Ustica, cerimonia di consegna dei Tridenti d’oro a Domenico Drago


 

Ustica, cerimonia di consegna dei Tridenti d’oro

Ustica, spettacolari e indescrivibili colori delle rocce all’interno della grotta dell’oro.


Ustica, Spettacolari colori delle rocce indescrivibili ed esclusive della grotta

Ustica, assegnazione premio Tridente d’Oro al fotografo subacqueo Egidio Trainito e conferimento della cittadinanza onoraria usticese.

Il premio “Tridente d’Oro”, considerato il “Nobel delle attività subacquee”, è stato assegnato al fotografo Egidio Trainito con la seguente motivazione: “Per aver svolto come fotografo e subacqueo, un’ampia attività di divulgazione scientifica.

Profondo conoscitore della fauna e della flora marina italiana, ha scritto numerosi libri sulle Aree Marine Protette e sulla biodiversità marina,  spesso di notevole successo commerciale.

Collabora con i principali ricercatori in ricerche di tassonomia ed ecologia.”

Ai “Tridente d’Oro”, per volontà del consiglio comunale di Ustica, viene conferita la cittadinanza onoraria

 

Ustica, ingresso grotta dell’oro


Ustica, 59^ Rassegna internazionale attività subacquee, cerimonia chiusura con assegnazione Tridenti d’oro


I ragazzi della media di Ustica alle prese con  “L’ORO NERO”.


Nella scuola media di Ustica è in pieno sviluppo un progetto didattico formativo dal titolo misterioso e affascinante nello stesso tempo: “L’oro nero che veniva dal mare“. Protagonisti sono i ragazzi della terza che, guidati dalla professoressa di scienze Alda Togo e dal direttore del Laboratorio-Museo di Scienze della Terra Franco Foresta Martin, si sono trasformati in apprendisti-ricercatori, raccogliendo decine di piccoli frammenti di vetro vulcanico nei terreni attorno a “Casa dei Francesi”, a Tramontana, e sottoponendoli poi all’analisi ottica con i microscopi del laboratorio scolastico.

A Franco Foresta Martin che, per conto del Continue reading “I ragazzi della media di Ustica alle prese con  “L’ORO NERO”.”

Edema polmonare, taravana e fisiopatologia dell’immersione: intervista al medico e ricercatore Cialoni


«L’edema polmonare e il taravana sono causati anche dalla genetica». Lo afferma  il “Tridente d’Oro 2017”(premio creato nel 1960 e considerato il “Nobel delle attività subacquee”) Danilo Cialoni, odontoiatra e chirurgo orale romano, appassionato del mondo sottomarino, che ha ottenuto l’importante riconoscimento durante la “Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee” che si è svolta ad Ustica.

L’evento è stato organizzato dall’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee con la collaborazione del Comune di Ustica, dell’Area Protetta di Ustica e della Sopraintendenza del Mare. A Cialoni è stata conferita pure l’onorificenza di cittadino onorario da parte del sindaco di Ustica Attilio Licciardi che lo ha premiato insieme al sopraintendente del Mare della Regione Siciliana, Sebastiano Tusa.

L’edema polmonare consiste nell’aumento dei liquidi nello spazio extravascolare (interstizio e alveoli) a livello del parenchima polmonare del subacqueo, il taravana, invece, si può manifestare nel corpo del subacqueo in vari svariati modi, come ad esempio, la perdita dell’equilibrio. A causare questi disturbi sarebbe la formazione di bolle causate dall’eccesso di azoto e dall’assenza di ossigeno nell’ambiente.

Cosa si prova ad essere Tridente d’Oro 2017?
«Ovviamente emozione e soddisfazione ma soprattutto un grande piacere nel vedere che tutti gli sforzi fatti in quasi 20 anni di studio vengano riconosciuti».

Può riassumerci le sue ricerche? 
«Nei primi anni mi sono occupato soprattutto di studiare le patologie che colpiscono i praticanti di apnea, poi sono stato coinvolto dal DAN Europe Foundation in molti studi anche in ambito SCUBA diving. Utilizziamo protocolli diversi, definiti caso per caso con specialisti dei vari settori (cuore, polmone, ecc…). Tutti i dati subiscono poi un processo approfondito di analisi statistica ed un confronto con i tanti colleghi che collaborano con noi. Se i dati raccolti sono interessanti vengono pubblicati in articoli di riviste scientifiche. Prima però vengono sottoposti al processo di peer review (valutazione e selezione degli articoli o dei progetti di ricerca effettuata da specialisti del settore per verificarne l’idoneità alla pubblicazione o al finanziamento) da specialisti esterni al progetto. Infine, se tutto va bene, si giunge alla pubblicazione. Questo è l’unico modo che può dare valore scientifico ai dati raccolti. Ho iniziato seriamente ad occuparmi di ricerca in ambito subacqueo nel 2001 dopo che io stesso sono stato colpito da un grave edema polmonare. Prima di quel momento i meccanismi con cui il fenomeno si manifestava e i suggerimenti si ignoravano ed erano vaghi e poco specifici, così ho deciso di impegnarmi in prima persona».

Cosa ha scoperto attraverso i suoi studi?
«Vi sono predisposizioni genetiche nei soggetti sensibili ai disturbi. L’assenza di sforzi ed un buono stato di riscaldamento e di rilassamento possono evitarli».

Ha riscontrato difficoltà nella sua attività di ricerca?
«Studiare gli ambienti estremi ti espone a mille difficoltà, anche i test più semplici divengo complicati o impossibili, ma questo è anche il bello e il fascino di questo lavoro. I primi anni ho avuto un po’ di difficoltà ad acquisire credibilità tra i colleghi più esperti, ma con il tempo, il susseguirsi di pubblicazioni e di presentazioni ai convegni internazionali si è chiarita la serietà del nostro lavoro. Abbiamo anche avuto il riconoscimento come miglior lavoro scientifico per ben tre anni consecutivi e su tre argomenti diversi al convegno internazionale di medicina iperbarica “EUBS”».

Lei, prima di tutto, è un odontoiatra. C’è un legame scientifico tra odontoiatria e fisiopatologia dell’immersione?
«Abbiamo alcuni lavori specifici in cui odontoiatria e immersione si incrociano, soprattutto legati al legame tra dentizione e capacità di compensazione. Ma, se devo essere onesto, nonostante la mia origine odontoiatrica, gli aspetti di fisiopatologia respiratoria o patologie come il Taravana (la malattia da decompressione dell’apneista) mi appassionano molto di più».

Quali sono i suoi futuri progetti scientifici?
«Sto lavorando ad un progetto chiamato Ski Scuba Space che ci porta verso la fisiologia comparata di questi tre ambienti particolari: lo scii sulla neve, l’immersione sottomarina e la navigazione nello spazio».

Cialoni, classe 1967, vive a Pisa, è sposato con Valentina ed è papà di due bambini: Riccardo e Greta. È membro del gruppo scientifico di apnea academy (apnea academy research). Tra il 2002 ed il 204 è medaglia d’argento al Trofeo Internazionale città di d’Andorra, e bronzo in altre due gare internazionali di apnea partecipa anche come security divers al campionato mondiale di apnea ad Ibiza che sarà vinto proprio dalla nazionale di apnea.  Nel 2008 entra a fare parte del gruppo di ricerca internazionale chiamato DAN Europe Research, area scientifica del “Diving Alert Network” . Attualmente è ricercatore nei programmi Horizon 2020 “Phypode”, “Caddy” e “Green Bubbles” finanziati dall’Unione Europea.

Fonte: insanitas
di Gabriele Giovanni Vernengo

 

Ustica, interno grotta dell’oro


Ustica, interno grotta dell'oro
Ustica, interno grotta dell’oro

Ustica, interno grotta dell’oro


F.C.2799 Interno grotta dell'oro

Ustica, ingresso grotta dell’oro


ngresso grotta dell'oro
Ustica, ingresso grotta dell’oro

Centro Studi Ustica – Visita alla grotta dell’Oro


 

grotta-delloro-
grotta dell’oro

Riservata a Soci e simpatizzanti del Centro Studi, secondo programma domani 10-08-2015 è prevista una visita della Grotta dell’Oro. E’ una delle numerose grotte della costa, questa in località Tramontana in stretta vicinanza con quella della “Colombaia” e del “Parrino”. Nominata “dell’Oro” non perchè la grotta abbia custodito del prezioso metallo, «altrimenti negli anni passati [annotazione personale], si sarebbero registrate “corse” e non visite», ma più semplicemente per… la colorazione giallognola delle vulcaniti carichi di zolfo; vi si entra comodamente in barca e, volutamente senza quì descriverla, lasciamo volentieri ai visitatori il piacere di scoprirne “de visu” la suggestiva interna bellezza. L’escursione è dedicata particolarmente ai giovani e la partenza è prevista dalla banchina SAILEM   alle ore 15,00; la durata sarà di due ore e mezzo circa ed è prevista anche una sosta durante la quale chi volesse potrà fare un impagabile bagno in quel suggestivo tratto di mare. Unicamente per ragioni organizzative è gradita la prenotazione presso la Segreteria. Faranno da qualificata assistenza e guida scientifico-ricreativa agli escursionisti i componenti dello “staff” del Centro Studi.
a cura di Mario Oddo

Ustica: Grotta dell’oro


 grotta dell'oro

Massima libertà e nessun “ordine” di partito…


Salvatore Militello 1In tanti, molti, mi hanno contattato in diversi modi per sapere qual’ è la nostra idea in merito alla consultazione elettorale europea.

Come tutti sapete il nostro Gruppo, pur avendo fini politici amministrativi locali, non appartiene ad una “colorazione politica” (partito) specifica ed in particolare la nostra composizione consiliare, che deriva da una “lista civica L’Isola”,  è composta da persone con diverse ideologie politiche.

Ciò che ci ha accomunato e che ancora ci accomuna  è il nostro programma.

Ho dichiarato sin dalla nostra campagna elettorale che   … “ unitamente ad un Gruppo che davvero vuole il  bene di Ustica,  per amministrare  “il bene comune”   secondo giustizia, legalità, correttezza e trasparenza.   Non sono un politico, non ho e non cerco un futuro politico, sono un uomo comune, libero, lontano dai giochi ai quali la “politica” ci ha abituato, lontano dai concetti partitici e dalla “politica” locale da 20 anni;  non ho  uno stipendio mensile ma, da imprenditore, vivo grazie al Turismo nell’Isola.” …

Nulla, oggi,  è cambiato nei nostri intendimenti da allora.

A tutti Voi che mi avete chiesto indicazioni sul chi “votare” continuo a dirVi che siamo tutti LIBERI di votare secondo la propria idea e coscienza senza alcuna preclusione partitica: tant’è, ad esempio per tutti,  il nostro Consigliere Caserta probabilmente si avvicina più all’idea di Forza Italia però non so come effettivamente voterà, il nostro Consigliere D’Arca – che ha militato per diversi anni nel vecchio PSI –   ed il nostro giovane Consigliere Basile non so a quale idea aderiranno,  il nostro Consigliere Caminita, invece,  ha deciso di votare PD nella persona di Zambuto ed io invece aderirò all’idea del Centro Destra .

Quindi come vedete massima libertà e nessun “ordine di partito”.

Ho voluto fare queste precisazioni  a dimostrazione della nostra coerenza :  siamo nati “Lista civica”  e continuiamo ad esserlo diversamente dagli “altri” che sono nati anche loro “Lista Civica” ed oggi dichiaratamente, invece, sono diventati “Giunta del PD”.

Salvatore Militello

 

 

Interno Grotta dell’oro


[ id=16115 w=320 h=240 float=center]

Il Bum dell’edilizia… Tempi d’oro?


[ id=11104 w=320 h=240 float=center]