Da Celeste e famiglia da Velletri riceviamo un messaggio di ottimismo, speranza e di incoraggiamento


Un incoraggiamento ai nostri pescatori …


L’articolo 4 della Costituzione sancisce il diritto al lavoro… e ancor di piu’ quando il lavoro e’ cio’ che ci consente di far vivere le nostre famiglie, QUINDI incoraggio vivamente i pescatori di USTICA miei concittadini e tutti i pescatori Italiani a RIVENDICARE questo diritto e a non fermarsi di fronte a nessuno. Spero siate di esempio a tutti gli USTICESI….

Adolfo Patricolo

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Palermo Mario Oddo

Adolfo, la tua era una “voce” che mancava nel dibattito mediatico riguardante le varie problematiche usticesi. L’ascolto con piacere e spero che ne seguano altre che abbiano lo stesso tuo contrassegno di serenità perchè, e qui raccolgo e rilancio l’osservazione sacrosanta di Angela D’Angelo, le liti non servono a nessuno. Tutti i soggetti imprenditoriali isolani facciano sentire in ogni forma la loro vicinanza ai pescatori; ironia della sorte, siete TUTTI nella stessa (loro) barca …

Apprezzamento ma anche incoraggiamento per Luigi da parte di Josè

Ciao Luigi, pur apprezzando le belle parole spese per me, mi sento di dirti che io non mi sento migliore di chi viceversa ha scelto di vivere ad Ustica, anzi……!!! La cosa, semmai, in cui mi sento “diverso” da molti miei compaesani e’ il fatto che io riesca ad INDIGNARMI e a dire la mia! Dire la verita’ e nello stesso tempo rimanere indipendenti, ha un costo che non tutti vogliono pagare in prima persona; e’ piu’ facile delegare che esporsi in prima persona. Tu per esempio sei un ragazzo che potresti essere d’esempio per molti tuoi coetanei. Rimani te stesso, trova sempre la forza di indignarti e dire sempre la tua!!! Grazie al Sig. Pietro anche NOI che viviamo (ma dimentichiamo ) fuori da Ustica possiamo esprimere le nostre idee; Un caro saluto dalla Germania,

Jose’ Zagame

 

Da Palermo Gaetano Nava


[ id=5527 w=80 h=125 float=left]CARO FILIPPO,

SO PERFETTAMENTE COSA SI PROVA IN QUESTO MOMENTO,TU SAI BENISSIMO,CHE DOPO AVER FATTO IL GIOCATORE PER BEN 22 ANNI HO FATTO L’ALLENATORE, NON HO PASSATO QUESTI MOMENTI BRUTTI CHE STAI PASSANDO TU IN QUESTO MOMENTO, MA DEVI TENERE DURO, PERCHE’ CON IL LAVORO ASSIDUO E CON LA TUA ESPERIENZA DA VECCHIO GIOCATORE,POTRAI USCIRNE ASSIEME AI TUOI RAGAZZI .CERTO SI DEVONO FARE LE OSSA, PERCHE’ GIOCARE DELLE PARTITE DI UN CAMPIONATO UFFICIALE,NON E’ LA STESSA COSA CHE FARE DELLE PARTITE AMATORIALI,CON SQUADRE CHE VENIVANO A USTICA PER DIVERTIRSI. HO LETTO TANTO SUI VARI SITI, ANCHE GENTE CHE NON SI FIRMA, QUESTO NON E’ CORRETTO. SE UNA PERSONA HA QUALCOSA DA DIRE E’ GIUSTO CHE DICA QUELLO CHE PENSA, MA ABBIA IL CORAGGIO DI FIRMALLA……

SE MI PERMETTI,CHIUDO DANTOTI UN CONSIGLIO: SAI QUNTE VOLTE QUANDO LE COSE ANDAVANO MALE, AVREI AVUTO LA VOGLIA DI ENTRARE IN CAMPO? CREDEMI TANTISSIME VOLTE. MA TU HAI LA CARICA DI PRESIDENTE DI ALLENATORE E GIA’ TANTO…… SPERO CHE RISPONDERAI A QUESTA MIA.

SALUTI CARISSIMI ED UN IN BOCCA A LUPO

GAETANO NAVA