Ustica anni ’60 – scalinata che porta al mare, dove si trova?


Ustica, Scalinata che porta al mare

Ustica, vista dalla strada che porta alla falconiera


COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw

io vedo Palermo e l’orizzonte !!!

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Stai attento che le vittorie non portino il seme di future sconfitte.
(Ralph Washington Sockman)

Stai attento che le vittorie non portino il seme di future sconfitte.
(Ralph Washington Sockman)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Il far progetti e il formar propositi porta con sé molti buoni sentimenti; chi avesse la forza di essere per tutta la sua vita nient’altro che un fabbricatore di progetti, sarebbe un uomo molto felice.
(Friedrich Nietzsche)

Ustica, scalinata che porta al porto

 scalinata che porta al porto
Ustica, scalinata che porta al porto

Tanino Santaniello nel film “la Porta del Cannone“ con Gianni Garko, nella parte del partigiano


Document_20160303_130720aDokument_20160303_130656

Ustica, scalinata che porta a Cala Santa Maria


 Scalinata che porta al porto
Ustica, scalinata che porta a Cala Santa Maria

Porta con lucchetto – abitazione confinati


[ id=18627 w=320 h=240 float=center]

Strada che porta al porto


[ id=17611 w=320 h=240 float=center]

Ex acquario in “sofferenza”


[ id=16118 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Francesco Menallo

La tristezza non è per l’edificio, sicuramente non massima espressione della capacità edificatoria locale, bensì per quello che conteneva, per l’amore che c’era nella tenuta di quelle vasche che sicuramente stavano li perché qualcuno aveva a cuore quel microcosmo.

Non sono mai stato appassionato dei contenitori ma del contenuto…

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

La vera tristezza e’ vederla ancora li quella costruzione, brutta, nel posto sbagliato, aborto sin dall’inizio in quanto doveva essere una specie di hangar per tiro a secco di barche, per uso personale, con relativo scivolo che andrebbe anch’esso eliminato, per conto di qualcuno dell’Ente Provinciale Turismo.

Dopo fu usato come acquario, unico periodo quasi costruttivo per l’edificio. Ma per me va eliminato al piu’ presto per fare ritornare la spiaggia alle origini. Se si fa un piccolo ristorante o altro si puo’ fare su vicino la strada, magari smontabile, stagionale. Hai ragione Calogero l’isola va a rotoli da 20 anni, anzi 18 anni.

^^^^^^^^^^^^

Da Verona Jacopo Famularo

Che tristezza davvero! si potrebbe anche pensare ad una “bonifica” e ad un riutilizzo dell’edificio che potrebbe offrire un servizio aggiunto alla spiaggia… così si riuscirebbero anche a tirar su un po’ di soldi per fare altro… oltre che dare lavoro alla gente… ci vorrebbe questo.. solo che spesso sembra che i circoli viziosi a Ustica siano in negativo, quando in realtà la crisi dovrebbe essere la leva per ripartire… speriamo che con le prossime elezioni qualcuno riprenda in mano luoghi interessanti e su cui investire come questo

^^^^^^^^^^

Da Ustica Calogero Pitruzzella

Ustica è da venti anni che va a rotoli. Speriamo che alle prossime elezioni, si facciano le scelte giuste.”

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Francesco Menallo

Che tristezza! Ricordo ancora lo “choc termico” che provai entrandoci la prima volta….dai 47 gradi di una giornata di scirocco bruciante all’aria condizionata interna….era un piccolo luogo magico, tenuto con amore.

Scalinata che porta in piazza


[ id=13226 w=320 h=240 float=center]

Quali vantaggi porta la Riserva Terrestre?


Ad ascoltare le tante opinioni diverse, che ad Ustica circolano nei bar etc.., il problema vincoli e divieti sembra essere quello più gettonato e riscuote un’ alta percentuale di sostenitori i quali vedono la Riserva Terrestre, non solo uno spreco di denaro pubblico (circa €500.000,00 l’anno) ma anche un grosso macigno che grava sull’intera economia dell’isola.

Esisteva già una Riserva Marina che come detto tante volte è stata il fiore all’occhiello dell’intera Nazione Italiana, che gli Usticesi hanno saputo accettare e con cui hanno convissuto in simbiosi e armonia trasmettendo l’immagine di cui l’isola necessitava.

Ma sappiamo benissimo, come e da chi è stata demolita !!!

A dire di molti Usticesi, facendo le dovute considerazioni e cioè considerando il poco territorio a disposizione, la distanza che occorre mantenere dalla battigia, la distanza che bisogna mantenere dal bosco e i vincoli paesaggistici imposti dall’assessorato, restava ben poco terreno disponibile su cui poter operare.

Oltre ai già tanti vincoli presenti nel territorio, la riserva terrestre finisce con il vincolare qualsiasi attività, agricola o di altra natura, mettendo altri vincoli e bloccando la già precaria e delicata economia.

E’ spontaneo pensare che, comunque, la Provincia di Palermo mettendo in bilancio per la gestione della Riserva Orientata Terrestre circa € 500.000,00 l’anno, compensi con interventi sul territorio, per sopperire quella parte di economia che è stata penalizzata dalla stessa Riserva Terrestre!

Ma a tutt’oggi non sembra proprio che nel territorio via sia chi (a parte qualche lenticchiata) abbia tratto vantaggi dalla presenza della Riserva Terrestre, sia in termini di nuovi posti di lavoro che in termini promozione, didattica, ricerca e quant’altro giustifichi un bilancio annuo cosi corposo.

Era necessario quindi istituire una Riserva Terrestre?

Quali vantaggi ne traggono gli Usticesi?

Saluti

Vincenzo Pizzurro

 

Mareggiata – Acquario


[ id=11013 w=320 h=240 float=left][ id=11014 w=320 h=240 float=right]

Bambina


[ id=10745 w=320 h=240 float=center]

Scalinata che porta al porticciolo


[ id=9009 w=320 h=240 float=center]

Scalinata che porta in piazza


[ id=8864 w=320 h=240 float=center]

Strada che porta al porticciolo


[ id=8683 w=320 h=240 float=center]

Radar


[ id=8295 w=320 h=240 float=center]

Strada che porta al molo alternativo


[ id=7844 w=320 h=240 float=center]

Strada che porta alla Torre Santa Maria


[ id=7603 w=320 h=240 float=center]