Da New York Giovanni Caminita


Giovanni CaminitaCiao Angelo,
sono Giovanni Caminita spero che ti ricorderai di me; ho visto le foto di quando eri ragazzo una bella idea continua a comunicare con tutti noi quando senti tuo papa “U zu sciabbica” dagli un saluto da parte mia.

Commento di Gaetano Calderaro

Gaetano CalderaroHo atteso qualche giorno per far decantare e sfiammare la tua rabbia. Le tue illazioni mi hanno stupito e amareggiato per vari motivi: primo la critica era agli amministratori e non agli uomini, secondo chi mi conosce bene e, se ti giri intono sono tanti, sa che non ho mai approfittato di nessuno per favoritismi o per tornaconti personali.
Comunque e, su questo concordo con Oddo e Nuccio, il consiglio comunale dei ragazzi avrebbe dato basi e nome di comportamento democratico ai giovani che, come vedo, mancano del tutto.
Chiudo qui l’infruttuosa polemica perchè non mi va più di discutere con chi, arrogantemente, solo per offendere e zittire con tendenziose accuse si rivolge alle persone che hanno dimostrato lealtà, disponibilità e soprattutto amore per il proprio paese natale che hanno dovuto,  purtroppo, lasciare per seri motivi di lavoro.
Tanti auguri e buon lavoro

Commento Angelo Longo

Angelo LongoCARO NUCCIO,  QUESTA SERA MI HAI MESSO DI “BUON UMORE”  E  TI  RINGRAZIO. HO LETTO LA TUA LETTERA GARBATA, CORRETTA, ESAURIENTE, CON LA QUALE DA  LONTANO  HAI DATO UNA BELLA LEZIONE DI CULTURA CIVICA.  COME TU BEN SCRIVI SPESSO I GIOVANI, ANCHE SE RAGAZZI,  RIESCONO A VEDERE PIU’  AVANTI  DEGLI  ADULTI E,  COMUNQUE, SCEVRI  DA  ODI,  PREGIUDIZI ED ARROGANZE. BRAVO NUCCIO! ANCHE SE SEI STATO SEMPRE UN TIPO ALLEGRO E SPENSIERATO NEI TUOI SCRITTI SI AVVERTE SEMPRE QUELLA MALINCONIA DELLA  “LONTANANZA”  DALLA PROPRIA ISOLA.  E’ UN SENTIMENTO CHE SOLO CHI E’ NATO E VISSUTO I PRIMI ANNI DELLA PROPRIA VITA IN UN’ISOLA PUO’  “SENTIRE”.  VOGLIO ALLORA FARTI UN PICCOLO REGALO! LEGGI SUL MIO SITO  usticaieri-domani  LA BELLISSIMA POESIA  DEL COMPIANTO GIUSEPPE MORABITO DEDICATA ALLA SUA SALINA ! (O USTICA).  UN ABBRACCIO ANGELO LONGO

Dalla California Agostino Caserta

a-casertaIl consiglio comunale dei bambini e’ una iniziativa molto intelligente ed e’ un fenomeno antico. Fu praticato dalle Citta-Stato Greche . Oggi non e’ una utopia ma una realta’ in tutto il mondo, specie negli USA, e anche in Italia .Le basi legislative di questa iniziativa di partecipazione politica allargate all’infanzia risiedono nella legge del 28 agosto 1997 , n 285 . In Italia esistono gia’ 326 comuni che includono il Consiglio dei ragazzi-bambini .

Non solo per i bambini-ragazzi il processo rappresenta un inizio di educazione e maturita’ civica ma ,per come si e’ visto in molti Comuni , siccome i bambini percepiscono il mondo in maniera diversa , gli adulti hanno , attraverso un ascolto attivo , raccolto impressioni ,idee ,desideri che emergevano

dalle sedute Consiliari dei ragazzi e li hanno trasformati in percorsi educativi e progetti .

Una fava e 2 piccioni : educazione civica e idee .

Considerati gli alti ritorni da un investimento nel futuro , mettere in pratica ad Ustica questa iniziativa ,con l’aiuto di un adulto e qualche insegnante ( con spese irrisorie ) , sarebbe il classico ” gioco da ragazzi ” .

Saluti per tutti

Agostino Caserta