Ustica, tramonto


Ustica, panorama visto dal boschetto


Ustica dall’album dei ricordi anni ’60 – dal fotografo per la foto tessera, chi è?


I vigili del fuoco tra carenza di sedi, mezzi  e personale   Accordo su Ustica : «Trasportati da polizia in elicottero»


Le squadre di Palermo aderiscono allo sciopero nazionale indetto da Conapo per domani mentre in città e in provincia, denuncia il sindacato «su dieci sedi solo tre sono di proprietà del ministero dell’Interno: Cefalù, Termini Imerese e Corleone»

STEFANIA BRUSCA

«La vita che rischiamo ogni giorno non vale meno di quella degli appartenenti agli altri Corpi dello Stato», un’affermazione forte ma che rende chiaro il motivo dell’adesione dei vigili del fuoco di Palermo alla manifestazione nazionale organizzata dal sindacato autonomo Conapo che si terrà domani a Roma. Il sindacato dice basta alla «condizione delle retribuzioni e delle pensioni dei vigili del fuoco i quali, come certificato dall’Istat, percepiscono mediamente settemila euro in meno l’anno rispetto alle forze di polizia, cui si aggiunge la mancanza dei peculiari istituti previdenziali che negli altri corpi compensano operatività e specificità. Una retribuzione pro capite inferiore di circa il 20 per cento rispetto ai pari grado della polizia».

Ma al di là delle problematiche che uniscono lo Stivale, a Palermo la situazione in cui lavorano i vigili del fuoco non è rosea, come afferma Benedetto Chiavello segretario provinciale del Conapo. «A Palermo la realtà è diversa. A Roma andiamo a chiedere parità di trattamento ma qui persistono grossi problemi nelle sedi di servizio e per la carenza di personale operativo». E poi scende nel dettaglio: «Dal punto di vista logistico le sedi sono vetuste e non rispondono più ai requisti di servizio. Inoltre il 50-60 per cento di queste sono strutture adattate alle esigenze dei vigili del fuoco, non  essendo di proprietà del ministero dell’Interno. A Palermo e in provincia, sottolinea ancora Chiavello, su dieci sedi «le uniche di proprietà del ministero sono quelle di Cefalù, Termini Imerese e Corleone. Il resto delle sedi sono in comodato d’uso o in affitto. Anche la sede centrale vicino al Teatro Massimo è in affitto». Per il Conapo Palermo quindi sono necessarie nuove sedi di servizio, altro personale e altri mezzi. «Sono le stesse cose che chiediamo da anni – precisa Chiavello- ci dicono che provvederanno ma poi non lo fanno».

Un altro problema per i vigili del fuoco quest’anno è stato intervenire a Ustica. «Lì non abbiamo una sede logistica e quest’anno abbiamo avuto un potenziamento delle squadre dei vigili del fuoco su Ustica in regime di straordinario, a causa del verificarsi di diversi incendi con danni alla natura e rischio per le case e per le persone sul posto». Non avendo una sede, quest’estate è stato il comune di Ustica a provvedere e a mettere a disposizione una struttura, mentre i mezzi sono stati inviati dal comando provinciale. Sull’isola però c’è stato un forte impegno, anche sul fronte politico, per realizzare una sede per i vigili del fuoco. Inoltre recentemente il comando provinciale ha siglato una convenzione con la polizia: «Il comando – spiega Chiavello – ci ha informato che il comandante Agatino Carrolo ha siglato un accordo che prevede che la polizia metterà a disposizione un elicottero in caso si verifichi un’emergenza a Ustica. Un incendio di un’abitazione o di negozio o un incidente particolarmente grave. Verremmo quindi elitrasportati sul posto».

Fonte: MeridioNews – Palermo 18 NOVEMBRE 2019

Ustica dall’album dei ricordi maggio 1963 – chi ricorda il nome dei carabinieri che al John Bar sponsorizzano la Coca Cola?


Da Palermo Today riceviamo e pubblichiamo – Ascensore del poliambulatorio di Ustica fermo da 6 mesi, Musumeci: “Domani sarà riparato”


L’impegno assunto dal governatore nel corso del vertice a Palazzo Orleans con i sindaci delle isole minori. Annunciato un piano integrato di interventi per il sostegno e lo sviluppo socio-economico

Al Poliambulatorio di Ustica uno degli ascensori è fermo da sei mesi. E’ uno dei problemi sottoposti all’attenzione del presidente della Regione, Nello Musumeci, che ha convocato un vertice a Palazzo d’Orleans per fare il punto sulle isole minori. Lo stesso governatore ha assicurato che “domani il guasto sarà riparato”. Al vertice hanno partecipato anche assessori e dirigenti regionali, il sindaco di Ustica Salvatore Militello e quello di Lipari (Marco Giorgianni), Santa Maria Salina (Domenico Arabia), Malfa (Clara Rametta), Pantelleria (Vincenzo Campo), Favignana (Giuseppe Pagoto), Lampedusa e Linosa (Salvatore Martello).

Il governo regionale ha annunciato un “Piano integrato di interventi per il sostegno e lo sviluppo socio-economico delle isole minori”, varato “sulla scorta delle segnalazioni di chi quei territori li amministra e di cui conosce a fondo ogni tipo di esigenza: dalle infrastrutture portuali all’edilizia scolastica, dalla mobilità interna ai servizi sanitari. E, ancora, l’approvvigionamento idrico, le reti fognarie, il recupero dei beni ambientali e culturali, i Piani di protezione civile, il fabbisogno energetico e, naturalmente, le strutture turistico-ricettive”.

La prima parte del confronto è durata circa tre ore, con i componenti del governo e i capi dipartimento a prendere appunti, a cerchiare in rosso le priorità segnalate e ad annotare le indicazioni del presidente Musumeci categorico nell’avvertire che «non può esserci alibi per nessuno perché c’è un richiesta di cose essenziali».

“Questa – ha spiegato Musumeci – è una giornata di lavoro e, senza dubbio, rappresenta la strada migliore per potere avere un quadro generale delle cose da realizzare, alcune a breve e altre a media scadenza, per dare ai cittadini che abitano lì gli stessi servizi e e gli stessi beni di cui usufruiscono coloro che vivono nell’isola maggiore. Ci sono problemi che si trascinano perfino da 50 anni e ai quali va trovata soluzione, al più presto o, comunque, entro i prossimi tre anni di questa legislatura”.

La sanità, il primo argomento affrontato. Con una diffusa esigenza di potenziare i servizi di guardia medica, spesso carenti durante le ore notturne, e di ammodernare le stazioni di elisoccorso. Necessaria, hanno sottolineato i sindaci, anche la presenza di nuove figure professionali, dai cardiologi agli anestesisti, dai pediatri agli infermieri.

Per quanto riguarda le reti fognarie, inesistenti in alcune isole e da completare in altre, ci sarà bisogno di rimuovere eventualmente i vincoli che ne impediscono la realizzazione e di accelerare le procedure per ultimare quelle che ci sono.

“E’ ovvio che noi ci poniamo come interlocutori in termini progettuali e finanziari”, ha chiarito Musumeci che, per quanto riguarda il tema della viabilità, è stato categorico nei tempi: “entro quindici giorni i sindaci dovranno far pervenire alla Regione le segnalazioni sulle tratte principali di interesse turistico che necessitano di interventi e nei prossimi sei mesi al massimo, dunque prima dell’estate, saranno realizzati i lavori che riguarderanno anche la segnaletica”.

Per le altre arterie provinciali, invece, si valuterà se inserire le opere nell’Accordo quadro già esistente o se reperire altre fonti di finanziamento. Oltre cento, invece, i milioni destinati alle infrastrutture portuali. Si tratta di interventi già effettuati o da cominciare a breve. Il primo maggio, invece – ha assicurato il presidente della Regione – potranno essere inaugurate le nuove stazioni marittime, realizzate con strutture prefabbricate, che potranno offrire a chi sbarca nelle isole tutti i servizi di accoglienza più confortevoli e offrire al turista ogni informazione necessaria. “Ci adeguiamo finalmente al resto del mondo”, ha detto con un’ironia amara il governatore. La riunione proseguirà nel pomeriggio.

Fonte: redazione  Palermo Today

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del gioirno


Bisogna imparare a chiedere scusa. L’orgoglio ci intrappola, l’umiltà ti libera.
(Fabrizio Caramagna)

Buon Compleanno


A Emanuele Caserta
ad  Alberto Chines
  i Migliori
Auguri di Buon Compleanno

^^^^^^^^^^^^^

Oggi si festeggia S. Fausto.
Auguri a tutti coloro che festeggiano
il loro Onomastico sotto questo Nome.