Calcio: Godrano – ASD Ustica 1 – 0


asd_usticaPrima dell’inizio della gara abbiamo assistito ad una cerimonia che avremmo voluto fare a meno di vedere:

Un minuto di silenzio per ricordare Danilo di Vallelunda, giocatore del Godrano, scomparso qualche settimana fa , drammaticamente. La commozione ci ha preso tutti nel vedere i genitori del ragazzo ed il Sindaco avviarsi, sotto la pioggia battente, verso il centro del campo per ricevere due mazzi di fiori da parte dei due capitani delle squadre. Con i giocatori in lacrime e dopo un lungo applauso inizia, alle 11,00 in punto, la gara. Il campo era al limite della praticabilità.

L’ASD Ustica si presenta col solito modulo 4-1- 4-1 che il mister Filippo Vena ha voluto mantenere in considerazione degli ultimi risultati positivi. La squadra isolana è priva di 3 squalificati e Continue reading “Calcio: Godrano – ASD Ustica 1 – 0”

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaDopo due vittorie a tavolino ( la seconda in effetti e’ stata vittoria in campo con “abbandono” ) finalmente al “Mulino a Vento” e’ arrivata la prima vittoria stagionale sul campo ed e’ arrivata col botto perche’, anche se era nell’aria, era un po’ inattesa ed e’ stata conseguita con una squadra di rango. Non e’ stata una vittoria facile ma lottata fino all’ultimo dove alla fine la preparazione atletica ha fatto la differenza, ha prevalso chi era allenato meglio fisicamente e ha avuto di conseguenza piu’ lucidita’ fisica e mentale, a notarlo ed ammetterlo e’ stato anche l’allenatore della squadra ospite. Il famoso pressing, quindi, sui portatori di palla avversari, di cui si era accennato gia’ in molte occasioni, ha evidentemente a poco a poco stroncato gli avversari ed ha messo le redini del gioco in mano alla squadra usticese che ha tramutato la superiorita’ territoriale in gol confortata da un attacco preciso, cinico e concentrato.

Ci sono stati dei commenti e il soggetto, anche se non riveste carattere di urgenza e’ interessante e di attualita’: Il presente Complesso Sportivo fu ideato e “progettato” nel 1972 al Piano dei Cardoni sottovia nella zona casa Militello – terra Gambino ma in seguito i piani cambiarono e fu costruito dove e’ attualmente. La localita’ cambio’ ma non l’appellativo. L’attuale Complesso in effetti e’ all’inizio di Contrada S.Paolo e precisamente in Zona Mulino a Vento e i toponimi fin qui usati rappresentano solamente l’indirizzo o la localita’. La domanda e’ : continuare ad usare il nome della localita’ o cominciare a pensare di dare al Complesso un nome ? Non “vedo” nessun usticese, dedicarlo a non usticesi sarebbe fuori luogo. Rimangono i nomi astratti : Mediterraneo, Osteodes, Ustum, Faraglione ( villaggio preistorico ), Tartaruga ( dalla forma dell’isola ) Stella Maris, Veterani ( che onorerebbe tutti quelli che ad Ustica hanno e continueranno a giocare al calcio ) ecc..ecc..Pero’ alcuni Stadi, come ad esempio, quello di Milano e di Palermo, per un intero secolo furono identificati con il nome della localita’ : “San Siro” e “Favorita”, quindi praticamente fino a quando non sara’ dato un nome a questo Complesso Sportivo continueremo a chiamarlo ” Mulino a Vento “.

La partita con il Godrano non sara’ facile e dovrebbe essere considerata come una partita come tutte le altre che si gioca per fare risultato ma deve essere affrontata con massima concentrazione in tutti i settori; sicuramente lo fara’ il Godrano che in lotta per la promozione vuole recuperare terreno dopo la strana partita di domenica scorsa con il Makella caratterizzata da “getto della spugna”, per protesta contro l’arbitro, protesta rumorosa, ma… senza punti. Alcuni ancora non hanno capito che in terza categoria gli arbitri sono giovani e con poca esperienza, questo e’ “quello che passa il Governo ” prendere o lasciare….o andare a trovarsi un’altro passatempo. E il lato positivo esiste anche qui : gli errori arbitrali alla fine si livellano.

L’ Asd Ustica dal canto suo ha una partita da recuperare, c’e qualcuno che pensa alla possibilita’ di acciuffare in classifica o addirittura superare l’Atletico Giardinello ?

Nella partita di andata ad Ustica arrivo’ un foltissimo gruppo di sostenitori del Godrano incluso il Sindaco, ora siamo in primavera e c’e’ la possibilita’ per gli usticesi, prima che cominci il furibondo lavoro estivo, di uscire dal guscio per una giornata, restituire con una bella gita a Godrano la visita e cogliere l’occasione per incoraggiare la loro squadra che ultimamente sta viaggiando come un treno, o meglio.. a velocita’ di crociera e con il vento in poppa.

 

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaDopo due vittorie a tavolino ( la seconda in effetti e’ stata vittoria in campo con “abbandono” ) finalmente al “Mulino a Vento” e’ arrivata la prima vittoria stagionale sul campo ed e’ arrivata col botto perche’, anche se era nell’aria, era un po’ inattesa ed e’ stata conseguita con una squadra di rango. Non e’ stata una vittoria facile ma lottata fino all’ultimo dove alla fine la preparazione atletica ha fatto la differenza, ha prevalso chi era allenato meglio fisicamente e ha avuto di conseguenza piu’ lucidita’ fisica e mentale, a notarlo ed ammetterlo e’ stato anche l’allenatore della squadra ospite. Il famoso pressing, quindi, sui portatori di palla avversari, di cui si era accennato gia’ in molte occasioni, ha evidentemente a poco a poco stroncato gli avversari ed ha messo le redini del gioco in mano alla squadra usticese che ha tramutato la superiorita’ territoriale in gol confortata da un attacco preciso, cinico e concentrato.

Ci sono stati dei commenti e il soggetto, anche se non riveste carattere di urgenza e’ interessante e di attualita’: Il presente Complesso Sportivo fu ideato e “progettato” nel 1972 al Piano dei Cardoni sottovia nella zona casa Militello – terra Gambino ma in seguito i piani cambiarono e fu costruito dove e’ attualmente. La localita’ cambio’ ma non l’appellativo. L’attuale Complesso in effetti e’ all’inizio di Contrada S.Paolo e precisamente in Zona Mulino a Vento e i toponimi fin qui usati rappresentano solamente l’indirizzo o la localita’. La domanda e’ : continuare ad usare il nome della localita’ o cominciare a pensare di dare al Complesso un nome ? Non “vedo” nessun usticese, dedicarlo a non usticesi sarebbe fuori luogo. Rimangono i nomi astratti : Mediterraneo, Osteodes, Ustum, Faraglione ( villaggio preistorico ), Tartaruga ( dalla forma dell’isola ) Stella Maris, Veterani ( che onorerebbe tutti quelli che ad Ustica hanno e continueranno a giocare al calcio ) ecc..ecc..Pero’ alcuni Stadi, come ad esempio, quello di Milano e di Palermo, per un intero secolo furono identificati con il nome della localita’ : “San Siro” e “Favorita”, quindi praticamente fino a quando non sara’ dato un nome a questo Complesso Sportivo continueremo a chiamarlo ” Mulino a Vento “.

La partita con il Godrano non sara’ facile e dovrebbe essere considerata come una partita come tutte le altre che si gioca per fare risultato ma deve essere affrontata con massima concentrazione in tutti i settori; sicuramente lo fara’ il Godrano che in lotta per la promozione vuole recuperare terreno dopo la strana partita di domenica scorsa con il Makella caratterizzata da “getto della spugna”, per protesta contro l’arbitro, protesta rumorosa, ma… senza punti. Alcuni ancora non hanno capito che in terza categoria gli arbitri sono giovani e con poca esperienza, questo e’ “quello che passa il Governo ” prendere o lasciare….o andare a trovarsi un’altro passatempo. E il lato positivo esiste anche qui : gli errori arbitrali alla fine si livellano.

L’ Asd Ustica dal canto suo ha una partita da recuperare, c’e qualcuno che pensa alla possibilita’ di acciuffare in classifica o addirittura superare l’Atletico Giardinello ?

Nella partita di andata ad Ustica arrivo’ un foltissimo gruppo di sostenitori del Godrano incluso il Sindaco, ora siamo in primavera e c’e’ la possibilita’ per gli usticesi, prima che cominci il furibondo lavoro estivo, di uscire dal guscio per una giornata, restituire con una bella gita a Godrano la visita e cogliere l’occasione per incoraggiare la loro squadra che ultimamente sta viaggiando come un treno, o meglio.. a velocita’ di crociera e con il vento in poppa.

 

 

ASD Ustica calcio: Convocati


asd_usticaSi è svolto in un clima molto amichevole, con scambio di cortesie, un incontro tra una nutrita rappresentanza di “tifosi” del Godrano (in testa il loro Sindaco) e rappresentanti dell’ASD Ustica. A fare gli onori di casa il Vice Sindaco Giuseppe Caminita che ha auspicato di vedere un incontro di calcio spettacolare all’insegna della reciproca lealtà sportiva. L’appuntamento quindi a domani alle ore 10:30 ( ricordiamo di spostare le lancette di un’ora avanti questa stanotte!) presso il campo sportivo per la partita ASD Ustica – Godrano.

I convocati per l’ASD Ustica : Lo Piccolo Luca, Zanca Giovanni, Sibilla Francesco, Licciardi Edmondo, Tranchina Vincenzo, Verdichizzi Roberto, Taranto Francesco, Tranchina Salvatore,Basile Luca, Caserta Giacomo, Crocetti Carini Giuseppe, Caserta Flavio, Verdichizzi Salvatore, Tranchina Nino, Verdichizzi Vincenzo, Vena Pietro, Vena Vincenzo, Tranchina Antonino.

[nggallery id=289]

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaSfilza di pareggi nel girone Palermo A della terza categoria. Persino il Don Orione non va oltre il pari e non riesce a segnare in casa con la Torrettese, segno che i brutti voti che si prendono in “condotta” si pagano anche sul campo, intanto la lotta in testa fra le prime cinque squadre si fa più serrata, sono tutte nella frenesia della competizione che ha in palio promozione e play-off. La simpaticissima squadra del Godrano, con cui domenica si giocherà una partita di recupero in una giornata di sosta del torneo, fa parte di questo gruppo, e sbarcherà ad Ustica con al seguito un centinaio di sostenitori e il loro Sindaco. C’e’ da ammirarli, sono un paesino piccolo come il nostro ( solo 1.146 abitanti ), sono appassionati, vogliono usare la scusa della trasferta per visitare Ustica, hanno la possibilità di avanzare in classifica e non vogliono perdere nessuna occasione per dare sostegno alla loro squadra. Non avendo però il tempo materiale di andare al ristorante, dopo la partita, c’e’ da supporre che si porteranno i loro panini o, a meno che non si presenti al “Mulino a Vento” il lunch-truck “Miraggio”, sarà cura-dimagrante day.

A Giardinello e’ stata un’altra occasione sprecata, questa e’ la verità. Con più sangue freddo ed esperienza in avanti al momento decisivo, si poteva recuperare e vincere ( Cronaca di Gaetano Nava ). In ogni caso significa che il potenziale c’e’. Fra il vincere e il perdere la differenza spesso e’ minima, e’ solo questione di dettagli, per i trenta minuti iniziali tutto lasciava sperare bene ma …basta distrarsi per qualche minuto e gli avversari ne approfittano. Con il Godrano sarà una partita diversa quasi speciale, ci sarà la presenza del pubblico delle grandi occasioni per cui bisogna reagire adeguatamente, non facendosi prendere dall’emozione ma tenendo la concentrazione alta sin dall’inizio e scendendo in campo con vigore ed entusiasmo e non ci stancheremo di enfatizzare che il sistema di gioco più efficace, facile da attuare ed anche naturale e’ il pressing contro i portatori di palla della squadra avversaria che garantisce risultati subito! Si, e’ vero bisogna sacrificarsi e usare gambe e polmoni ma non appena le cose si mettono bene aumenta l’adrenalina e diminuisce la stanchezza negli arti inferiori perché anche nel calcio e’ tutto un fatto mentale.

La difesa stenta ad ingranare, anche l’attacco che ci aveva abituati a gol a go-go si sta inceppando, qualche pezzo pregiato e’ ancora in infermeria, non abbiamo vinto a tuttora una partita al “Mulino a Vento” e mai pareggiato fuori casa, il mare continua a mettersi di mezzo facendo i capricci nel weekend e i mezzi di collegamento hanno il singhiozzo cronico, ma… non si perde più per 4 a 1 e le altre squadre non pensano che siamo una squadra materasso, però chi va al campo ad Ustica, seduto sugli spalti, può ammirare tre spettacoli in uno : partita, sfondo ” Mulino a Vento ” e.. vista mare, spettacolo che tuttavia può distrarre anche i giocatori…Giovanni Picone ( detto Cirasella ) grande “guardia pali” del calcio usticese, che ha giocato anche in Germania, si trova all’estero per motivi “culinari”(gestisce un ottimo ristoranre) ed e’ impossibilitato ad allenare i portieri e in più si e’ scoperto che una delle tifose ha deciso di farsi suora, insomma non ne va bene una…. non voglio essere una Cassandra ma il massimo sarebbe, se altre partite vengono rinviate, che il Parrocchia San G. Battista ne vinca due di fila e ci scavalca in classifica ( provvisoria ). Visto quello che e’ accaduto questa partita non nasce sotto i migliori auspici per quel che ci riguarda. Secondo me questa volta vinciamo.

Nuccio

Intanto allego alcune foto scattate nella partita Atletico Giardinello – ASD Ustica (risultato 3 a 1)

[nggallery id=288]

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaSfilza di pareggi nel girone Palermo A della terza categoria. Persino il Don Orione non va oltre il pari e non riesce a segnare in casa con la Torrettese, segno che i brutti voti che si prendono in “condotta” si pagano anche sul campo, intanto la lotta in testa fra le prime cinque squadre si fa più serrata, sono tutte nella frenesia della competizione che ha in palio promozione e play-off. La simpaticissima squadra del Godrano, con cui domenica si giocherà una partita di recupero in una giornata di sosta del torneo, fa parte di questo gruppo, e sbarcherà ad Ustica con al seguito un centinaio di sostenitori e il loro Sindaco. C’e’ da ammirarli, sono un paesino piccolo come il nostro ( solo 1.146 abitanti ), sono appassionati, vogliono usare la scusa della trasferta per visitare Ustica, hanno la possibilità di avanzare in classifica e non vogliono perdere nessuna occasione per dare sostegno alla loro squadra. Non avendo però il tempo materiale di andare al ristorante, dopo la partita, c’e’ da supporre che si porteranno i loro panini o, a meno che non si presenti al “Mulino a Vento” il lunch-truck “Miraggio”, sarà cura-dimagrante day.

A Giardinello e’ stata un’altra occasione sprecata, questa e’ la verità. Con più sangue freddo ed esperienza in avanti al momento decisivo, si poteva recuperare e vincere ( Cronaca di Gaetano Nava ). In ogni caso significa che il potenziale c’e’. Fra il vincere e il perdere la differenza spesso e’ minima, e’ solo questione di dettagli, per i trenta minuti iniziali tutto lasciava sperare bene ma …basta distrarsi per qualche minuto e gli avversari ne approfittano. Con il Godrano sarà una partita diversa quasi speciale, ci sarà la presenza del pubblico delle grandi occasioni per cui bisogna reagire adeguatamente, non facendosi prendere dall’emozione ma tenendo la concentrazione alta sin dall’inizio e scendendo in campo con vigore ed entusiasmo e non ci stancheremo di enfatizzare che il sistema di gioco più efficace, facile da attuare ed anche naturale e’ il pressing contro i portatori di palla della squadra avversaria che garantisce risultati subito! Si, e’ vero bisogna sacrificarsi e usare gambe e polmoni ma non appena le cose si mettono bene aumenta l’adrenalina e diminuisce la stanchezza negli arti inferiori perché anche nel calcio e’ tutto un fatto mentale.

La difesa stenta ad ingranare, anche l’attacco che ci aveva abituati a gol a go-go si sta inceppando, qualche pezzo pregiato e’ ancora in infermeria, non abbiamo vinto a tuttora una partita al “Mulino a Vento” e mai pareggiato fuori casa, il mare continua a mettersi di mezzo facendo i capricci nel weekend e i mezzi di collegamento hanno il singhiozzo cronico, ma… non si perde più per 4 a 1 e le altre squadre non pensano che siamo una squadra materasso, però chi va al campo ad Ustica, seduto sugli spalti, può ammirare tre spettacoli in uno : partita, sfondo ” Mulino a Vento ” e.. vista mare, spettacolo che tuttavia può distrarre anche i giocatori…Giovanni Picone ( detto Cirasella ) grande “guardia pali” del calcio usticese, che ha giocato anche in Germania, si trova all’estero per motivi “culinari”(gestisce un ottimo ristoranre) ed e’ impossibilitato ad allenare i portieri e in più si e’ scoperto che una delle tifose ha deciso di farsi suora, insomma non ne va bene una…. non voglio essere una Cassandra ma il massimo sarebbe, se altre partite vengono rinviate, che il Parrocchia San G. Battista ne vinca due di fila e ci scavalca in classifica ( provvisoria ). Visto quello che e’ accaduto questa partita non nasce sotto i migliori auspici per quel che ci riguarda. Secondo me questa volta vinciamo.

Nuccio

Intanto allego alcune foto scattate nella partita Atletico Giardinello – ASD Ustica (risultato 3 a 1)

[nggallery id=288]

Calcio:Rinviata partita ASD Ustica – Godrano


[nggallery id=248] Rinviata la partita di campionato di calcio Ustica Godrano. Le avverse condizioni meteo hanno impedito ai mezzi navali di salpare per l’isola. Una vera doccia fredda( visto il caldo che fa….) per la squadra , i 50 tifosi ed il Sindaco, Matteo Cannella che di buon’ ora, alle 5.00, si erano mossi con mezzi propri verso il porto di Palermo. L’orario di partenza dell’aliscafo Ustica Lines era fissato per le 7.00, ma subito il comandante del mezzo ha dato il responso: non si parte.

L’arbitro, i giocatori, i fans ed i due sindaci di Godrano ed Ustica non si sono persi d’animo e si sono recati sulla Antonello Da Messina della SiReMar la cui partenza era prevista per le 8.30. Un rapido calcolo: si parte alle 8.30 si arriva alle 11.30 due ore di partita e sono le 13.30 in tempo per rientrare alle 14.30 con lo stesso mezzo.

Anche questo programma però non può essere portato avanti. Il Comandante SiReMar si mette in collegamento con il collega della Nomentana che è sul mare proveniente da Napoli : ” onda lunga, non si parte”. Questa nave approderà a Palermo con più di un’ora di ritardo..

Che fare? La tifoseria di Godrano si mostra delusa dal non potere sbarcare su Ustica che rappresenta per molti di loro, al di là dell’incontro sportivo, una meta ambita.

Per mitigare il dispiacere il Sindaco di Ustica chiede al Comandante SiReMar il permesso di far salire tutti sulla nave ed ottenuto lo sta bene, offre nei saloni della stessa la colazione, panettone e caffè, a tutti gli intervenuti.

Non sarà molto ma è un segno della tipica accoglienza usticese.

COMUNICAZIONE DEL SINDACO:

24.01 Ustica, dovrei firmare la determina d’incarico per la direzione dell’AMP Ustica al Prof Marco Arculeo, la determina sindacale quale atto politico dovrebbe andare nella stessa giornata in giunta ( ma non è obbligatorio , stante che con la nuova legge le nomine sono competenza del Sindaco). Comunque lunedì c’è giunta.

Firmo lettera d’incarico al Prof Calcedonio Li Pomi relativamente all’ organizzazione di un corso di aggiornamento sulle nuove leggi della pubblica amministrazione . Il corso avrà luogo ad Ustica e sarà rivolto in primis ai nostri responsabili d’area ma potranno partecipare anche dipendenti…giunta e consiglieri…

Con dei tecnici, sempre lunedì, studierò la possibilità di ampliare le possibilità del locale impianto carburante al carburante agevolato per la marineria locale. Presto i nostri pescatori non dovranno andare più a Palermo, con notevoli spese e disagi,per fare il pieno di gasolio agevolato

^^^^^^^^^^^

Ore 17,00 Ci informano che l’aliscafo della Siremar sta effettuando la corsa pomeridiana

Dalla California Agostino Caserta


Dopo le tre prestazioni di buon livello ed incoraggianti dell’Asd Ustica i sostenitori presi dall’eccitamento pensavano che potesse andare avanti cosi all’infinito, ma in verità e’ normalissimo che la squadra abbia avuto una pausa che, dopo tutto, serve per ricaricare le batterie e prepararsi per i prossimi importanti impegni. In molti si chiedono però se per rinforzare il reparto difensivo della squadra sarà ingaggiato un esperto difensore.

Durante i mesi invernali e con il calcio d’inizio delle partite alle ore 11:00 non c’e’ problema di “accecamenti” o ” abbagliamenti ” solari, ma quando al ” Mulino a Vento ” si gioca nei mesi tiepidi e caldi sia al calcio che al calcetto o tennis ahi ahi ahi … che “lastima” ….. l’avversario piu’ duro da sconfiggere e’ il sole mattutino e pomeridiano che batte direttamente negli occhi dei giocatori e li “acceca” e “abbaglia” perché i campi sono stati tutti costruiti nel senso est-ovest invece che nella direzione logica e completamente opposta e cioè nord-sud.

Godrano e’ un piccolo paesino che sorge ai margini nord del Bosco della Ficuzza a 25 km a sud di Palermo, ha una popolazione di appena 1,116 abitanti , forse demograficamente il Comune più piccolo di tutto il Girone A della terza categoria, ha un’economia a livello agricolo ed artigianale e sono famosi i formaggi godranesi come la caciotta, pecorino ricotta e caciocavallo. In paese si può visitare anche “Godranopoli”, un interessante museo della civiltà contadina locale, dove vengono custoditi gelosamente arredi, suppellettili e utensili d’epoca che documentano, e non solo al turista, la storia del paese; una storia raccontata giorno per giorno da generazioni di contadini e artigiani locali.

La squadra del Godrano e’ di alta classifica e abbastanza buona, ma ultimamente ha ottenuto risultati incostanti e sorprendenti quindi il risultato e’ aperto per tutti. Basti pensare al Bolognetta fino a quanche tempo fa ritenuto ” intoccabile” ma che ha perduto due partite di fila. Una tattica per vincere le partite e’ di fare pressing a tutto campo per 90 minuti su 90 e non fare giocare gli avversari lanciando tre giocatori sul portatore di palla avversario, un gioco che sembra ostruzionistico, ma oggi questo e’ il calcio. Lo giocano così da alcuni anni nei campionati professionisti, dove qualche squadra di soli muscoli non facendo giocare gli avversari con il pressing a tutto campo, ha raggiunto alti traguardi che come conseguenza hanno conferito al gruppo confidenza in se stessi, sudditanza da parte degli arbitri e addirittura dopo tanti anni, a tratti, un gioco meno arruffone. Ma per fare il pressing bisogna avere gambe, polmoni, attitudine mentale e fare diversi turnover durante la partita, per garantire sempre freschezza fisica.

Il Sindaco di Godrano, Matteo Cannella, unitamente a 55 concittadini, saranno presenti al Mulino a Vento per cercare di bilanciare il tifo che sicuramente accompagnerà l’ASD Ustica.
Per l’occasione anche il Sindaco di Ustica sarà presente al campo.