Ustica, la perla nera in cui ritrovare se stessi


da TGCOM24

In mezzo al Tirreno, la piccola e affascinante isola siciliana sembra fatta apposta per un piacevole relax

Un lembo di terra vulcanica accarezzata dal vento, una piccola isola verde sospesa in un mare blu cobalto, Ustica (chiamata la perla nera)  è un angolo di paradiso del Mediterraneo. Con una superficie di poco più di otto chilometri quadrati, l’isola è una sorta di anfiteatro che guarda al mare, mentre il perimetro costiero è un alternarsi di suggestive grotte e insenature.

Ustica è turismo lento, lontano dai flussi di quello mordi e fuggi. Ustica è turismo sostenibile, adatto a chi predilige fare passeggiate, camminate in collina o lungo  la costa,  senza essere inseguito dagli  stressanti orari degli hotel tradizionali,  un turismo vero a contatto con la gente del luogo e con la natura.

Paradiso subacqueo – L’ isola di Ustica dista 36 miglia da Palermo. Collegata regolarmente, estate ed inverno, con aliscafi e nave, l’isola è abitata da circa 1300 usticesi che vivono di turismo, agricoltura, pesca ed altro. Ricca di storia è stata abitata sin dalla preistoria ed essendo al centro del Mediterraneo, ha conosciuto tutte le civiltà  presenti del Mare Nostrum. I suoi fondali sono una vera e propria meraviglia, spettacolari per i colori e per la ricchezza della flora e della fauna marina. Un patrimonio che la comunità dell’isola ha voluto fortemente salvaguardare e proteggere e che nel 1986 ha portato alla creazione, prima fra tutte in Italia, dell’area marina protetta.

Presidi slow food –  Dal 1986 è sede della prima Riserva Marina d’ Italia (gestita dal comune di Ustica) e di una Riserva Naturale Orientata (gestita dalla provincia) ed oggi raccoglie i frutti di un ambiente poco antropizzato e protetto. Da circa vent’ anni l’agricoltura biologica ha segnato lo sviluppo di nuove generazioni che grazie al terreno vulcanico rende i prodotti agricoli unici e ed apprezzati, in particolar modo la piccola lenticchia e le fave che per la loro peculiarità sono presidio slow food.

Un’isola per  “ritrovarsi” – Lontana dal turismo di massa, Ustica è la meta ideale per una vacanza fatta di cose semplici e a contatto con la gente dell’isola e con la natura.  Non solo mare, dunque, ma anche relax e passeggiate lungo i sentieri per conoscere l’anima di questi luoghi in una dimensione di vacanza sostenibile e più intima che ti fa sentire di appartenere da sempre a questa isola.  Uno spazio lungo i “sentieri dell’anima” un posto per riconciliarsi con la propria io.

Per tutte le informazioni: www.visitustica.it 

Fonte: TGCOM24

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.