Riceviamo e pubblichiamo – obbligo di vigilare sul rispetto della Convenzione per l’esercizio dei servizi di collegamento marittimo con le isole minori siciliane.


Download (PDF, 638KB)

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Un tempo era grande il rispetto per una testa ricoperta di capelli bianchi.
(Ovidio)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Le compagnie più piacevoli sono quelle nelle quali regna, tra i componenti, un sereno rispetto reciproco.
(Johann Wolfgang Goethe)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


L’allievo Tse Kung chiese: Esiste una parola che possa esser la norma di tutta una vita? Il maestro rispose: Questa parola è ‘reciprocità’. E cioè, non comportarti con gli altri come non vuoi che gli altri si comportino con te.
(Confucio)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Le compagnie più piacevoli sono quelle nelle quali regna, tra i componenti, un sereno rispetto reciproco.
(Johann Wolfgang Goethe)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

Confrontati, ma sii sempre gentile.
Discuti, ma abbi sempre rispetto.
Sopporta, ma non abbassarti mai per nessuno.
Accetta le critiche, ma mai le imposizioni.
Ama, ma soprattutto, amati.

Giorgia Stella
(inviato da Paola Capitani)

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????
???????

Non chiamiamo l’incoscienza coraggio, e non confondiamo il rispetto con la paura, poiché così facendo faremmo di un’incosciente un valoroso, di un saggio un vile e di uno spietato tiranno una rispettabile persona.

Xavier Wheel

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

???????
???????

Democrazia non vuol dire individualismo senza freni, ma livellamento e comunanza nel rispetto della legge, ripartizione del lavoro, ordine”.

Gustave Flaubert

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Se per una volta tradisci la fiducia dei tuoi concittadini, non riguadagnerai mai la loro stima e rispetto.
(Abraham Lincoln)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

???????
???????

Democrazia non vuol dire individualismo senza freni, ma livellamento e comunanza nel rispetto della legge, ripartizione del lavoro, ordine”.

Gustave Flaubert

 

Anche le istituzioni devono rispettare le regole…


Chi promulga leggi, chi emana ordinanze, chi impone vincoli di comportamento, ecc. deve essere un soggetto rispettoso delle regole per non dare ai cittadini la percezione di avere a che fare con persone poco serie.
Come può un nostro vigile multare un turista o un residente quando da venerdì, a qualsiasi ora, abbiamo avuto modo di notare due vetture che si prendono gioco dei segnali di divieto in tutta l’area della piazza?

Sino a quando i nostri governanti non capiranno che oltre a mostrare i “muscoli” serve il buon esempio avremo sempre una disastrata politica nazionale, regionale, locale fatta di solo annunci e promesse da marinaio.

 Rispetto delle regole

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


aforismi
sindaco

Le regole e i ‘no’ sono come dei paracarri ai lati di una strada; sono punti di riferimento, non debbono cambiare  di posizione, non possono decidere di esserci o non esserci.”
PAOLO CREPET

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Sindaco 2 (3)

Democrazia non vuol dire individualismo senza freni,
ma livellamento e comunanza nel rispetto della legge,
ripartizione del lavoro,
ordine”.

Gustave Flaubert

 

Un feudale rispetto alla lettera di “occhio per occhio”…


 

????????????????????Le “intelligenze” si distinguono per il silenzio con cui riescono ad arrivare al cuore e alle menti altrui.

Le “intelligenze” sono quelle che riescono con poco ad esprimere le idee, le passioni, le opinioni, i sogni e i desideri di una nazione!! Non credo che il sig. Riccio, dirigente comunale del 5° settore, con le sue battute poco rispettose e particolarmente offensive sia riuscito a scuotere le “nostre intelligenze” abituate a ben altri valori, ma siano riuscite a confermare la sua presunzione e lo scarso interesse nei confronti di un paese in ginocchio. Diciamo che il “feudale occhio per occhio” lei lo rispetta proprio alla lettera!!

Per quanto riguarda le puzzole, sono animaletti vivaci che reagiscono emanando cattivo odore quando si sentono in pericolo. Le posso garantire che quelle puzzole che le stanno attorno e che si sentono minacciate e in pericolo, stanno facendo semplicemente quello che la natura gli ha insegnato e le posso assicurare che i cittadini cominciano a sentire la puzza anche da una notevole distanza.

Angelo Tranchina

Il rispetto delle “regole” prima di tutto…

[plusvideo height=”450″ width=”450″ editlink=”http://bit.ly/1BmoBAM” standard=”http://www.youtube.com/v/7t0x5bHsCI8?fs=1″ vars=”ytid=7t0x5bHsCI8&width=450&height=450&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep7820″ /]

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Giacomo Di Simone

: “E riprendendo il “vergogna!” finale del video…..lo ribadisco……Occorre rispetto delle regole da parte di tutti……e purtroppo, poiche’ non tutti hanno il buon senso civico di farlo, anche maggiori controlli affinche’ i soliti furbetti (che si credono tali ma non lo sono) non prevalgano sugli altri danneggiando questa risorsa preziosa dell’isola”

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

SindacoC’è una specie di rispetto e di deferenza nel mentire.
Ogni volta che mentiamo a qualcuno,
gli facciamo il complimento di riconoscere la sua superiorità.

Samuel Butler,

 

I lampioni che portano al Campo Santo: “una questione di estetica, di luce e di rispetto.”

[ id=20325 w=320 h=240 float=left]Pietro, nel ripulire l’archivio del mio computer da “vecchie cose” ho trovato la lettera che segue che hai pubblicato, se non ricordo male, due anni or sono. Nonostante sia passato tanto tempo non ho potuto fare a meno di constatare che il contenuto rimane di strettissima attualità. Lo ripropongo fedelmente ma con un “post scriptum ” finale.

“Da studente ho frequentato qui a Palermo il liceo Garibaldi; tra gli insegnanti c’era quello di religione il quale quando si presentava l’occasione mi diceva: “Oddo, ricordati che il Paradiso si merita in tanti modi” anche facendo delle opere buone; (l’opera buona alla quale ero spesso chiamato consisteva nello scendere in Direzione, due piani più sotto, per andare a prendergli un registro). [ id=20326 w=320 h=240 float=right]Se vogliamo prefigurare sulla base di questo aneddoto il percorso che quando fra 100 anni ed anche oltre (no limiti alla Provvidenza) lascerai questa terra (se stai facendo degli scongiuri di … tipo tradizionale ti capisco perfettamente) questi non potrà che portarti dritto dritto in quella direzione perchè tu con Usticasape la tua brava fetta di Paradiso te la stai proprio meritando. L’ultima opera buona in ordine di tempo è quell’enorme lavoro fotografico che hai fatto che ha consentito a tutti noi lontani dall’Isola, nessuno escluso, di potere deporre virtualmente un fiore sulla tomba dove riposano in pace i nostri cari defunti Riconoscerti questo merito è un nostro dovere. Resto sul tema. Per chi come me insieme ad altri a suo tempo ha promosso in loco una mirata e riuscita azione di volontariato è un piacere sentire e leggere che il Cimitero ora ha un aspetto del tutto degno della sacralità del Luogo. C’è ancora però a completamento un piccolo “ritocco” esterno che da anni aspetta inutilmente di essere fatto. [ id=20327 w=320 h=240 float=left]Immancabili impedimenti non mi hanno consentito di essere ad Ustica per il 2 di Novembre come avrei voluto ma mi viene confermato che nella discesa che porta al Camposanto ci sono da molto tempo dei lampioni dell’illuminazione pubblica che per il loro stato avrebbero bisogno di un urgente intervento di ripristino.

Importante quella all’interno del Cimitero ma analoga cura ritengo debba essere assicurata alla strada che porta all’accesso. Invito chi ne ha la competenza a restituire al regolare funzionamento i lampioni “incriminati”. E’ una questione di estetica, di luce e di rispetto. Qualche addetto ai lavori comunali (torno al discorso di prima) ha la opportunità (sempre fra 100 anni e oltre) di meritarsi il Paradiso; ne approfitti, anche perchè da quelle parti di Amministratori comunali, così dicono le” male lingue”, non se ne vedono tanti … “[ id=20328 w=320 h=240 float=right]

P.S. : nulla ad oggi è cambiato; non è il caso di provvedere ? ; voglio sperare, anzi ne sono certo, che chi di competenza tra gli attuali Amministratori troverà il tempo ma anche i denari per non perdere questa occasione per meritarsi (naturalmente sempre fra 100 anni ed oltre) il Paradiso …( ammesso che ci credano ! )

Mario Oddo

 

Maggiore rispetto ai nostri piccoli patrimoni architettonici.


[ id=19160 w=320 h=240 float=] Ad Ustica esistono bellissime piazzette ( denominate Largo ) che andrebbero rivalorizzate. Il Largo Padiglione dove oggi esiste Carpe Diem, Cose Cosi e la Scuola Elementare lo e’ stato gia’ e si vedono i risultati.

 

La Piazzetta sovrastante con la Farmacia, che io ho battezzato Piazzetta Calderaro e per cui ho avuto tanti consensi, andrebbe rimodellata con panchine (e non semplicemente sedili), aiole ben curate con al centro una scultura raffigurante un Delfino o altro simbolo di Ustica, in piu’ una adeguata pavimentazione con ” balate” come quelle in Piazza ma usando anche pietre di diverso colore e non solo grigio, per rompere un po’ la monotonia. Per terra in giro c’e’ un po’ troppo grigiume che puo’ deprimere. Anche la Villa Caduti che piace a pochi e’ tutto un grigiume, una specie di fumo di Londra in un’isola nel Mediterraneo…. I colori sono importanti, terapeutici quasi necessari, sono positivi per gli occhi e aiutano a tenere uno stato di allegria e buon umore.

Queste Piazzette, quindi, sono piccole opere d’arte in embrione che e’ proprio un peccato non valorizzare e con poche spese.

Il Largo Armeria davanti l’Ufficio Postale per come e’ oggi con aiuole ben curate sta benissimo e l’albero di ficus all’angolo e’ spettacolare. Pare che esista un progetto per ristrutturare l’area. Potrebbe andare bene solo se venisse usata come posto di incontro e relax e non come “piazzetta mercato”. Sarebbe difforme al piano paesaggistico e non rispetterebbe l’ambiente, giustamente, tanto caro agli attuali amministratori (Davanti dovrebbe essere rialzata di un metro… una follia!).

Sono fiducioso che la nuova amministrazione troverà una soluzione più idonea per soddisfare i bisogni dei venditori dando a piazza Armeria il piacere di viverla

Sono stati commessi grossi errori quando è stato permesso, in piazza e in genere nel centro storico, di sostituire i balconi in marmo retti da ferri battuti con colate di cemento. Ci sarebbe piaciuto vedere il Centro Studi schierato in difesa di questi preziosi beni architettonici

Agostino Caserta

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Sindaco 2 (3)

Democrazia non vuol dire individualismo senza freni,
ma livellamento e comunanza nel rispetto della legge,
ripartizione del lavoro,
ordine”.

Gustave Flaubert

 

“L’Isola merita solo Amore e Rispetto.”


 

Vincenzo Pizzurro mOggi più che mai è necessario essere propositivi e concreti.
Nascondersi dietro attacchi alla persona non è un gesto che ritengo intelligente e degno di persone che vogliono il bene dell’isola, ma al contrario credo che sia la reazione dissennata di chi vuole a tutti i costi perpetrare l’ennesimo atto di sciacallaggio per favorire solo interessi personali.
La mia è una riflessione che nasce dalla squallida campagna messa in piedi per delegittimare ancora una volta persone che come il Sig. Militello hanno a cuore le sorti dell’isola sia in termini economici che culturali e che hanno scelto di dare il loro contributo all’Isola.
Oggi è necessario pensare a far vincere l’Isola che aspetta solo di essere scoperta nelle sue bellezze naturali, storiche e nella sua biodiversità, che in simbiosi con l’uomo riesce ad essere un eccellenza sia nella pesca che nell’agricoltura, tutti requisiti, che grazie al lavoro di tanta gente, possono e devono far divenire Ustica meta di turisti, ricercatori, amanti del mare, storici, geologi, vulcanologi , subacquei e gente (ri tuttu u Munnu) da tutto il mondo.
E’ di fatto necessario è indispensabile rilanciare l’immagine dell’isola per renderla nuovamente appetibile.
La vera partita và giocata non contro L’isola ma insieme all’isola.
L’aver volutamente o distrattamente abbandonato L’isola per dieci anni, ha di fatto vincolato il territorio e danneggiato l’economia di Ustica, provocando nella gente confusione e panico.
Solo attraverso una corretta gestione dell’area marina protetta e del territori, e mettendo in atto i piani di utilizzo esistenti si potrà ristabilire il giusto equilibrio economico e rendere armonica la vita sull’Isola.
L’Isola merita solo amore e rispetto.

Vincenzo Pizzurro