Ustica 1962 – funerale


Ustica, funerale 1962

Ustica, funerale molto partecipato con feretro portato a spalle che percorre Via Petriera


Ustica, funerale molto partecipato
Ustica, funerale molto partecipato

Funerale con banda musicale


Funerale con banda musicale

Giovanni Lo Nero, papà di Gaetano, rivolto ai giovani: – “Non Lo dimenticate…”


Funerale gaetano Lo Nero

Ieri pomeriggio in una chiesa gremita in ogni ordine di posti, tanta gente commossa e ancora incredula – un intero paese unito in una tragedia incomprensibile – ha voluto dare l’estremo saluto a Gaetano.
A officiare i Funerali, in sostituzione del parroco Padre Lorenzo, don Andrea Olszewski (polacco), che ha suscitato tanta commozione con le proprie parole – “Ha esordito ricordando che è difficile trovare, anche per un prete, le parole giuste da dire a chi ha perso un caro di 29 anni… Gaetano ha sbagliato per eccesso… Gaetano amava la vita e la famiglia e sono certo che da Gesù, con la Sua Misericordia Lo accoglierà riservando a Lui un abbraccio… Quello che vorremmo chiedere a Dio è… perché? La risposta e l’aiuto li possiamo ricevere dalla forza della Fede… Gaetano è vivo e ci sorride come sapeva fare Lui… AffidiamoLo alla bontà e alla Misericordia del Signore…”

Davanti la bara una foto ritraeva Gaetano come sarà ricordato da tutti noi: Solare e Sorridente.

Lacrime e scroscianti applausi, protrattesi per circa tre minuti, quando Giovanni il papà, al termine della Messa, in lacrime e con un filo di voce, è intervento e dopo aver ringraziato quanti erano stati loro vicini in questa triste circostanza, rivolgendosi agli amici e ai ragazzi di Ustica ha detto: –
“Non Lo dimenticate…”

All’uscita della chiesa il feretro è stato salutato da scroscianti applausi e molti dei presenti alle esequie Lo hanno accompagnato, portato a spalle da amici di Gaetano, per l’ultimo saluto, sino al Cimitero, in una sorta di abbraccio collettivo.

Gaetano era un giovane pieno di vita, avrebbe compiuto 30 anni il prossimo 27 Luglio, sempre sereno e sorridente, con una serie di prospettive aperte. Era consocio nella gestione di un diving locale e molto impegnato ad Ustica, con la famiglia, nella gestione dell’Hotel Diana, praticava diverse attività sportive ed era campione di immersione in apnea. Nulla, insomma, che poteva far pensare ad un così insano gesto.
In questo momento siamo particolarmente vicini ai genitori e alla sorella con il cuore affranto ed il sostegno della Fede.
Pietro Bertucci

 

Funerale


funerale

Funerale – morte Emanuele 17.4.42


[ id=21323 w=320 h=240 float=center]

 

Funerale


[ id=19278 w=320 h=240 float=center]

Funerale Salvatore Arnò, Mazzarella


[ id=18580 w=320 h=240 float=left] Un pezzettino di una Ustica diversa che ci lascia. Nino Zanca
[nggallery id=758]

Funerale


[ id=16946 w=320 h=240 float=center]

Funerale Tommaso Salerno


[ id=16460 w=320 h=240 float=center]

Funerale


 

[ id=16176 w=320 h=240 float=center]

Comunicazione: Funerale Marisa Montaperto


Il Feretro di Marisa Montaperto partirà per Ustica domani mattina alle ore 07,00 con il catamarano della Ustica Lines. Il funerale verrà celebrato nella Parrocchia San Ferdinando Re intorno alle ore 09,00 e verrà officiato da Padre Lorenzo.

Funerale


[ id=15363 w=320 h=240 float=center]

Funerale


[ id=11323 w=320 h=240 float=center]

Funerale


[ id=10663 w=320 h=240 float=center]

Funerale Agostino Calderaro


[ id=9132 w=320 h=240 float=center]

COMMENTO:

Da Ustica Gaetano Calderaro

Grazie per le belle parole, le brevi note e per il ricordo che hai dei miei; forse sei tra i pochi che ricordano così bene l’impegno “disinteressato” che animò i miei genitori a favore della comunità usticese.

Resta in noi la grande soddisfazione di aver fruito dei loro insegnamenti per tanti valori fondanti della vita fra cui la bontà, l’onestà e la disponibilità.

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Agostino Calderaro fu un altro grande usticese del secolo scorso che per diverse generazioni fu ragioniere factotum del Municipio di Ustica ed ebbe una influenza rimarcante in tutte le decisioni prese dalle Autorità Comunali di quell’epoca. Fu sempre impegnato con il padre ” ‘U Zu’ Giuliu”, personaggio popolare e carismatico dell’isola, nella vita sociale e politica del paese. La moglie Nunzia Di Mento fu insegnante ed educatrice nella scuola di Ustica anch’essa per diverse generazioni di bambini a completamento di un binomio, con il marito Agostino, che ad Ustica ha lasciato una grande eredità di affetti e ammirazione non solo per le loro virtù e qualità professionali e non, ma per il loro lato umano : signorilità, finezza, amabilità e bontà verso il prossimo.

Funerale


[ id=6858 w=320 h=240 float=center]

Funerale


[ id=6183 w=320 h=240 float=center]

Morte Emanuele Bertucci – 1942


[ id=5714 w=320 h=240 float=center]

Funerale


[ id=5506 w=320 h=240 float=center]