IL SINDACO DI USTICA SALVATORE MILITELLO PRESENTA DENUNCIA CONTRO IGNOTI PER ATTI VANDALICI NEL CAMPO BOA


“Nel mare che circonda Ustica si sono verificati atti vandalici ad alcune parti del campo boa, recentemente e parzialmente posizionato”. Lo dichiara il Sindaco di Ustica e presidente dell’Area marina protetta Salvatore Militello che ha presentato una denuncia contro ignoti per atti vandalici. “La cima della boa risulta parzialmente tagliata – aggiunge Militello – ed esclude che la causa possa essere stato il “jumper”, la boa intermedia che ha la funzione di ammortizzatore tra le due boe”.                                                                    “A Ustica, per salvaguardare i fondali – sottolinea il direttore dell’Amp Davide Bruno – è vietato l’ancoraggio libero ed è obbligatorio servirsi delle boe di ormeggio, 15 cilindriche predisposte a cura dell’Area marina protetta”. “Il sabotaggio di alcune parti del campo boa – evidenzia Bruno – è un fatto grave. I campi boe sono stati studiati per la salvaguardia di fondali ricchi di vegetazione marina, dove l’uso dell’ancora può rovinare il fondale e infatti sono utilizzati soprattutto nelle Aree marine protette. Inoltre, permettono al diportista di stare in rada ma facilitandogli le operazioni di ormeggio”.

Salvo Messina

Alla ricerca delle boe con la bandierina che segnalano le posizioni delle nasse


Ustica, cimitero delle boe e Cala Santa Maria


cimitero delle boe
Cimitero delle boe

Posizionamento boe AMP con l’ombrellone


-Posizionamento-boe-con-l'ombrellone
-Posizionamento-boe-con-l”ombrellone

Cartolina per il Sindaco – cimitero delle boe

Al Sindaco di Ustica

OGGETTO: Incomprensivo cimitero delle boe.

È più di una volta che facciamo notare al sindaco, senza commenti, un incomprensivo “cimitero” delle boe.
Purtroppo niente è successo sino ad oggi e non riusciamo a capire perché.  Le cartoline indirizzate al sindaco hanno lo scopo di portare a conoscenza, a titolo collaborativo, situazioni di fatto negative per l’immagine dell’Isola.  Resteremo nella nostra ignoranza perché questa amministrazione non fornirà mai chiarimenti, convinta di amministrare sudditi e non cittadini i quali, prima o poi chiederanno  il “Redde Rationem”.
La passata  amministrazione Licciardi, attingendo ai finanziamenti del Ministero Ambiente – Piani Triennali 1994-1996, ha istituito ormeggi controllati, per un importo di L. 357.119.000, per la tutela delle biocenosi coralline e delle praterie di Posidonia – con l’obiettivo principale di limitare al massimo i danni alla fauna bentonica dovuti all’ancoraggio libero dei natanti.
Il provvedimento era quanto mai importante, così ci è stato detto e ne conserviamo memoria, poiché andava a tutelate uno degli ecosistemi più caratteristici ed ecologicamente più importanti del mostro mare e qualsiasi tipo di danneggiamento avrebbe potuto richiedere  centinaia di anni per risarcirlo naturalmente”.
In merito  è stata effettuata una mappatura delle “aree sensibili” dove era alta la presenza di praterie di Posidonia che prevedevano la messa in opera di corpi morti e gavitelli per disciplinare l’ancoraggio libero evitando ai diportisti e non solo di dare fondo alle  ancore.
Allora erano considerate zone sensibili “lo scoglio del medico”, “la secca della colombara” ecc.
Sindaco quali sono i motivi ostativi di queste boe senza una “giusta” dimora?

  • sono finiti i soldi per completare il posizionamento?
  • promesse fatte in campagna elettorale da rispettare?

Ustica 07.08-2015

Pietro Bertucci

Cartolina per il Sindaco Cimitero delle boe

Cartolina per il sindaco – Cimitero delle boe dell’AMP


F.C.5686 Cimitero delle boe

Ustica, porticciolo con Barche a vela


Porticciolo con Barche a vela

Cimitero delle boe


https://www.usticasape.it/wp-content/uploads/2015/01/F.C.5115-Cimitero-delle-boe-.jpg

Zona Acquario – posizionamento boe


[ id=15561 w=320 h=240 float=center]

Cala Santa Maria – Realizzazione campo boe ormeggio unità di diporto


[ id=14942 w=320 h=240 float=left] Al Sindaco di Ustica

e, p.c. al Presidente del Consiglio Ustica
al Capo Ufficio Tecnico Ustica

OGGETTO: Realizzazione di un campo boe d’ormeggio delle unità da diporto nello specchio acqueo interno del porto Cala S, Maria.

Sig. Sindaco,

ieri sera siamo venuti a conoscenza della nota, in calce trascritta, che la Presidenza della Regione Sicilia ha messo a finanziamento la realizzazione di un campo boe d’ormeggio delle unità da diporto nello specchio acqueo interno del porto Cala S. Maria per un importo di € 100.000,00.

Si chiede al Sindaco, nel rispetto dei tempi ristretti imposti di 120 giorni(dalla ricezione della nota), se ha provveduto a dare mandato al Capo Ufficio Tecnico Comunale di predisporre il progetto esecutivo, propedeutico all’adozione del decreto di finanziamento da parte delle Regione.

Qualora l’ufficio non ha la possibilità di predisporre il progetto cui trattasi potrebbe avvalersi del progetto già esistente all’U.T.C., a firma dell’Ing. Emanuele Bartholini, recentemente modificato del Cap. Lungo Corso Giuseppe Bertolini o interessare, al fine di contenere i costi di progettazione, l’Ufficio del Genio Civili Opere Marittime.

Pietro Bertucci

————–

prot. n. 38280 del 30 Agosto 2012

OGGETTO: Comune di Ustica (PA) • Realizzazione di un campo boe d’ormeggio delle unità da diporto nello specchio acqueo interno del porto Cala S, Maria.

R A C C O M A N D A T A A.R.
AL SIC. S I N D A C O D E L C O M U NE
D I U S T I C A ( P A )

Si comunica che, nell’ambito di un piano di utilizzo economie ex art. 38 dello Statuto, adottato dalla Giunta regionale con deliberazione n. 145 de! 21.05.2012, è stato ammesso a finanziamento l’intervento specificato in oggetto, per un importo di € 100.000,00.

Con Decreto Ass. Reg. Economia a. 1704 del 01.08.2012 è stato istituito nel bilancio della Regione il relativo capitolo di spesa n. 504445, assegnato allo scrivente Servizio.

Al fine di adottare il decreto di finanziamento ed impegno della superiore somma, si invita Codesto Comune – quale Amministrazione procedente – a trasmettere a questa Presidenza copia del progetto esecutivo, corredato da tutta la prescritta documentazione, unitamente all’atto di validazione sottoscritto dal r.u.p. (di cui vorrà trasmettere altresì l’atto di nomina) ed all’approvazione amministrativa, entro il termine di 120 giorni stabilito dalla vigente normativa (L.R. 12/2011, in particolare ari. 6; inoltre D. Igs. 163/06 e D.P.R. 207/10)

Si sottolinea che la documentazione di interesse è quella afferente esclusivamente al progetto esecutivo, al quale vanno riferite anche le competenze tecniche, previa verifica, da parte del r.u.p., che i relativi incarichi risultino conferiti nel rispetto della normativa vigente pro-tempore.

Diversamente, i relativi compensi non potranno gravare sui finanziamento di questa Presidenza.

Si resta in attesa di tempestivo riscontro, per gli adempimenti conseguenti.

Il DIRIGENTE DEL SERVIZIO
f.to Dott. Francesco Schillaci

^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

E’ chiaro che ci sono scadenze da rispettare e ci sono gia’ ritardi gravi. Chi di competenza, secondo me, e’ pregato di muoversi quel posto dove non batte mai il sole e di ” adempiere ” altrimenti si perdono i 100.000 euro dalla Regione ( storie simili sono accadute gia’ altre volte ) che saranno addebitati al Comune il quale si vedra’ salire il disavanzo e negativita’ a livelli astronomici, cosa che contribuirebbe anche a mettere in difficolta’ le buone intenzioni di ” gente nuova, seria, che vuole lavorare e capace ” per il futuro amministrativo. Un Commissario nei prossimi 7 mesi risolverebbe tante cose ma penso avrebbe anche lui difficolta’ a fare miracoli di sicuro con i numeri…..

 

Studio miglior sistemazione campo boe


[ id=12873 w=320 h=240 float=center]

COMUNICATO


[ id=8451 w=320 h=240 float=left]  Giorno  28   Giugno   c.a.   alle  ore  10,00  nei   local i della  Capitaneria  di  Porto  di  Palermo saranno  aperte  le  buste  dei  bandi  di  gara  pubblici  per   l’aggiudicazione  dei  seguenti  appalti:

 

Posizionamento Campo Boe delle Aree Marine Protette di Ustica e Capo Gallo

– Esazione Ticket Boe Ormeggio per AMP Ustica e Capo Gallo

– Appalto Battello Spazzamare

La seduta è aperta al pubblico

Amm. Vincenzo Pace

Commento Angelo Longo

Angelo LongoLe puntuali informazioni, anche fotografiche, che il sito “ www.usticasape.it ” ci fornisce giornalmente, ci mostrano oggi l’impegno con cui il mare di Ustica sta cercando di liberare l’incantevole Caletta Sidoti offesa da una “presenza” ingombrante come quella di una delle boe di delimitazione della A.M.P. ormai spiaggiata da molti mesi!!!
Alcuni operatori usticesi, da noi consultati, ci avevano assicurato che la stessa si sarebbe potuta recuperare abbastanza facilmente senza bisogno di alcun elicottero, come qualcuno ha sostenuto.

[ id=719 w=320 h=240 float=center]

Il  fatto assai grave è che una boa di tali dimensioni, qualora venisse definitivamente rimossa dal mare, potrebbe rappresentare un grave  pericolo per la navigazione, specie per i mezzi veloci!
Di chi la responsabilità ove si verificasse una evenienza del genere?
Chi pagherà i danni per la perdita di una boa del valore di diversi migliaia di euro che poteva essere recuperata con la spesa di poche centinaia di Euro?
L’inettitudine e le omissioni di quanti avrebbero il dovere di vedere, sorvegliare e intervenire stanno diventando veramente insopportabili!!!
L’esempio della pulizia di Cala Santa Maria docet!!!

Cordialmente
Angelo Longo