Giovanni Zanca racconta il passato


 Giovanni Zanca e i ricordi

Ricordi di tempi passati! Zona faraglioni


Ricordi! zona faraglioni

Dalla California: Ricordi di tempi passati di Agostino Caserta


Fino a tanti anni fa ad Ustica le diatribe fra le fazioni politiche locali e i disaccordi fra gli Organi Collegiali e Monocratici Comunali ( Giunta, Consiglio, Sindaco ) anche se a quei tempi non c’erano i veloci mezzi di comunicazione odierni, non esisteva l’esposizione mediatica ecc…, venivano assimilati dalla popolazione con il famoso infallibile ed arcaico passa-parola, proprio come oggi, e tutti, in un paese piccolo come la nostra isola, venivano ugualmente a conoscenza di tutto anche nei minimi particolari, infatti a meta’ anni ’60 l’Amm.ne Comunale di allora venne a trovarsi in una situazione di completo stallo, gli Organi Comunali non facevano altro che litigare fra di loro, cosa che genero’ una paralisi amministrativa che ormai non garantiva piu’ neanche i servizi di prima necessita’ che un’isola turistica dovrebbe fornire. Alcuni in seno all’Amm.ne provavano di aggiustare le cose anche con l’aiuto disinteressato esterno di qualche persona locale influente e qualche altro provava a sfasciare. Il tutto duro’, pero’, fino a quando la popolazione usticese notoriamente silenziosa e paziente decise di intervenire con uomini e donne che uscirono di casa con ” i falara ” e ” occupo’ “di forza la Sala Consiliare del vecchio Municipio per 36 ore. Mi ricordo il cartello davanti la porta recitava : ” ‘U pisci puzza ra’ testa “. Due giorni piu’ tardi il Prefetto invio’ ad Ustica un Commissario Regionale che si sostitui’ di fatto all’ Amm.ne ed il resto e’ storia.

Al Comune a quei tempi c’erano solo 5 impiegati ( 2 applicati, 1 tecnico, segretario e due esterni). La prima mossa del Commissario Dr. Verdiani fu di indire concorsi ed assumere 12 nuovi impiegati ( 1 ragioniere, 4 applicati, 2 vigili urbani e 4 impiegati esterni ) che completarono l’organico necessario per un’isola che economicamente e territorialmente si espandeva. La presenza del Commissario fu come una “purga” necessaria che purifico’ l’ambiente politico, lo bonifico’ e lo preparo’ per le regolari elezioni che furono tenute dopo il suo mandato. Il Commissario risolvette in breve tempo tutti i problemi che avevano bloccato l’Amm.ne e devastato l’isola ed essendo un Funzionario Governativo riusciva ad ottenere tutto cio’ che chiedeva, inizio’ quindi opere importantissime per l’isola come il condotto della fognatura sotto la Falconiera e depuratore, miglioramento dei sevizi di collegamento con aliscafi, costruzione del Nuovo Municipio, Completamento Banchina Sailem, Banchina Barrese, Circonvallazione, e tante altre opere che furono portate a termine dall’Amm.ne seguente Vassallo-Ailara che oggi viene considerata un’ Amm.ne che ha fatto bene e di tutto rispetto.

AC

^^^^^^^^^^^^

Dalla Germania Josè Zagame

Hallo Mister Agostino,

Continuo a rimanere del parere che Lei dall’alto della sua saggezza e lucidita’ di giudizio sarebbe un’ottimo Sindaco……!!!!

Tantissimi Saluti dalla Germania,

Jose’ “Crozza Jr” Zagame

 

Portualità: Doverosi ringraziamenti


Caro Pietro,

“… Tutto questo lo scrivo non per evidenziare i mancati collegamenti ma per farci riflettere sui moli alternativi.
In località Spalmatore oggi se avessimo avuto il pontile sotto la Torre meglio attrezzato avremmo avuto sicuramente tutti i collegamenti.
Allora anzi che parlare (da anni) di porto, di diga foranea ( sicuramente opere utili ed indispensabili) non parliamo di ciò che
nell’immediato e di realizzabile si può fare? Non ci vogliono grosse somme per sistemare il pontile allo Spalmatore… ”

Era il 28 settembre 2011 quando ho evidenziato il problema “approdi” e mai avrei pensato che da un semplice suggerimento si giungesse il 09/01/2012 a “ scrivere una importante pagina della storia di Ustica”.

Al presente, parlando di futuro dell’Isola, si è tornati al passato: ma in questo caso non siamo andati “indietro” come potrebbe sembrare dalla enunciazione di tali parole, si è evitato che si commettessero errori irreparabili dentro la Cala Santa Maria per come si stava facendo e per come ancora oggi spesso diciamo a proposito della banchina “Sailem” (ahh.. se fossa stata costruita sulla “Punta S. Francesco”, ma è li dov’è e non è più pensabile trasferirla!).
Quindi si è evitato, al meno sulla carta oggi, che si dicesse in futuro: …” ahh.. perché il molo “Taormina” è stato prolungato in tale malo modo? …”

Per fortuna dopo mesi di fiume di parole si è passati ai fatti con l’approvazione all’UNANIMITA’ da parte del Consiglio Comunale di Ustica di una bozza progettuale molto simile a quella che risale al 1960 e che ancora oggi è valida e condivisa: il Consiglio ha approvato ciò che si è proposto per la messa in sicurezza della Cala S. Maria.

Spesso e talvolta sbagliando cerchiamo “soluzioni” lontane e complicate quando le più semplici e le migliori le abbiamo dentro casa: al Comune esistono i progetti, compresi gli esecutivi, sia per la messa in sicurezza della cala S. Maria sia per il completamento dello Spalmatore. E questo vale per tante altre cose.
Ora sta a “noi” cercare di evitare “esterne interferenze” politiche o non su tale argomento.

Questo mio scritto, di oggi, vuole essere un RINGRAZIAMENTO a TUTTI coloro che mi hanno seguito nel Web, personalmente, con l’apposizione della loro firma e con tutti i suggerimenti pervenuti.
Un ringraziamento particolare vorrei fare al Consiglio Comunale che ha mostrato sensibilità ed attenzione dando la giusta importanza alla problematica votandola all’unanimità e spero adesso che vengano compiuti, da parte della Giunta, tutti gli atti necessari affinché non si debba tornare a parlare tra diverse decine d’anni ancora dello stesso problema: il porto oltre che il nostro biglietto da visita per i Turisti è il FUTURO per la nostra Comunità senza di esso non possiamo programmare o parlare di nulla.

Immaginate cosa riusciremmo a fare se potessimo contare su una Cala più sicura, sugli approdi più disponibili, su strutture usufruibili dalla collettività.

Salvatore Militello

 

Ricordi Belli di tempi passati


[ id=7270 w=320 h=240 float=center]