Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


“Vergogna per chi deride la Bandiera. Amare la Bandiera non significa approvare tutto ciò che fa’ il Paese e la sua popolazione: è solo gratitudine per la Libertà.”
JOHN FITZGERALD KENNEDY

Scuse dovute alla popolazione, con riflessioni!…


Salvatore Militello  (9)Sento il dovere di chiedere scusa alla popolazione usticese, ai due candidati Avv. Menallo e Dottor Licciardi, e al dott. Rizzuto (organizzatore) per la mia mancata partecipazione all’incontro di giorno 30 Aprile 2013 (scuse tra l’altro comunicate sin da ieri sulle pagine web di face book).

Tengo a precisare che la mia assenza è stata causata solamente da un malessere fisico e non da problemi di “confrontite” come qualcuno in malafede ha sottolineato nei mezzi di comunicazione.

In questo momento di fervore politico spesso vengono riferiti fatti con evidente e volontaria contaminazione di FALSITA’ con il solo scopo di sminuire l’avversario politico.

Se questa campagna elettorale, come è auspicabile, deve essere “pulita e moderata” nei toni è necessario, però, che questo stile venga adottato non solo da ogni candidato ma anche dai propri sostenitori.

Personalmente ritengo che, già da oggi, ciascun candidato debba assumersi la responsabilità di condurre una campagna elettorale seria ed equilibrata, nel rispetto della VERITA’ e degli INTERESSI dell’intera Comunità usticese.

Ritengo che sia essenziale avere un confronto diretto con la popolazione sui temi importanti per la vita del paese che non può prescindere, se è il caso, anche da una analisi critica e costruttiva sui fatti del passato per affrontare il presente ed evitare eventuali errori per il futuro.

Sarebbe opportuno che le domande venissero formulate direttamente dai Cittadini, così come hanno fatto i giovani di Ustica in un recente ed interessante incontro e Vi invito, sin d’ora, non temendo alcun pubblico confronto, a stabilire una data.

Personalmente penso di non avere alcun rimprovero “amministrativo passato” quando, sotto la guida dell’On.le Franco Taormina prima e dell’Avv. Domenico Calì dopo, chiusi la mia esperienza amministrativa, nel lontano 1994, nel Comune di Ustica lasciando le “casse”, trovate vuote, in un fiorente stato economico.

Ora, ciò che non comprendo è tutta questa animosità che vedo in taluni contro degli altri come se tutto ciò fosse un “gioco”: in definitiva, a PAROLE, tutti vogliamo il bene del paese e non vi nascondo che qualora avessi riscontrato negli altri candidati lo stesso “spirito di servizio” che mi ha fatto scendere in campo non avrei avuto alcuna difficoltà a farmi da parte ( come già ho dimostrato di volerlo fare in altra occasione).

Ma ciò non lo vedo, per ragioni diverse, e sono “costretto”, mio malgrado, a mettermi in gioco in questa competizione elettorale. E mentre i miei scopi sono davvero “puliti e liberi” ( sfido chiunque a smentirmi) non sono sicuro, e credo come me tanti altri, negli scopi altrui.

In ogni caso, quanto prima verrà fatto un incontro pubblico presentando la nostra lista dei Candidati ed il nostro programma che non sarà solo “elettorale” ma principalmente basato sull’economia e sulla quotidianità dell’Isola, sul fare piuttosto che sul dire.

Salvatore Militello

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Mario Oddo

Salvatore, preoccupati solo della tua salute; per il resto … c’era da aspettarselo e probabilmente non è finita qui. Sono “mezzucci” che, vedrai, alla fine si riveleranno un “boomerang” verso chi maldestramente li usa. Una incultura che nel giudizio della gente oggi finisce col danneggiare sicuramente il mittente non il destinatario.

^^^^^^^^^^

Da Ustica Aldo Cannella

Caro Salvatore le tue parole sono Parole sagge che esprimono speranza per il paese. Chi critica il malessere fisico di una persona definendolo straordinario dimostra poca comprensione democratica per gli altri. Forse a loro non è mai capitato di stare male e vedono il marcio dovunque. Di solito il pescivendolo espone la merce che ha. Spero che in futuro ci siano commenti più costruttivi. A Salvatore Auguro una pronta guarigione.

 

 

Un Messaggio di “vicinanza” alla popolazione di Lampedusa


Spinti principalmente dalla nostra “affinità insulare” ritengo sia istintivo oltre che doveroso fare giungere da Ustica attraverso il nostro Sito un messaggio di solidarietà alla popolazione di Lampedusa, con l’augurio sopratutto che la situazione possa evolversi in modo tale che i lampedusani possano “riappropriarsi” in tempi brevissimi della loro splendida Isola. Per quel poco che può servire facciamo sentire loro da ogni parte del mondo la nostra vicinanza, da isolani a isolani.

Mario Oddo

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Dalla California  Agostino Caserta

Mi associo all’appello di solidarieta’ di Mario Oddo per Lampedusa. Rimandare indietro i profughi non e’ umano come non e’ umano tutto il disagio che Lampedusa ha sopportato e sta sopportando. Dovrebbe essere la Comunita’ Europea, dietro forte protesta del Governo Italiano, a risolvere questo problema al piu’ presto, infatti a meno che non succedano miracoli questo stato di cose potrebbe durare molto molto a lungo.

Nuccio