 39°edizione.

I francobolli turistici sono ispirati al principio per cui, ogni anno, vengono scelte e valorizzate alcune località prestigiose e rinomate della penisola, ripartite tra Nord, Centro e Sud, privilegio accordato finora alle località siciliane più prestigiose e rinomate (Erice, Agrigento, Taormina, Giardini Naxos , Noto, Lipari, Siracusa, ecc.)

La scelta di Ustica quale unico soggetto siciliano nell’ambito della serie turistica 2012 fa seguito a una specifica proposta, avanzata nel 2011 dallo stesso Centro Studi, con il consenso e l’appoggio dell’Amministrazione Comunale. A questo scopo il Centro Studi aveva provveduto a inoltrare all’Istituto Poligrafico dello Stato e al Ministero dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti, un’accurata relazione sul patrimonio naturalistico e storico di Ustica, corredata da alcune delle più belle fotografie dell’isola e del suo mare.

Il francobollo mostra una veduta dalla Falconiera del porticciolo di Cala Santa Maria e, sullo sfondo, l’elegante e raccolto centro urbano di impianto settecentesco: una vera e propria icona, che girerà per il mondo su lettere, plichi e cartoline, testimoniando la bellezza di Ustica e contribuendo così alla promozione del turismo locale. Insomma, un autentico gioiello paesaggistico, celebrato da un gioiello filatelico che, con due milioni ed ottocento pezzi stampati, sarà’ commercializzato nei 14 mila punti vendita di Poste Italiane e negli sportelli Filatelici del territorio nazionale.

Il francobollo turistico, avente le dimensioni del classico formato 48×40 mm, fa parte di una serie di 5 valori del valore facciale di 60 centesimi che ricordano, oltre a Ustica, le località di Baveno (VB), Montecassino (FR), Maiori (SA), e un manifesto storico dell’ENIT (Ente nazionale per il turismo).

Tutta la serie sarà presentata ufficialmente il 19 luglio, primo giorno di emissione.

Con questo importante riconoscimento, Ustica, perla del Tirreno, viene consacrata ora anche star del francobollo, riconoscendole quel posto ai vertici del turismo italiano ed europeo che merita per le sue ricchezze naturalistiche, archeologiche e storiche.

Il Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica, esprime tutta la sua soddisfazione per questo ulteriore riconoscimento che premia il suo pluriennale impegno per la promozione culturale e la salvaguardia dell’isola.

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta 

Le vignette dei francobolli appartenenti alla serie ” il turismo ” dedicati alle località prescelte quest’anno raffigurano, entro una cornice lineare, una bellissima veduta pittorica e quella di ottenere un francobollo che immortala le bellezze dell’isola e la fa conoscere sempre di piu’ in Italia e in tutto il mondo e’ una iniziativa e un traguardo priceless ( senza prezzo ) del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica, di cui sono collaboratore dall’estero, a favore di Ustica e del turismo.

Appena ho visto il francobollo che ha un piccolo gusto di antico non so perche’ mi ha ricordato che agli inizi anni ’60, nell’infanzia della TV in Italia, fra un programma e l’altro, nel solo e unico canale TV nazionale c’erano intervalli abbastanza lunghi che venivano riempiti con foto cartoline dei piu’ bei luoghi d’Italia, le foto di Ustica erano sempre li nelle ore di punta, pranzo e cena, e spesso ci lasciavano con la bocca aperta e la forchetta a mezz’aria. Gli usticesi in Piazza dicevano : ” A viristivu chista ? ma stu ‘zu Armando ( riferendosi a mio padre,responsabile per le foto ) e d’ unni i pigghia ru saccu ?