Ustica anno ’60 – calcio finalissima, azione di gioco


Ustica, calcio, azione, gioco

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


“Mettiti sempre in gioco, e sfida la vita. La sconfitta di oggi sarà il trampolino per la vittoria di domani.”
ANTONIO ASCHIAROLO

Ustica, molto partecipato gioco delle pentolacce (pignateddi) per San Bartolo, tradizioni che si perdono


Ustica dall’album dei ricordi anni ’60 – Quando alche il gioco delle pentolacce era molto partecipato per divertirsi insieme


Ustica, gioco delle pentolacce


Ustica, gioco delle pentolacce

Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta…


Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta...
Ustica, i giovani di ieri giocano a carte, aspettando la quarta…

Ustica, il gioco della mela


Ustica. Il gioco della mela
Ustica. Il gioco della mela

Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte


Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte
Ustica centro accoglienza, Anziani giocano a carte

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

La vita è come un gioco a carte: la mano che ti viene servita rappresenta il determinismo; il modo in cui giochi è il libero arbitrio.
(Jawaharlal Nehru)

Don Lorefice stupisce ancora: gioca a carte con gli anziani di Ustica

Foto VescoboL’arcivescovo di Palermo si è recato lo scorso fine settimana nell’isola di fronte il capoluogo siciliano per incontrare la comunità di fedeli locale e ha voluto ”rompere” il ghiaccio col suo stile semplice. La foto della partita diventa virale

Don Corrado Lorefice non smette di stupire. Parole, gesti e semplici sguardi sono quelli di un uomo semplice, un “fratello” della comunità di fedeli palermitani che hanno scoperto da un mese quest’uomo, ma che già sentono come “uno di loro”.

E anche nel corso della sua ultima visita pastorale, avvenuta lo scorso fine settimana sull’isola di Ustica, l’ex parroco di Modica non si è smentito. «Sentirlo, non predicare ma comunicare, ha suscitato in tutti noi quel senso di pace e serenità che lo contraddistingue», spiega a Palermomania.it Carmela Caserta, una residente di Ustica presente all’incontro.

Dopo aver incontrato in chiesa gli alunni delle scuole, le autorità civili e militari, è sceso in piazza e dopo aver salutato e abbracciato tutti come farebbe un vechcio amico, si è fermato al centro accoglienza della piazza del paese, dove gli anziani si riuniscono il pomeriggio per qualche partita a carte.

A quel punto si è seduto al tavolo con loro e ha chiesto di poter fare una partita tra lo stupore e la felicità dei presenti. «Vederlo in quel momento lì, al tavolo a ridere e scherzare è stato fantastico – aggiunge la signora Carmela -. Quel suo senso di serenità di pace che infonde ha coinvolto i presenti in quella stanza, è  stato un momento  bellissimo».
Un gesto semplice che è stato immortalato dagli smartphone di alcuni presenti e che, finito sui social network diventando “virale”. Un’istantanea che ha colpito e confermato quanto pensano di lui i suoi nuovi “amici” palermitani: «Don Corrado è unico, è uno di noi».
Prima di partire con l’elicottero, per via del maltempo che ha impedito all’aliscafo di salpare, don Corrado ha promesso alla comunità di Ustica di portare il loro messaggio a Papa Francesco affinché possa, un giorno, venirli a trovare sulla loro isola e, magari, fare una partita a carte anche con loro.

Fonte: Foto Carmela Caserta
Palermomania.it –

Gioco di bocce – boccioata di sottomano e ad effetto


 gioco di bocce - boccioata  di sottomano e ad effetto

Gargano fa praticare il gioco della mela


Gargano fa praticare il gioco della mela

Amici del gioco a carte


 Amici di gioco a carte

Cinque anziane signore giocano a “31”, ma loro hanno fatto “full”

 Giocatori di carte

 Nella foto 3 Marie + 2 Pine 

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Dopo una giornata di caldo ad Ustica è riposante e divertente la sera giocare a carte!! Ad Ustica Mancherà Maria quando lei partirà per l’America.

 

Derby delle Isole: La Federazione Italiana Gioco Calcio ringrazia


[ id=21011 w=320 h=240 float=left] “Derby delle Isole”

Una Grande giornata di sport !

Si ringraziano il sindaco del Comune di Ustica Attilio Licciardi, il suo vice Giovanni Tranchina, l’assessore allo sport Tania Licciardi e il consigliere comunale Manuela Vena e tutta l’amministrazione comunale. Inoltre un particolare ringraziamento al presidente dell’Ustica Calcio Filippo Vena e al presidente della Virtus Lampedusa Giovanni Martello per una giornata vissuta all’insegna dei valori dello sport.

 

Compagne di gioco – foto ricordo


[ id=19671 w=320 h=240 float=center]

Divertirsi giocando a “Pochino”


[nggallery id=679]

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Angelo Longo

SIN,

MANY BEAUTFULL LADIES WITH TWO OLD ITALIAN MEN.
SORRY, NEXT YEAR I WILL BE WITH YOU.
GOOD LOOK WITH PIETRO E SALVATORE

Espressioni popolari legate al gioco delle carte


[ id=12954 w=320 h=240 float=left] –E batte a coppe ! – ritornare sullo stesso argomento
vacci lisciu ! stai calmo, non creiamo problemi
Un Liscio e busso ! rimproverare qualcuno
contare come il 2 di briscola – valere poco
essere l’asso di briscola – contare molto
giocare a carte scoperte – trattare in modo chiaro senza nascondere nulla
giocare con il morto – partita giocata in 3 con le carte che vengono attibuite ad un “morto” e gestite da uno dei giocatori.
giocarsi l’ultima carta – fare un estremo tentativo
-il piatto piange – mettere i soldi sul tavolo !
Un asso nella manica – un piano segreto
-piombo – quando non si ha nessuna carta di quel seme
-cambiare le carte in tavola – cambiare soggetto di conversazio
cappotto – vincere 3 partite di fila
mettere le carte in tavola – parlare con chiarezza
-napoletana – avere 3 assi o asso due e tre dello stesso seme
piantare in asso – abbandonare senza preavviso
restare in asso – rimanere abbandonato

Nuccio Caserta

 

Cattura coniglio: “il gioco non vale la candela”


Gentile sig.ra Angela, io non sono un cacciatore, sia chiaro. Però i problemi vanno risolti in modo efficiente. Nel parco delle Madonie, come nel bosco della Ficuzza, vicino Palermo, è successo che sono stati reimmessi i cinghiali. Tali animali si riproducono con discreta facilità ed il loro unico predatore in natura è l’uomo. Levando il predatore, non hanno più avuto antagonisti. In sostanza, i cinghiali si sono riprodotti in abbondanza, hanno “sradicato” alberi, provocato ingenti danni, sono entrati nelle campagne degli abitanti di quelle zone in cerca di cibo, hanno ingravidato le scrofe… La soluzione? Si è deciso di addestrare, PAGANDOLI, degli esperti di caccia al cinghiale! Non è ragionevole, concorderà con me… posto che il cinghiale non si caccia con rete e furetto con la museruola, ma va necessariamente abbattuto….. che motivo c’è di addestrare e pagare qualcuno quando ci sono già cacciatori che pagherebbero per una giornata di caccia al cinghiale? Ma evidentemente qualcuno specula…. Non so se poi sia stato istituito questo team di esperti, ho voluto “filtrare” le informazioni in merito, in quanto non degne di attenzione.

Tornando a Ustica, se 12 conigli costano 400€ solo di viaggio, cioè ogni coniglio costa circa 33,30 euro, supposto che sull’isola ci siano 10.000 conigli per rimuoverli tutti occorrerebbero 333.330,00€…. ora, se a Ustica ci sono 1.000 abitanti, questa operazione avrebbe un costo pro-capite di 333,30€ (da sommare a questa anche la spesa di soggiorno)… Quante delle persone che lei conosce spenderebbero questa cifra per rimuovere i conigli? Lei li spenderebbe?

Non voglio fare polemica, ma la soluzione del furetto con la museruola e delle reti è decisamente inefficiente.

Non me ne voglia, sig.ra Angela, la prego; come ripeto non sono e non sarò mai un cacciatore, ma l’uomo è un predatore come gli altri animali ed è scorretto levarlo totalmente dalla catena alimentare. Ah, le riporto anche un altro esempio: i ricci che distruggono gli scogli nella zona di riserva integrale, l’assenza di polpi e l’eccesso di cernie…

Saluti

Maro Daricello

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Ustica Angela D’Angelo

Gentile Signor Marco,
forse mi sono espressa male.
La penso esattamente come lei.

Cari saluti, Angela.

 

Tiro alla fune in parrocchia


[ id=11374 w=320 h=240 float=center]