Ustica, il numero uno…


Ustica, il numero uno...
Ustica, il numero uno…

La valutazione di Nicola: è il numero 1


numero uno
numero uno

Anna e Gianna, uno sguardo da “furbette”…


 Anna e Gianna uno sguardo da furbette
Anna e Gianna uno sguardo da furbette

Ustica, uno sguardo dal Gorgo Gaezza

 uno sguardo dal Gorgo Gaezza
uno sguardo dal Gorgo Gaezza

Uno di tanti… altri tempi


 Altri tempi

Uno sguardo dal porticciolo


[ id=14823 w=320 h=240 float=center]

Uno sguardo sulla Cala


[ id=13262 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Sinceramente proprio nel punto e zona dove e’ stata scattata questa foto ( conservando logicamente la statua dell Madonna ) io vedrei villette e negozi con vista spettacolare e lo stesso nell’altro lato della Baia, sopra la villa Gargano, tutte zone se non erro demaniali o Comunali. Strano, in tutti i posti di mare e paesini antichi le abitazioni dei pescatori e non si arrampicano dappertutto, su colline, monti anche con la pendenza della Falconiera ecc…ad Ustica forse cio’ e’ dovuto alla linea conservatrice nel disegnare la planimetria dell’abitato che fu rigorosamente erroneamente previsto solo dove oggi sorge il centro storico, creando cosi una spaccatura abissale, da film dell’orrore, tra Sbarcadero e Centro abitato con la sola inpervia inclinata e in terra battuta “scalunata i mari”( odierna Via Vittorio Emanuele II ) che fece da “ponte” nel deserto, fra i due punti, per piu’ di due secoli.

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Come uno che afferra le ombre e insegue il vento,
così chi si appoggia ai sogni.

(Siracide

(inviato da salvio Foglia)

^^^^^^

Essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga
maggiore del semplice fatto di respirare.

(PABLO NERUDA)

(inviato da Eliana Dominici)

 

Tergiversare: uno “sport” molto in voga…


Eh si caro Salvatore Militello, hai proprio ragione! Tergiversare è una modalità molto in voga tra i politici, ma ad Ustica è diventato imprescindibile per forviare le menti, già confuse per i problemi quotidiani, dei cittadini. Molti quesiti non trovano risposta adeguata e ti va bene quando si scomodano per risponderti. Abbiamo riempito pagine di questo sito, sperando di fare sentire la voce dei cittadini, il sindaco ci sente benissimo, ma non ascolta…. non c’è e non ci sarà mai un dialogo tra amministrazione e popolo….

Ps: Ad un anno e mezzo dalla fine di questo mandato, già si parla di papabili candidati sindaci di Ustica, con tanto di nome cognome ed interviste……la carcassa non è stata ancora del tutto consumata che ci si avventano nuovi predatori……

Patrizia Lupo

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Palermo Mario Oddo

Di certe incomunicabilità nel mio piccolo sono stato recente “vittima” quindi figurarsi se non sono d’accordo con Patrizia Lupo. Ma è sul suo “P.S.” che vorrei soffermarmi dove in termini figurativi parla di carcasse e sopratutto di “avvoltoi”; in effetti già cominciano a volteggiare nei cieli dell’Isola sotto più o meno velate forme di candidature o autocandidature alla successione alla carica di Primo Cittadino/a nel 2013; ma leggo fin da ora nomi solo di provenienza “esterna” quasi che sia scritto che ormai debba essere così e basta. Chi mi conosce sa bene che sono un convinto sostenitore del detto per l’occasione riveduto e corretto “mogli, (Sindaco) e buoi dei paesi tuoi”. E non da ora. Era i 19 Maggio del 2003 (lunedì); in uno dei comizi in Piazza in occasione delle elezioni (perse) spero qualcuno se ne ricorderà, quella sera tra l’altro dissi testualmente: “il Sindaco di Ustica deve odorare … di porto…di Piazza… di Spalmatore… di Faraglioni… di Tramontana… di scogli… di mare … il Sindaco di Ustica deve odorare di Ustica”. La replica di chi poi andò a ricoprire quella carica che detiene tutt’ora fu immediata “non importa da dove viene, l’interessante che faccia bene”. Ai posteri (ma non troppo) l’ardua sentenza. A distanza di anni resto sempre più fermamente di quella convinzione; mi auguro che di qui al 2013 se ne convincano anche gli elettori usticesi. AAA profeta in patria cercasi.

Uno “ZENIT” in cambio di un Aliscafo


[ id=9421 w=320 h=240 float=left] Signor Sindaco molti cittadini mi hanno chiesto se Lei può mettere loro a conoscenza:

1) delle motivazioni per le quali l’aliscafo Masaccio è stato sostituito dal Catamarano Zenit;

2) Il tempo impiegato dallo ZENIT per percorrere la tratta Palermo Ustica e viceversa,

3) Informazioni generali sulla tenuta del mare dello Zenit.

Grazie

 

Ustica Sabato prossimo ritorna su RAI UNO – Linea Blu


Ustica ritorna sabato prossimo su Rai uno, ore 14.00, a Linea Blu.

” Il grande successo riscontrato dalla trasmissione trasmessa sabato scorso su RAI uno, frutto, oltre che della bellezza dell’isola, anche dell’immagine di ordine ed organizzazione data ai giornalisti, ha fatto sì che si potesse, fatto eccezionale, ottenere una nuova trasmissione (non una replica) durante la quale verranno mandati in onda i filmati che non avevano trovato spazio nella prima edizione. ”

 

Equipaggio Nave Isola di Vulcano – più uno


[ id=8507 w=320 h=240 float=center]

Comunione Antonio – “Uno dei SAPE”


Sape (di Usticasape) è l’acronimo dei miei quattro nipotini, Sara – Antonio – Pietro – Elena. Proprio Antonio, domenica scorsa, ha fatto la Prima Comunione. Di seguito le foto fatte dopo la cerimonia.

[nggallery id=335]

^^^^^^^^^^^

COMMENTI:

Da Palermo Padre Alessandro

Caro Pietro, mi unisco agli auguri benedicenti per i piccoli che hanno fatto la PRIMA Comunione. Dio benedica la vostra Famiglia.

P.Alessandro

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Giovanni Martucci

Auguri prioritari al piccolo Antonio per avere ricevuto il sacramento della comunione ed ancora auguri ai nonni Pietro e Pina, ai genitori, rispettivamente, per i loro splendidi nipoti e figli che, finalmente ho avuto modo di conoscere ,anche se in fotografia. Caro Pietro, quando si raggiungono questi traguardi aumenta il proprio orgoglio e lo spirito si arricchisce. Nella foto IMG_3479, noto la vostra grande soddisfazione ma, noto anche che hai una moglie che, oltre ad essere “allicchittata”, come afferma Maria dall’America, é di inestimabile valore, dato che é ricoperta d’oro. Un abbraccio per tutti.
G. nni Martucci

^^^^^^^^^^^

Da New Orleans Maria Compagno Bertucci

Ho visto le foto della Prima Comunione di Antonio e auguro a lui che il Signore possa sempre custodirlo nel Suo amore. Lo stesso augurio voglio fare a Pietro, Elena e Sara. Ho provato garnde piacere nel vedere Francesca e i suoi genitori, Nino, Rita e Sabina e poi Gianfranco, Antonella, Davide, Floriana, Rosalia e poi Pina tutta “allicchittata”. Comunque mi sono sentito vicino a voi e vi mando tanti cari saluti ed abbracci

Maria