Ustica, dietrofront del ministero: niente bagnanti nella riserva marina

La decisione è arrivata dopo un sopralluogo dell’Ispra che ha certificato il rischio per gli habitat dell’area.

Clicca qui per continuare a leggere …

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta 

La Riserva di Ustica ando’ bene i primi 3-4 anni ma da 30 anni e’ ingestibile pure per questa amm.ne che ha ereditato tutti i problemi e anche a causa del posto sbagliato in cui si trova. E’ opinione comune che nessuno rispetta le regole e nessuno le fa rispettare, e’ alla deriva, allo Sbarramento ci va chiunque come e quando vuole, e anche il Ministero la tratta come una pallina da ping pong….e’ diventata uno sperpero di soldi di contribuenti che pagano le tasse e… ,forse sara’ una coincidenza, ma dopo la riserva e l’abolizione della Rassegna il TURISMO ad Ustica E’ CROLLATO !

Il COMMISSARIAMENTO causato da LICCIARDI di 10 anni l’ha affossata completamente e nella precedente amm.ne ( Licciardi ), proprio 3 anni fa, e’ stata catapultata come l’ultima Riserva nella classifica del Ministero. Dire che e’ la prima in italia senza aggiungere la parola “istituita” e’ falso, e falso in commercio. Quindi realisticamente bisognerebbe esaminare con attenzione e vedere se davvero ha ancora senso e razionalità’ la sua esistenza, a questo punto, dopo almeno 29 anni di incuria. l’ispra siamo sicuri che abbia fatto un sopralluogo corretto, o pilotato dalla politica e dalla corruzione ? Se ricordiamo bene sono accaduti casi simili di sopralluoghi proprio ad Ustica non molto tempo fa.

Per quanto riguarda la credibilità della Magistratura (con tutta certamente) non mi dilungo in quanto il caso “Palamara” docet.

^^^^^^^^^^^^^^

Dalla Germania josè Zagame

Mi piacerebbe sapere da Legambiente, ed in particolare dal Sig. Gianfranco Zanna, se oltre alla difesa d’ufficio, sappia anche avanzare delle proposte/idee. Cercare il confronto!!! Per esempio si e’ mai pensato all’interno della zona A, di creare un’accesso “sicuro” che possa andare bene sia per l’eco sistema che per quella BESTIA dell’UOMO!!!!!?????? Apertura Mentale, non Chiusura di Parte!!!!!! Se il Sig. Zanna (o chi per lui) vuole confrontarsi, Io ci sono. Grazie

CORONAVIRUS: MIN. AMBIENTE EMETTE DECRETO PER ANTICIPARE FINANZIAMENTI ALLE AMP

Leggi articolo

Ministero degli Interni – … misure urgenti per il contenimento Covid-19 …


Download (PDF, 1.27MB)

1.514 posti per laureati triennali e magistrali al Ministero del Lavoro e all’INAIL. Online il bando per assunzioni a tempo indeterminato


È indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di complessive 1.514  unità di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, da inquadrare nei ruoli delle amministrazioni del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro e dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, per i profili di seguito specificati e secondo la seguente ripartizione:

  • 691 unità per il profilo di Ispettore del lavoro, Area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro ​,   profilo di ispettore del lavoro Codice CU/ISPL
  • 823 unità  nel profilo amministrativo/funzionario area amministrativa giuridico contenzioso Codice CU/GIUL  così suddivise :
  • 131  unità per il profilo di funzionario area amministrativa giuridico contenzioso, area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro;
  • 635  unità per il profilo professionale amministrativo, area C, livello economico C1, da inquadrare nei ruoli dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro;
  • 57  unità per il profilo di funzionario area amministrativa giuridico contenzioso, area funzionale III – F1, da inquadrare nei ruoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Oltre ai normali requisiti di legge, segnaliamo alcuni requisiti specifici:

  • per le 691 unità di ispettore del lavoro Codice CU/ISPL,  possesso di uno dei titoli di studio di seguito indicati. Lauree magistrali (LM) in: LMG/01 – Giurisprudenza; LM-63 – Scienze delle pubbliche amministrazioni o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; lauree specialistiche (LS) in: 22/S – Giurisprudenza; 102/S – Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; diploma di laurea (DL) in: giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; laurea (L) in: L-14 – Scienze dei servizi giuridici, L-16 – Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L-36 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati secondo la normativa vigente.
  • Per le 131   unità di funzionario area amministrativa giuridico contenzioso da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro,   lauree magistrali (LM) in: LMG/01 – Giurisprudenza; LM-63 – Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-62 – Scienze della politica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; lauree specialistiche (LS) in: 22/S – Giurisprudenza; 102/S – Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; 71/S – Scienze delle pubbliche amministrazioni; 70/S – Scienza della politica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; diploma di laurea (DL) in: giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa; classi di laurea (L) in: L14 – Scienze dei servizi giuridici, L16 – Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L36 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • per le 636 unità di profilo professionale amministrativo da inquadrare dei ruoli dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro,  laurea (L), diploma di laurea (DL), laurea specialistica (LS), laurea magistrale (LM).

La domanda di ammissione al concorso può essere inviata esclusivamente per via telematica, compilando il modulo on-line tramite il sistema «Step-One 2019».
La prova preselettiva, comune ai profili professionali, consisterà in un test, da risolvere in sessanta minuti, composto da sessanta quesiti a risposta multipla di cui quaranta attitudinali per la verifica della capacita’ logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale e venti diretti a verificare la conoscenza delle seguenti materie: diritto costituzionale, diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso ai documenti amministrativi, trasparenza, prevenzione e contrasto della corruzione; diritto del lavoro e legislazione sociale; disciplina del lavoro pubblico. 2. Sono esentati dalla prova preselettiva i candidati diversamente abili con percentuale di invalidità pari o superiore all’80%.

I candidati selezionati  saranno ammessi a successive prove selettive scritte e orali, diverse per ogni profilo.

Per le modalità di svolgimento si rimanda al bando ufficiale . 

La scadenza per l’invio delle domande di partecipazione è l’11 ottobre 2019.

Fonte: Associazione InformaGiovani

Sottoscrizione Convenzione Ministero Ambiente – Comune Ustica


comune-ustica-5COMUNE di USTICA

Ustica 20.12.12   Prot n.

Ministero ambiente – Direzione Natura
c.a. sig Direttore Renato Grimaldi

Ministero ambiente – Direzione generale Protezione Natura
Divisione IV Programmazione e scviluppo Aree Protette
Sig Dirigente Drssa Carmela Giarratano

Ministero dell’Ambiente – Capitaneria di Porto di Palermo
Ca Amm Francesco Carpinteri

Direttore AMP Isola di ustica – Prof Marco Arculeo

E p.c.Sig Presidente Consiglio

Sig assessori

UTC

Ragioneria

OGGETTO: Sottoscrizione Convenzione Ministero ambiente- Comune Ustica per la gestione SMP Isola di Ustica

Il consiglio Comunale di Ustica con delibera n. 61 del 23.11.12 ha approvato, all’unanimità dei voti, “ lo schema di convenzione tra Ministero Ambiente e Comune di Ustica- Gestione AMP”:. Al tempo stesso lo scrivente è stato autorizzato alla stipula della relativa convenzione. La delibera è stata autorizzata come immediatamente esecutiva.

Si resta pertanto in attesa Vs indicazioni in merito

Il Sindaco
Aldo Messina

 

Eolie: Protesta per collegamenti ex Siremar: il Ministero risponde

Eolie. Protesta per collegamenti ex Siremar: la risposta del Ministero

Il dott. Enrico Maria Pujia, direttore generale per il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne ( Ministero infrastrutture e Trasporti) ha inviato una lettera al presidente della Circoscrizione di Stromboli , Carlo Lanza per rispondere alla nota degli eoliani che protestavano contro i disservizi nei collegamenti. Ecco il testo della missiva: “Si fa riferimento alla nota prot.187 del 31 ottobre u.s. con la quale vengono lamentati disservizi nell’esercizio dei collegamenti marittimi gestiti dalla società Compagnia delle Isole, con particolare riferimento alle esigenze di mobilità dei cittadini delle isole di Stromboli e Panarea. In proposito si comunica che il competente Ufficio di questa Direzione Generale, a far data dal 1 agosto u.s., ovvero all’ indomani dell’entrata in vigore della convenzione sottoscritta con la suddetta società di navigazione, ha in corso con quest’ultima e con i competenti uffici dell’Autorità marittima una serrata interlocuzione e raccolta di elementi per la verifica del rispetto degli obblighi contrattuali. Si precisa che, per alcuni aspetti quali la definizione del quadro orario dei collegamenti, le funzioni di programmazione ed amministrazione dei collegamenti marittimi di cabotaggio regionale sono demandati alle singole Regioni, ai sensi della Legge166/2009. Per quanto riguarda, invece, il rispetto degli obblighi convenzionali in merito al corretto esercizio delle tratte, così come lamentato nella nota che si riscontra quest’Amministrazione ha già proceduto alla contestazione a Compagnia delle Isole, dei predetti disservizi.”

Fonte: laprovinciamessina.it

 

Sindaco Filippo Vassallo rientra da Palermo


[ id=13281 w=320 h=240 float=center]

Provvedimento Ministero Politiche Agricole Alimentari e Forestali – 01/07/11

COMUNE DI USTICA

Ill.mo Sig Presidente ANAPI – dr IVAN COREA – 00165 ROMA

e p.c. Avv Mario Occhipinti – Via Belsana, 71 – 00187 ROMA

Cooperativa Fratelli Mancuso

Piccola Cooperativa Angelo Caminita

OGGETTO: Provvedimento Ministero Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 01.07.11

Desideriamo con la presente esprimere la nostra formale adesione alla protesta avverso il Decreto Ministeriale in oggetto che norma la detenzione dei due sistemi di pesca ‘palangari e ferrettare’ .

Comprendiamo le motivazioni ed esprimiamo solidarietà verso una protesta contro un decreto che obbliga i pescatori a stilare un’apposita dichiarazione alle Autorità Marittime relativamente all’attrezzatura detenuta a bordo al fine di consentire l’uso, nella stessa giornata di pesca, contemporaneamente di più strumenti.

Siamo però nell’impossibilità di aderire all’azione legale quale quella proposta non prevista dal nostro regolamento.

IL SINDACO

dr Aldo Messina

 


Il Sindaco informa


L‘incontro a Roma, presso il Ministero Ambiente organizzato per definire la nuova gestione dell’AMP Isola di Ustica , avrà luogo giovedì 26 maggio alle ore 15,30.

” Stante l’importanza dell’evento e le aspettative di questo appuntamento, ho deciso di lasciare i seppur interessanti per la mia professione lavori del Congresso Nazionale di Otorinolaringoiatria di Udine subito dopo la mia relazione del 25 e raggiungere Roma da Udine. Ho subito comunicato tale possibilità alla dottoressa Lucarelli la quale ha subito sposato la proposta.”

Salta Incontro al Ministero Ambiente

Riceviamo dal Sindaco Aldo Messina e comunichiamo.

E’ stato rinviato il previsto incontro del 14 a Roma al Ministero Ambiente, che era stato organizzato per definire la gestione dell’AMP Isola di Ustica.E’ quanto la dr Paola Lucarelli, delegato giuridico del Ministro dell’Ambiente, On Stefania Prestigiacomo, ha comunicato al sindaco di Ustica, Aldo Messina.
” La direzione generale del ministero- ha detto telefonicamente la dottoressa Lucarelli, prima di definire il provvedimento intende conoscere la progettualità del Comune di Ustica e le risorse umane da utlizzare. Pertanto formuleremo una specifica richiesta al Comune e solo dopo un raccordo diretto e definitivo con gli organi amministrativi si potrà valutare la soluzione migliore per la gestione dell’AMP Isola di Ustica, tenendo anche conto dell’ampia disponibilità dimostrata dalla Provincia “.
” Mai pensato- ha affermato Aldo Messina- che il 14 avremmo realizzato il nostro sogno di tornare con il decreto di affidamento dell’AMP. Immediatamente chiederò al direttore dell’AMP, prof Arculeo, di mettersi in contatto con il direttore generale del Ministero, dr Grimaldi, per rispondere alle richieste di chiarimenti”

 

Incontro Ministero Ambiente


Il Presidente del Consiglio Comunale di Ustica informa in merito all’incontro svoltosi al Ministero dell’Ambiente:

“L’incontro svoltosi al ministero dell’Ambiente, che ha visto tra i partecipanti anche il dottor Cianciolo in rappresentanza del presidente della Regione siciliana e un dirigente dell’assessorato regionale al Territorio e all’Ambiente in rappresentanza dell’assessore, ai quali va il mio personale ringraziamento per il loro intervento nel quale hanno chiaramente espresso le loro rispettive posizioni in favore di un immediato ritorno della gestione dell’Amp al Comune di Ustica, ci lascia ben sperare in una soluzione positiva della vicenda”.

“Ho rappresentato le ragioni per le quali il Consiglio comunale ha respinto per ben due volte, in due differenti legislature, la possibilità di un consorzio con la Provincia di Palermo con la quale si potranno comunque fare accordi di collaborazione tendenti allo sviluppo sostenibile dell’isola di Ustica una volta ottenuta la gestione dell’Amp. Ho rappresentato, altresì, le ragioni per le quali è di vitale importanza per la comunità usticese ritornare a gestire materialmente l’A.M.P. Rimaniamo fiduciosi in attesa delle decisioni del ministro, che dovrebbero esserci comunicate nella riunione prevista per il prossimo 14 aprile e alla quale parteciperanno gli stessi soggetti presenti all’incontro di ieri”.

 

 

Riceviamo dal Sindaco A. Messina e pubblichiamo


Con una nota a firma del Vice Capo di Gabinetto Vicario del Ministero Ambiente, dott.ssa Paola Lucarelli, il sindaco di Ustica, Aldo Messina, è stato convocato a Roma per il 23 marzo alle ore 15.00 ad un incontro sulle problematiche dell’AMP Isola di Ustica.

Dalla convocazione si evince che prenderanno parte alla riunione la dott.ssa Patrizia Monterosso, Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Siciliana, l’Assessore Regionale al Territorio, Gianmaria Sparma, il Presidente della Provincia di Palermo, Giovanni Avanti, il dr Renato Grimaldi, direttore Generale del Ministero ambiente e l’Ammiraglio Francesco Carpinteri, Comandante della Capitaneria di Porto di Palermo.

Nella lista non risulta convocato l’Ammiraglio Vincenzo Pace.

” E’ un primo risultato raggiunto sinergicamente dall’amministrazione comunale di Ustica (giunta e consiglio). Ora occorre raggiungere il risultato voluto dalla popolazione usticese: il ritorno alla gestione comunale dell’AMP Isola di Ustica. Oggi stesso, in un incontro programmato alle 17.00, chiederò che un consigliere venga delegato a prendere parte all’incontro”.

^^^^^^^^^^^^

NOTA CONFERMA PARTECIPAZIONE (ore 19,43  l.t.)

In riferimento vs nota a vs prot GAB 2001-0006926 del 02.03.11, con la presente, nell’apprezzare il gradito invito, si conferma la ns presenza all’incontro del 23.03.11. La delegazione usticese sarà costituita oltre che dallo scrivente dal Presidente del Consiglio Comunale, Leonardo Cannilla.

Il sindaco di Ustica
dr Aldo Messina