Tre domande a… Salvio Foglia da Mario Oddo


(Seconda Domanda)

 D.) La ormai imminente bella stagione è alle porte. Ustica notoriamente ha il suo “pozzo di petrolio” rappresentato dal movimento turistico estivo; realisticamente sappiamo bene che “l’estrazione” sarà molto sudata e non certo per la calura. Ma c’è un vecchio adagio che recita: “aiutati che Dio ti aiuta”. Ecco, da osservatore esterno, secondo lei tutte le componenti isolane, nessuna esclusa, in attesa dell’aiuto del Padreterno (o di altri in terra) non è bene che si diano aiuto da se stessi e il fatto che cittadini usticesi, i Titolari di partita Iva, lo stiano già facendo in forma autonoma e spontanea non è un buon primo segnale incoraggiante ?

 

R.) Ustica ha una fama meritata ed è un punto di riferimento per i subacquei. I suoi fondali non temono confronti.

La carenza di spiagge la rende meno appetibile per il turista tradizionale, forse, tuttavia l’isola deve fare i conti con il mercato.

Gli orari dei collegamenti marittimi non sono sempre congeniali e, crisi a parte, Ustica dovrebbe rientrare in un progetto integrato che consenta a chiunque, con qualsiasi mezzo arrivi, di raggiungerla senza le attuali difficoltà.

L’attuale congiuntura dovrebbe insegnare a tutti noi che non è più tempo di particolarismi. Anche io vivo in una realtà dove l’unione non fa la forza, anzi è motivo di contese, dissapori, liti

E’ un vezzo, un modo tutto particolare di vivere la comunità, portare avanti idee, costruire il domani: è uno dei mali della nostre terre più a Sud.

Anche Ustica – ma sarebbe meglio dire gli usticesi -ha bisogno di “associarsi”, fare fronte comune e mettere in rete, come si dice oggi, ogni individualità che abbia voglia quantomeno di provare a superare certe barriere culturali, retaggio di una storia non sempre benigna.

Continua… (domani la terza domanda)

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.