Tirrenia: “Collegamenti incerti”, allarme operatori Isole Minori


(AGI) – Palermo, 11 ott. –  Esplodono le preoccupazioni e le esasperazioni degli operatori turistici delle Eolie, al pari di quelle dei colleghi delle Pelagie, delle Egadi, di Pantelleria e Ustica, che hanno denunciato con forza la loro difficolta’ nel fare programmazione in assenza di collegamenti certi.

“Senza collegamenti affidabili, saremo costretti a chiudere tutto e a emigrare – ha sintetizzato Christian Del Bono, presidente Federalberghi Eolie e isole minori – e noi non vogliamo farlo. Da due anni chiediamo di sapere quali tratte assicurera’ la nuova Siremar, quali orari, se sara’ previsto un traghetto sostitutivo in caso di guasti. Oggi scopri se un collegamento esiste o meno solo una volta giunti al porto. Il ministro dei Trasporti Altero Matteoli aveva preso l’impegno di mantenere i collegamenti, e questo impegno non e’ stato mantenuto”. Ma non sono solo i collegamenti via mare a far preoccupare gli imprenditori. “La legge speciale per le isole minori per noi e’ fondamentale – ha rilanciato Del Bono – una legge che tenga in considerazione le peculiarita’ e i vincoli connessi alla microinsularita’ e che possa incidere maggiormente nella determinazione di contributi in favore delle spese sanitarie, di quelle per la spazzatura, per l’acqua e per i collegamenti”. Ma Federalberghi isole Eolie chiede anche, per le realta’ microinsulari, degli sgravi in favore delle assunzioni a tempo indeterminato, prevedendo che gli importi da versare per i tributi siano proporzionali al numero effettivo di giorni di apertura o, ancora meglio, alle presenze.

Fonte (AGI) Mrg

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.