Due usticesi di fama internazionale: il Prof Calderaro e il Prof Favaloro


Download (PDF, 1.02MB)

Intitolazione nuova elisuperficie a Salvatore Calderaro e Giuseppe Favaloro


COMUNE di USTICA

“E’ volontà dell’amministrazione comunale di Ustica intitolare la nuova elisupeficie di Ustica agli illustri concittadini Salvatore Calderaro e Giuseppe Favaloro”.

Il sindaco di Ustica, Aldo Messina, lo ha comunicato ieri ai cittadini intervenuti ed alla vedova del professor Favaloro, Venera Rapisarda Favaloro, nel corso della cerimonia organizzata ieri dal Comune e dal Centro Studi Isola di Ustica per commemorare i due insigni clinici.

Salvatore Calderaro( 1872-1930) e Giuseppe Favaloro( 1897-1970), entrambi nati ad Ustica e divenuti direttori, benché in periodi diversi, della clinica oculistica dell’Università di Catania, sono stati clinici di tale fama che le sale operatorie per la chirurgia oculare di Bari e Catania sono loro intitolate.

A ricordare le loro figure sono intervenuti inoltre il professor Teresio Avitabile, ordinario di malattie dell’apparato visivo dell’Università di Catania ed attuale direttore della divisione clinicizzata di oftalmologia del’A.O.U. Vittorio Emanuele di Catania, nonché segretario nazionale della società di oftalmologia, il professor Nicola Cavallaro, oculista ed autore del volume “ La Clinica Oculistica dell’Università di Catania” che dedica due capitoli ai defunti cattedratici, il professor Pietro Castellino, direttore della Clinica Medica di Catania, nipote del professor Calderaro, il dr Sebastiano Lio, dirigente del gruppo 10 –isole Minori- dell’Assessorato Regionale alla Sanità., il professor Roberto Tripodi, preside dell’istituto comprensivo di Ustica e Nicola Longo, Giulio Calderaro e Vito Ailara, in rappresentanza del Centro Studi Isola di Ustica,

Durante la cerimonia la signora Favaloro ha donato all’Amministrazione delle foto del marito e ha comunicato che è sua intenzione donare al Comune alcuni quadri di famiglia.

Alla fine della celebrazione la delegazione ha visitato il nuovo Museo Archeologico, dedicato a Padre Carmelo Da Gangi, il Poliambulatorio diretto dal dr Mariano Scalisi, il nuovo Centro Congressi ed hanno incontrato gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Ustica che hanno loro presentato la mostra sui reperti vulcanologici dell’isola realizzata dagli stessi allievi e dal corpo insegnante con la collaborazione di Franco Foresta Martin.

IL SINDACO
Dr Aldo Messina

[nggallery id=719]

Commemorazione Illustri Cittadini usticesi – Salvatore Calderaro e Giuseppe Favaloro


COMUNE di USTICA

E Mail: comuneustica@libero.it

Ustica 15.05.13 – Prot. 1824

Al Direttore Regionale Sanità dr Salvatore Sammartano
Al dr Sebastiano Lio- Ass Region. Sanità.
Direttore Sanitario ASP 6 dr Salvatore Noto
dr Calogero Alaimo- coordinatore 118
Al Sig Giulio Calderaro
Al Parroco S. Ferdinando Re Ustica
A Padre Raffaele Mangano
Al Segretario Comunale
Ai Sig assessori
Alla Presidenza del Consiglio
Al Comando VVUU
Ai sig Responsabili Area
Al Comando Carabinieri
Al Comando Guardia Finanza
Al Teleposto Aeronautica Militare
Alla Delegazione di Spiaggia
Alla Reggenza Faro Punta Homo Morto
Alla stazione VVFF
Al Presidio Sanitario Ustica, dr Mariano Scalisi
Al Centro Studi Isola di Ustica
Alla Coop. Ciprea
Alla Coop. Ormeggiatori
Ill.Mo sig Preside Istituto Comprensivo II° Grado Ustica
Usticasape
Buongiornoustica
Al Candidato Sindaco Salvatore Militello
Al Candidato Sindaco Attilio Licciardi

AVVISO AL PUBBLICO

OGGETTO: 22 maggio. Commemorazione Illustri cittadini usticesi Salvatore Calderaro ( 1872-1930) e Giuseppe Favaloro( 1897-1970)

Si invitano le S.V. alla manifestazione di commemorazione degli illustri usticesi e docenti universitari di clinica oculistica, professori Salvatore Calderaro e Giuseppe Favaloro, organizzata per il giorno 22. 05.13 alle ore 10.30 in piazza Umberto I.

A ricordare le loro figure sono stati invitati, oltre a Giulio Calderaro ed ai rappresentanti del Centro studi Isola di Ustica, il professor Teresio Avitabile, ordinario di malattie dell’apparato visivo dell’Università di Catania ed attuale direttore della divisione clinicizzata di oftalmologia del’A.O.U. Vittorio Emanuele di Catania, nonché segretario nazionale della società di oftalmologia, il professor Nicola Cavallaro, oculista ed autore del volume “ La Clinica Oculistica dell’Università di Catania” che dedica due capitoli ai nostri concittadini ed il professor Pietro Castellino, direttore della Clinica Medica di Catania, oriundo usticese.

Il Sindaco
Aldo Messina

 

Nozze d’Oro Nino Cavoli e Rosa Calderaro


In occasione del Vostro Cinquantesimo Anniversario di Matrimonio Giulio e Gaetano, ricordando quel gioioso momento, rinnovano l’Augurio che l’Amore e la reciproca stima vi leghino sempre l’uno all’altro oggi come allora.

[ id=9419 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da New Orleans Maria Compagno Bertucci

A Rosa e Nino anche io voglio fare giungere  i miei più  cari auguri in occasione del vostro cinquantesimo anniversario di matrimonio. Che bella foto! Vi ricordo con tanta simpatia .
Maria

Funerale Agostino Calderaro


[ id=9132 w=320 h=240 float=center]

COMMENTO:

Da Ustica Gaetano Calderaro

Grazie per le belle parole, le brevi note e per il ricordo che hai dei miei; forse sei tra i pochi che ricordano così bene l’impegno “disinteressato” che animò i miei genitori a favore della comunità usticese.

Resta in noi la grande soddisfazione di aver fruito dei loro insegnamenti per tanti valori fondanti della vita fra cui la bontà, l’onestà e la disponibilità.

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Agostino Calderaro fu un altro grande usticese del secolo scorso che per diverse generazioni fu ragioniere factotum del Municipio di Ustica ed ebbe una influenza rimarcante in tutte le decisioni prese dalle Autorità Comunali di quell’epoca. Fu sempre impegnato con il padre ” ‘U Zu’ Giuliu”, personaggio popolare e carismatico dell’isola, nella vita sociale e politica del paese. La moglie Nunzia Di Mento fu insegnante ed educatrice nella scuola di Ustica anch’essa per diverse generazioni di bambini a completamento di un binomio, con il marito Agostino, che ad Ustica ha lasciato una grande eredità di affetti e ammirazione non solo per le loro virtù e qualità professionali e non, ma per il loro lato umano : signorilità, finezza, amabilità e bontà verso il prossimo.

Personaggio


[ id=4957 w=320 h=240 float=center]

Foto Ricordo


[ id=3319 w=320 h=240 float=center]

Funerale Calderaro


[ id=2200 w=320 h=240 float=center]

Commento di Gaetano Calderaro

Gaetano CalderaroHo atteso qualche giorno per far decantare e sfiammare la tua rabbia. Le tue illazioni mi hanno stupito e amareggiato per vari motivi: primo la critica era agli amministratori e non agli uomini, secondo chi mi conosce bene e, se ti giri intono sono tanti, sa che non ho mai approfittato di nessuno per favoritismi o per tornaconti personali.
Comunque e, su questo concordo con Oddo e Nuccio, il consiglio comunale dei ragazzi avrebbe dato basi e nome di comportamento democratico ai giovani che, come vedo, mancano del tutto.
Chiudo qui l’infruttuosa polemica perchè non mi va più di discutere con chi, arrogantemente, solo per offendere e zittire con tendenziose accuse si rivolge alle persone che hanno dimostrato lealtà, disponibilità e soprattutto amore per il proprio paese natale che hanno dovuto,  purtroppo, lasciare per seri motivi di lavoro.
Tanti auguri e buon lavoro