Regione Siciliana –ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE n. 51 del 24-10-2020 – emergenza epidemiologica Cocid-19


Download (PDF, 7.42MB)

Regione Siciliana – Ordinanza contingibile e urgente 22 del 2 giugno 2020


Vengono confermati i servizi marittimi fino al 14 Giugno come da precedente disposizione

Download (PDF, 1.06MB)

Appello alla Regione – Isole minori, i Sindaci servono subito aiuti


Regione Siciliana I L P R E S I D E N T E – Ordinanza contingibile e urgente 21 del 17 maggio 2020


Art. 22

(disposizioni per le Isole minori della Regione Siciliana) In vista dell’avvio della stagione turistica e ai fini del rispetto delle misure di prevenzione e contenimento del contagio, i sindaci dei Comuni di Favignana, Lampedusa, Leni, Lipari, Malfa, Pantelleria, Santa Marina Salina e Ustica sono autorizzati, anche mediante intese da raggiungere con i Comuni sui cui territori insistono i porti di partenza, alla adozione di misure adeguate per l’accesso alle Isole minori, previa adozione di protocolli sanitari da sottoporre all’approvazione dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana.

Di seguito l’ORDINANZA

Download (PDF, 1.37MB)

Richieste isole Minori Governo Regione


Download (PDF, 216KB)

Nota dei Sindaci delle Isole minori Siciliane Al Presidente della Regione Siciliana On.le Musumeci


Download (PDF, 100KB)

Sicilia, il Presidente Musumeci allenta la stretta: ecco cosa cambia da oggi


Da oggi (domenica 19 aprile) si potrà correre e passeggiare nei pressi della propria abitazione e la consegna a domicilio dei prodotti alimentari potrà avvenire anche la domenica e nei giorni festivi. E, ancora, sarà consentita la cura del proprio orto, la manutenzione di parchi e giardini e l’allestimento dei lidi balneari. Restano in vigore le quattro zone rosse, con delle novità. Per agevolare i lavoratori pendolari sullo Stretto di Messina viene introdotto un “visto”. Sono queste alcune delle nuove misure adottate con un’ordinanza dal governatore Nello Musumeci. Provvedimenti che il presidente della Regione Siciliana ha deciso di prendere tenuto conto di «un’inferiore diffusione del contagio rispetto ad altre parti del territorio nazionale», che consente, quindi, di «uniformare, prudentemente e proporzionalmente, le misure urgenti di contenimento già adottate nell’Isola» con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Ecco tutte le novità.

Manutenzione e conduzione di terreni e aree verdi
È consentita, in quanto riconducibile a “situazione di necessità” finalizzata a sopperire alle esigenze alimentari e ai lavori di manutenzione per la prevenzione degli incendi, l’attività non imprenditoriale necessaria per la conduzione di terreni agricoli e per la cura degli animali. L’uscita nell’ambito del medesimo Comune o verso un Comune diverso da quello in cui attualmente si trova l’interessato, è consentita una sola volta al giorno e a un solo componente del nucleo familiare, ovvero a un soggetto delegato. È, altresì, autorizzata l’attività di manutenzione di aree verdi e naturali, pubbliche e private. Le attività sono consentite solo nei giorni feriali.

Disposizioni in favore delle persone con disabilità
È consentito, in caso di necessità, alle persone affette da disabilità intellettive, relazionali o motorie, con l’assistenza di un accompagnatore, compiere un’uscita giornaliera di breve durata e in prossimità della propria abitazione.

Attività motoria e jogging
Saranno consentite le attività, così come previsto dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri.

Disposizioni in “zona rossa”
Nei Comuni di Agira, Salemi, Troina e Villafrati resta in vigore la “zona rossa”, ma sarà consentito il transito in entrata e per garantire le attività necessarie alla cura e all’allevamento degli animali, nonché per le attività, imprenditoriali e non, in quanto connesse al ciclo biologico delle piante, anche per il sostentamento familiare.

Consegne a domicilio
È disposta la chiusura al pubblico di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati nei giorni domenicali e del 25 aprile e del primo maggio. È fatta eccezione per le farmacie e per le edicole. È, tuttavia, consentito, anche nei festivi, il servizio di consegna a domicilio dei prodotti alimentari e dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento.

Stabilimenti balneari
È consentita l’attività di manutenzione, montaggio e allestimento degli stabilimenti balneari, nonché la pulizia della spiaggia di pertinenza. L’impresa esecutrice è tenuta a garantire nelle aree di cantiere il rispetto delle normative di settore, il distanziamento sociale e ogni altra misura finalizzata alla tutela dal contagio, avendo cura di interdire l’accesso ai non addetti ai lavori.

Disposizioni sanitarie
Restano invariate le disposizioni di obbligo di quarantenma per tutti coloro che arrivano in Sicilia e per i soggetti positivi in stato di isolamento domiciliare.

Stretto di Messina
I lavoratori pendolari che attraversano lo Stretto di Messina dovranno compilare un modulo (allegato all’ordinanza) e trasmetterlo al dipartimento regionale della Protezione civile per avere il “visto” di autorizzazione. Esso dovrà essere esibito all’atto dell’imbarco al personale addetto al controllo per rendere più agevole il transito dei pendolari. I relativi controlli saranno previsti dalla prima corsa del 22 aprile. Restano in vigore le disposizioni relative al controllo sanitario agli approdi della Rada San Francesco, della Stazione Marittima e di Tremestieri.

Da LiveSicilia – Agricoltura, in arrivo 40 milioni La Regione pubblica il bando


Destinati agli investimenti, dalle macchine agli attrezzi agricoli.

PALERMO – Quaranta milioni di euro per investimenti nelle aziende agricole siciliane. Lo prevede il bando pubblicato dalla Regione Siciliana, attraverso l’assessorato dell’Agricoltura, a valere sulla Misura 4.1 del Programma di sviluppo rurale 2014/2020. Si tratta di una delle procedure più attese dal comparto agricolo, grazie alla quale sarà possibile acquistare macchine, attrezzi agricoli, per trasformazione, confezionamento e commercializzazione di prodotti; realizzare e ristrutturare allevamenti (stalle, ricoveri, recinzioni) oltre che punti vendita aziendali e sale degustazioni; e ancora serre e tunnel per colture protette e florovivaismo; operare miglioramenti fondiari e sistemazioni idraulico-agrarie (recinzioni, terrazzamenti, recinzioni, viabilità aziendale ed elettrificazione).

Una quota dei finanziamenti sarà destinata all’agricoltura delle isole minori: Pantelleria, Eolie, Egadi, Ustica, Lampedusa e Linosa, che erano rimaste escluse dai Continue reading “Da LiveSicilia – Agricoltura, in arrivo 40 milioni La Regione pubblica il bando”

Regione Siciliana – Ordinanza contingibile e urgente n. 16 del 11.04.2020


Download (PDF, 286KB)

Regione Siciliana – Ordinanza contingibile e urgente n. 15 dello 08.04.2020


Download (PDF, 271KB)

Presidente della Regione Siciliana. Ordinanza contingibile e urgente n. 14 dello 03.04.2020


L’ordinanza conferma tutte le restrizioni ed estende anche ai giorni FESTIVI la chiusura totale, già prevista per la domenica, di tutte le attività commerciali, artigianali, sospensione consegna a domicilio domenica e festivi.

Download (PDF, 268KB)

 

 

Riceviamo e pubblichiamo – Trasporti marittimi, dalla Regione un bando da oltre 300 milioni: spunta il nuovo collegamento Cefalù-Lipari


Pronto un piano quinquennale per rilanciare 43 linee tra i porti siciliani e le isole minori. Entro aprile il bando per le nuove concessioni. Previsto abbattimento dei costi e navi più moderne

Una vera e propria rivoluzione dei trasporti marittimi siciliani. E’ quello sui cui lavora la Regione che punta ad nuovo bando di oltre 300 milioni per rilanciare i collegamenti tra i principali porti metropolitani e le isole minori.

La tematica è stata affrontata oggi a Palermo. Al tavolo, convocato dagli assessori regionali Bernardette Grasso, coordinatrice dei servizi per le Isole minori, e Marco Falcone, delegato ai Trasporti, hanno partecipato tutti i sindaci dei Comuni delle Isole minori e, fra gli altri: l’ammiraglio Salvatore Gravante, segretario generale dell’Autorità di sistema portuale Sicilia occidentale; Roberto Isidori, comandante della Capitaneria di Porto di Palermo; Mario Paolo Mega, presidente dell’Autorità portuale dello Stretto, il dirigente generale Fulvio Bellomo e la dirigente Trasporto marittimo Dora Piazza.

“Il Governo Musumeci – ha spiegato l’assessore Falcone – ha presentato a tutti gli attori interessati la bozza di un piano quinquennale dal valore di oltre 300 milioni di euro che si articolerà su 43 linee fra i principali porti di Sicilia e le isole minori. Il numero di miglia nautiche annualmente percorse supererà il milione e 400mila, grazie a un investimento regionale di oltre 60 milioni per anno. Tra le novità anche una nuova linea, la Cefalù-Lipari”.

L’assessore Falcone stila poi la tabella di marcia dei prossimi mesi: “Entro aprile intendiamo pubblicare il nuovo bando quinquennale per le concessioni del trasporto marittimo, un bando che recepirà la nuova rete dei servizi e che si baserà sul criterio dell’offerta più vantaggiosa. Abbiamo, inoltre, posto come condizioni essenziali l’abbattimento dei costi a carico degli utenti e l’inserimento di criteri che favoriranno l’utilizzo di navi moderne ed efficienti”.

Nelle prossime settimane, come preannunciato da Grasso e Falcone, si terranno ulteriori incontri di consultazione e confronto con le comunità locali, gli attori istituzionali e gli stakeholders del trasporto marittimo siciliano.

Fonte: MessinaToday
Redazione
13 febbraio 2020 18:30“

Riceviamo e pubblichiamo – Truffa alla Regione, sequestrati 3 traghetti alla Caronte & Tourist: “Non sono sicuri”


La società che ha inglobato nel 2017 la Ngi si è aggiudicata un appalto da 15,6 milioni con un ribasso del 30%. Le navi impiegate per le rotte, anche da e per Ustica, non sarebbero però state idonee soprattutto per anziani e disabili

Riccardo Campolo

10 gennaio 2020 07:10

 

Sotto sequestro soldi, immobili, quote societarie e anche tre navi della Caronte & Tourist isole minori spa. Un vero e proprio tsunami si è abbattuto sulla società che nel 2017 ha inglobato la Navigazione generale italia spa, vincitrice di una gara d’appalto da 15,9 milioni (con un ribasso del 30%) bandita dalla Regione per la gestione dei collegamenti marittimi tra la Sicilia e le isole minori. Oltre al sequestro che colpisce la società e il suo amministratore, il 57enne Sergio La Cava, sono stati segnalati all’autorità giudiziaria anche Luigi Genghi (56), Edoardo Bonanno (48) e Vincenzo Franza (56), con ruoli di vertici sia nell’organigramma di Ngi sia in quello della Caronte & Tourist. Gli indagati sono accusati a vario titolo per i reati di truffa per il conseguimento di pubbliche erogazioni, falsità ideologica e frode nelle pubbliche forniture ai danni della Regione Siciliana.

L’operazione è stata denominata “In alto mare”. Eseguito il sequestro preventivo delle navi-traghetto “Pace”, “Caronte” e “Ulisse”, attualmente impiegate nei collegamenti La Maddalena/Palau, Trapani/Isole Egadi e Palermo/Ustica,

Sotto la lente della Procura di Messina e delle fiamme gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo e Messina è finita la gara l’aggiudicazione dell’appalto vinto nel 2015 dalla Ngi spa per il lotto II (Trapani-Isole Egadi) pensato dall’assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità. “Per partecipare e aggiudicarsi la gara – ricostruisce la guardia di finanza – ciascuno dei concorrenti aveva individuato una nave-traghetto da dedicare esclusivamente alla tratta oggetto del singolo lotto, dotata di stringenti caratteristiche strutturali volte a consentire la navigazione in piena sicurezza anche alle persone a mobilità ridotta (categoria che comprende anche anziani, disabili, persone su sedia a rotelle, gestanti e chi accompagna bambini piccoli)”. Stando a quanto accertato dagli investigatori l’imbarcazione “Pace”, quella proposta dalla Ngi, presentava e presenta “carenze tecniche e strutturali in ragione delle quali non è assolutamente possibile trasportare in sicurezza persone con mobilità ridotta”.

Proprio queste difformità rispetto a quanto previsto dalla normativa, accertate anche dagli organi tecnici durante le attività ispettive, “non sono mai state sanate – si legge in una nota – e conseguentemente non avrebbero consentito la partecipazione né l’aggiudicazione della gara alla Ngi spa (ora Caronte & Tourist isole minori spa)”. Le indagini avrebbero inoltre svelato un altro dettaglio adottato per non interrompere il servizio in caso di guasti o avarie della nave. Si trattava di “sostituzioni irregolari del traghetto designato per la tratta Trapani-Isole Egadi, non autorizzate preventivamente dalla stazione appaltante, ma soprattutto avvenute con i traghetti Caronte e Ulisse, anch’essi carenti dei requisiti previsti per il trasporto delle persone con mobilità ridotta”. Ipotesi confermata anche dai tecnici incaricati dall’autorità giudiziaria che hanno “sgombrato ogni dubbio circa l’assoluta inidoneità di tutti e tre i traghetti e sul conseguente concreto rischio in caso di naufragio e incendi”.

La normativa nazionale vigente, in linea con quanto previsto dal diritto dell’Unione europea in tema di aiuti di Stato, prevede cospicui contributi a beneficio degli aggiudicatari per rendere economicamente conveniente l’esecuzione del fondamentale servizio di collegamento di linea sulla scorta di una stima del costo di gestione della tratta (al netto dei ricavi derivanti dalla vendita dei titoli di viaggio). Quanto sottoposto a sequestro preventivo dalla guardia di finanza con l’operazione “In alto mare” corrisponde all’ammontare complessivo delle risorse indebitamente percepite dalla società nel periodo 2016-2019. I mezzi navali sequestrati sono stati affidati agli amministratori giudiziari nominati dal giudice per le indagini preliminari, mentre la società armatrice è stata designata custode.

VIDEO | Traghetti “trappola” per anziani e disabili

Fonte: PalermoToday

Compostaggio domestico, la Regione proroga il bando per i Comuni al 20 settembre


La Regione siciliana ha prorogato al 20 settembre il bando per il compostaggio domestico e di comunità. Per i Comuni ci sono a disposizione 16 milioni che consentiranno di ridurre i costi di conferimento in discarica e di smaltire l’organico a livello locale con piccoli impianti domestici, producendo allo stesso tempo compost per uso agricolo e ottenendo sconti sulla Tari.

Il bando dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon è stato prorogato per consentire a un numero più ampio possibile di enti locali di rispettare i requisiti richiesti dall’avviso.

A beneficiare delle somme sono Comuni singoli e Aro, ma i Consigli comunali dovranno prima aver approvato un apposito regolamento. Il dipartimento Acque e rifiuti guidato da Salvo Cocina ha messo a disposizione uno schema tipo per agevolare il lavoro degli amministratori.

L’iniziativa rientra tra le azioni del governo Musumeci per promuovere il riciclo dei rifiuti con enormi vantaggi dal punto di vista economico e ambientale. Secondo le stime degli uffici, una famiglia di quattro persone può arrivare a produrre oltre 300 kg di umido l’anno, di conseguenza 100 famiglie possono fare risparmiare anche fino a 10 mila euro l’anno di costi vari. Nel complesso l’umido rappresenta circa il 40 per cento della parte differenziata dei rifiuti.

Il bando finanzia l’acquisto di compostiere, attività di informazione e monitoraggio delle attività. Sono previsti contributi fino a 350 mila euro per Comuni con meno di 5 mila abitanti e fino a un milione e mezzo per i Comuni più grandi con oltre 100 mila abitanti.

Palermo, 4 luglio 2019

rv 3331552350

 

Edilizia Scolastica: fondi per gli Enti Locali


Un bando da 50 milioni di euro destinato a disposizione Comuni e Province per finanziare la progettazione di interventi di messa in sicurezza e di adeguamento sismico delle scuole. Candidature entro il 18 aprile.

Il Miur ha emanato un avviso pubblico per la concessione di contributi in favore di enti locali per la progettazione di interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, per un totale di 50 milioni di euro.

Fino al 18 aprile 2019 gli Enti Locali possono per candidarsi e chiedere contributi per la progettazione e possono richiedere subito, all’atto del finanziamento, l’anticipazione del 20%.

Questi i criteri di valutazione delle candidature:

  • la vetustà degli edifici adibiti a uso scolastico;
  • la sismicità della zona in cui sono situati gli edifici;
  • la mancanza dell’agibilità;
  • eventuali provvedimenti o ordinanze di chiusura degli edifici;
  • eventuali quote di cofinanziamento.

Fonte: NOTIZIE della scuola.it

 

Regione, 6 milioni ai Comuni per assumere esperti nel risparmio energetico e ridurre l’inquinamento


Palermo, 18 marzo 2019

Regione, 6 milioni ai Comuni per l’assunzione degli energy manager
L’assessore Pierobon: esperti al lavoro per ridurre inquinamento, occasione per incentivare il risparmio energetico e creare occupazione

I professionisti studieranno soluzioni per diminuire le emissioni nei territori. Ecco come ottenere la qualifica per lavorare anche nel privato

I Comuni siciliani aderiscono in massa alla chiamata della Regione per ridurre le emissioni inquinanti e i consumi energetici. Sono 353 gli enti locali che hanno presentato istanza di contributo per assumere un energy manager, figura che avrà il compito di redigere un piano e guidare le amministrazioni alla riduzione delle emissioni del 40 per cento entro il 2030.

Il bando del dipartimento regionale dell’Energia ha stanziato 6 milioni di euro e ha fissato la ripartizione delle somme in base al numero degli abitanti e alla dimensione dei Comuni, con importi che vanno dai 10 mila euro di Roccafiorita e gli 82 mila di Palermo. Il bando è stato pubblicato lo scorso ottobre ed è stato prorogato a gennaio con un boom di domande. Dopo la verifica di ammissibilità, i Continue reading “Regione, 6 milioni ai Comuni per assumere esperti nel risparmio energetico e ridurre l’inquinamento”

Rifiuti, la Regione accelera sul compostaggio domestico per ridurre costi e alleggerire le bollette


Rifiuti, la Regione accelera sul compostaggio domestico. Nota dell’assessore Pierobon ai sindaci: “Pratica da incentivare per ridurre costi e scontare le bollette, pronto un bando da 16 milioni per condomini, associazioni e aziende” 

Il governo Musumeci punta a rilanciare il compostaggio domestico, che consente di utilizzare l’umido prodotto in casa per creare compost per uso agricolo e ridurre la quantità di organico da portare negli impianti. Un atto di indirizzo dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, inviato a tutti i sindaci siciliani, chiarisce le modalità gestionali e organizzative ricordando criteri e regole da seguire. È invece in pubblicazione un bando da 16 milioni che finanzierà i Comuni per l’acquisto di macchinari per realizzare il compost anche nell’ambito di organismi collettivi quali condomini, associazioni, consorzi, società non industriali o altre forme associative di diritto privato che intendono intraprendere un’attività di compostaggio di comunità.

Per partecipare al bando i Comuni devono aver approvato il regolamento per la pratica del compostaggio domestico che definisce le varie modalità e i benefici. La compostiera potrà essere acquistata dall’utente, che dovrà dichiararla al Comune, oppure potrà essere concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune stesso. I cittadini dovranno avere la disponibilità di un’area verde di dimensioni definite nel regolamento, generalmente maggiore di 25 metri quadrati e avranno diritto alla riduzione della Tari.

I vantaggi  sono enormi dal punto di vista economico e ambientale. Si stima che una famiglia di quattro persone possa produrre oltre 300 kg di umido l’anno e un nucleo abitato di 100 famiglie sia in grado di far risparmiare anche fino a 10 mila euro l’anno di costi di conferimento. “Senza dimenticare – spiega l’assessore Pierobon – che l’autocompostaggio  prevede sgravi in bolletta e che per il Comune significa ridurre fino ad azzerare l’umido da ritirare durante la settimana, quindi meno costi di manodopera, meno costi di trasporto, meno inquinamento ambientale e ovviamente risparmio sul conferimento ed avere la possibilità di usufruire di compost per uso agricolo. Infine in questo modo, nel rispetto dei principi di economicità, autosufficienza, prossimità territoriale e minimizzazione degli impatti territoriali, viene dato seguito alle direttive comunitarie in materia di gestione del ciclo dei rifiuti”.

L’atto di indirizzo dell’assessore fa seguito a un chiarimento fornito dal ministero dell’Ambiente e viene incontro alle esigenze dei Comuni che avevano fatto notare un paradosso: aumentando il compostaggio domestico, viene meno una parte consistente di raccolta differenziata facendo calare le percentuali. A tal fine la nota assessoriale ricorda che per utenza domestica si considera una produzione di rifiuti organici di 80 kg annui per abitante, peso che ovviamente va ricalcolato nella percentuale di differenziata.  L’assessorato pubblicherà a breve un bando che consentirà di accedere a dei finanziamenti per l’acquisto di piccoli macchinari destinati al compost che potranno essere utilizzati anche da gruppi di attività commerciali, per incrementare una pratica virtuosa che porterà consistenti benefici al ciclo dei rifiuti in Sicilia.

Palermo, 15-05-2019

rv 3331552350

Riceviamo e pubblichiamo, dalla Regione fondi per revisione urbanistica isole minori


Pantelleria, Ustica, Lampedusa-Linosa, Favignana, Lipari, Leni, Malfa, Santa Maria Salina sotto gli otto Comuni siciliani che potranno utilizzare risorse della Regione per procedere alla revisione degli strumenti urbanistici. Lo ha deciso il governo Musumeci che ha impegnato le somme stanziate con la Legge regionale 16 del 2017.

“La decisione adottata – commenta il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – è un ulteriore segnale dell’attenzione nei confronti delle nostre isole, perle del turismo e dell’ambiente. Riordino e aggiornamento degli strumenti urbanistici sono attività prioritarie perché garantiscono una pianificazione intelligente del territorio”. Il governatore ha già visitato Ustica e Lampedusa, “ma è mia intenzione – aggiunge – recarmi in tutte le altre isole, per conoscere da vicino le loro esigenze”.

I fondi disponibili (158 mila euro) verranno destinati, attraverso il dipartimento dell’Urbanistica guidato da Giovanni Salerno, ai Comuni delle isole minori che potranno in questo modo impiegarli nella redazione o rielaborazione dei Piani regolatori, in indagini geologiche a supporto degli strumenti urbanistici o nella predisposizione di rilievi aerofotogrammetrici. Inoltre per gli otto enti interessati c’è la possibilità concreta di portare a compimento le attività iniziate. Potranno accedere al finanziamento presentando, entro l’anno, oltre alla richiesta con la delibera consiliare che indichi l’avvio del procedimento di elaborazione del documento urbanistico, il cronoprogramma delle attività e le relative risorse umane e professionali da utilizzare per ciascuna fase e l’indicazione preventiva del costo del progetto.

Fonte: Grandangolo il giornale di Agrigento

Madreterra – Inno Ufficiale della Regione Sicilia [Anthem of Sicily Island]

Riceviamo e pubblichiamo – Giunte comunali, aumenta il numero degli assessori…


Giunte comunali, aumenta il numero degli assessori, incompatibilità con la carica di consigliere comunale

La Commissione Affari Istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana ha approvato il Ddl che cambia la struttura delle Giunte comunali.

Lo schema se approvato in Aula modificherà la composizione delle giunte comunali in Sicilia: nei Comuni fino a 10 mila abitanti, oltre al sindaco, che presiede la giunta, il numero massimo di assessori sarà pari a 4; nei comuni da 10 mila a 30 mila, 5 assessori; da 30 mila a 100 mila, 7 assessori; da 100 mila a 250 mila, 9 assessori; da 250 mila a 500 mila, 10 assessori; per i comuni oltre i 500 mila abitanti, il numero massimo è fissato in 11 assessori.

È stata prevista in giunta una presenza di genere di almeno il 40% nei comuni con oltre 10 mila abitanti, mentre nei comuni fino a 10 mila abitanti, nel rispetto della rappresentanza, almeno 1 assessore deve garantire la diversificazione di genere. Inoltre è stata prevista l’incompatibilità tra la carica di consigliere comunale e quella di assessore nei comuni superiori a 15 mila abitanti.

 “Il disegno di legge varato risponde specialmente all’interesse dei piccoli comuni che nei periodi di alta stagione turistica, per il fisiologico aumento della popolazione, debbono far fronte ad un aumento del carico di funzioni. E ciò, spesso, dovendo i pochi assessori svolgere funzioni incompatibili tra loro e, comunque, di grande responsabilità: salute e lavori pubblici, agricoltura e bilancio, solo per fare un esempio”.

A riferirlo è il Presidente della Commissione Affari Istituzionali all’Assemblea regionale siciliana, On. Avv. Stefano Pellegrino.

“Inoltre – conclude il Parlamentare di Forza Italia – l’approvazione del ddl adegua la normativa regionale a quella nazionale, proporzionando il numero degli assessori a quello dei consiglieri comunali e della popolazione. Sarà garantita, infine, la rappresentanza di entrambi i generi, considerato il non indifferente contributo di competenza apportato dalle donne nella recente esperienza politica ed amministrativa”.

Finte; SiciliaONPress

Autore: Giuseppe Moscato