50 posti di Assistente alla Camera dei Deputati, under 36 e con il diploma

È indetto un concorso pubblico, per esami, per cinquanta posti di Assistente parlamentare, con lo stato giuridico dei dipendenti della Camera dei deputati.
Per l’ammissione al concorso è necessario il possesso degli ordinari requisiti per i concorsi pubblici ed inoltre:

  • età non superiore a trentacinque anni. Il limite di età è da intendersi superato alla mezzanotte del giorno del compimento del trentacinquesimo anno;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado. Qualora il titolo di istruzione richiesto sia stato conseguito all’estero, esso è considerato requisito valido per l’ammissione ove sia stato equiparato o dichiarato equipollente, ai sensi della normativa vigente, al titolo di istruzione di cui al primo periodo;
  • idoneità fisica all’impiego valutata in relazione alle mansioni professionali dell’assistente parlamentare; a tal fine, il candidato deve dichiarare il possesso dei seguenti requisiti: capacità visiva, naturale o corretta, di almeno 16/10 complessivi; funzione uditiva totale, naturale o corretta, non inferiore all’80%; funzione deambulatoria che non comporti l’ausilio di presidi ortopedici; normale funzionalità degli arti superiori.

​La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata per via telematica,  esclusivamente attraverso l’applicazione disponibile sul sito istituzionale della Camera dei deputati da cui è scaricabile anche il bando.
Per accedere all’applicazione i candidati devono essere in possesso di un’identità nell’ambito del Sistema pubblico di identità digitale (SPID). Chi ne fosse sprovvisto può richiederla secondo le procedure indicate nel sito.
La prova selettiva consiste in 60 quesiti attitudinali, a risposta multipla e a correzione informatizzata, di cui 40 di carattere criticoverbale e 20 di carattere logico-matematico numerico, ragionamento deduttivo e ragionamento critico-numerico.
I quesiti oggetto della prova selettiva sono estratti da un archivio, validato dalla Commissione esaminatrice.
L’ammissione alle prove scritte è deliberata al termine della prova selettiva. Sono ammessi alle prove scritte i candidati che, in base al punteggio riportato nella prova selettiva, si siano collocati entro il cinquecentesimo posto.
Le prove scritte sono tre:

  • la prima prova consiste nella risposta a un questionario, composto da nove quesiti a risposta aperta, tre per ciascuna delle materie storia d’Italia dal 1861 ad oggi,   elementi di diritto costituzionale,   elementi di diritto parlamentare.    Il tempo a disposizione è di quattro ore;
  • la seconda prova consiste nella risposta a un questionario, composto da nove quesiti a risposta aperta, vertenti sulle materie sicurezza nei luoghi di lavoro,   primo soccorso,   prevenzione incendi, elementi di cerimoniale nazionale e internazionale;
  • la terza prova consiste nella risposta a un questionario composto da dieci quesiti a risposta multipla nella lingua inglese, volti all’accertamento delle conoscenze grammaticali e sintattiche, e dieci quesiti a risposta multipla nella medesima lingua inglese, volti all’accertamento della comprensione di un testo a carattere non specialistico. Il tempo a disposizione è di novanta minuti.

​La prova orale consiste in un colloquio teso a completare la valutazione della preparazione e dell’aggiornamento culturale del candidato nelle materie di cui all’allegato A, parte II. La prova orale in lingua inglese consiste nella lettura e nella traduzione di un breve testo scritto in lingua, che costituisce la base per il colloquio.

La scadenza per l’invio delle candidature è il primo marzo 2020.

Fonte: Associazione Informa Giovani

 

Musumeci ha anche la maggioranza  Ars, ecco i settanta deputati eletti


Il M5S ha il gruppo più numeroso. Forza Italia ha 12 deputati, il Pd uno in meno. La sinistra elegge solo Fava.

PALERMO – Alla fine c’è anche la maggioranza. I deputati regionali eletti nei partiti a sostegno del nuovo governatore Nello Musumeci sono 36 sui 70 che andranno a popolare Sala d’Ercole. Riguardo ai nomi qualche sorpresa potrebbe arrivare solo da Catania dove lo spoglio in nottata era giunto solo alla metà delle sezioni.

È Forza Italia a fare la parte del leone con 12 seggi conquistati e che saranno occupati da Riccardo Gallo Afflitto (eletto nel collegio di Agrigento), Michele Mancuso (Caltanissetta), Marco Falcone e Alfio Papale (Catania), Luigi Genovese e Tommaso Calderone (Messina), Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona e Marianna Caronia (eletta grazie all’ingresso all’Ars di Miccichè attraverso il listino di Musumeci), Orazio Ragusa (Ragusa), Rossana Cannata (Siracusa), Stefano Pellegrino (Trapani).

Tre i seggi conquistati dalla lista che fa Continue reading “Musumeci ha anche la maggioranza  Ars, ecco i settanta deputati eletti”

LIBERTY LINES: Replica alle dichiarazioni rilasciate all’ARS dai deputati del Movimento 5 Stelle


COMUNICATO STAMPA

???????

In risposta alle dichiarazioni rilasciate all’ARS dai deputati del Movimento 5 Stelle, Liberty Lines ribadisce che in occasione dello sciopero indetto dal sindacato autonomo lo scorso 6 e 7 settembre, in periodo di alta stagione e della durata di 24 ore, si è prontamente attivata per assicurare ai suoi clienti servizi di trasporto adeguati in linea con quanto previsto dalla Legge 146/1990 relativa alle prestazioni garantite nei servizi pubblici essenziali, riuscendo a limitare i disagi per l’utenza.

La Società tiene a precisare, inoltre, che tale sciopero ha interessato esclusivamente le Isole Eolie e non le Isole minori siciliane in generale, riguardando peraltro solo una parte del personale.

La società smentisce inoltre che vi siano ritardi nei pagamenti degli stipendi: c’è un problema tecnico, peraltro in via di pronta risoluzione, esclusivamente nella visualizzazione del cedolino.

Infine, è fondamentale ricordare che gli orari di lavoro sono regolari e rispecchiano gli accordi stipulati con le organizzazioni sindacali e la normativa vigente.

Liberty Lines da sempre porta avanti un confronto sistematico e costruttivo con i propri dipendenti e in particolare con tutte le organizzazioni sindacali firmatarie di contratto.

 

Contact:            Barabino & Partners
Tel.: 06/679.29.29

Massimiliano Parboni
m.parboni@barabino.it

Valentina Lombardo
v.lombardo@barabino.it

Alessandra Gucciardi
a.gucciardi@barabino.it

Trapani, 8 settembre 2017

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


So che il mio modo di fare può essere irritante. Per esempio, poco tempo fa mi sono rifiutato di firmare il decreto di aumento di indennità ai deputati. Ma come, dico io, in un momento grave come questo, quando il padre di famiglia torna a casa con la paga decurtata dall’inflazione… voi date quest’esempio d’insensibilità? Io deploro l’iniziativa, ho detto. […] io, con queste mani, non firmo.

Sandro Pertini

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Angela D’Angelo

Gentile Signor Mario. ” e quanti soldi risparmiati”!

Saluti Angela

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Carissimo Presidente Pertini, se la sensibilità di fronte a certi problemi oggi costituisse tra gli altri titolo indispensabile per poter sedere sugli scanni di Camera e Senato stia pur certo che quelle prestigiose Sedi istituzionali rimarrebbero desolatamente vuoti ……