Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Il massimo della stupidità si raggiunge non tanto ingannando gli altri ma sé stessi, sapendolo. Si può ingannare tutti una volta, qualcuno qualche volta, mai tutti per sempre.
(John Fitzgerald Kennedy)

Il massimo della stupidità si raggiunge non tanto ingannando gli altri ma sé stessi, sapendolo.
Si può ingannare tutti una volta, qualcuno qualche volta, mai tutti per sempre.

(John Fitzgerald Kennedy)

Ustica Villaggio letterario Punta Spalmatore – incontro con Massimo Onofri


All’interno della manifestazione “Ustica villaggio letterario” ​ideato da Anna Russolillo nella cornice del Villaggio Punta Spalmatore, domenica 30 luglio alle 19,30 un appuntamento da non perdere sarà l’incontro con Massimo Onofri, autore del libro “Benedetti Toscani. Pensieri in fumo”.​ Tra le sigarate ci sono diverse pagine dedicate alla nostra isola e nella nostra isola il libro appena uscito è presentato per la prima volta in Sicilia

L’evento aprirà la rassegna “Libri e illustrazioni al Sole”, dieci giorni dedicati all’editoria, alle case editrici e alle librerie.

Protagonista di “Benedetti Toscani” è lo stesso dei due libri precedenti dell’autore, “Passaggio in Sardegna” e “Passaggio in Sicilia”, che guarda caso si chiama Massimo Onofri, ci ha detto l’autore che abbiamo intervistato.

– Il libro apre con una dichiarazione d’intenti: esso accoglierà i frutti dello stare, inteso come sostare nella mera esercitazione di un’arresa pigrizia…

“Sì, bisogna fare un passo indietro nei libri precedenti per comprendere a fondo il senso di quest’ultimo. In “Passaggio in Sardegna” Massimo Onofri si confronta con la separazione violenta dalla figlia e nel capitolo “Alghero for ever” tento di rispondere a questo dolore adottando uno stile di vita che potrei definire “slow life”, dove slow sta non per ‘lento’ ma per ‘intenso’. Ecco la pigrizia di cui mi chiedeva prima parte da qui, essa non è indolenza ma presa di coscienza di un grande dolore e insieme risposta di resistenza. Altri eventi dolorosi mi hanno condotto ad una ‘passiva attività’ non perchè mi sia arreso agli eventi della vita, ma perchè ho scelto di far entrare il dolore dentro di me, accogliendone anche il gusto. La pratica di fumare il sigaro rappresenta quindi una scommessa esistenziale forte, dove si incontrano vita e dolore”.

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Il politico democratico, che deve tener d’occhio il consenso, o piuttosto manipolarlo, è fatalmente indotto a prendere decisioni demagogiche che solo all’apparenza soddisfano gli interessi della comunità.

Massimo Fini

PALERMO. VIE DEI TESORI. Due visite in notturna alla scoperta del Teatro Massimo con Le Vie dei Tesori


PALERMO 03.04.2008 – IL TEATRO MASSIMO DI PALERMO.
© FRANCO LANNINO / STUDIO CAMERA

Domani sera e giovedì 29 visite nel foyer e nella Sala Grande a 1 euro

PALERMO. Due serate di visite al Teatro Massimo illuminato a festa. Dopo la chiusura del Festival di ottobre con oltre 210 mila visitatori, Le Vie dei Tesori, in collaborazione con il Teatro, torna per una due giorni nel magnifico monumento Liberty che porta la firma di Giovanbattista ed Ernesto Basile. Domani sera  (giovedì 22 dicembre) dalle 21.30 alle 24, e il prossimo giovedì (29 dicembre), dalle 20.30 alle 24, sarà possibile visitare e fotografare con 1 solo euro il foyer e la Sala grande del Teatro, con i suoi velluti, gli ori e i palchi.

L’ingresso avverrà dallo scalone monumentale, coperto per le feste da un tappeto di stelle di Natale, poi si varcherà il pronao con le colonne illuminate a festa, poi un giro libero nel foyer e nella Sala Grande. I volontari qualificati delle Vie dei Tesori potranno fornire informazioni e curiosità su richiesta del pubblico.

“Il nostro Teatro – dice il sovrintendente Francesco Giambrone – è uno dei monumenti della città più amati da palermitani e turisti, quest’anno i visitatori sono quasi 100 mila, un trend in continua crescita. In occasione delle feste di Natale abbiamo pensato di offrire quest’ulteriore occasione di visita in notturna, un breve tour che consentirà di conoscere il foyer e la Sala Grande, di scattare una foto ricordo, di vivere un’emozione”.

“Dopo il grande Festival di ottobre – dice Bernardo Tortorici di Raffadali, presidente dell’associazione Amici dei Musei siciliani, tra gli organizzatori delle Vie dei Tesori – torniamo con entusiasmo per collaborare all’apertura di uno dei luoghi più amati dal nostro pubblico, che in occasione del Festival ha potuto scoprire i segreti del palcoscenico e che adesso potrà tornare per visitare il foyer e la magnifica Sala Grande. Una visita libera, che i nostri volontari supporteranno con informazioni per chi lo vorrà”.

Palermo, 21 dicembre 2016

Ufficio stampa VIE DEI TESORI: Simonetta Trovato,  333.5289457

simonettatrovato@libero.it

 

 

Vie dei Tesori ritorna al Teatro Massimo che offre spettacoli a prezzi ridotti. Incontro con Marcello Sorgi. Le Vie dei Sapori


Le Vie dei Tesori: si torna al Teatro Massimo che offre due spettacoli a costo simbolico
Al Salinas Sorgi presenta domani il suo “Colosseo vendesi”; in via Maqueda il Village
Al San Lorenzo mercato incontro e degustazione di funghi con “Le Vie dei sapori”

PALERMO. Tre appuntamenti da non perdere, questo fine settimana, per il Festival Le Vie dei Tesori. Mentre riaprono le porte da domani 90 luoghi di arte, scienza e natura e vanno avanti le passeggiate d’autore (con più di 1000 persone che ogni weekend scelgono di percorrere a piedi strade del centro e itinerari verdi), si entra nel vivo degli incontri.

Domani (venerdì 14 alle 17), Marcello Sorgi, ex direttore del Tg1 e de La Stampa e oggi editorialista de La Stampa, presenta il suo romanzo di fantapolitica “Colosseo Vendesi” nell’atrio del Museo archeologico Salinas, di piazza Olivella. Con lui il vicecaporedattore di Repubblica Palermo, Fabrizio Lentini.

Sempre domani, ma alle 18.30, secondo appuntamento al San Lorenzo Mercato con “Le Vie dei Sapori”, ciclo di incontri-degustazione realizzati in collaborazione con il corso di laurea in Scienze e Tecnologie agroalimentari dell’Università di Palermo e con l’Associazione Cuochi e Pasticceri di Palermo. Domani si parla di funghi con Johnny Lagrua, presidente dell’associazione culturale Promomadonie-Sicilia Castelbuono, con il produttore Salvatore Miceli (società agricola Villa Giuseppina) e con il professore Giuseppe Venturella, docente di Botanica forestale e Micologia dell’università di Palermo.

Sabato, sempre alle 17, e sempre nell’atrio del Museo Salinas toccherà invece alla giornalista e scrittrice Claudia De Lillo in arte Elasti, mito delle mamme costrette a essere elastiche tra mille impegni, parlare  del suo ultimo libro, il romanzo “Alla pari”, la storia di Alice che, a poco più di vent’anni lascia gli Stati Uniti e parte per Milano a occhi chiusi, all’avventura: au pair per sei mesi. Con lei il giornalista Giovanni Villino (autore del blob Patapumpete) Un appuntamento tutto per famiglie. Mentre le mamme e i papà ascoltano Elasti, i bambini potranno assistere gratis a uno spettacolo curato dall’associazione “Incontrosenso” e ispirato proprio al Museo Salinas. Lo spettacolo si intitola “Il kamishibai e i racconti del mito”. Il Kamishibai è un piccolo teatro d’immagine e parole di origine giapponese. I cantastorie lo usavano per raccontare ai bambini storie illustrate. Una forma di storytelling in cui la narrazione viene accompagnata da una serie di pannelli disegnati che illustrano gli episodi principali del racconto. Un originale strumento di lettura e di narrazione in cui il dono della voce e della parola si coniugano con la magia delle immagini. I bambini saranno trasportati nella magica atmosfera dei miti e delle leggende raffigurate nelle famose metope di Selinunte e fra i reperti del Museo Salinas.

Questo fine settimana un’iniziativa straordinaria del Teatro Massimo per “Le Vie dei Tesori”. Tutti coloro che si presenteranno al botteghino del Teatro con un coupon del Festival (già utilizzato o non ancora utilizzato) potranno assistere a uno spettacolo in Sala Grande al prezzo poco più simbolico di 5 euro. La scelta è tra “Il Pinocchio (mal) visto dal gatto e la volpe” con Andrea Camilleri e Ugo Gregoretti, regia del Collettivo Shorovsky, in programma sabato 29 e domenica 30 ottobre, e “Babbelish, ovvero i fratelli gabbati”, in programma il 3 e il 4 dicembre, un divertente apologo sulla felicità. È anche possibile vederli tutti e due al prezzo speciale. Domenica, invece, ritorna la visita dietro le quinte del Teatro Massimo, tra macchinisti e scenografi, per scoprire il palcoscenico e capire il funzionamento di un sipario: la visita sarà possibile dalle 12,30 alle 17.

Il Village. In via Maqueda “Le Vie dei Tesori Village”, il villaggio che valorizza le eccellenze dell’artigianato e del gusto. Box ecologici ospiteranno artigiani di legno, cuoio, ceramica, e i corner di assaggi di qualità. Ma anche estemporanee di pittura, laboratori, spettacoli del fuoco. Nel Village un info point della manifestazione e uno stand del merchandising ufficiale.

Le mostre. Nella sede Catena dell’Archivio di Stato è visitabile la mostra documentaria “Giuseppe Damiani Almeyda. L’archivio dell’architetto”, curata da Mario Damiani, Paola Barbera e Antonella D’Antoni. Documenti e “strumenti” originali dall’archivio personale di Giuseppe Damiani Almeyda, consentono di conoscere il metodo del grande progettista. Nella sede Gancia è aperta la mostra documentaria La Sicilia e il mare. Testimonianze iconografiche e documentarie. Secoli XV-XX. Invece al Museo Diocesano, tra le numerose opere esposte negli straordinari saloni affrescati, si può scoprire un curioso sgabello intagliato con simboli della storia della città: è “Uccio”, realizzato dai detenuti dell’Ucciardone che presto lo doneranno al Papa.

 

Comune di Ustica – l’Ing. Aerospaziale Massimo Pugliese ha rinunciato all’incarico di I. D. T.

Comune-di-Ustica-Da fonti bene informate abbiamo avuto la certezza che l’Ing. aerospaziale Massimo Pugliese  ha rinunciato all’incarico di Istruttore Direttivo Tecnico presso il Comune di Ustica  per “problemi familiari”.

INVITO AL SILENZIO IN RICORDO DI MASSIMO DANIOTTI LONGO

 

Massimo Daniotti Longo
Massimo Daniotti Longo

Il nostro fratello ed amico Massimo Daniotti Longo ha concluso il suo silenzioso cammino su questa terra. Con lo stesso silenzio, appena in punta di piedi e senza dare disturbo, d’un colpo, è entrato nel più grande silenzio della morte, mistero eccedente e silenzioso che tutti ci attende. Tutta qui la sua vita, raccolta e annodata in quarantasei anni di silenzio? Tutta qui una vita, la vita? A noi abituati a pensarla e a pensarci su ben altri registri ci disorienta e ci inquieta non poco. Nel nostro immaginario la vita vale per la sua durata, perché piena di avventure e di rumore e non tanto per la qualità e l’intensità che possono trasfigurare i giorni e tutto. Il suo tempo è stato breve, la sua malattia pesante, il suo silenzio lungo e impenetrabile.

Chi di noi si ricorda che le esperienze, potrebbero avere tutt’altro significato e le valutazioni essere ribaltate? Chi pensa che nell’orizzonte di Dio un giorno è come mille anni e mille anni come un giorno solo? Chi riflette che ciò che viviamo dentro, in profondità, soprattutto con l’anima e con l’amore, può trasformare tutto della vita? Può trasfigurare tutta la vita e la vita di tutti e pure la morte? C’è una sapienza, misteriosa, nascosta, sorprendente e divina che può dare sapore al gusto insipido del dolore e della malattia, della brevità dei giorni e dei sogni negati, dei fallimenti vissuti e della speranza infranta. C’è solo la Pasqua di Cristo capace di Continue reading “INVITO AL SILENZIO IN RICORDO DI MASSIMO DANIOTTI LONGO”

Sotto a chi (non) tocca – Massimo Gallo


[ id=15380 w=320 h=240 float=left] Sotto a chi (non) tocca. Sono costretto per questa volta a modificare leggermente ma sostanzialmente il titolo di questa rubrica dI fine settimana dal momento che la squadra di calcio a 5 di Ustica se ne resterà a casa per persistenti problemi di collegamento con la terra ferma; niente para pertita ASDUC vs l’Atletico. Da circa un’ora sono di ritorno proprio da una “perlustrazione” presso la struttura dove si sarebbe dovuto svolgere l’incontro. Bella, popolata da una miriade di bambini di tutte le età impegnati ad emulare le gesta dei più grandi; identica a quella di Ustica per recinzione, proporzioni, fondo campo e, curiosa analogia, per un bel panorama che consente di ammirare il mare e la “patella” come da lì appare allo sguardo l’isolotto di Isola delle Femmine. Incontro il Presidente; promuovo un collegamento telefonico col nostro Salvatore Militello; entrambi manifestano il rammarico per il rinvio. Gentilissino,ad una mia ben precisa domanda a proposito della sua squadra risponde telegraficamente con con poche parole che non lasciano dubbi sulle intenzioni: “miriamo a vincere il campionato” E che queste intenzioni siano reali lo dimostra il ruolino di marcia finora ottenuto: due vittorie su due. Avversari avvisati.

Avevo precedentemente preprato una intervista col mister Massimo Gallo; la “mando” lo stesso.

“La Società nasce nel 2005 su iniziativa di Giacomo Margarini; vengo chiamato ad allenare l’Atletico Capaci e lo faccio col doppio incario cioè anche come giocatore; la squadra è formata da ragazzini di 15- 17 anni; abbiamo fatto un bel terzo posto poi negli anni sucesivi un secondo dietro la Mabbhonat ad un punto; poi perso un primo posto con lo spareggio con l’Altofonte per andare in C2. Abbiamo vinto anche una Coppa Trinacria; obbiettivo attuale come del resto tutti gli anni andare in C2;. da questa stagione ho deciso di non fare più il doppio ruolo ma di curare la squadra in toto, anche perche ho in organico tutti i ragazzi che alleno da ben sette anni. Abbiamo un nuovo Presidente il sig Francesco Cataldo, dirigente Sig. Salvatore Cerniglia e mister il Sottoscritto Massimo Gallo. I nostri colori sociali sono rosso-blu.(modello Barcellona) il nostro campo sportivo si chiama (naturalmente ! aggiungo io) “NOU CAMP” è all’aperto in erba di ultima generazione. Il campionato quest’anno è modesto, in altri anni era formato da squadre con giocatori di categoria superiore che lo rendevano molto equilibrato.” Aggiunge un ricordo turistico-calcistico: “nella vostra bella isola sono venuto spesso in vacanza e nel ’94 o ’95 a giocare col Cinisi in seconda categoria e quell’anno vincemmo il campionato; spero mi siate di porta fortuna. Per finire una annotazione familiar-pubblicitaria: ” ho scoperto che a Ustica abitano parenti di mia moglie del ristorante “Schiticchio”; ottima occasione per venire piu volentieri. Spero di fare domani la vostra conoscenza, tempo permettendo con gli auguri a voi di un buon campionato”. Presidente Cataldo, Mister Gallo, il tempo non ha permesso; conoscenza …rinviata a data da destinarsi come la partita. E’ stato comunque un piacere.

Mario Oddo

 

Trasporti: Incontro Sindaco Massimo LO Schiavo con l’On Raffaele Lombardo


Appare, almeno sulla carta, ricca di incontri l’agenda mattutina dei sindaci delle Isole Minori che nelle more occupano la sede della III Commissione attività produttive dell’ARS a per opporsi ai tagli sui collegamenti con le loro isole.

Di buon ora si sono messi in contatto con il Presidente della Regione , On Raffaerle Lombardo, che incontrerà tra pochi minuti il presidente regionale ANCIM(Associazione Nazionale Comuni Isole Minori), Massimo Lo Schiavo.

Lo stesso Presidente ha già fatto sapere, tramite l’On Pino Apprendi (che unitamente all’On Caputo e Scilla ha passato la notte con i manifestanti), che sta studiando le possibili soluzioni al problema e a seguire, intorno alle 10.30, le proporrà ai sindaci di Ustica, Favignana, Pantelleria e Salina nonchè l’ufficio di presidenza della III Commissione ARS. Alle 12 .00 , presso l’assessorato alle infrastruture di via Leonardo Da Vinci, l’assessore Andrea Vecchio incontrerà i presidenti della NGI ( Ustica- Palermo) e Traghetti delle Isole ( Pantelleria-Trapani e Egadi – Trapani) probabilmente per proporre loro di proseguire il servizio in attesa di una disposizione di pagamento. Successivamente, alle 12.30 l’assessore regionale inconterà il Presidente della Ustica Lines ed a seguire, separatamente, i sindaci Messina, Antinoro e Lo Schiavo, il Commissario Piazza ed i parlamentari della III Commissione.

Nostro inviato: Aldo Messina

P.S. ore 10.35 Mi chiama il presidente Lombardo che avrebbe trovato la soluzione, ci aspetta tra mezz’ora. Vado con i sindaci e l’ufficio di presidenza.

Vi tengo aggiornati

 

Da Firenze Massimo Caserta


[ id=2220 w=240 h=230 float=left] Mi unisco, purtroppo solo idealmente, alla bellissima iniziativa promossa da Guido Alessandri per collaborare alla cura del nostro cimitero con una partecipazione su base volontaria. L’iniziativa, oltre che mostrarsi utile ed opportuna ai fini del mantenimento decoroso di un luogo a noi tutti molto caro, acquista, a mio parere, per Ustica, un valore aggiunto in quanto presenta per certi aspetti un elemento di novità per quanto riguarda il rapporto poco attento che spesso manteniamo nella cura di tutto ciò che è “pubblico”. Se alle bellezze che la natura ci ha fortunatamente voluto donare, e di cui godiamo i frutti, ci mettessimo, infatti, anche un po’ del nostro, non sarebbe male. Tanti complimenti anche al Sito Ustica Sape, che sta svolgendo una interessante ed ammirevole operazione di comunicazione sociale. Un saluto a tutti i partecipanti ed alla operazione “Cimitero pulito”.

Massimo Caserta