Ustica, arrivo toro di razza


Ustica, arrivo toro di razza
Ustica, arrivo toro di razza

Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


???????

In un villaggio piccolo e montano della Lombardia c’è un toro solo, proprietà di un contadino vecchio. Tutti del paese devono pagare a questo contadino per far inseminare le loro vacche da questo toro. Un giorno in consiglio comunale si vota ad unanimità di comprare il toro del contadino e farne un bene pubblico.
La trattativa andava per giorni e alla fine il sindaco e l’assessore per l’agricoltura riescono ad ottenere un prezzo accessibile e comprare il toro dal contadino. Il toro è stato sistemato in una nuova, bellissima stalla accanto al municipio con tutte le comodità a disposizione, ma quando si tratta di inseminare vacche, il toro non alza un dito, non fa assolutamente niente – indifferente al cento per cento.
I contadini disperati ed il sindaco vanno dal vecchio padrone del toro e gli chiedono come mai non insemina più. Questo se ne va a vedere il toro e lo trova nel suo recinto che bruca tranquillo. Gli dice:
– Ue, toro, perché non insemini più?
Il toro lo guarda sotto occhi e gli fa:
– Ue pirla, adesso sono impiegato comunale!

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Firenze Paola Capitani

Che bella compagnia svegliarsi presto e trovare i tuoi interessanti e utili messaggi..grazie e Buon Anno

Ustica, sbarco toro della discordia


sbarco del toro della discordia
sbarco del toro della discordia

Riceviamo da un “vecchio volpone” e postiamo


IL   T O R O

In un villaggio piccolo e montano della Lombardia c’è un toro solo, proprietà di un contadino vecchio. Tutti del paese devono pagare a questo contadino per far inseminare le loro vacche da questo toro. Un giorno in consiglio comunale si vota ad unanimità di comprare il toro del contadino e farne un bene pubblico.
La trattativa andava per giorni e alla fine il sindaco ed l’assessore per l’agricoltura riescono ad ottenere un prezzo accessibile e comprare il toro dal contadino. Il toro è stato sistemato in una nuova, bellissima stalla accanto al municipio con tutte le comodità a disposizione, ma quando si tratta di montar vacche, il toro non alza un dito, non fa assolutamente niente – indifferente al cento per cento.
I contadini disperati ed il sindaco vanno dal vecchio padrone del toro e gli chiedono come mai non tromba più. Questo se ne va a vedere il toro e lo trova nel suo recinto che bruca tranquillo. Gli dice:
– Ue, toro, perché non trombi più?
Il toro lo guarda sotto occhi e gli fa:
– Ue pirla, adesso sono impiegato comunale!

Arrivo toro da “seme”

——————————–

[ id=15225 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Vitello da monta, che era una specializzazione della premiata ditta Olivares, attorniato e omaggiato in Piazza, dai Super “Vitelloni” usticesi di quei tempi che sembrano dire con orgoglio : ” questa e’ la nostra mascote “. A partire da sinistra Ciccio ( patata ) La barbera, Totuccio ( sigaro ) Caserta, Vittorio ( fammilustru ) Bonaccorsi, Franco Rando, Camillo ( guerciu ) Padovani, Romeo Castelli, Masino Caserta, Uccio Tranchina.

Festeggiamenti per l’arrivo del toro


[ id=13814 w=320 h=240 float=center]

Sbarco del toro che poi sarà della “discordia”


[ id=11105 w=320 h=240 float=center]