USTICA: “Danni di immagine”


Nell’ultima riunione del Consiglio di Ustica fu introdotta all’Ordine del Giorno questa istanza di seguito, letta in Aula ed approvata all’unanimita’ dal Consiglio e che si spera avra’ un seguito all Regione nel programma di : ” leggi speciali isole minori ”

A tutt’oggi i media continuano ad etichettare l’incidente dell’aero caduto nel mezzo del tirreno 30 anni fa con titoli come ” STRAGE USTICA” o “USTICA ISOLA MALEDETTA” ecc….. La realta’ e’ che si e’ perso troppo tempo e non e’ piu’ possibile fare causa ai media per risarcimenti di “Danni di immagine” subiti dall’isola di Ustica da 30 anni. Dopo avere parlato con diversi Avvocati di Palermo la risposta e’ stata : ” avete perfettamente ragione ma e’ troppo complicato, e’ un po’ troppo tardi, ci vogliono troppi soldi, meglio dimenticare e fare qualcos’altro “.

Questi titoli violenti dei media che riguardano questo incidente, non sono altro che una scusa per vendere di piu’ la notizia e usare le disgrazie altrui per proprio vantaggio. La strage, dicono i fatti, e’ avvenuta solo nella fantasia dei media. Strage significa : ” sterminio, massacro, uccisione violenta di molte persone o animali “. Le vittime di quell’aereo non le ha uccise nessuno, per quello che si sa, fino a prova contraria il fatto e’ classificato come un incidente, allora queste parole grosse da “scoop” non sono altro che parole fuori luogo per tutti i media locali e nazionali.

Identificare l’incidente di quell’aereo da parte dei media con Ustica fu una brutta ed affrettata ( detto anche dal Sindaco Messina in una intervista) scelta, a cui si puo’ aggiungere : dettata dalla premura di “fare la notizia” e mera irresponsabilita’. Una scorciatoia dei tanti media presenti, per sfortunata coincidenza ad Ustica quel giorno, durante la Rassegna, per fare il “colpaccio” subito, ed averlo pronto ed “impacchettato” a danno, pero’, di una intera comunita’ ignara.

Ustica con questa disgrazia e incidente non c’entra niente. L’incidente accadde lontanissimo da Ustica e l’ultima volta di cui si ebbe notizia quell’aereo era nelle vicinanze di Ponza. Sarebbe stato intelligente e corretto se i media avessero battezzato il punto di caduta dell’aereo con le coordinate geografiche o un nome fittizio oppure ” Nel Centro del Tirreno “. Anche negli usa, come in Italia, questi abusi sono anticostituzionali e puniti con risarcimenti a nove cifre.

Non c’e’ nessuna parvenza di dubbio che questo grave danno procurato, continuamente da 30 anni, dai media all’immagine dell’isola di Ustica e’ uno dei motivi per cui la crescita del turismo dell’isola e’ frenata. Questi sono fatti. Nessuno puo’ affermare o dimostrare il contrario. Nessuno.

Questo “grave problema” e’ stato generato solo perche’ Ustica essendo un’isola e’ stata vittima, involontaria, della propria insularita’ ( vedi leggi speciali isole minori ). Se l’aereo fosse caduto in un posto con un nome invece che nel centro del tirreno, a centinaia di Km. dal primo luogo abitato sarebbe stato diverso. Penso sia giusto sollevare questo problema dimenticato e sottovalutato e metterlo alla luce per essere riconosciuto ufficialmente dagli Enti Regionali e trovare una soluzione per essere compensati dallo Stato. Anche se i benefici non si vedranno subito la Regione considerando questo “ status di imparita’ ” di Ustica come isola dovra’ considerare Ustica un posto speciale e compensarla in futuro in qualche modo, magari con finanziamenti extra. Tentare non nuoce mai. Agire non e’ negativo di sicuro, forse l’unica negativita’ sarebbe continuare a non fare niente al riguardo.

Visto quanto espresso nella premessa. Considerato che ormai quasi nulla si puo’ fare per essere risarciti dai diretti responsabili e che il non senso di abbinare Ustica con titoli violenti a questo incidente “continua”. Visti gli inconfutabili danni all’imagine subiti da 30 anni dall’isola di Ustica e letto l’art. 70 dello Statuto Comunale. Visto inoltre l’invito del Sindaco Messina, esternato a chiunque su Usticasape, si prega il Presidente del Consiglio di Ustica Leo Cannilla di inserire all’odg del prossimo Consiglio il soggetto : ” Danno all’imagine di Ustica” perpretato dai media nazionali, per sottoporlo all’attenzione del Presidente della Regione On. Lombardo nell’area delle ” Leggi speciali isole minori” per ricevere le necessarie attenzioni e trovare la soluzione per alleviare a questo ingente danno e ottenere compensazioni.

Grazie per il tempo nella lettura e scusate la lungaggine.

Agostino Caserta

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Montecosaro Mariangela Militello

Una guerra nei cieli, e l’aereo si trovò in mezzo.
Depistaggi, verità mai dette, in cui aihmè anche le nostre istituzioni hanno fatto la loro parte…
Sta di fatto che quel giorno molti media si trovarono sull’isola in occasione della Rassegna, e con sciagurata superficialità ed irresponsablità etichettarono Ustica al disastro, senza che le sue acque videro mai un solo rottame dell’aereo…
Anche in questo caso si sarebbe dovuto intervenire immediatamente contro chi con questo atto irresponsabile stava danneggiando l’immagine dell’isola. L’unica cosa che ci rimane fare è sensibilizzare chi di dovere, affinchè questa etichetta sia definitivamente tolta..
Sinceramente non è piacevole sentirsi dire: Ah, sei di Ustica??? Dove è caduto l’aereo?”……

^^^^^^^^^^^

Da Roma Giorgio Tranchina

Mi limito a dire che, probabilmente, il termine “incidente” non è il termine esatto e che la storia dice altro. Un aereo non cade da solo, dal nulla. E poi ci sono molti altri fattori che ci inducono a pensare diversamente.

Giorgio Tranchina

 

 

2 thoughts on “USTICA: “Danni di immagine”

  1. Mi limito a dire che, probabilmente, il termine “incidente” non è il termine esatto e che la storia dice altro. Un aereo non cade da solo, dal nulla. E poi ci sono molti altri fattori che ci inducono a pensare diversamente.

    Giorgio Tranchina

  2. Una guerra nei cieli, e l’aereo si trovò in mezzo.
    Depistaggi, verità mai dette, in cui aihmè anche le nostre istituzioni hanno fatto la loro parte…
    Sta di fatto che quel giorno molti media si trovarono sull’isola in occasione della Rassegna, e con sciagurata superficialità ed irresponsablità etichettarono Ustica al disastro, senza che le sue acque videro mai un solo rottame dell’aereo…

    Anche in questo caso si sarebbe dovuto intervenire immediatamente contro chi con questo atto irresponsabile stava danneggiando l’immagine dell’isola. L’unica cosa che ci rimane fare è sensibilizzare chi di dovere, affinchè questa etichetta sia definitivamente tolta..
    Sinceramente non è piacevole sentirsi dire: Ah, sei di Ustica??? Dove è caduto l’aereo?”……

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.