LUCIO MESSINA RIABBRACCIA IL MARE DI USTICA


Questa è la copia di una lettera intima che Mimmo Drago aveva donato il 18 Ottobre a Roberta Messina, figlia dell’indimenticabile Lucio, non appena aveva appurato della Sua scomparsa.

Racchiude i sentimenti, i pensieri e le emozioni di Mimmo che tutti gli abitanti di Ustica condividono affettuosamente!

(La Redazione di Ustica Sape)

 ————–

   Lucio Messina, se n’è andato, adesso nuota nel cielo con la sua Maricetta e tra le nuvole guarda le trasparenze liquide dell’isola di Ustica, mentre le lacrime inondano gli occhi dell’amata figlia Roberta, dei nipoti tutti, del genero e di tutti coloro i quali lo hanno amato e rispettato.

Fu il Direttore per tanti anni dell’A.A.P.I.T. (Azienda Autonoma Provinciale per l’Incremento Turistico) di Palermo, prima denominata E.P.T. (Ente Provinciale per il Turismo), ubicata nella sua sede storica di Piazza Castelnuovo, di fronte il Teatro Politeama Garibaldi, posto proprio nel cuore della città.

Parlare di Lucio Messina, raccontare 60 anni di Rassegne Internazionali delle Attività Subacquee  svoltesi nell’isola di Ustica e descrivere la stessa: l’Isla Negra dei poeti, è la medesima cosa.

Lo conobbi impeccabile nel suo abito grigio di grisaglia, dietro una scrivania in quella sede prestigiosa che raccontava una città che oggi crea sofferenza in chi la ama.

Ritagliò un breve appuntamento in quella sua agenda piena di incontri e ascoltò con attenzione ciò che avevo da dirgli.

Ero un giovane  subacqueo allora e la Rassegna di Ustica era per me un miraggio, ma volevo andare per incontrare i “Padri” della  subacquea mondiale.

Avevo davanti ai miei occhi colui che aveva trasformato quello scoglio nero di lava in una meta turistica prestigiosa, colui che era riuscito, inventandosi tutto, a fare di Ustica la Capitale Mondiale dei Subacquei.

Chi aveva creato anche la prestigiosa  Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee e il premio “Tridente d’Oro”, sogno ambito di tutti gli innamorati del mondo del silenzio.

Quell’isola, fascinosa e sensuale, dopo essersi confrontata con i  migliori arpioni del mondo, divenne laboratorio di idee che nascevano nei convegni e nelle tavole rotonde ben articolate dove sedevano scienziati e sportivi, esploratori e romantici, fu così che decisero di lasciar nuotare per sempre i pesci nel controluce delle nostre emozioni.

Le pietre sorrisero, la vita prevalse ed Ustica fu incoronata  Prima Riserva Marina d’Italia , mentre lui, Lucio Messina, che ancora una volta ne era stato l’artefice, meritò di dirigerla  e condurla nell’Olimpo della grazia e della bellezza.

Trascorsero gli anni ed ancora oggi le alghe, che sembrano dormire, ricordano i suoi occhi e quel nuotare leggero tra le proprie fronde, tenendo per mano Maricetta.

Lucio era questo, un innamorato del mare, ma era anche uno scrupoloso osservatore, un dirigente instancabile  portatore di idee geniali, un attento e puntuale pianificatore di eventi, un uomo gentile e cortese, elegante e garbato che aveva il ritmo dei grandi perché grande era lui stesso.

Soffrì molto quando le risorse, necessarie per mantenere alti quegli eventi, si estinsero e allora si mise di lato, con lo stile e l’armonia che possedeva, lasciando ad altri l’opportunità di prendersi cura di tutto ciò che lui con umiltà e intelletto aveva creato.

E’ risaputo che il rispetto, l’apprezzamento, l’ammirazione e l’amore non conoscono le proprie profondità fino al momento della separazione, quando il ricordo diventa ormai culla in cui noi tutti vorremmo farci dondolare da quell’onda trasparente che è la metafora della nostra anima che ancora non si è sopita!

Ciao caro Lucio, porta con te tra le nuvole il nostro eterno ricordo ed il pensiero infinito di tutti colori che ti hanno donato affetto e stima.

E solo Dio sa quanti sono!

Mimmo Drago

 

Lutto, Lucio Messina è passato ad altra vita


In punta di piedi, nel sonno, se ne è andato ieri un gentiluomo.
Ora è con Maricetta
Roberta

———–

Usticasape si unisce al dolore della figlia Roberta e di quanti volevano bene (erano tanti) a Lucio-

CONDOGLIANZE 

Da Palermo Sergio Fisco

A Roberta le condoglianze più sentite mie e della mia famiglia per la scomparsa di un amico che ricorderemo sempre con affetto.

Alijumbo Messina rientra a Palermo per problemi tecnici


Dall’Agenzia Militello riceviamo comunicazione che l’Alijumbo Messina con 51 passeggeri a bordo rientrerà a Palermo. Il servizio verrà assicurato dal Catamarano Ale M con partenza prevista da Palermo intorno alle 15,30.

^^^^^^^^^^^

P.S. ore 21,20 – dall’agenzia Militello riceviamo comunicazioni che Catamarano ALE M pernotta ad Ustica, domattina entrambi i mezzi veloci si riposizionano ognuno per i propri servizi.

^^^^^^^^^^^^

P.S. ore 19,12 – Dall’agenzia Militello riceviamo comunicazione che il Catamarano ALE M è in partenza da Palermo per Ustica

Apre a Palermo la grande mostra su Antonello da Messina.


Download (DOCX, 184KB)

Nave Antonello da Messina rientra a Palermo per avaria


Antonello Da  Messina  in avaria
Antonello Da Messina in avaria

“La colpa è di Aldo Messina”


 

 

Ex candidato Sindaco

 

Da giorni Attilio Licciardi (Sindaco eletto, ma assente) trasmette via Web un messaggio, oramai, diventato una barzelletta: “la colpa è di Aldo Messina”.

Non sappiamo più quante volte questa affermazione sia stata ripetuta, ritenendola utile in ogni circostanza: dall’area di trasferenza al cimitero, dalla scuola al depuratore; sempre buona per riversare sugli altri la responsabilità di qualunque cosa.

L’ultima occasione viene per giustificare l’aumento delle tasse, insopportabile per le già ridotte possibilità economiche di molte famiglie usticesi e non.

Inutile dire che il motivo per cui le tasse sono state aumentate è perché chi ha amministrato le casse del Comune di Ustica negli ultimi 5 anni è stato irresponsabile ed incapace (Attilio Licciardi ed Assessori al seguito).

Ma su una cosa Attilio Licciardi ha ragione, quando afferma che i cittadini andrebbero risarciti. Esatto! Andrebbero risarciti per i guai che lui e la sua amministrazione hanno combinato, ma soprattutto per i soldi che immeritatamente percepiscono da noi usticesi per starsene a casa, lasciando un Comune all’abbandono senza provare alcuna vergogna, senza rossore al volto e con una arroganza e una presunzione di superiorità che non ha giustificazione alcuna.

Presto, però, se lo vorranno, i cittadini potranno presentare il foglio di via a questi signori.

Salvatore Militello

Ustica, 17 Gennaio 2018

Auguri alla felicissima, bella e simpatica coppia, novelli sposi…


Sposi Messina - Randazzo
Sposi

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Piero mPomilia

Auguri, doppi auguri anzi augurissimi di Fine Anno, per un 2018 splendido e per questo nuovo cammino di vita insieme.
Un abbraccio Cinzia e Piero Pomilia

Ricordo di Maricetta Pipitone Messina


Bellissima, colta, curiosa e intelligente. Rompiscatole, puntigliosa, infiammabile e affascinante. Maricetta è stata una persona particolare, indimenticabile. Dirigente del Comune di Palermo per anni,  tra Turismo e Beni Culturali, annovera nel suo palmares l’acquisto di Villa Niscemi e l’avvio del riscatto dello Spasimo. Degna nipote di Giuseppe Pipitone Federico, amò intensamente letteratura, arti e musica. Amò moltissimo Ustica, sua isola del cuore, ed il suo mare, dove si tuffava in apnea. Cuoca sopraffina e fantasiosa, era capace di organizzare in un baleno pranzi, cene e feste per decine di amici.  Per anni è stata Dama a Lourdes, benefattrice per varie istituzioni, motore di club come Inner o Accademia Italiana della Cucina e supporto sempre discreto al marito nell’organizzazione della Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee. Social ante litteram, era fulcro ed animatrice di svariate cerchie amicali. Appassionata dei suoi nipoti, di sua figlia ma soprattutto di suo marito Lucio, ci ha lasciato il 4 settembre a 82 anni.

Roberta Messina

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Enjoyed reading about Maricetta Pipitone Messina. Do you know if the Pipitone ancestors came to New York or New Orleans ?? This would of been in the early 1900s.
Abbiamo apprezzato leggere di Maricetta Pipitone Messina. Sai se gli antenati di Pipitone sono venuti a New York o New Orleans? Questo sarebbe stato nei primi anni ‘900.

Morte Camillo, Il ricordo dell’ex Sindaco Aldo Messina


Una piccola comunità è un luogo dove ogni abitante è  persona e viene identificata nel suo aspetto fisico,  modi di dire o luoghi dove abitualmente lo incontravi o  , con la coda dell’occhio, lo cercavi per carpirne un giudizio positivo o negativo sugli avvenimenti del giorno.

“ Frequenti Ustica? E Camillo come sta?”.

Una domanda che mi sento ancor oggi rivolgere da amici o semplici simpatizzanti dell’isola che, correttamente, identificano un luogo con le persone che lo abitano.

Va da sé che quando una persona come Camillo  viene meno, ti manchi.

Ad essere   privata non è solo la tua mente ma il luogo stesso che ora  sembra “vuoto” e, se sei lontano, non riesci più ad immaginare come lo stesso .

Ora hai quasi paura che quella domanda con  richiesta di informazioni su di lui ti venga rivolta, perché non  vuoi provare l’emozione negativa di richiamare in mente   l’idea del” senza”.

La mia esperienza con Camillone si identifica con la sua sferzante ironia, i soprannomi con i quali “pittava” i protagonisti(da Dolphin a Sofia Loren) e con le sue battaglie sul tema dei trasporti via mare.

Non esitava a mettermi in guardia rispetto ad accordi con una certa compagnia di bandiera, oggi scomparsa, che “era abituata ad  Ustica a fare i comodi suoi”.

Né posso dimenticare che in un momento critico  della trattativa sui trasporti ha voluto personalmente (settantacinquenne!)essere presente,   all’incontro a Palermo in Prefettura ed ha evidenziato personalmente  a Sua Eccellenza il Prefetto il parere dei cittadini sulla vicenda.

Forse non è casuale il fatto  che per scrivere queste righe, stia dedicando a Camillo un momento della giornata della Festa della Liberazione,  di quella libertà di pensiero che poi era la sua.

Con Camillo se ne è andato un pezzo della storia di Ustica che non può essere limitata, relegata, ai tempi delle vacanze da leggenda, essendo anche lotta partecipata alla rivendicazione dei diritti della comunità isolana.

E’ vero, con  Camillo ci lasciano anche alcuni miti, forse leggende. Quando si parlava del “Cannone della Falconiera”, mi confidava che conosceva alcuni luoghi di “Ustica sotto il Mare , ricchi di tesori(penso ambientali) inimmaginabili , per salvaguardare i quali non avrebbe mai rivelato l’ubicazione.

Mi rendo conto che con  Camillo perdiamo il patrimonio dell’esperienza di un uomo che ha vissuto e fatto vivere il suo tempo.

Con la scomparsa di Camillo però guadagniamo la certezza che quando muore un protagonista del suo tempo , va via il suo corpo ma non la sua “voce” che ci sembra di continuare ad ascoltare.

Camillo continua a vivere, insegnandoci la differenza tra il memorizzare, mettere in memoria, una persona scomparsa e il ricordarla. Ri-cordarla:metterla nel cuore.

Aldo

————-

I fiori e il bigliettino sono un pensiero con i ricordi di Costantino Tranchina da Milano:

Camillo dal suo punto di osservazione“I  fiori mi sostituiscono per dirvi grazie per l’affetto che mi avete dato.
Sarò sempre ad Ustica con voi.

Ancora grazie Camillo”
Costantino Tranchina 

 

Antonello Da Messina parte dal Molo Alternativo


Antonello Da Messina parte dal Molo alternativo
Antonello Da Messina parte dal Molo alternativo

Ustica, Antonello da Messina visto dalla grotta azzurra

Antonello da Messina dalla Grotta Azzurra
Ustica, Antonello da Messina dalla Grotta Azzurra

Da ottobre anche Ustica Lines collegherà Messina e Reggio Calabria


 

Aliscafo Ustica Lines
Aliscafo Ustica Lines

MESSINA. Diciotto corse giornaliere con partenza da Messina alle 6 e da Reggio Calabria alle 6.45 nei giorni feriali ed il sabato e nei giorni festiti alle 8 da Messina e 8.40 da Reggio Calabria. Dall’1 ottobre la compagnia Ustica Lines collegherà Sicilia e Calabria con i propri aliscafi.

«Mezzi all’avanguardia che garantiscono comfort e sicurezza ai passeggeri», rende noto la società, che assicurerà i servizi di collegamento per il prossimo triennio con opzione, prevista nel contratto, per un ulteriore anno. Per ulteriori informazioni sulle nuove corse Messina-Reggio Calabria e per prenotazioni si può consultare il sito www.usticalines.it.

Disagi, invece, fino a qualche giorno fa alle Eolie, sempre nel Messinese, dove, nonostante la massiccia presenza di turisti, tratte e orari di aliscafi e traghetti sono già quelli della stagione invernale, come ha disposto la Regione. Con la conseguenza che c’è la corsa al biglietto, con file agli imbarcaderi e proteste.

Il sindaco di Lipari Marco Giorgianni ha scritto all’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Pizzo, per chiedere corse integrative soprattutto per Panarea, Stromboli, Filicudi e Alicudi, le più penalizzate: “Avevamo già richiesto di prorogare le corse estive per tutto settembre ma non se n’è fatto nulla. Almeno che la Regione ci accordi delle corse straordinarie”.

Fonte: messina.gds.it
24 Settembre 2015

 

Antonello da Messina partenza per Ustica alle ore 12,30


 

Antonello da Messina a Palermo  (21)
Antonello da Messina a Palermo (21)

L’Agenzia Fratelli Prestifilippo comunica che la Nave Antonello da Messina Partirà da Palermo per Ustica alle ore 12,30.

P.S. ore 13,18  L’agenzia Militello informa che la nave Antonello da Messina partirà alle ore 13,30.

Compagni di classe del Collegio Santa Maria De Pace – Rometta ME – cercano Amici di Ustica (Massimo Caserta, Pino Palmisano ecc.)

Come d’accordo le mando tre foto le uniche in possesso: nella foto in bianconero i collegiali:  in alto Pietro Spoto, nella fila sotto da sin. Rosario Polito,Nino Gaudio, Girolamo Cangilla, Castanotto Carlo ( ex giocatore Nuova Igea di Barcellona in prestito alla squadra collegiale), e Sortino Tindaro. In basso da sin. Piero Midili, Massimo Caserta e Valerio Arena.

Foto di gruppo mista: I Fila:  gli ultimi due giocatori in maglia rossa ( collegiale) sono Nino Gaudio e Pietro Spoto, nella fila sotto sempre in maglia rossa: Piero Midili, Carlo Castanotto,

Rosario Polito, Massimo Caserta, Sortino Tindaro e Girolamo Cangilla. I nomi dei giocatori dell’ Ustica non li so, la partita si è svolta nella primavera del 1970 organizzata dall’usticese Massimo Caserta e questi giocatori menzionati frequentavano assieme a Massimo il  terza liceo classico in collegio Santa Maria De Pace a Rometta ( Me), in alcuni archivi fini’ 8-5 per i collegiali, però sostiene l’amico Agostino Caserta ( anche lui ex collegiale) dalla California che la partita fini’ 8-3 per i collegiali.

La saluto cordialmente uniti agli auguri pasquali
Gruppo collegio Santa Maria De Pace
Michelangelo Valenti

N.B. In questo istituto hanno studiato gli Usticesi Giovanni Incalcaterra (facebook), Agostino Caserta (facebook), Massimo Caserta, Pino Palmisano, Tommaso Pizzo (facebook) ed altri.

^^^^^^^^^^^^

COMUNICAZIONE

Domenica 19 aprile gli ex collegiali in occasione degli ” Archi di Pasqua” di San Biagio Platani, si riuniranno a San Biagio Platani e saranno a pranzo al ristorante ” Il vecchio canale” di Sant’Angelo Muxaro.

Michelangelo Valenti

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Tommaso Pizzo

Caro Massimo non puoi capire quanto piacere ho provato nel sentirti. come stai spero bene. Io sono stato molto male ma ora grazie a dio mi sono ripreso, tu sei sempre a Firenze. sono nonno di una splendida bambina e in arrivo a luglio un maschietto rimango in attesa.

^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Questo Colleggio era abbastanza conosciuto e ha accolto non solo studenti dalla Sicilia e dalla Calabria. Ha ospitato e costruito personaggi illustri e anche famosi come l’ Ascolano Tonino Carino cronista sportivo del ” 90mo minuto “. Purtroppo dopo la morte del Direttore Padre Sardo ( 1990 ) il Colleggio ” Santa Maria de Pace ” e’ stato chiuso ed inutilizzato. Rimangono i frutti degli insegnamenti ricevuti, i muri e i ricordi di diverse generazioni di studenti che ora sono riuniti su Facebook.

^^^^^^^^^^

Da Firenze Massimo Caserta

Sì, ha ragione Nuccio, la partita si concluse con il risultato di 8.3. Va precisato che per la organizzazione dell’evento parteciparono anche gli amici di Ustica. Voglio ricordare, in particolare, Armando, Mario Caserta e Padre Carmelo, che mise a disposizione i locali della Parrocchia per il pernottamento dei miei compagni di Collegio. Fu una grande festa, di cui io, i miei compagni di collegio e molti Usticesi conserviamo un bel ricordo. Con i miei compagni di collegio ho ripreso da tempo i contatti. All’elenco degli Usticesi che hanno studiato a Rometta va aggiunto Salvatore Pizzo, fratello di Tommaso. Grazie, per aver dato modo di ricordare ancora una volta quelle bellissime giornate. Auguri di Buona Pasqua a tutti.

400295_362174200475289_1622484793_n408820_362162177143158_438831341_n533054_439151139444261_988064192_n

 

Riso… a Mario


Cari lettori di Usticasape, prende il via da oggi saltuariamente una mia rubrica attraverso la quale, prendendo spunto da fatti, avvenimenti e personaggi della quotidiana vita isolana proverò a commentarli in forma satirica nella speranza di strapparvi un sia pur minimo sorriso del quale tutti di questi tempi abbiamo tanto bisogno. Mi auguro di riuscirvi. La rubrica si chiamera’ ” RISO A…MARIO” (assonanza con il celebre film Riso amaro). Confido naturalmente nell’immancabile senso dell’umorismo delle “vittime di turno” le quali, ne sono certo, per prime ci rideranno sopra. Auguro a tutti un buon (spero) divertimento.

Mario Oddo

—————–

[ id=18441 w=320 h=240 float=left] Ultime da Ustica – Dopo aver appreso dell’avvicendamento della “nuova” vecchia nave sulla tratta Palermo – Ustica e ritorno il neo Sindaco ha scritto alla Compagnia delle Isole come segue :

” Spett/le Società di Navigazione, non vi sarà certamente sfuggito che dal 12 Giugno u.s., a seguito del risultato delle elezioni comunali a me favorevole, il Sottoscritto è succeduto al suo Predecessore. Si invita pertanto a voler urgentemente provvedere ad un opportuno aggiornamento del nome della nave da Antonello da Messina a Antonello da … Licciardi ! “

Mario Oddo

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta

Associazione di idee….e….cambiando il nome dei fattori il prodotto non cambia.

Rosalia è una siciliana che abita a Messina; è molto bella, ma purtroppo anche molto povera. Il suo sogno è di diventare una grande attrice di Hollywood ricca e famosa e quindi il suo più grande desiderio è di raggiungere l’America, ma il costo del viaggio per lei è proibitivo. Finché un giorno, gironzolando per il porto, conosce un marinaio a cui confida i suoi sogni. “Ma cara Rosalia”, dice il marinaio, “un sistema ci sarebbe per arrivare in America. La mia nave parte proprio domani per New York e se tu ti nascondi nella mia cabina potresti fare il viaggio da clandestina. In fondo sono una ventina di giorni!”

Rosalia, che però non è ingenua, chiede se il marinaio vuole qualche cosa in cambio e naturalmente questi le dice: “Beh, certo, tu dovrai essere molto carina con me per tutto il viaggio”.

Il desiderio di Rosalia di cambiare vita con tante prospettive più rosee fa sì che l’indomani si trovi a bordo della nave e si nasconda nella cabina del marinaio. Tutte le notti (e qualche giorno) lei si concede al marinaio. Dopo una ventina di giorni, immaginando oramai di essere in vista della costa americana, lascia la cabina e al primo passeggero che incontra chiede: “Mi scusi, quanto manca a New York?”

E l’uomo: “New York? Ma questo è il traghetto Messina-Villa San Giovanni!”

 

 

Rientra in linea l’Antonello da Messina


[ id=18394 w=320 h=240 float=left] Oggi è rientrata in linea nella tratta Ustica – Palermo la nave “Storica” Antonello da Messina. L’Isola di Vulcano andrà in bacino per manutenzione ordinaria. La nostra sensazione è che l’Antonello da Messina, resterà in servizio sulla nostra tratta sino a quando la convenzione in vigore non verrà modificata.

Ringraziamenti particolari ad Aldo Messina


Tonina PecoraOggi voglio dire a gran voce un grazie particolare al nostro sindaco di Ustica Aldo Messina e spero che diventi un urlo di ringraziamento da parte di tutta la cittadinanza sia per quello che ha svolto con dedizione e onesta’ ma anche per la spontaneità’ e l’ umanità ‘ con la quale ci ha voluti a tutti bene. Non diventerai mai un turista perche’ nel cuore di chi ti vuol bene tu fai parte delle nostre famiglie. che DIO ti benedica per tutto e ovunque Abbracci cari da una usticese

Tonina pecora=

 

Comunicazione


 

Dovendomi recare domani alle 10.00, insieme all’ammiraglio Carpinteri, alla ragioneria generale dello stato per problemi relativi all’ AMP, ogni incontro previsto per domani ad Ustica (incluso la seduta di giunta) è rinviato, credo, a giovedì.

aldo messina

 

Servizio trasporto merci pericolose – Risposta al Sindaco Aldo Messina


Salvatore Militello  (9)

Caro Sindaco,

Rispondo alla tua nota scevro da posizioni o contrapposizioni politiche (scegli tu).

Tu scrivi che se formuli la richiesta alla Regione è “ da considerare accolta il giorno dopo” e poni una serie di considerazioni e problematiche che guardano più alla “Regione “/ ai nostri “fratelli isolani” e non alla tua Comunità.

Hai voluto aspettare prima di rispondere per aver “ chiara ” la situazione laddove scrivi ..” volevo capire come reagiva la cittadinanza ed il Web a questa tua idea.” … : ritengo che la Cittadinanza vuole risolti i problemi ( basterebbe stare di più nell’Isola in mezzo alla gente e non fare una toccata e fuga per capire cosa vuole la gente!) ed il Web … non mi pare abbia espresso un parere negativo ( salvo qualche parere spicciolo di secondaria importanza …), anzi mi sembra tutto il contrario di quello che tu vorresti fare credere a chi legge la tua nota.

Non ho scritto che tale soluzione immediata occorre mantenerla per sempre ma sicuramente il problema (prima che diventi tale) va risolto immediatamente in attesa che la Regione trovi una soluzione – e la dovrà trovare per tutte le Isole e quindi non ci potranno essere quelle di serie A e quelle di serie B -.

Tu, sempre nella tua nota, pur di NON Continue reading “Servizio trasporto merci pericolose – Risposta al Sindaco Aldo Messina”

Riceviamo e pubblichiamo


[ id=15889 w=320 h=240 float=left] Un usticese tra i fondatori della società italiana di vestibologia.

Costituita oggi per la prima volta a Carpi ( Modena) la Società Italiana di Vestibologia che intende coinvolgere tutti i medici italiani competenti nello studio dei disturbi dell’equilibrio e delle vertigini, non solo in percorsi di studio, promozione della otoneurologia ma anche in azione di difesa dei diritti dei pazienti affetti da vertigini.

Quattro gli specialisti fondatori : Giorgio Guidetti (Modena), Marco Manfrin (Pavia) , Augusto Casani ( Pisa) ed Aldo Messina( Ustica, Palermo).

———————-

Cronoprogramma Sindaco

25 e 26 sono a Canossa. Per costituire società italiana otoneurologia
28 visite medico legali – Ore 16 incontro gruppo psicologia asp
29. Assemblea sindaci isole minori. Presso se ANCI. Villa Niscemi Palermo ore 10,30 sul tema crisi trasporti – Ore 15 Ustica
30 Ustica

^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Angelo Longo

UN’OCCASIONE MANCATA

Apprendiamo che il sindaco andrà a CANOSSA il 25 e il 26 prossimi. Sarebbe una bella occasione per organizzare un pullman e farsi accompagnare dai signori della ” GRANDE FAMIGLIA USTICESE” che nel 2008 votarono per il sindaco Messina .