Ustica, pensionati in attesa di un mazzo di carte per una briscola in cinque


Ustica, attesa, carte

Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta…


Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta...
Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta…

Ustica, partita a carte


Ustica, partita a carte
Ustica, partita a carte

Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte


Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte
Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

La vita è come un gioco a carte: la mano che ti viene servita rappresenta il determinismo; il modo in cui giochi è il libero arbitrio.
(Jawaharlal Nehru)

L’ultima partita a carte


 l'ultima partita a carte
l’ultima partita a carte

Don Lorefice stupisce ancora: gioca a carte con gli anziani di Ustica

Foto VescoboL’arcivescovo di Palermo si è recato lo scorso fine settimana nell’isola di fronte il capoluogo siciliano per incontrare la comunità di fedeli locale e ha voluto ”rompere” il ghiaccio col suo stile semplice. La foto della partita diventa virale

Don Corrado Lorefice non smette di stupire. Parole, gesti e semplici sguardi sono quelli di un uomo semplice, un “fratello” della comunità di fedeli palermitani che hanno scoperto da un mese quest’uomo, ma che già sentono come “uno di loro”.

E anche nel corso della sua ultima visita pastorale, avvenuta lo scorso fine settimana sull’isola di Ustica, l’ex parroco di Modica non si è smentito. «Sentirlo, non predicare ma comunicare, ha suscitato in tutti noi quel senso di pace e serenità che lo contraddistingue», spiega a Palermomania.it Carmela Caserta, una residente di Ustica presente all’incontro.

Dopo aver incontrato in chiesa gli alunni delle scuole, le autorità civili e militari, è sceso in piazza e dopo aver salutato e abbracciato tutti come farebbe un vechcio amico, si è fermato al centro accoglienza della piazza del paese, dove gli anziani si riuniscono il pomeriggio per qualche partita a carte.

A quel punto si è seduto al tavolo con loro e ha chiesto di poter fare una partita tra lo stupore e la felicità dei presenti. «Vederlo in quel momento lì, al tavolo a ridere e scherzare è stato fantastico – aggiunge la signora Carmela -. Quel suo senso di serenità di pace che infonde ha coinvolto i presenti in quella stanza, è  stato un momento  bellissimo».
Un gesto semplice che è stato immortalato dagli smartphone di alcuni presenti e che, finito sui social network diventando “virale”. Un’istantanea che ha colpito e confermato quanto pensano di lui i suoi nuovi “amici” palermitani: «Don Corrado è unico, è uno di noi».
Prima di partire con l’elicottero, per via del maltempo che ha impedito all’aliscafo di salpare, don Corrado ha promesso alla comunità di Ustica di portare il loro messaggio a Papa Francesco affinché possa, un giorno, venirli a trovare sulla loro isola e, magari, fare una partita a carte anche con loro.

Fonte: Foto Carmela Caserta
Palermomania.it –

Amici del gioco a carte


 Amici di gioco a carte

Famiglia Compagno – partita a carte


[ id=20478 w=320 h=240 float=center]

COMMENTO

A beautiful picture of the Compagno Family around the table playing cards. Domenick Compagno and wife Rosa visiting Ustica from New Orleans. They are at the house of his sister Pepina Compagno. Seated at the table starting from the left is Maria Compagno, thenDomenick and then wife Rosa. Next a niece Rosapia Francisco. LIttle Francis, then Nicolino Compagno (Salvadore’s father) and another Maria Compagno. Standing from the left is Lisha Compagno, Pietro Compagno (twin brother of Domenick, and another Maria Compagno.
All these people are Compagno, Ailari, and Bertucci roots.
I hope I got this straight, Maria Compagno of New Orleans was kind to explain this picture to me.

————

Una bella immagine della famiglia Compagno intorno al tavolo a giocare a carte. Domenick Compagno e la moglie Rosa in visita a Ustica da New Orleans. Sono a casa di sua sorella Peppina Compagno. Seduti al tavolo a partire da sinistra è Maria Compagno, poi Domenick e poi la moglie Rosa. Avanti un nipote Rosapia Afrodiseo la. Piccolo Francis, poi Nicolino Compagno (il padre di Salvadore) e un’altra Maria Compagno. In piedi da sinistra è Licia Compagno, Pietro Compagno (fratello gemello di Domenick, e un’altra Maria Compagno. Tutte queste persone sono Compagno, Ailara e Bertucci radici.

Spero che avete capito bene, Maria Compagno di New Orleans è stata gentile a spiegare questa foto a me.

Marlene Robershaw, Manfre

Partita a Carte a Casa Maggiore


[ id=18480 w=320 h=240 float=center]

Partita a carte all’aperto – ancora per poco, si spera…


[ id=14611 w=320 h=240 float=center]

“Nervosa” partita a carte tra pensionati – fa da paciere un carabiniere


[ id=14025 w=320 h=240 float=center]

Espressioni popolari legate al gioco delle carte


[ id=12954 w=320 h=240 float=left] –E batte a coppe ! – ritornare sullo stesso argomento
vacci lisciu ! stai calmo, non creiamo problemi
Un Liscio e busso ! rimproverare qualcuno
contare come il 2 di briscola – valere poco
essere l’asso di briscola – contare molto
giocare a carte scoperte – trattare in modo chiaro senza nascondere nulla
giocare con il morto – partita giocata in 3 con le carte che vengono attibuite ad un “morto” e gestite da uno dei giocatori.
giocarsi l’ultima carta – fare un estremo tentativo
-il piatto piange – mettere i soldi sul tavolo !
Un asso nella manica – un piano segreto
-piombo – quando non si ha nessuna carta di quel seme
-cambiare le carte in tavola – cambiare soggetto di conversazio
cappotto – vincere 3 partite di fila
mettere le carte in tavola – parlare con chiarezza
-napoletana – avere 3 assi o asso due e tre dello stesso seme
piantare in asso – abbandonare senza preavviso
restare in asso – rimanere abbandonato

Nuccio Caserta

 

Partita a carte tra parenti


[ id=12723 w=320 h=240 float=center]

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno

___________________________________

Un signore giunto all’età pensionabile si reca all’INPDAP per fare domanda per la pensione di anzianità.
La donna allo sportello gli chiede di mostrare la Carta d’Identità per verificare la sua età.
Il signore guarda in tasca e realizza di aver scordato il documento a casa.
Dispiaciuto e contrariato per il fatto, lo fa presente all’impiegata dicendole:
– Dovrò andare a casa e ritornare successivamente…
Ma la donna gli dice:
– Si sbottoni la camicia – Così facendo l’uomo rivela il suo torace ricoperto di peli bianchi. La donna a questo punto gli dice:
– Questo per me è sufficiente per provare che lei ha l’età giusta per la pensione. –
E procede a redigere la documentazione per la pensione di anzianità.
Quando fa ritorno a casa, l’uomo racconta divertito la sua esperienza alla moglie, che lo apostrofa così:
– Avresti dovuto sbottonarti anche i calzoni, ti avrebbero dato anche la pensione di invalidità –

(inviato da Patrizia Polizzi)

^^^^^^^^^^

Da Milano Giacomo Caserta

Ma Patrizia!!!!!

^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Grazie Patrizia: veramente divertente questo esempio di … sottile umorismo all’inglese !!!

 

 

Partita a carte tra dilettanti


[ id=9536 w=320 h=240 float=center]