Ustica anni ’60, elezioni politiche, seggio elettorale


Ustica, elezioni politiche, seggio elettorale

Ustica anni ’60 – elezioni politiche, seggio elettorale


elezioni, politiche, Ustica

Comune di Ustica, Elezioni Europee 2019 – voti di preferenza


Download (PDF, 4.09MB)

Ustica dall’album dei ricordi – elezioni


Ustica, elezioni

^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Interessante. Siamo come sempre, in un’aula delle Scuole di largo Padiglione e l’urna oggi chissa’ se e’ sempre la stessa…
Si riconoscono Beniamino natale, dietro Salvatore Natale, Licia Martello, Nicola Longo e scrutatore Mario Caserta, tutti pesi massimi della vita

Riceviamo e pubblichiamo – Elezioni Europee – Pd, rush finale per la lista . Entrano Licciardi e Spicola


I nomi scelti dalla direzione del Pd sono: Caterina Chinnici, Pietro Bartolo (che sarà candidato anche al Centro),  Andrea Soddu, Michela Giuffrida, Attilio Licciardi già sindaco di Ustica, Virginia Puzzolo e Mila Spicola. Resta da definire l’ultima candidatura.

Brevi considerazioni a pochi giorni dalla elezione di Militello a Sindaco di Ustica. 


Se è vero come è vero che <chi ben comincia è alla metà dell’opera> il neo Sindaco di Ustica Salvatore Militello questo primo risultato lo ha già raggiunto; può ben dirlo, visto tempo ed energie già spese e che sicuramente continuerà a spendere per affrontare d’ufficio, ovviamente in costante collaborazione col suo “team”, le problematiche del territorio che non sono poche. Per lui ad oggi parla la sua operatività apertamente visibile agli occhi di tutti, usticesi e non.            Sbaglierebbe comunque chi per frettoloso giudizio o immancabile pregiudizio dovesse etichettare tanta visibilità come il classico “scrusciu ‘i scupa nova”. Salvatore Militello non sta facendo altro che mettere in pratica i vari punti del programma pre-elettorale della lista civica “L’Isola” nell’interesse, ora che è stato eletto, non della sua parte ma dell’intera comunità, di chi gli ha espresso il consenso ma anche di chi glielo ha negato; in pratica non ha interrotto, come purtroppo accade “dopo”, né ha intenzione di interrompere quel rapporto diretto con i suoi compaesani cercato durante la campagna elettorale. Ne ha dato prova anche con la confortevole recente visita ad una signora ammalata; tante ne darà sicuramente ancora facendo sentire con ammirevole sensibilità la sua istituzionale e sopratutto umana presenza agli anziani con l’ovvio impegno di mai tralasciare attenzione alle spinose problematiche dei giovani, delle nuove generazioni nelle cui mani sarà il futuro di Ustica.
Vedo benissimo Salvatore fra la gente e la gente fra lui, fra coloro che lo gratificheranno come fra coloro che lo criticheranno magari fortemente ma costruttivamente, perchè questa è l’idea di Sindaco che ho personalmente; tutto Casa (comunale) e Isola. Mi piace constatare che il lavoro dell’Amministrazione Militello è avviata in questa giusta direzione. Rinnovo il mio augurio di buon lavoro a tutti, maggioranza e minoranza; in particolare concludo inviando un chiaro messaggio all’amico Sindaco: “Caro Salvatore, oggi ti ho spontaneamente e sentitamente riservato il “dolce” ma da attento e obiettivo osservatore esterno, sarò pronto in qualsiasi momento a servirti un “amaro”. Spero, anzi sono certo, che in futuro, vicino o lontano. non me ne darai occasione.     

Mario Oddo – odmar@libero.it

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia.

(Georges Clemenceau)

Comune di Ustica, Elezioni Ammistrative del 10/06/’18 Lista L’ “ISOLA”


Si comunica che in data odierna ho depositato presso l’Ufficio elettorale del Comune di Ustica documentazione relativa alla candidatura di n° 10 Consiglieri Comunali oltre quella dello scrivente a candidato Sindaco.

Ho anche allegato il nostro programma elettorale ed indicato, per come previsto dalla legge, la nomina dei 2 assessori nelle persone della Sig.ra Beatrice Daidone in Pitruzzella e della Sig.ra Delfina Natale, riservandomi la nomina del terzo assessore ad elezioni avvenute.

Qui di seguito i nominativi dei candidati Consiglieri comunali:

COGNOME E NOME

  1. Caserta Carmela
  2. Caminita Felice
  3. D’Arca Francesco
  4. Prestileo Chiara
  5. Russo Anna
  6. Badagliacco Cinzia
  7. Palermo Samuel Salvatore
  8. Mattina Angelo
  9. Fazio Vincenzo
  10. Seminara Pietro Paolo

Allegato Programma elettorale della lista civica “ L’ISOLA “

Salvatore Militello

Download (PDF, 303KB)

 

Riceviamo e pubblichiamo, Comune di Ustica – osservazioni sulle elezioni amministrative 2018


In ogni competizione elettorale che si rispetti il compito fondamentale dovrebbe essere l’interesse della collettiività.  Chiunque venga scelto per amministrare dovrebbe avere la possibilità di farlo con serenità, con comunione d’intenti e con il solo scopo, nel nostro caso, di tutelare gli interessi dell’isola e degli isolani. Come bravi genitori chi amministra dovrebbe saper dire di no quando c’è da dire no e si quando c’è da dire si con le dovute spiegazioni . Creare accordi sottobanco o inciuci di qualsiasi tipo pur di vincere le elezioni porterà sicuramente all’ingovernabilità. Non credo che dovrebbe essere questo l’obiettivo della nuova campagna elettorale. Così facendo non si produrranno i benefici di cui l’Isola ha immediatamente bisogno . Bisogna scegliere persone capaci e di buona volontà che dimostrino impegno e amore per la nostra Isola e di volersi mettere al servizio di tutta la cittadinanza come impegno civico nel cercare di cambiare le cose. Ma tali personedovranno essere affiancate da chi metterà a disposizione le proprie competenze amministrative, al fine di creare un gruppo che sia non solo volenteroso e ricco di intenti, ma anche preparato e competete per il futuro. Se non si parte da questi presupposti di cambiamento e di bene comune allora si tornerà indietro e si continuerà a governare sempre “alla vecchia maniera”cioè con nuovi burattini le cui fila vengono mosse sempre dal burattinaio. Secondo me con queste nuove elezioni,dopo il buio totale, doveva iniziare un’era di luce e di cambiamento. Tale cambiamento doveva partire proprio dalla formazione delle liste che doveva avvenire in maniera chiara senza segreti e sotterfugi con più trasparenza tenendo conto dell’opinione della cittadinanza che dovrà esprimere il suo voto.

Angelo Tranchina

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Francesco Menallo

Condivido lo spirito e la lettera dell’invito. Durante l’incontro con la cittadinanza promosso dal Sindaco uscente credo di aver detto più o meno le stesse cose; l’amministrazione di un piccolo comune con risorse ridottissime ed organico anch’esso ridotto, incentra sulla figura del Sindaco responsabilità enormi con un ritorno economico pressochè nullo rispetto alle suddette responsabilità; ciò rende necessario mettere da parte il bilancino del farmacista nel “pesare” le alleanze familiari sulla base dei potenziali voti e cercare il meglio delle competenze che l’Isola può offrire.
Un’amministrazione comunale non può divenire ostaggio di interessi esterni all’interesse della comunità perchè questo e solo questo deve rappresentare e perseguire.
Acquisire consenso elettorale senza acquisire le competenze per gestirlo può essere pericoloso sia per il comune amministrato che per gli amministratori privi delle competenze necessarie.

 

 

Elezioni Politiche 2018 – risultati del Comune di Ustica


Download (PDF, 605KB)

Download (PDF, 627KB)

Elezioni Regione Sicilia 5 Novembre 2017 – Risultati definitivi


Download (PDF, 3.11MB)

Elezioni Regione Sicilia 5 Novembre 2017 – Risultati definitivi


 

 

 

 

 

 

Ustica, elezioni Regione Sicilia


Elezioni Regione Sicilia Ustica

Aventi diritto 1218

Votanti 609   49,8%

336  uomini

273  donne

Attilio Licciardi 120 voti

Totò Cordaro  112  voti

Elezioni regionali del 05 novembre 2017 – Salvatore Militello, io non voto Attilio Licciardi


 

 

Ex Candidato Sindaco

 

Non andare a votare è sbagliato … ma votare Attilio Licciardi è peggio.

Elezioni regionali del 05 novembre: la politica oramai è solo un “trasformismo” continuo che ha stancato tutti gli Elettori che  ovviamente – viste le poche armi che rimangono al Cittadino –  pensano di non andare a votare credendo di fare del male solo a chi si candida.

Non andare a votare – credo, invece – sia l’errore più grande che l’Elettore possa fare: esprimere la propria idea, il proprio convincimento scegliendo,  tramite il voto, un programma è l’unico vero mezzo a disposizione del Cittadino, in special modo quando è stato preso in giro da chi aveva ricevuto la Sua fiducia.

Io andrò a votare.

Invito tutti a farlo; votare è un “dovere”,  ma non voterò per Attilio Licciardi, mio compaesano.

Le ragioni sono diverse, anche se qualcuno penserà che non lo voterò in quanto mio antagonista nelle passate elezioni comunali. Assolutamente non è così. Le ragioni sono ben altre e sotto gli occhi di tutti gli Usticesi.

Capisco che il cuore porterebbe a votare il compaesano ma se proprio si vuole seguire “ la strada del cuore” segnalo un altro “compaesano” che si candida alle regionali, la Signora Caterina Caravella.

La ragione, non il cuore,  ma anche i fatti, invece, suggeriscono di non votare per Attilio Licciardi: non lo voterò perché se la “Sicilia che non ti aspetti “ è così come ha ridotto oggi Ustica con i trasporti, con le scuole, con le vicende del depuratore, col Cimitero e con i conti pubblici non in rosso ma in profondo rosso,  è meglio che non venga eletto !

Voi credete che un sindaco di un piccolo comune come Ustica con novecento votanti circa possa venire eletto all’assemblea regionale? Dove prenderà gli altri mila voti necessari? Quindi appare tanto una “candidatura di servizio”, quel “servizio partitico” che ha condannato Ustica in questi anni, ad esempio, a non essere più collegata per tutto l’anno dal servizio regionale (catamarano) ma solo sette mesi – salvo poi “pezze di periodo” – .

Quindi – a mio avviso – votare, anche col cuore, Attilio Licciardi oltre che inopportuno è anche inutile.

Io voterò la lista di Nello Musumeci ed in particolare Totò Cordaro ed invito a fare altrettanto anche gli iscritti al gruppo “ L’Isola “ nonché tutti i nostri sostenitori.

Iniziando dalla Regione ci si aspetta un cambiamento vero !

Per Ustica invece, con coraggio, con l’appoggio ed il coinvolgimento di forze giovanili – finalmente – si dovrà attuare quella politica per unire progetti, idee al di fuori di qualsivoglia schieramento politico, spesso a servizio solo del partito, per il vero bene di Ustica.

Una piccolissima Comunità come la nostra ha solo bisogno di unione, di condivisone di progetti ed idee da sviluppare a vantaggio di Ustica e non solo a servizio di qualcuno.

Salvatore Militello

Ustica, 28 Ottobre 2017

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Good for you Salvatore Militello !!! as citizens of Ustica, you all should vote. Even if you have to vote for someone not in your family, or not vote for someone that is IN your family,for the good of your island, you must vote !!! there has been too many years with nothing done that is needed !!!
I am a citizen of Sicily, but beings I do not live in Ustica, I cannot vote in regional elections. Many people in many centuries, even now, have died to protect the right to vote !!!

Buon per te, Salvatore Militello !!! Come cittadini di Ustica, tutti dovreste votare. Sia se devi votare per qualcuno che non è nella tua famiglia, sia se devi  votare per qualcuno che è nella tua famiglia, per il bene della tua isola, devi votare!Ci sono stati troppi anni nei quali non si è fatto niente di ciò che è necessario !!!  Sono cittadina della Sicilia, ma, non c vivendo a Ustica, non posso votare alle elezioni regionali. Molte persone per molti secoli, anche adesso, sono morte per proteggere il diritto di voto!

 

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


La democrazia, diciamolo pure, diffida, a buon diritto, dell’intelligenza. E quindi ha costruito un meccanismo, le elezioni basate sul principio della maggioranza, che necessariamente e coerentemente premia i mediocri.
Massimo Fini

Ustica elezioni, propaganda elettorale


Ustica elezioni, propaganda elettorale
Ustica elezioni, propaganda elettorale

Foto ricordo

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

I think I see a young Compagno in this foto ??

Foto ricordo

Ustica RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2014


 

Download (PDF, 1.35MB)

Errata corrige – Giovanni Fiandaca lista PD – Preferenze: Leggasi 131 anziché 31

Preparazione elezioni amministrative – Dicembre 1984


[ id=19651 w=320 h=240 float=center]

Ustica: Eletti il Presidente ed il Vice Presidente del Consiglio Comunale


Ieri sera il consiglio comunale di Ustica ha eletto il nuovo presidente ed il vice presidente del consiglio comunale di Ustica rispettivamente Giuseppe Mancuso e Vittoria Salerno con 8 voi, precedentemente dichiarati, di tutta la maggioranza. La minoranza ha votato Caserta Carmela riportando quatto voti.

Ci sarebbe piaciuto vedere, in prospettiva di un lavoro in sinergia visto il difficile momento che sta attraversando l’Isola, una elezione all’unanimità, sia per quanto concerne il presidente del consiglio che per il vice presidente del consiglio. Purtroppo…

Pubblichiamo di seguito gli interventi integrale di insediamento del presidente e del vice presidente del consiglio.

Le dichiarazioni fatte dal sindaco, assessori e consiglieri durante la seduta verranno pubblicate in seguito

Giuseppe MancusoIntervento del nuovo presidente del consiglio Giuseppe Mancuso

Il primo ringraziamento va rivolto a Vito Zanca perché è stato grande ed impeccabile. Ringrazio tutti coloro che mi hanno votato ma anche chi non mi ha votato dicendo subito che mi impegnerò ad essere il presidente di tutto il consiglio comunale, come ovvio che sia, partendo dal contributo che dà ogni componente del consiglio. Noi siamo 12 e siamo stati eletti dai cittadini e quindi rappresentano tutti il volere dei cittadini. È ovvio che chiederò a tutti i consiglieri di contribuire nella discussione in modo attivo, senza cadere nella polemica che non porta a nulla se non ad alimentare il dissenso, le fratture tra di noi in consiglio e per riflesso anche nella cittadinanza. Per me è la seconda volta che ricopro la carica di consigliere comunale. Io sono stato cinque anni all’opposizione ed ero ritenuto come consigliere di opposizione. Io non l’ho utilizzato questo nome con quei quattro consiglieri perché li consideravo consiglieri del gruppo di minoranza. Signori miei c’è poco da opporsi forse non c’è nulla da opporsi. Opponendosi significa bloccare eventuali finanziamenti, bloccare le linee programmatiche, ma anche se con la nuova legge elettorale (otto a quattro) si potrebbe andare avanti sarebbe un po’ diminutivo ed anche non corretto

nei confronti del volere dei cittadini. Si è in dodici e dodici devono condividere le linee programmatiche devono condividere i lavori e le proposte che verranno affrontate in questo consiglio comunale. Perché comunque vada si parlerà sempre di Ustica. Io sfido chiunque di noi qua dentro, consiglieri, assessori, sindaco a non volere il bene dell’isola. Io prendo spunto dei cinque anni che ho fatto da consigliere comunale e non c’era questo clima sereno. Eravamo continuamente presidiati dai carabinieri, dai vigili urbani e il clima non era assolutamente sereno, la segretaria ne può parlare, sono stati anni di tempeste, ma c’era anche il motivo di farlo, che non hanno portato a nulla, hanno fratturato il paese, ci siamo bloccati, anzi siamo andati un po’ in dietro. In questo consiglio Comunale io mi auguro, e ci sono tutti i presupposti per farlo, che si vada avanti con serenità, con armonia e collaborazione. I programmi li conosciamo e parte del programma l’avete anche condiviso, se ne è parlato. I cittadini conoscono le linee programmatiche e quello che io mi auguro è di poter amministrare questo consiglio comunale con tutti i consiglieri con l’aiuto dei cittadini che dovranno venire in questo consiglio comunale non per partecipare a qualche show, perché questo si è fatto, ma dovranno venire in questo consiglio comunale per ascoltare e per vivere i lavori del consiglio comunale. Dovrà essere questo il motivo che deve portare i cittadini dentro l’aula consiliare. Un consiglio comunale, amministrazione senza i cittadini va a sbattere. La cosa più semplice è di non fare nulla e stare fermo, così non si sbaglia. Il tempo passa e passa per tutti. Chi lavora e chi vive tra la gento lo sa che non si può stare fermi. Dobbiamo andare avanti… I discorsi e le proposte che si faranno in questa aula dovranno essere all’altezza dell’attenzione dei cittadini che dovranno essere sempre più numerosi, che dovranno essere di stimolo ai consiglieri, perché noi qui dentro non siamo i padroni dell’isola. Dott. D’Arca noi qua non dobbiamo regnare, noi siamo i portavoce del volere dei cittadini, siamo stati eletti dai cittadini. Nessuno regna qui dentro, non regnerà nessuno. Qui dentro noi semplicemente valuteremo le proposte che abbiamo nei programmi ed eventuali altre proposte che verranno dai cittadini nella massima serenità e con lo spirito di collaborazione. Io mi auguro veramente di non essere una persona burbera o che divide anzi… Ho il piacere di circondarmi di un consiglio comunale al femminile ed una giunta al femminile, una amministrazione determinata dalla presenza delle donne e forse è la prima volta che un consiglio comunale venga amministrato da così tante donne e non può che essere proficuo. Il padrone di casa è la donna non è l’uomo e penso che questo non possa che dare ottimi risultati all’amministrazione.

Vi ringrazio della collaborazione e auguro buon lavoro a tutti.

———————

Vittoria SalernoIntervento del nuovo vice presidente del consiglio Vittoria Salerno

Sarò brevissima perché già è stato detto prima quanto avevo in mente di dire.

Il mio ruolo è di collaborazione principalmente con il presidente, ma fondamentalmente con tutto il consiglio comunale. Il consiglio comunale è fatto dalla minoranza e dalla maggioranza. Il mio ruolo è quello di riuscire a mettere insieme e aiutare nel lavoro il presidente per rendere più agevole il suo compito e di dare la possibilità a tutti (consiglieri di minoranza e di maggioranza) di potersi esprimere a monte nella lavorazione iniziale alla preparazione dei consigli comunali dove è fondamentale fare tutti i preparati. Quindi l’obiettivo fondamentale è quello di avere sempre i documenti necessari per discutere quanto in argomento, le decisioni che dobbiamo prendere e dobbiamo essere tutti consapevoli che non si può arrivare qui senza sapere di che cosa si parla. Quindi l’obiettivo fondamentale dell’ufficio di presidenza è quello di rendere più agevole, di snellire i lavori per poter discutere nel migliore dei modi gli argomenti in consiglio comunale.