Odissea per Ustica, 7 ore di ritardo


COMMENTO

Da Pina Accursio

A Ustica l’unica propaganda che i politicanti di turno si divertono a effettuare è quella relativa ad un’isola Covid free, cosa poi tutta da verificare.
Per quanto riguarda i disagi, non è cambiato niente.

Partenza ritardata per l’aliscafo Fabricia


 

Aliscafo Fabricia
Aliscafo Fabricia

L’Agenzia Fratelli Prestifilippo comunica che questo pomeriggio l’aliscafo Fabricia partirà da Palermo per Ustica alle ore 20,30.  Risolti i problemi tecnici.

 

Ustica in attesa dell’aliscafo in ritardo… – “lo stato di agitazione continua ad oltranza”

Stato di agitazione ad oltranza

^^^^^^^^^^^^^

Collegamenti marittimi a singhiozzo a Ustica
Protesta abitanti: «Non siamo cittadini di serie C»

CRONACA – Stamani una cinquantina di persone ha occupato pacificamente il Comune. Nel pomeriggio una piccola delegazione sposterà la protesta a Palermo. Giorgio Tranchina: «Ignorati da politica e istituzioni. Ci vengono negati diritti essenziali. A rischio c’è la sopravvivenza della nostra comunità»

Un’occupazione pacifica per manifestare tutto il loro dissenso. Perché, spiegano, sono stufi di essere ignorati. Dalle istituzioni e dalla politica. A dare vita alla protesta una cinquantina di abitanti di Ustica, che oggi hanno manifestato, occupando la sede del Comune. Cartelloni e slogan per ribadire che «l’isola è in ginocchio» a causa della precarietà dei collegamenti marittimi. Dito puntato contro lo stop al servizio integrativo, assicurato per cinque anni dalla Ustica Lines, e che rischia di mettere a repentaglio la stagione turistica.

«Siamo vittime di un braccio di ferro tra la Regione e la compagnia di navigazione – dice a MeridioNews Giorgio Tranchina, uno dei manifestanti -. Da ottobre non abbiamo più il servizio integrativo, una sospensione che nega il nostro diritto alla continuità territoriale, ma anche quello allo studio dei nostri ragazzi e alla salute». Il servizio era stato assicurato dalla Ustica Lines sino al 31 ottobre, dopo un’ulteriore proroga al 30 novembre, la Regione ha emanato quattro bandi, andati tutti deserti. «Non ha partecipato nessuno – spiega ancora Tranchina – perché non sono stati ritenuti convenienti».

Oggi il collegamento tra Palermo e Ustica è assicurato dalla Compagnia delle Isole, con una nave, che parte la mattina dal capoluogo siciliano, e un aliscafo, che fa due corse al giorno durante la settimana e tre nel week-end. «Per due giorni siamo rimasti isolati, perché l’aliscafo aveva un guasto al motore – dice ancora Tranchina -. Il servizio che ci viene offerto non è efficiente e viene messa a rischio persino la salute dei nostri concittadini. Quella di oggi non è solo una lotta condotta a difesa del turismo, ma per la sopravvivenza stessa della nostra comunità. Il servizio integrativo consente a medici, infermieri e insegnanti di raggiungere Ustica e di assicurare cure e istruzione. Siamo stanchi di essere trattati come cittadini di serie C».

A Palazzo d’Orleans i manifestanti chiedono di ripristinare subito i servizi e dismetterla con «gli esperimenti condotti sulla nostra pelle». Una piccola delegazione in serata sarà a Palermo. «Ci stiamo imbarcando. Decideremo dopo che tipo di protesta mettere in campo» assicura Tranchina. E promettono di andare avanti ad oltranza. Perché «i cittadini sono stremati. Non è una battaglia ideologica, ma per diritti essenziali».

Fonte: www.meridionews
di Rossana Lo Castro
15-06-2015

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Collegamenti precari, Ustica protesta

PALERMO. Sono arrivati al porto di Palermo sulla nave della Compagnia delle Isole Antonello da Messina gli usticesi che questa notte occuperanno la nave in segno di protesta per il mancato avvio dei collegamenti veloci tra il capoluogo e la loro isola. “Basta esperimenti sulla pelle degli Usticesi”, “Ustica collegamenti con mezzi efficienti” questi gli striscione che sono stati esposti sulla nave. I manifestanti sono stati accolti al porto da un consistente numero di agenti di polizia.

Fonte: Giornale di Sicilia
Ignazio Marchese
15-06-2015

Partenza in ritardo Nave Antonello Da Messina


 

F.C.5503 Partenza in ritardo Nave Antonello Da Messina.È irrispettoso nei confronti dei passeggeri  la partenza in ritardo della nave Antonello Da Messina, quando non vi sono importanti motivi a giustificazione. Questa mattina, per esempio, siamo partiti alle 09,20 invece delle 09,00 ed il ritardo sembrerebbe essere stato causato dal mancato arrivo delle pratiche a firma della Capitaneria di porto di Palermo, relativamente alla procedura di imbarco/ sbarco del personale di bordo.  Procedure che dovrebbero  essere espletate in tempo utile…

PB

Arrivo Nave in ritardo…


[ id=14810 w=320 h=240 float=center]

Bilanci in ritardo, commissari in tutti i comuni del comprensorio


Da 90011.it

Sono 266 i Comuni e 7 le Province regionali nei quali, a causa della mancata approvazione dei bilanci consuntivi del 2009, nei prossimi giorni, s´insedieranno i commissari ad acta. Nel lungo elenco figurano tutti i comuni capoluogo, tranne Catania e Trapani, mentre delle 9 Province regionali solamente Siracusa e Trapani non riceveranno la visita dei funzionari regionali.

I relativi provvedimenti sono stati firmati, e già notificati, dall´assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici. “È un provvedimento – ha spiegato l´assessore Chinnici – straordinario, che non vuole essere assolutamente punitivo, ma che si è reso necessario e urgente a causa del fatto che è trascorso oltre un mese dalla data di scadenza per l´approvazione, fissata per il 30 aprile. Ho dato disposizione agli uffici del dipartimento delle Autonomie locali di verificare, comune per comune, prima della notifica dei decreti di nomina, se il documento contabile fosse stato, nel frattempo, approvato. Così eviteremo di inviare i commissari inutilmente”.

I funzionari regionali avranno il compito di predisporre, nel caso in cui non lo abbia già fatto la Giunta, lo schema di bilancio consuntivo del 2009, convocando i rispettivi Consigli comunali ed assegnando loro il termine di 30 giorni, per l´approvazione del documento contabile.

In caso contrario, sarà lo stesso commissario a varare la manovra finanziaria. È fissato al 30 giugno, invece, il termine per l´approvazione dei bilanci di previsione per il 2010.

Ecco l´elenco delle amministrazioni comunali nelle quali verranno inviati i commissari ad acta.

AGRIGENTO (29): Agrigento, Alessandria della Rocca, Aragona, Bivona, Camastra, Cammarata, Campobello di Licata, Canicatti´, Casteltermini, Castrofilippo, Comitini, Favara, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lampedusa e Linosa, Menfi, Montevago, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Racalmuto, Raffadali, Ravanusa, Realmonte, San Biagio Platani, Santa Elisabetta, San Giovanni Gemini, Santa Margherita di Belice, Sambuca di Sicilia e Sciacca.

CALTANISSETTA (14): Acquaviva Platani, Butera, Caltanissetta, Campofranco, Delia, Marianopoli, Mazzarino, Montedoro, Resuttano, Riesi, Santa Caterina Villarmosa, Sommatino, Sutera e Villalba.

CATANIA (41): Aci Castello (anche 2008), Aci Catena, Aci Sant´Antonio, Acireale, Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Caltagirone, Camporotondo Etneo, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Grammichele, Gravina di Catania, Linguaglossa, Maniace, Mascali, Mascalucia, Militello in Val di Catania, Mineo, Mirabella Imbaccari, Misterbianco, Motta Sant´Anastasia, Palagonia, Paterno´, Piedimonte Etneo, Raddusa, Ragalna, Ramacca, Randazzo, Riposto, Sant´Agata Li Battiati, Sant´Alfio, San Gregorio di Catania, Santa Maria di Licodia, Scordia, Tremestieri Etneo, Valverde, Viagrande, Vizzini e Zafferana Etnea.

ENNA (12): Aidone, Assoro, Calascibetta, Centuripe, Enna, Leonforte, Nissoria, Piazza Armerina, Regalbuto, Sperlinga, Troina e Villarosa.

MESSINA (68): Acquedolci, Alcara Li Fusi, Antillo, Barcellona Pozzo di Gotto, Brolo, Capo d´Orlando, Caronia, Casalvecchio Siculo, Castel di Lucio, Castell´Umberto, Castelmola, Cesaro´, Condro´, Floresta, Francavilla di Sicilia, Galati Mamertino, Gioiosa Marea, Graniti, Gualtieri Sicamino´, Librizzi, Lipari, Longi, Malfa, Malvagna, Mazzarra´ Sant´Andrea, Meri´, Messina, Milazzo, Militello Rosmarino, Mirto, Mistretta, Monforte San Giorgio, Montagnareale, Montalbano Elicona, Motta d´Affermo, Nizza di Sicilia, Novara di Sicilia, Oliveri, Pace del Mela, Pagliara, Patti, Pettineo, Raccuja, Reitano, Roccafiorita, Rodi´ Milici, Rometta, Sant´Agata di Militello, Santa Domenica Vittoria, San Filippo del Mela, San Fratello, San Marco D´Alunzio, San Piero Patti, San Salvatore di Fitalia, Santo Stefano di Camastra, San Teodoro, Santa Teresa di Riva, Saponara, Savoca, Scaletta Zanclea, Spadafora, Taormina, Terme Vigliatore, Torregrotta, Torrenova, Tusa, Valdina, Venetico e Villafranca Tirrena.

PALERMO (58): Alia, Alimena, Aliminusa, Altavilla Milicia, Altofonte,Bagheria, Balestrate, Baucina, Belmonte Mezzagno, Bisacquino, Bompietro, Borgetto, Caccamo, Campofiorito, Camporeale, Capaci, Carini, Castelbuono,Casteldaccia, Castronovo di Sicilia, Cefala´ Diana, Cefalu´, Cerda, Ciminna, Cinisi, Corleone, Ficarazzi, Giardinello, Gratteri, Isnello, Isola delle Femmine, Lascari, Marineo, Mezzojuso, Misilmeri, Monreale, Montemaggiore Belsito, Palazzo Adriano, Palermo, Partinico, Piana degli Albanesi, Pollina, Prizzi, Roccamena, Roccapalumba, San Cipirello, Santa Cristina Gela, Santa Flavia, San Giuseppe Jato, Sciara, Sclafani Bagni, Termini Imerese, Terrasini, Ustica, Valledolmo, Ventimiglia di Sicilia, Villabate e Villafrati.

RAGUSA (10): Chiaramonte Gulfi, Comiso, Giarratana, Ispica, Modica, Pozzallo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli e Vittoria.

SIRACUSA (15): Augusta, Avola, Buccheri, Buscemi, Carlentini, Cassaro, Ferla, Floridia, Lentini, Melilli, Noto, Pachino, Rosolini, Siracusa e Sortino.

TRAPANI (18): Alcamo, Campobello di Mazara, Castellamare del Golfo, Custonaci, Erice, Favignana, Marsala, Mazara del Vallo, Paceco, Pantelleria, Partanna, Petrosino, Santa Ninfa, San Vito Lo Capo, Salaparuta, Salemi, Valderice e Vita.

(www.guidasicilia.it)