Aforisma, Citazione, proverbio… del giorno


Le parole vanno raramente al posto giusto, e solo per un tempo brevissimo. Per il resto servono a parlare a vanvera, come adesso.
(Elena Ferrante)

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Solo il tempo rivela l’uomo giusto; il malvagio, invece, lo riconosci in un giorno solo.
SOFOCLE

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


“Facciamo più quello che è giusto, invece di quello che ci conviene. Educhiamo i figli ad essere onesti, non furbi.”
TIZIANO TERZANI

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 “Ci sono voci più anziane e sagge che possono sempre aiutarti a trovare il giusto sentiero, se solo sei disponibile ad ascoltarle.”
WARREN BUFFETT

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


 “Chi ti ha tradito tornerà a farlo, non perché ci prova gusto, ma perché ciò rientra nella sua indole.”
MICHELE SCIRPOLI

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

La potenza non consiste nel colpire forte o spesso,
ma nel colpire giusto.

Honoré de Balzac

Ustica, uno scatto al momento giusto


 Uno scatto al momento giusto
Ustica, Uno scatto al momento giusto

Giusto per non lasciar correre…


Francesco Menallo1)le vittorie (elettorali, ed io non parlavo solo di quelle ma lei ha attenzionato solo codesto aspetto) consentono di provare a mettere in pratica ciò che si è dichiarato in campagna elettorale. In questo l’amministrazione appena insediata verrà messa alla prova e, da usticese acquisendo, spero che faccia bene. Il suo riferimento all’ottima performance elettorale del m5s alle politiche non ha nulla a che fare con una vittoria perché, come forse le e’ sfuggito, al governo vi sono PDL, PDL-L, scelta civica, con l’appoggio esterno di sel e lega. Idem in Sicilia in cui il PDL-L si è alleato con personaggi come Riccardo Savona, Michele Cimino e Titti bufardeci ( noti estremisti di sinistra…..). Quindi affermare che il m5s abbia qualcosa a che fare con gli scenari nazionale e regionale e’ cosa che ne bruno vespa ne formigli si azzarderebbero a dire. Resta lei per la media inglese…. 2)la campagna pro sindaco indigeno, a bocca larga, e’ stata tutt’altro che una vittoria. Attilio Licciardi non ha vinto ne’ perché è nativo di Ustica ne’ perché avesse un’ottima squadra ed uno splendido programma: semplicemente non ha avuto avversari. 3)Papa Francesco ( nei cui confronti nutro rispetto) non ha alcuna attinenza ( per fortuna! ) ne’ con la politica ne’ con l’amministrazione. Chi confonde le due cose, fa un grossolano errore. È, sia detto per inciso, io non riconosco alcun pontefice massimo ma stimo persone, in campagnola,, in camper od a piedi. 4)io non sono scappato. Ho fatto, e continuo a fare, tante cose. Anche per Ustica. Da cittadino e senza rumore. Gli applausi li conservo per le sue vittorie.

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Gela Sebastiano Spampinato

Caro Nuccio io leggo tutti i giorni ciò che viene pubblicato su questo sito e mi sforzo di non intromettermi in inutile critiche che potrebbero dare adito ad inutile controversie,ma il tuo articolo lo condivido completamente in tutto senza escludere niente. Forse la verità fa male.

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Scusate l’intromissione. Non sono d’accordo sul fatto che Licciardi non aveva avversarie ed e’ normale che altri non siano d’accordo con me. Il primo forte imbattibile avversario di Licciardi era se stesso, la propria personalita’ ( a detta di tanti antipatico ) e il proprio curriculum. Non lo voleva nessuno. Il feroce attacco alla Poltrona di Licciardi premeditato !! comincio’ un anno e mezzo prima con la fondazione-scusa di UD e delle lezioni di politica….come se doveva andare a vincere il terno all’otto ! Militello non era sicuro, fu spinto a candidarsi e si trovo’ a poco tempo dalle elezioni con poca organizzazione. Nonostante cio’ da solo senza attivisti stava facendo una ottima campagna ed era proprio Militello che non aveva avversari visto che lei nel frattempo si era dileguato………. Infatti fino a due settimane dalle elezioni, fino al ritito ( che avrebbe dovuto essere posposto alle elezioni ) di un nominando assessore che ha causato un effetto domino Militello nei sondaggi era in testa al 70%. Secondo me Ustica ha perduto di nuovo il Bus perche’ ha bisogno non di un Sindaco buono solo a vincere elezioni, ma di un Sindaco buono a Governare.

Cordiali saluti dal viso pallido a chi secondo me continua a fare l’indiano…..

 

Ogni cosa al posto giusto!…


Si approvano in linea di massima gli sforzi che stanno facendo i commercianti per non chiudere bottega ma personalmente non ho capito perche’ e’ stato tolto agli anziani il loro locale per farlo diventare Centro Informazioni. Il Centro Informazioni/Accoglienza si dovrebbe allestire con un gazebo sul Belvedere del Lungomare Filippo Vassallo o alla Banchina Sailem, per dare appunto le prime informazioni e anche una certa accoglienza al turista che arriva (non abbiamo altre vie d’ingresso al centro abitato), e fare ritornare gli anziani al loro posto.

Il Centro Informazioni in piazza, in un locale così grande e pomposo, si avvicina più che ad un Centro Informazione ad un “salotto buono”. Leggendo gli orari di apertura del centro, al mattino dalle 10,00 alle 12,00, sembrerebbe non essere fatto per agevolare il turista che arriva, in quanto i primi mezzi da Palermo arrivano alle 08,30 e alle 09,30 e la nave dopo le 12,00. C’è qualche cosa che chi sta lontano da Ustica, ma che continuamente cerca di aggiornarsi, non capisce, ma che forse non capiscono nemmeno quelli che ci abitano.

Se il Centro Informazioni si doveva fare proprio in piazza, contrariamente a quanto avviene in quasi tutte le località turistiche più organizzate che usano i porti e le stazioni ferroviarie e/o gli aeroporti, perché non si chiedeva la piccola stanza accanto al Centro Accoglienza, che tra l’altro era più facile attrezzarla e si spostava quel materiale culturale ed interessante, che attualmente si trova all’interno, come mostra permanente, al Centro Studi e si lasciavano in pace gli anziani?

Probabilmente, per rimediare a danni pregressi si è trovato una soluzione che ha danneggiato notevolmente gli anziani e “non favorisce” i turisti che e’ il motivo per cui il movimento delle P.IVA fu creato.

Allora il Centro Informazioni in Piazza, che NON da informazioni, chi favorisce ?

E’ il classico errore di valutazione di chi “gestisce il potere” o il classico “piatto di lenticchie” per quietare chi si lamenta o, come spesso accade, si è “forti con i deboli e deboli con i forti”?

Invece di risolvere il problema che esisteva ( che andava eliminato solo in una maniera : impiantando un gazebo-informazioni alla Cala ) se ne sono creati due :

1) niente servizio informazioni per i turisti.
2) niente sala da gioco per gli anziani.

Non scherziamo con gli anziani ! ! Per loro ci sono 58.000 euro stanziati all’anno. Per una soluzione equa, logica e indolore si puo’ trasferire il Centro Informazioni al Porto e riportare gli anziani al Centro Accoglienza in Piazza.

Nuccio Caserta

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Fabio Ailara

Zio Nuccio….resto senza parole alla tua lettera… quando verrai a trovarci forse capirai molte cose… ti abbraccio e a presto

 

Fabio Ailara