Riceviamo e pubblichiamo – Palermo-Ustica: si viaggia in una nave che trasporta merci. E con oltre due ore di ritardo! E’ normale? La Regione che fa?


di I Nuovi Vespri

2 maggio 2021

  • E’ incredibile: ogni volta che ci occupiamo di trasporti marittimi tra la Sicilia e le Isole Minori scopriamo ‘soprese’…
  • Fino a che punto è giusto utilizzare per il trasporto delle persone una nave adibita al trasporto merci? 
  • In tutto questo, che fine ha fatto la nave di riserva?

E’ incredibile: ogni volta che ci occupiamo di trasporti marittimi tra la Sicilia e le Isole Minori scopriamo ‘sorprese’…

Tre giorni fa ci siamo chiesti che cosa stava succedendo lungo la rotta navale Palermo-Ustica. Ce lo siamo chiesti perché il 27 Aprile il traghetto che svolge questo servizio – l’Antonello da Messina – ha subito un’avaria. Per carità, l’avaria, in una nave, ci sta: fa parte del gioco. Ma il gioco, chiamiamolo così, è regolato da una convenzione: se un traghetto subisce un’avaria deve essere sostituito da una nave di riserva. Riprendiamo il nostro articolo del 29 Aprile, dove si racconta del traghetto Antonello da Messina che “il 27 Aprile, rientrando da Ustica, ha avuto problemi al motore di dritta (così dicono le voci di banchina). Com’è stato sostituito? Per ora si sa che il collegamento Palermo-Ustica viene assicurato dalla nave Ulisse che, per tre giorni a settimana, trasporta merci, benzina e munnizza. E i passeggeri che da Palermo debbono recarsi a Ustica e viceversa su quale nave viaggiano? Negli uffici della Regione siciliana ne sanno qualcosa? Mistero”. Ora il mistero è stato chiarito: la nave Ulisse, adibita al trasporto di merci, benzina e munnizza trasporta anche i passeggeri. Possibile?

Fino a che punto è giusto utilizzare per il trasporto delle persone una nave adibita al trasporto merci? 

A noi la cosa sembrava impossibile, perché sappiamo – ma evidentemente ci sbagliamo – che se una nave va in avaria, deve essere sostituita con una nave per svolgere lo stesso servizio. E’ così? A quanto pare lo è solo in parte. La nave che collega Palermo con Ustica dovrebbe viaggiare a una velocità di 16 nodi e impiegare poco meno di tre ore. Ci dicono, invece, che la nave Ulisse viaggerebbe a una velocità di poco più di 9 nodi e impiegherebbe poco più di 5 ore. Se quanto ci raccontano è vero non sarebbe un bel servizio. Così come non ci convince molto la promiscuità: se una nave è adibita al trasporto merci, fino a che punto è giusto utilizzarla anche per i passeggeri? E’ giusto assicurare ai cittadini un servizio in modo così confuso, considerato che Regione siciliana e Stato, ogni anno, per il trasporto via mate tra la Sicilia e le Isole Minori, intervengono con circa 100 milioni di euro di contributi?

In tutto questo, che fine ha fatto la nave di riserva?

Un passeggero ci ha raccontato che la nave Ulisse avrebbe il ponte aperto e che gli spruzzi delle onde del mare colpiscono le automobili. E’ così? Detto questo sorge spontanea una domanda: ma la nave di riserva – che dovrebbe sostituire il traghetto Antonello da Messina – che fine ha fatto? Dovrebbe essere – almeno così ci hanno raccontato – il traghetto Pietro Novelli. Che, però, in questo momento, è impegnato lungo la rotta Trapani-Pantelleria al posto della nave Lampedusa che si trova in un cantiere a Palermo. Da qui un’altra domanda: possibile che, non appena cerchiamo di capire come stanno le cose nel complicato mondo dei trasporti marittimi tra la Sicilia e i propri arcipelaghi troviamo sempre cose strane? Ma la Regione siciliana – e segnatamente l’assessorato alle Infrastrutture e ai Trasporti – che cosa fa? Non spetta agli uffici di questo assessorato effettuare i controlli? Ebbene, questi controlli vengono effettuati? O gli abitanti delle Isole Minori della Sicilia sono si serie B e a loro si possono assicurare anche servizi scadenti? Perché un cittadino di Ustica deve impiegare oltre due ore in più per arrivare nel luogo dove vive? Il sindaco di Ustica, visto che sono passati cinque giorni, è al corrente di tutto quello che sta succedendo?

Foto tratta da VesselFinder   

Fonte: I Nuovi Vespri      

Sarà ripristinato contributo per agevolazioni ad anziani


Sarà ripristinato il contributo ai Comuni per l’erogazione degli abbonamenti agevolati per gli anziani per l’utilizzo dei mezzi pubblici extraurbani. Lo prevede un emendamento presentato da Marianna Caronia al bilancio regionale con il parere favorevole dell’Assessore Marco Falcone, che prevede l’erogazione di un contributo fino a 600 mila euro complessivi.

“Un piccolo intervento – afferma Caronia – per facilitare una fascia di popolazione fragile e un segnale di attenzione verso gli anziani, guardando al momento in cui finalmente si potrà tornare all’utilizzo senza limitazione degli autobus.”

 

Richiesta di intervento per garantire la mobilità e l’utilizzabilità dei trasporti nelle Isole Siciliane


A seguito della recente intervista fatta da Mario Oddo riceviamo dall’ avv. Carmelo Marra e volentieri pubblichiamo”.

Download (PDF, 480KB)

Trasporti marittimi in Sicilia: 100 milioni di euro all’anno di contributi pubblici per avere le navi in avaria!


Per continuare a leggere clicca qui

COMUNICATO ALLA CITTADINANZA – BUONI PASTO e TRASPORTI MARITTIMI


Download (PDF, 108KB)

Attivazione Piano Emergency – Trasporti Marittimi, sospensione Servizio Regionale


Download (PDF, 332KB)


Download (PDF, 189KB)


Download (PDF, 189KB)


Download (PDF, 191KB)

Download (PDF, 107KB)

Riceviamo e pubblichiamo – In arrivo il nuovo bando da 300 milioni per le isole siciliane


La Regione e il suo consulente (la genovese TBridge) annunciano la prossima indizione della gara per i trasporti marittimi locali

Scadendo a fine anno i contratti con gli armatori concessionari dal 2016 dei servizi integrativi di trasporto marittimo verso le isole minori, la Regione Siciliana ha avviato la procedura per l’indizione di una nuova gara, l’ultima volta divisa in cinque lotti.

Dettaglio quest’ultimo ancora non svelato dall’assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone, che ieri a Palermo ha tuttavia illustrato le linee generali del bando quinquennale da 300 milioni di euro complessivi (grossomodo corrispondenti alla spesa regionale odierna), tracciate con l’ausilio della società di consulenza genovese TBridge, partner della Regione già dalla giunta precedente a quella Musumeci in materia di trasporti.

“Il governo Musumeci – ha spiegato Falcone – ha Continue reading “Riceviamo e pubblichiamo – In arrivo il nuovo bando da 300 milioni per le isole siciliane”

Riceviamo e pubblichiamo – Disastro dei trasporti in Sicilia: biglietti aerei alle stelle, strade a pezzi e sulle navi affari & monopoli


 “Tutti li cosi vannu a lu pindinu,
Ed a lu peju si c’inclina ogn’unu,
A cui leva, a cui duna lu distinu
e non ci pari mai lu nostru dunu
nun curri paru lu nostru caminu…”
(tratto da una poesia di Antonino Veneziano)

Trasporti in Sicilia, tutto va a rotoli: aerei, strade, autostrade, treni, navi. Nemmeno sulle navi che collegano la nostra Isola con gli arcipelaghi siciliani “curri pari lu nostru caminu”. Un comunicato del sindacato ORSA marittimi ci racconta che…

In Sicilia si parla di tutto: della Regione siciliana sempre senza soldi, dei fondi europei sempre in bilico, dei Comuni che non erogano servizi ai cittadini però pretendono che gli stessi cittadini paghino tasse e imposte, dei rifiuti che marciscono nelle strade, del Governo Conte bis che ha tassato tutto ma dice di non essere il Governo della tasse, del calcio che dovrebbe servire da “oppio dei popoli” per far dimenticare il MES alle persone, dei teatri siciliani in difficoltà, persino degli 007 del ‘sistema Montante’. C’è, però un argomento quasi dimenticato: i trasporti marittimi da e per la Sicilia.

Certo, c’è stata un’inchiesta appena appena rumorosa. Ma niente più. Si sa che gli abitanti degli arcipelaghi siciliani si lamentano dei trasporti marittimi, che con le eccezioni di Pantelleria e Lampedusa, dove ci sono gli aeroporti, sono gli unici trasporti disponibili.

La Sicilia non è fortunata con i trasporti. Lo scorso Giugno Cosimo Gioia ha denunciato il prezzo esorbitante dei biglietti aerei per i siciliani che debbono partire in emergenza: da 500 a 800 euro!

Dopo mesi di indifferenza, a Novembre, si è scoperto che i Continue reading “Riceviamo e pubblichiamo – Disastro dei trasporti in Sicilia: biglietti aerei alle stelle, strade a pezzi e sulle navi affari & monopoli”

Ustica sciopero trasporti, blocco sbarco passeggeri dalla nave Giotto da terra e con pescherecci


Sciopero trasporti, blocco sbarco passeggeri dalla nave Giotto

Comune di Ustica, conferma incarico mansione di Gestione dei Trasporti del servizio trasporto pubblico locale


 

Comune di Ustica


Con determinazione n. 17 del 13/02/2017 avente per oggetto:”conferma incarico mansione di Gestione dei Trasporti del servizio trasporto pubblico locale al dipendente Caminita Gaetano assegnazione indennità mensile impegno di spesa” il Responsabile del 5° Settore

DETERMINA

di impegnare nel bilancio 2017, l’importo complessivo lordo annuo di € 4.800,00, oltre oneri contributivi, quale indennità mensile lorda (€ 400,00) per la mansione di gestore dei trasporti per il servizio trasporto pubblico su strada di questo Ente, del dipendente comunale CAMINITA Gaetano, nato ad Ustica l’11/12/1956, in servizio presso il V° Settore, in possesso dell’attestato di idoneità professionale per il trasporto nazionale e internazionale su strada di viaggiatori n. 59/2012, rilasciato in data 10/05/2013, dall’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, giusta D.S. n. 1 del 27/01/2017, somma da impegnare nell’esercizio finanziario 2017, ai seguenti capitoli:

– € 4.800,00 (€ 400,00 mensili) al cap. 1037.00, cod. gestionale 1104 denominato “spese per il personale servizio minibus_stipendi lordi”, cod. ATECO 1104, piano finanziario 1.01.01.01.006;

– € 1.142,40 (€ 95,20 mensili) al cap. 1037.01, cod. gestionale 1111 denominato “oneri contributivi carico ente personale servizio minibus”, piano finanziario 1.01.02.01.001 (ex CIPDEL);

– € 34,00 (€ 34,00 mensili) al cap. 1037.04, cod. gestionale 1111 denominato “IRAP su retribuzione autisti servizio minibus”, piano finanziario 1.02.01.01.001.

di liquidare al dipendente CAMINITA Gaetano, per la propria mansione, un’indennità mensile lorda di € 400,00, oltre oneri contributivi, a far data dal 01/02/2017.

La presente determinazione andrà pubblicata nell’Albo on-line di Questo Comune per 15 gg. consecutivi e sul sito web dell’Ente, sezione “Amministrazione trasparente”, ai sensi del D.Lg.vo 14/03/2013, n. 33, recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità,  trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.

Il Responsabile del V Settore
f.to (arch. Paolo Cuccia)

Camillo in testa alla protesta trasporti con le autorità locali


Camillo in testa alla protesta trasporti con le autorità locali
Camillo in testa alla protesta trasporti con le autorità locali

Problemi trasporti marittimi, protesta dei Sindaci delle Isole minori a Roma (nov. 2012)


Problemi Trasporti, protesta dei  Sindaci delle Isole minori  a Roma (Nov. 2012)

TRASPORTI. Riceviamo e pubblichiamo


Comunicato ricevuto dal Sindaco Attilio Licciardi che a sua volta lo aveva ricevuto dal Comandante  Ettore Morace proprietario  della Società Libertylines

Abbiamo letto di alcune polemiche per lo stop ai collegamenti tra Ustica e Palermo operati dalla nostra compagnia. A questo proposito, con la doverosa premessa che il nostro compito, la nostra missione aziendale è garantire il massimo standard di soddisfazione per i cittadini di Ustica, vorremmo precisare che quella della settimana appena conclusa è la prima sospensione delle corse operate dalla nostra compagnia, da quando abbiamo rilevato la Siremar.

Siamo convinti della specificità del collegamento tra Ustica e Palermo, e per questa ragione possiamo già informarvi che prima di Pasqua ritornerà in servizio l’aliscafo Tiziano, attualmente in fase di revisione completa presso i Cantieri Liberty lines di Trapani.

Vogliamo essere chiari anche rispetto a quanto accaduto. Il guasto tecnico occorso all’Aliscafo Fiammetta era molto serio. Soltanto grazie ai nostri tecnici – che hanno lavorato giorno e notte per ripristinare nel più breve tempo possibile la funzionalità del vettore, siamo riusciti a risolvere il problema in meno di 24 ore.

Abbiamo sempre rispettato le regole e soprattutto, abbiamo agito secondo il regolamento europeo, che prevede il rimborso delle spese effettuate. Abbiamo sempre e in ogni momento confermato ai 20 passeggeri rimasti in biglietteria che si sarebbe provveduto al rimborso di quelle spese. Si sbaglia, poi, chi vuole utilizzare questo episodio per finalità di natura politica. Infatti, in tutto il periodo dell’emergenza causata dallo stop del vettore, siamo rimasti sempre in contatto continuo con il sindaco Attilio Licciardi. Il sindaco ha seguito l’evolversi della situazione ed è stato proprio il primo cittadino – bisogna darne atto e merito – a proporre alla nostra società di anticipare le spese di pernottamento. Così, proprio in ragione di quella proposta, e in deroga al regolamento europeo, Liberty Lines ha accettato la richiesta formulata del sindaco di anticipare le spese di pernottamento per i passeggeri che non avevano potuto raggiungere le loro case a Ustica.

E’ stato un evento unico. Abbiamo sempre dimostrato di considerare il servire Ustica un privilegio, un , motivo d’orgoglio.  Non riteniamo perciò corretto dare la stura a bagarre politiche per un avvenimento di forza maggiore, un episodio unico mai accaduto prima alla nostra compagnia.

Problematica trasporti – le attuali condizioni difficilmente potranno garantire la nostra continuità territoriale


                Dopo l’intervento tecnico che la Compagnia Libertylines ha prontamente effettuato, ieri sera alle 18,30  è ripreso il collegamento aliscafo tra Palermo ed Ustica.

MA IL PROBLEMA PURTROPPO RIMANE.

Quanto è accaduto l’altro ieri pomeriggio ci deve far riflettere, ancora una volta ed oggi ancor di più, su ciò che sono i nostri collegamenti che sono l’ennesima dimostrazione della “ miopia politica “ di chi ci amministra.

Sono anni che conduciamo battaglie sull’argomento trasporti, senza ottenere risultati reali in quanto non si sono mai voluti ascoltare i nostri suggerimenti senza trascurare le scelte sbagliate operate dall’assessorato ai trasporti della Regione Sicilia, con la complicità dell’amministrazione Licciardi,  e ne abbiamo avuto una conferma l’altro ieri sera.

Un solo aliscafo non potrà mai, di fatto,  garantire la nostra mobilità e la continuità territoriale.

La tratta Ustica-Palermo non è come le altre tratte ( Eolie o Egadi) dove diversi sono i mezzi in linea e dove, in caso di avaria,  – anche se con ritardo –  ti riportano a casa.

La nostra tratta è particolare, anche per le nostre carenze portuali, ed avrebbe dovuto avere una maggiore attenzione da parte della “politica” invece di mettere “pezze” sempre e solo sulla pelle dei Cittadini.

Credo sia arrivato il momento di prendere una posizione forte e condivisa contro questa “politica fallimentare” .

Del resto i trasporti, se funzionano, sono a beneficio di tutti e principalmente da essi dipende il nostro sviluppo ed il nostro futuro.

Dove sono stati gli “amministratori locali, i politici regionali ed i funzionari vari “ l’altro ieri sera?  Ognuno nelle proprie case, mentre i Cittadini non sapevano che fare !

Quello dell’altro ieri sera è solo un episodio che, continuando così, sicuramente si riproporrà.

E’ solo una questione di tempo !

Dobbiamo, invece,  chiedere – tutti uniti – che i servizi siano divisi tra loro ( quello statale e quello regionale).

Solo questo ci potrà dare una quasi certezza.  Una minima garanzia.

Come gruppo di minoranza consiliare abbiamo cercato di far capire in questi anni alla maggioranza l’entità del problema e quest’ultima se n’è sempre fregata accondiscendendo a ciò che l’assessorato proponeva e che sistematicamente veniva attuato.

Quindi,  concittadini,   ribadisco ancora una volta e con più forza, per evitare simili esperienze negative, la necessità immediata di suddividere i servizi tra quello statale e quello regionale a garanzia della nostra Isola e di tutti noi Cittadini.

Salvatore Militello

Ustica, 17/02/2017

 

Comune di Ustica, conferma incarico mansione di Gestore dei Trasporti pubblici dipendente Caminita Gaetano


Il sindaco con determinazione n. 4 del 27-01.2017 avente per oggetto “Conferma incarico mansione di  Gestore dei Trasporti del servizio trasporto pubblico locale al dipendente Caminita Gaetano – assegnazione indennità mensile”  

ha DETERMINATO

Di confermare la mansione di gestore dei trasporti per il servizio pubblico su strada di questo Ente,  al dipendente comunale CAMINITA Gaetano, nato ad Ustica l’11/12/1956, in servizio presso il 5° Settore, in possesso dell’attestato di idoneità professionale per il trasporto nazionale ed internazionale su strada di viaggiatori n. 59/2012 rilasciato in data 10/05/2013, dall’Assessorato Regionale delle infrastrutture e della Mobilità:

Di attribuire al dipendente CAMINITA Gaetano,per la propria mansione, un’indennità mensile lorda di   € 400,00, la quale sarà corrisposta mensilmente, a decorrere dal 01/02/2017.

Download (PDF, 222KB)

Trasporti, riceviamo dal Sindaco Attilio Licciardi e pubblichiamo


Trasporti: alla fine la coerenza viene premiata. La Società Liberty Lines ha accolto la proposta formulata dal Comune di Ustica  e dalla Regione Siciliana sugli assetti per i mezzi veloci. La proposta riguarda l’intero anno solare e prevede 2  corse di andata e ritorno nei mesi di Novembre, Dicembre, Gennaio, Febbraio e Marzo; 3 corse nei mesi di Aprile, Maggio, Giugno, Settembre e Ottobre. Nei mesi di Luglio e Agosto sono previste 5 corse al giorno. Per i prossimi cinque anni non sorgeranno altri problemi, come ci eravamo impegnati. I prossimi obiettivi adesso riguardano la qualità dei mezzi di trasporto e la loro urgentissima manutenzione a cominciare dalla nave di linea e le tariffe promozionali. Grazie a tutti quelli che hanno collaborato per raggiungere questo obiettivo. Guardiamo con più fiducia il futuro dei trasporti e quindi de turismo.

Ustica trasporti marittimi, qualche cosa è da rivedere!…


Trasporti, qualche cosa non quadraSCRIVO PER PORTARTI A CONOSCENZA UNO SPIACEVOLE INCONVENIENTE ACCADUTOMI DOM 17 US.

MIA MOGLIE SI E’ PRESENTATA ALL’IMBARCO MUNITA DI REGOLARE BIGLIETTO CON DUE (PICCOLI/MEDI TROLLEY). LE E’ STATO INTIMATO DI FARE UN SECONDO BIGLIETTO PER UNO DEI DUE COLLI IN QUANTO DA REGOLAMENTO NE E’ PREVISTO UNO SOLTANTO. NULLA QUESTIO.

FACCIO INVECE ALCUNE RIFLESSIONI:

  • UN VALIGIONE E’ EQUIVALENTE A DUE TROLLEY? NO TRATTASI DI UN SOLO BAGAGLIO. LA PROSSIMA VOLTA PORTERO’ UN VALIGIONE.
  • TUTTE QUELLE PERSONE, E SONO TANTE, CHE OLTRE AD UN TROLLEY HANNO IMBARCATO DUE TRE QUATTRO BUSTONI O BORSE CON DERRATE ALIMENTARI PERCHE’ NON HANNO PAGATO? (ATTENZIONE ERO VICINO ALLA SCALETTA PER VEDERE).
  • IL BAGAGLIO AGGIUNTIVO NON E’ LEGATO AD ALCUN PASSEGGERO. DI QUESTI TEMPI LA CONCLUSIONE IN TEMA DI SICUREZZA VIENE DA SOLA.
  • IL PERSONALE COSI’ ATTENTO COME MAI NON SI ACCORGE CHE SALE UN CANE DI GRANDE TAGLIA AL GUINZAGLIO MA SENZA MUSERUOLA E SENZA CHE VENGA PORTATO ALL’ESTERNO?
  • AL PERSONALE DI BORDO E’ PERMESSO FUMARE MENTRE SI EFFETTUANO LE MANOVRE?

CHIEDO SOLO CHE SI VEDANO LE COSE  CON SUFFICIENTE SERENITA’ E  DI ELASTICITA’  SPECIE NEI CONFRONTI DI UNA DONNA CHE SI IMBARCA DA SOLA.

PIETRO POMILIA

Protesta trasporti, una comunità unita e solidale con autorita’ in testa al corteo

Protesta trasporti, una comunità unita con autorita' in testa al corteo
Ustica, Protesta trasporti, una comunità unita con autorita’ in testa al corteo

Ustica, protesta trasporti – mobilitazione generale (Sindaco Vassallo e Vice Sindaco A. Longo)


trasporti - mobilitazione generale
trasporti – mobilitazione generale

Ustica, unita sui trasporti


F.A.3701