I Ragazzi di Don Lorenzo- Grazie di cuore…


Egregio, emh… salve…ma quale salve ed egregio.

Caro anzi, carissimo Padre Lorenzo, (per scrivere questa lettera ci abbiamo messo un’eternità, perché non riuscivamo a darti un saluto finale e definitivo in quanto siamo cresciuti con te.)

Siamo noi, i tuoi ragazzi… I ragazzi che hai cresciuto fisicamente mentalmente e spiritualmente…

Siamo quei ragazzi che senza te non sappiamo cosa fare, siamo allo sbando, senza guida, come una macchina di formula1, ma senza conducente.

Siamo quei ragazzi impauriti del futuro, quei ragazzi che senza una guida si possono autoclassificare “persi”.

Quando siamo andati a Lourdes, vedevamo gli altri gruppi completamente distaccati dal proprio parroco…tant’è che un giorno una nostra amica che avevamo conosciuto lì, ci ha chiesto:-“Come mai avete un rapporto così confidenziale con il vostro parroco?”

Beh, che dire… è una cosa, un legame affettivo troppo forte, indistruttibile, inspiegabile, grazie alla nostra genuinità interiore sia agli occhi tuoi sua agli occhi di nostro Dio Padre; e per questo oggi noi ragazzi ci siamo riuniti qui, per darti questo grandissimo affettuoso ma allo stesso tempo doloroso addio. Addio? Ma quale addio, il nostro è un ciao.

Perché ciao?! Si Ciao, perché siamo sicuri… perché il nostro legame è così forte che un giorno ci rincontreremo.

Conoscete voi quella legenda Giapponese del filo rosso?

Bene…

La leggenda del filo rosso è un’antica credenza orientale che racconta come le anime gemelle e le belle amicizie siano legate da sempre e per sempre da un filo sottilissimo, legato al mignolo della mano sinistra oppure, secondo alcune versioni, alle caviglie…

Ma noi siamo legati a te emotivamente, spiritualmente e anche da questo filo rosso.

Che brutta giornata oggi.

Dire ciao al nostro parroco…

Dire addio a feste, chiacchiere confessioni personali, ma soprattutto dire addio ad un nostro fratello.

Non vogliamo lasciarti, ma come abbiamo detto prima, siamo legati, e i fili come ben sapete sono destinati a rincontrarsi.

Grazie, ma non grazie scritto in stampatello minuscolo, G-R-A-Z-I-E scritto a caratteri cubitali divisi da un trattino.

Grazie di cuore <3.

Grazie per averci sostenuti sempre e comunque…

Grazie per averci consigliato come un padre…

Grazie per quella bella esperienza a Lourdes.

Grazie per averci fatto diventare quello che noi oggi siamo.

Grazie Padre Lorenzo.

Grazie veramente tanto.

Ti vogliamo bene!

I tuoi ragazzi

Lettera di saluto a “Don Lorenzo”


Ustica, 13 Settembre 2020

Caro Don Lorenzo,

questo è uno di quei momenti nei quali nella vita non vorremmo mai trovarci. Ma è la vita stessa, nella sua essenza naturale, che ci conduce sempre, nostro malgrado, ai distacchi più o meno profondi e sempre dolorosi.

La nostra esistenza terrena è una serie di cicli ed oggi siamo qui ad affrontare, con la dovuta serenità d’animo alla quale il buon Cristiano è abituato in funzione della propria Fede, uno dei cicli di vita della nostra Comunità e del nostro Parroco Don Lorenzo iniziato otto anni fa e che si concluderà a giorni.

Abbiamo già avuto diversi incontri, privati ed istituzionali, parlando ed immaginando questo momento che non sarà mai uguale al momento del vero distacco.

In occasione del tuo avvicendamento ciò che ci aiuta e ci consola è che non è un “addio” ma un “arrivederci”.

Abbiamo cercato di condividere – e forse non sempre riuscendoci –  le gioie, i dolori e le preoccupazioni.

La nostra riconoscenza è grande per il dono della tua presenza attenta e ricca, in particolare nei confronti dei nostri giovani e dei nostri anziani.

Siamo profondamente orgogliosi di avere avuto un “Pastore” come te che con la sua pazienza e disponibilità ci ha guidati nella sua complessa – e forse poco compresa – missione ma che è riuscito a rendere viva la Comunità.

Sono tanti i ricordi piacevoli che custodiamo nella nostra mente e nei nostri cuori, tanti quanto il tempo vissuto insieme a te.

Abbiamo passato anche momenti difficili, momenti di incomprensione, momenti di delusioni ma il ricordo più bello è quello di averci accettato così come siamo, con tutti i nostri pregi e difetti e di aver ricevuto in cambio l’amore che un padre ha verso i propri figli.

Sono certo di interpretare il pensiero della Comunità Usticese esprimendoti il nostro “GRAZIE !” dal profondo del cuore per gli anni vissuti con te in questa Comunità ed un vero grazie per tutto quello che hai fatto in particolare per ognuno di noi e ti ricorderemo sempre come parroco di questa Chiesa e non solo come un vero Padre ma come un fratello.

Grazie per i tuoi consigli, grazie per aver accettato i nostri limiti e le nostre titubanze, grazie per averci sempre incoraggiati a fare meglio, grazie per essere stato zelante “operaio” della Chiesa affinché la nostra Comunità fosse prolifera di buone azioni.

Don Lorenzo, hai percorso un tratto della tua vita insieme a noi e ti assicuro che il tuo passaggio, fra slanci e battute d’arresto, fra pregi e fragilità, lascerà indubbiamente un segno indelebile nel tempo.

Il tuo trasferimento è segno tangibile della provvisorietà di questi legami, umanamente importanti, ma destinati a cambiare, soprattutto nella vita di un sacerdote; sono convinto comunque che, con la tua determinazione, saprai ricominciare in un nuovo ambiente e con nuove persone.

L’augurio di tutti noi qui presenti, si concretizza nelle parole di San Francesco che, con gioia vera, doniamo a te questa sera:

“Il Signore ti benedica e ti custodisca, mostri a te il Suo volto e abbia misericordia di te. Rivolga verso di te il Suo sguardo e ti dia pace”.

    Il Sindaco
Salvatore Militello

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Gaetano Nava

Noto con viva soddisfazione che il tanto spauracchio “Covid19″ a distanza di circa 40 giorni nella chiesa di ustica non esiste più. Il tempo intercorso dal giorno del funerale di BRUNO CAMPOLO al giorno del discorso del Sindaco ,per il commiato a Padre LORENZO. La mia non é polemica verso il Sindaco , anzi va un plauso per le parole espresse nei confronti del Parroco. Il giorno del funerale di BRUNO, avevo chiesto di ricordarlo leggendo poche righe , che come tempo avrei impiegato un 5 minuti non di PIÙ commozione permettendo, ma mi è stato vietato , ” dicendomi che per ragioni di Covid 19, ” non si.potevano fare dei discorsi. Invece ho letto e visto che domenica 13 alle ore 18 , si sono usate due pesi e due misure, capisco che bisognava da parte del Sindaco ringraziare l’operato di Padre LORENZO in questi 8 anni di permanenza ad ustica , ma in quel giorno c’era da ricordare un uomo che aveva lasciato questa vita terrena ed era l’ultima possibilità di farlo.

La vicinanza della Comunità usticese, in questo difficile momento,  al Parroco Padre Lorenzo Tripoli


Le disposizioni governative nazionali in materia di mobilità necessariamente imposte alla popolazione per contrastare e debellare, ci auguriamo in tempo quanto più breve possibile, il diffondersi dell’epidemia del coronavirus stanno comportando per tutti un improvviso impensabile cambiamento delle nostre abitudini di vita, del nostro modo di muoverci, di lavorare, di relazionarci con gli altri. Questo, che meglio sarebbe chiamare stravolgimento, interessa anche la Chiesa nelle sue abituali procedure spirituali. Sull’argomento ospitiamo volentieri un breve intervento del parroco dell’isola Padre Lorenzo Tripoli.

Padre Lorenzo, ha avuto occasione di constatare che i suoi parrocchiani, abitualmente vicini a lei, oggi lo sono ancora di più paradossalmente in un periodo in cui per superiori disposizioni sanitarie sono disciplinatamente tenuti a stare lontani da lei?

“Il fatto di essere impossibilitato a incontrare i miei cari parrocchiani, di non poter avere contatti con loro, mi pesa tantissimo. Comunque ringrazio sempre Dio in quanto questa meravigliosa comunità in effetti, pur fisicamente distante, è stata e continua ad essere vicina a me come parroco, facendomi sentire la presenza in diversi modi .”

Il giustificato divieto di aggregazione è per ora il sacrificio più duro da sopportare?

Si, vedere la nostra chiesa vuota, sopratutto la domenica, è un dolore grande per un sacerdote ma posso dire che questa è una vera quaresima durante la quale si sta riscoprendo, almeno spero, il senso dell’unione familiare e della preghiera.”

Padre Lorenzo, si dice già che Continue reading “La vicinanza della Comunità usticese, in questo difficile momento,  al Parroco Padre Lorenzo Tripoli”

Riceviamo e pubblichiamo – Ringraziamento per l’elezione di Lorenzo Romano al Consiglio dell’ VIII Circoscrizione


Domani 27 luglio, alle ore 10, il presidente Pasqualino Monti presenterà la nuova Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale                Porti di Palermo, Termini Imerese, Trapani, Porto Empedocle

Interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Termini Imerese Francesco Giunta, il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina, e il C.A. (CP), comandante della Capitaneria di porto di Palermo – Direttore marittimo della Sicilia occidentale, Gaetano Martinez

AdSP del Mare di Sicilia occidentale
Sala riunioni – p. I
Via Piano dell’Ucciardone, 4 Palermo

Grazie della collaborazione
L’ufficio stampa
Antonella Filippi
339.4242177

 

Auguri a Padre Lorenzo Tripoli, parroco della Parrocchia San Ferdinando Re di Ustica, per i suoi 6 anni di Sacerdozio


Auguri a Padre Lorenzo Tripoli per i suoi 6 anni di Sacerdozio
Auguri a Padre Lorenzo Tripoli per i suoi 6 anni di Sacerdozio

Padre Lorenzo e il nipotino

 

Padre Lorenzo e il nipotino
Padre Lorenzo e il nipotino

 

Cerimonia di presentazione Padre Lorenzo Tripoli alla comunità usticese


[nggallery id=596]

[nggallery id=598]

La comunità usticese accoglie festosamente Padre Lorenzo Tripoli


Oggi alle 16,15, con la nave, è arrivato il nuovo “amministratore parrocchiale” di Ustica, Padre Lorenzo Tripoli. Ha 35 anni e la sua giovane età non gli consente di essere ancora Parroco.

La Comunità usticese ha accolto Padre Lorenzo festosamente, dando il benvenuto nel nome del Signore

[nggallery id=594]

Ieri Lorenzo e Cristina Sposi – (1° gruppo foto)


Ieri 6 Ottobre 2011, nella chiesa SS. Pietro e Paolo in Palermo, si sono uniti in matrimonio Lorenzo Baiamonte e Cristina Guccione.

Dopo la Cerimonia, celebrata da Don Rino La Delfa, Preside della Facoltà Teologica di Sicilia, gli sposi hanno salutato gli intervenuti, offrendo loro un raffinato cocktail, presso il Grand Hotel et Des Palmes

^^^^^^^^^^

[nggallery id=407]

Lorenzo e Cristina Sposi – (2° gruppo foto)


[nggallery id=408]

Lorenzo e Cristina Sposi – (3° gruppo foto)


[nggallery id=409]

Lorenzo e Cristina Sposi (4° gruppo foto)


[nggallery id=410]

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Palermo Serena Caserta

Non ero a conoscenza del vostro matrimonio, ma grazie a Usticasape con tanta gioia ho visto le fotografie. Auguri vivissimi, e spero che l’amore e la felicita’ rendono il vostro cammino sereno. Congratulazioni per il lieto evento.

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Giovanna Caserta

Abbiamo visto con tanta gioia le Vs foto. Complimenti per la scelta della Chiesa (io la frequento ogni domenica) e Vi auguro tanta felicità dal profondo del mio cuore. Giovanna, Chiara e Andrea

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Eugenio e Anna Maria Guccione

Carissimi Cristina e Lorenzo, fate in modo che l’amore non sia fine a se stesso, bensì coltivatelo come se fosse un albero da frutto perché, anch’esso, come un albero, possa dare frutti dolci e profumati. L’amore va seguito e curato nel tempo, nelle gioie e nelle difficoltà. Ciò non deve essere da voi mai dimenticato. Auguri di ogni bene. Iddio e la Madonna delle Grazie vi proteggano sempre e ovunque. Un abbraccio.

mamma e papa’

^^^^^^^^^^^^

Da New Orleans Maria Bertucci Compagno

Ho visto le foto del matrimonio di Lorenzo e Cristina e mi sono anche commossa nel vedere gli sposi così felici e anche i genitori. Ho visto molti conoscenti (Pina, Rosa, Bartolina…).

Tanti Auguri agli sposi di essere sempre uniti nell’Amore.

^^^^^^^^^^

Da Ustica Carmelina Caserta

Tantissimi auguri a Cristina e a Lorenzo…, è stata una piacevole sorpresa trovarvi quì con le foto del vostro matrimonio, ..Usticasape ci allieta anche con momenti di felicità da condividere con amici,parenti e conoscenti..

Un mondo di bene e felicità infinita .. AUGURIIII

 

L’ultimo saluto a Graziella Giuffria Di Lorenzo


Tante gente questa mattina, nonostante la giornata lavorativa, ha voluto dare l’ultimo saluto a Graziella Giuffria Di Lorenzo ed assistere alla cerimonia religiosa officiata da Padre Lauro Vattuone.

Il feretro, dopo la cerimonia, è stato accompagnato in corteo sino al cimitero dove, prima della sepoltura, Giovanni Palmisano (detto il Talebano) ha voluto ricordare Graziella come una persona buona, sensibile, disponibile e devota a Maria alla quale offriva le sue sofferenze per amore della famiglia… Spero che lassù, ha concluso, troverà quell’Amore e Pace che ha sempre cercato nella Vita Terrena.

[nggallery id=382]