Palermo apre l’anno di Capitale Italiana della Cultura


Palermo 2912018 ( FOTO PETYX PALERMO) Presidente del Cosiglio Paolo Gentiloni alla cerimonia inaugurale di Palermo capitale italiana della culrtura

Un progetto “originale, di elevato valore culturale, di grande respiro umanitario, fortemente e generosamente orientato all’inclusione, alla formazione permanente, alla creazione di capacità e di cittadinanza, senza trascurare la valorizzazione del patrimonio e delle produzioni artistiche contemporanee”. Dalla motivazione del MIBACT si comprende l’unicità e l’essenza del progetto Palermo: una capitale del Mediterraneo la cui ricchezza stratificata si è innestata su una società multietnica che ieri ha accolto e oggi continua ad accogliere. Il progetto ha convinto e stamattina al Teatro Massimo Palermo ha inaugurato ufficialmente l’anno da Capitale Italiana della Cultura: il sindaco Leoluca Orlando ha presentato il progetto, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni, del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, del Presidente dell’ARS

Palermo 2912018 ( FOTO PETYX PALERMO) Presidente del Cosiglio Paolo Gentiloni alla cerimonia inaugurale di Palermo capitale italiana della culrtura

Gianfranco Miccichè e del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Presentato anche il nuovo logo che accompagnerà un intero anno: lo firma una studentessa palermitana dell’Accademia di Belle Arti, Sabrina Ciprì, 22 anni, che ha racchiuso in un unico simbolo, la P declinata dall’arabo, dall’ebraico, dal fenicio, dal greco, a sottolineare le lingue di chi ha gettato le fondamenta della città. Stasera alle 21 al Politeama, il primo degli eventi CENTODIECI di Continue reading “Palermo apre l’anno di Capitale Italiana della Cultura”

Ustica, l’immagine di un paese in “disfacimento”…


BandieraCrediamo che il Sindaco debba spiegare i motivi  per i quali quelle bandiere sono tenute in quello stato nonostante il Dpr 121 del 2000 prescrive  espressamente che “le bandiere italiane e quella Europea  devono essere disposte in buono stato e correttamente dispiegate”.

Vediamo la bandiera Italiana sfilacciata e “tendente a sinistra…”, quella europea strappata e quella regionale a mezz’asta, ma chi è morto?

La bandiera dovrebbe essere il simbolo dell’orgoglio  nazionale e invece sempre più spesso rappresenta, nel nostro caso, l’immagine di un paese in “disfacimento” e politicamente condizionato…

Un amministratore che non si accorge del pessimo esempio che quei simboli in quello stato danno,  soprattutto ai giovani, non è degno di sedere su quegli scranni!.

PB

^^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Torino Michele Manzitti

Salve mi compiaccio per questa osservazione: L’avevo già sollevata, la scorsa estate al sig Sindaco ed al comando della Locale Polizia Municipale. In aggiunta avevo dato al sig. Sindaco documentazione sulla storia della bandiera Italiana e materiale didattico ulteriore da far circolare nelle strutture scolastiche. Il tutto vanamente. F.to Il V. PRESIDENTE PROVINCIALE Sez. ANMIG (ASS. NAZ.MUTIILATI ed INVALIDI DI GUERRA) TORINO Michele Manzitti

Quando la Processione era preceduta dalla bandiera Italiana (Agosto1991)

Processione con Bandiera Iraliana  1991
Processione con Bandiera Iraliana 1991

Ustica fra i protagonisti al Congresso della Società Geologica Italiana (Università di Milano 10 – 12 Settembre 2014)


Ustica al CongressoUstica ha ricevuto un’attenzione particolare al Congresso della Società Geologoca Italiana (SGI), che quest’anno si è tenuto a Milano, dal 10 al 12 settembre. Due comunicazioni scientifiche, presentate alle Sessioni Poster, hanno evidenziato l’importanza scientifica e didattica che gli studiosi di Scienze della Terra attribuiscono alle formazioni geo-vulcanologiche della nostra isola, suscitando l’interesse degli intervenuti.

La prima comunicazione, ad opera del vulcanologo Sandro de Vita (INGV-Osservatorio Vesuviano) e del geologo-divulgatore scientifico Franco Foresta Martin (Centro Studi), ha valorizzato l’esclusività della genesi di Ustica, che rappresenta l’unica isola vulcanica emersa del Tirreno la cui origine è dovuta ai processi distensivi e di apertura (oceanizzazione) in atto da alcuni milioni di anni in quel Bacino. Ciò fa di Ustica l’unico lembo di terra accessibile in cui ricercatori e studenti possono rintracciare formazioni geovulcanologiche e prodotti vulcanici legati a questi imponenti fenomeni .
Il lavoro di de Vita e Foresta Martin, dal titolo: “The island of Ustica, an open air geoscience museum: the role of geoparks in the dissemination of the Earth Sciences”, avanza infine la proposta di includere l’isola di Ustica  nella rete dei geoparchi riconosciuti d’importanza mondiale dall’UNESCO (l’organizzazione per la Scienza e la Cultura delle Nazioni Unite).
L’altro lavoro su Ustica, elaborato da Sandro de Vita, Massimo D’Antonio, Lucia Civetta e Giovanni Orsi, col titolo: “The evolution of the magmatic feeding system of the Ustica island”, illustra i risultati delle più recenti analisi sui vari tipi di magmi che hanno alimentato, nel corso della sua lunga storia eruttiva, il vulcano usticese. Dallo studio esce confermata la natura “anorogenica” di Ustica, cioe di vulcano non dovuto a processi di subduzione (come le vicine Eolie), ma alla risalita di un pennacchio di magma direttamente dagli strati piu profondi (mantello) della Terra.
Gli abstract dei due lavori si possono scaricare dal sito della SGI:

www.geoscienze2014.it

Nella foto: Franco Foresta Martin e Sandro de Vita illustrano la geo-vulcanologia di Ustica a un gruppo di ricercatori al Congresso SGI di Milano

 

 

Derby delle Isole: La Federazione Italiana Gioco Calcio ringrazia


[ id=21011 w=320 h=240 float=left] “Derby delle Isole”

Una Grande giornata di sport !

Si ringraziano il sindaco del Comune di Ustica Attilio Licciardi, il suo vice Giovanni Tranchina, l’assessore allo sport Tania Licciardi e il consigliere comunale Manuela Vena e tutta l’amministrazione comunale. Inoltre un particolare ringraziamento al presidente dell’Ustica Calcio Filippo Vena e al presidente della Virtus Lampedusa Giovanni Martello per una giornata vissuta all’insegna dei valori dello sport.

 

Terzo Collegiale della Nazionale di Apnea outdoor italiana


[ id=18442 w=320 h=240 float=left] Si è svolto dal 19 al 21 Luglio nelle acque di Ustica il terzo collegiale della NAZIONALE DI APNEA OUTDOOR Italiana. Tre giorni completamente incentrati sul Jump Blue e sull’immersione in Assetto Costante, coordinati dal Direttore Tecnico Stefano Tovaglieri e assistito dal Dr. Ferruccio Chiesa che ha proseguito la raccolta di dati per una ricerca medico-scientifica sulle aritmie cardiache applicando un holter scafandrato agli atleti partecipanti.

Quattro gli atleti convocati dal DT: Gaspare Battaglia, Massimiliano Astuto, Egidio Lispi e Mariafelicia Carraturo che a conclusione di queste tre giornate hanno mostrato un’ottima condizione di forma, considerato siamo all’inizio della programmazione degli allenamenti in profondità. Di rilievo le prestazioni del siciliano ( Catanese) Massimiliano Astuto che ha concluso con un tuffo in assetto costante a – 76 m. e della partenopea Maria Felicia Carraturo che ha concluso questo collegiale a – 70 m.

Un in bocca al lupo va in particolare a Gaspare Battaglia che, per la specialità di apnea statica (ha un personale di 8’04”) difenderà il tricolore al prossimo Mondiale che si terrà a Kazan in Russia nei primi giorni di agosto.

Si ringrazia L’ Hotel Restaurant Diana e Il Diving Center Altamarea per la logistica, il Comune di Ustica, gestore dell’AMP, nella persona del Sindaco Attilio Licciardi e il Comandante della Delegazione di Spiaggia CP Paolo Campodonico per l’accoglienza.

Gaetano Lo nero

 

Presidente della Repubblica Italiana Leone in visita ad Ustica


[ id=15971 w=320 h=240 float=center]

Teresa Nicoletti – Cavaliere della Repubblica Italiana


 

Felice di avere il passaporto (cittadinanza) italiana


[ id=10972 w=320 h=240 float=left] Pietro, here is Tom and me with Roberto Ruoco, Vice console Italiano a San Diego in California e una donna dell’ ufficio del consolato a Los Angeles.
There was many people getting Italia cittadinanza quel giorno, Decembre 27. We were all molto felice !!!
We were finger printed for our passaporto Italia.
Adesso Tom and io abbiamo la cittadinanza Italiana !!!! Bravi !!!!

Salute, Marilena Robershaw Manfrè

^^^^^^^^^^

Traduzione Mariangela Militello

Pietro,
questi siamo io e Tom con Roberto Cuoco, Vice console Italiano di San Diego in California ed una collaboratrice dell’Ufficio del Consolato di Los Angeles.

Quel giorno, 27 Dicembre c’erano molte persone che stavano per ottenere la Cittadinanza Italiana!! Eravamo tutti molto felici!!!
Le nostre impronte digitali sono state poste sul Passaporto italiano.
Adesso Tom ed io abbiamo la Cittadinanza Italian!!! BRAVI!!!!

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Montecosaro Mariangela Militello

Hi Marlene,
so happy for you and your family
Next time we’ll meet you in Ustica as “Cittadina Usticese”!!!!!!!
I wish you a very Happy New Year!!

^^^^^^^^^^^

Da Cosenza Salvio Foglia

è un gran giorno da ricordare, l’anno non poteva finire meglio!
auguri ai neo-cittadini italiani, buon anno a marilena e tom!

 

 

 

Processione Madonna della Croce


[ id=9874 w=320 h=240 float=left]  Bella e significativa foto… –  Strada Tramontana – Processione Madonna della Croce – donne dell’Azione Cattolica con la Bandiera Italiana.

cittadinanza italiana alla signora Kepka Marzena Teresa nata a Nuova Sarzyna Polonia


[ id=7467 w=320 h=240 float=center]

Conferimento cittadinanza italiana signora Kepka Marzena Teresa


Il sindaco di Ustica, vestito, come da legge, in forma ufficiale alla presenza dei testimoni, Antonino Licciardi e Gaetano Caminita, stante la proposta di atto formalizzata dalla funzionaria signora Concetta Natale , ha conferito la cittadinanza italiana alla signora Kepka Marzena Teresa nata a Nuova Sarzyna Polonia il 25.01.81. L’atto avrà validità giuridica da domani.

 

Ettore Morace Amministratore di Cin (Compagnia Italiana di Navigazione)


[ id=5365 w=150 h=200 float=left] Ettore Morace è stato nominato amministratore delegato della neonata società “Compagnia Italiana di Navigazione”.

Lo hanno annunciato gli armatori Aponte, Grimaldi e Onorato.

Morace è nato a Napoli nel 1962, e vanta una vastissima conoscenza del mondo del trasporto marittimo internazionale. Negli anni ha sempre più arricchito il suo profilo manageriale ricoprendo ruoli dirigenziali in diverse compagnie di navigazione italiane ed estere.

In particolare, nel 1994 Morace è stato co-fondatore della società siciliana Ustica Lines S.p.A di cui è stato amministratore delegato fino al 1997. Nel 1999 è stato co-fondatore, e membro del CdA fino al 2005, della compagnia marittima spagnola Balearia. Attualmente ricopre il ruolo di Direttore della divisione traghetti per la società Unitramp Shipbrokers.

Grazie alle sue competenze manageriali e la sua profonda conoscenza del settore marittimo, Ettore Morace è ritenuto dagli armatori Gianluigi Aponte, Emanuele Grimaldi e Vincenzo Onorato, come la persona più idonea a comandare la nuova società da loro creata allo scopo di rilevare la Tirrenia.

Fonte: Trasporti Italia.com