Il Mare di Ustica, la Poesia di Pablo Neruda e il Sogno di Mimmo Drago


“Invadimi con la tua bocca bruciante, indagami, se vuoi, coi tuoi occhi notturni, ma lasciami navigare nei tuoi sogni.

Non assomigli più a nessuna da quando ti amo.

Chissà se un giorno, guardando negli occhi di chi ti avrà dopo di me cercherai qualcosa che mi appartiene”.

(Pablo Neruda)

Ustica piazza, Camillo spiega come far suonare una conchiglia Gigante


Ustica piazza, Camillo spiega come far suonare una conchiglia Gigante
Ustica piazza, Camillo spiega come far suonare una conchiglia Gigante

Ustica, Camillo mostra ad Uccio Tranchina una conchiglia da richiamo


Ustica, Camillo mostra ad Uccio Tranchina una conchiglia da richiamo
Ustica, Camillo mostra ad Uccio Tranchina una conchiglia da richiamo

Conchiglia, “brogna”

La conchiglia la cosiddetta “brogna”, ad Ustica anticamente era usata come strumento di richiamo, avviso…
Ricordo che l’insegnante Tranchina Salvatore, dal suo albergo Ariston, era solito emettere dei ripetuti suoni, all’arrivo della nave in segno di saluto.

Conchiglia, "brogna"
Conchiglia, “brogna”

Conchiglia


Conchiglia

Visione conchiglia gigante


[ id=13951 w=320 h=240 float=center]

Conchiglia da richiamo


[ id=2198 w=320 h=240 float=center]