Boa spiaggiata, metà discesa Passo della Madonna andando verso lo Spalmatore – Spero verrà recuperata…


Boa spiaggiata, metà discesa Passo della Madonna
Boa spiaggiata, metà discesa Passo della Madonna

Recuperare la cultura dell’accoglienza – poche spese e grandi successi


[ id=19921 w=320 h=240 float=left] In merito alle navi da crociera, che sono arrivate e che continuano ad arrivare, mi corre l’obbligo di ringraziare e complimentarmi con Salvatore Militello per l’impegno che continua a profondere nell’incoraggiare le richieste di sosta ad Ustica provenienti dai responsabili dell’organizzazione di determinate navi crociera, in particolar modo nei periodi di bassa stagione; nel contempo chiedergli scusa per tutti coloro che a maggio di quest’anno avevano, in mala fede, bollato le iniziative come “propaganda elettorale” tesa a favorire la sua candidatura a Sindaco.

Le navi continuano a venire e l’ultima, in ordine di tempo , è stata la FTI Berlin Valletta (arrivata anche un paio di anni fa) che aveva a bordo 355 passeggeri e molti li abbiamo visti in giro ad effettuare compere.

La discesa a terra è stata emozionante e ci ha riportato lontano quando si sbarcava con le barche.

L’accoglienza non è stata ottima in quanto il servizio pubblico era assente e se non fosse stato per alcuni privati, con pulmini di cortesia, non ci sarebbero stati mezzi per accompagnare i visitatori in piazza .

Quel poco che si è visto (bravi Patricolo, Barraco e Palmisano Pasquale) è stato improvvisato, spontaneo ed è venuta meno la coordinazione.

Avremmo voluto vedere, in piazza o al porto degustazioni e vendita dei nostri prodotti tipici e artigianali con un paese più vestito a festa ed accogliente. Tanti anni fa, ricordo, sulle barche, in banchina o in piazza i turisti venivano accolti con la musica.

Mi sarei aspettato qualche appropriata iniziativa dall’associazione VisitUstica, molta attiva e presente in altre circostanze.

Intanto venerdì prossimo dovrebbe arrivare, tempo permettendo, la nave da crociera “Hamburg”.”…

Spero non ci faremo trovare ancora una volta impreparati!

Giovanni Palmisano (il Talebano)

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Wow, what a problem. I was so happy to see the photos of the cruise ship arrival in Ustica, but to hear of all the missed opportunities in Ustica is very sad !!! Someone listen to these voices of Giovanni Palmisano and Tommaso Licciardi !!!!! Sounds like no one listens or tries to change. This is so much like my first visit to Ustica in 2010, we were strangers in a strange place, and no one cared that we were there, except the Padre.

WAKE UP USTICA !!!!

Wow, che problema. Ero così felice nel vedere le foto dell’arrivo della nave da crociera ad Ustica, ma a sentire tutte le opportunità mancate ad Ustica è molto triste!!! A sentire Giovanni Palmisano e Tommaso Licciardi!!! Sembra che nessuno ascolta o prova a cambiare. È stato come la mia prima visita a Ustica nel 2010, eravamo stranieri in un posto strano, e a nessuno importava che eravamo lì, eccetto Padre Padre Lauro.

SVEGLIA USTICA!!!

^^^^^^^^^^^^^^^^

Da Mondovì Tommaso Licciardi

Caro Giovanni, di questo argomento ne parliamo ogni anno quando vengo in ferie ad Ustica, bisogna creare un ufficio sia del turismo o proloco, che lavori per dare un immagine turistica ad Ustica. Ovviamente senza l intervento della pubblica amministrazione che finanzia, i risultati non verranno. Il lavoro da fare è lungo e costante, bisogna creare recettivita’, accoglienza, strutture, guide turistiche, sistemare i siti archeologici, coordinare i diving, creare accesso al mare alle famiglie e non vietarli, come accade adesso, il secondo passo sarà quello di creare dei pacchetti turistici da proporre ai vari tour Operator o meglio farli creare a quest’ ultimi che hanno competenze e poi il mercato farà il resto.

Come sai il mio hobby è Consulente di Viaggi per uno dei più grossi tour Operator al mondo, che possiede 155 aereo mobili di proprietà, un mese fa uno dei responsabili Italia mi ha chiesto ha cercato di vendere Ustica, ma non è riuscito, poiché costava come andare ai Caraibi, mi ha chiesto di creare ( coordinare gli alberghi, i ristoranti, navi e aeri dedicati) un pacchetto da vendere on line, immagina la mia risposta……. Tutto si può fare lo sai, bisogna avere competenza e voglia di lavorare tutti per lo stesso obiettivo.

P.S. scrivo avendo competenze in turismo e una specializzazione post laurea in marketing, questo per tutti quei commenti fuori luogo.

Saluti