Ustica sape

“Immagini di crateri lunari riprese da Luigi Palmisano durante luna piena del 13 luglio, Saturno e Giove con telescopio e camera planetaria, dai cieli di Ustica”


Aldo Messina ricorda Vittorio Morace: “resti nel mio cuore”

Iso­la di Usti­ca –  ri­tro­va­te in spiag­gia due car­cas­se di tar­ta­ru­ga ma­ri­na del­la spe­cie Ca­ret­ta ca­ret­ta


Sono i ri­tro­va­men­ti che non vor­rem­mo mai fare, so­prat­tut­to alla pre­sen­za dei bam­bi­ni che con mol­to en­tu­sia­smo han­no par­te­ci­pa­to al­l’i­ni­zia­ti­va di pu­li­zia del­la spiag­gia– di­chia­ra Ste­fa­no Si­ra­cu­sa, edu­ca­to­re am­bien­ta­le di Ma­re­vi­vo Si­ci­lia – 

Ri­tro­va­re due esem­pla­ri di tar­ta­ru­ga ma­ri­na Ca­ret­ta ca­ret­ta sen­za vita e in avan­za­to sta­to di de­com­po­si­zio­ne ci rat­tri­sta mol­tis­si­mo, per­ché no­no­stan­te il gran­de im­pe­gno pro­fu­so nel so­ste­ne­re le at­ti­vi­tà a di­fe­sa di que­sta spe­cie ca­rat­te­ri­sti­ca del Me­di­ter­ra­neo, le per­di­te non di­mi­nui­sco­no e que­sto ac­ca­de qua­si sem­pre per col­pa del­l’uo­mo”

Il ri­tro­va­men­to nel cor­so di una gior­na­ta eco­lo­gi­ca or­ga­niz­za­ta dal­l’as­so­cia­zio­ne am­bien­ta­li­sta Ma­re­vi­vo Si­ci­lia e dal­l’a­rea Ma­ri­na Pro­tet­ta Iso­la di Usti­ca su un trat­to di spiag­gia del­l’a­rea sot­to­po­sta a tu­te­la.

Tra i ri­fiu­ti di pla­sti­ca spiag­gia­ta che pur­trop­po ar­ri­va­no an­che nel­l’i­so­la, spin­ti dal­le cor­ren­ti e dal­le ma­reg­gia­te ma an­che tra­sci­na­ti dal ven­to, è av­ve­nu­to il tri­ste rin­ve­ni­men­to e a poca di­stan­za, av­ver­ti­ti da un pas­san­te, gia­ce­va un’al­tra car­cas­sa.

En­tram­be ver­sa­va­no in avan­za­to sta­to di de­com­po­si­zio­ne e le  con­di­zio­ni non han­no con­sen­ti­to il re­cu­pe­ro e lo stu­dio da par­te dei ve­te­ri­na­ri del CRE­TAM di Pa­ler­mo del­le cau­se del de­ces­so, ma come sem­pre ac­ca­de sono ri­con­du­ci­bi­li al­l’in­ge­ri­men­to di pla­sti­ca,  pre­sen­te mas­sic­cia­men­te in tut­ti i fon­da­li ma­ri­ni, di ami e len­ze o al­l’in­trap­po­la­men­to nel­le reti fan­ta­sma che im­mo­bi­liz­za­no l’a­ni­ma­le, non con­sen­to­gli più di nu­trir­si.

Da tan­ti anni ora­mai, mol­te as­so­cia­zio­ni por­ta­no avan­ti azio­ni di sen­si­bi­liz­za­zio­ne e pro­get­ti per la tu­te­la di que­sta spe­cie, già espo­sta a seri ri­schi d’e­stin­zio­ne, ma gli spiag­gia­men­ti pur­trop­po non di­mi­nui­sco­no, met­ten­do fine alla vita qua­si mi­ra­co­lo­sa di que­ste straor­di­na­rie crea­tu­re ma­ri­ne, mol­to ama­te e vive nel­l’im­ma­gi­na­rio di tut­ti.

Il ri­tro­va­men­to av­vie­ne in un mo­men­to in cui le tar­ta­ru­ghe tor­na­no a ni­di­fi­ca­re sul­le spiag­ge si­ci­lia­ne, ma sem­pre e pur­trop­po con mi­no­re in­ten­si­tà, per­ché spes­so le spiag­ge dove sono nate e dove tor­na­no a de­por­re han­no to­tal­men­te mo­di­fi­ca­to il loro ha­bi­tat a cau­sa del­l’e­ro­sio­ne co­stie­ra, mol­to in­ci­den­te in Si­ci­lia, o per la pre­sen­za di af­fol­la­ti in­se­dia­men­ti bal­nea­ri che di­stur­ba­no le con­di­zio­ni di quie­te e di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie per la de­po­si­zio­ne.

La gior­na­ta di pu­li­zia, che ha con­sen­ti­to di rac­co­glie­re ol­tre 4 sac­chi di ri­fiu­ti spiag­gia­ti ed ha vi­sto la pre­sen­za di vo­lon­ta­ri e mol­ti bam­bi­ni del­l’i­so­la, è sta­ta or­ga­niz­za­ta nel­l’am­bi­to del­l’i­ni­zia­ti­va “Un esta­te in­sie­me al­l’A­rea Ma­ri­na pro­tet­ta Iso­la di Usti­ca” rea­liz­za­ta gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne del co­mu­ne di Usti­ca, del­l’AMP  e di Ma­re­vi­vo Si­ci­lia.

Le at­ti­vi­tà esti­ve sono sta­te pre­ce­du­te da un in­ter­ven­to di for­ma­zio­ne che ab­bia­mo vo­lu­to or­ga­niz­za­re con i for­ma­to­ri di Ma­re­vi­vo Si­ci­lia per abi­li­ta­re i gio­va­ni che vi­vo­no nel­l’i­so­la a pro­muo­ve­re co­no­scen­ze azio­ni di di­fe­sa del ter­ri­to­rio de­sti­na­te ai re­si­den­ti e ai tu­ri­sti  – di­chia­ra Sal­va­to­re Mi­li­tel­lo, sin­da­co di Usti­ca – e per crea­re un grup­po at­ti­vo e lo­ca­le che pos­sa far­si pro­mo­to­re tut­to l’an­no d’i­ni­zia­ti­ve di sal­va­guar­dia del­l’i­so­la.

L’i­ni­zia­ti­va ha mes­so su un fit­to pro­gram­ma di at­ti­vi­tà che pre­ve­de escur­sio­ni gui­da­te in ca­noa, la­bo­ra­to­ri sul­la spiag­gia per pic­co­li e adul­ti e un ser­vi­zio d’in­for­ma­zio­ne diur­no e se­ra­le  pres­so il cen­tro di ac­co­glien­za, ge­sti­to da gio­va­ni usti­ce­si for­ma­ti dai do­cen­ti di Ma­re­vi­vo.

In ca­len­da­rio an­che se­mi­na­ri scien­ti­fi­ci e vi­deo pro­ie­zio­ni che sono sta­ti  in­se­ri­ti nel pro­gram­ma allo sco­po di in­for­ma­re e sen­si­bi­liz­za­re tu­ri­sti e vil­leg­gian­ti sul va­lo­re del­la tu­te­la e sul­le ca­rat­te­ri­sti­che na­tu­ra­li­sti­che che con­trad­di­stin­gio­no la pri­ma Area Ma­ri­na isti­tui­ta in Ita­lia, ma an­che per fa­vo­ri­re il con­fron­to sui ri­sul­ta­ti rag­giun­ti in anni di pro­te­zio­ne e per fare il pun­to sul­le re­go­le di com­por­ta­men­to da os­ser­va­re per as­si­cu­ra­re una frui­zio­ne so­ste­ni­bi­le che non sia d’im­pat­to con l’am­bien­te na­tu­ra­le.

Vo­glia­mo co­glie­re l’oc­ca­sio­ne – di­chia­ra il di­ret­to­re del­l’A­rea Ma­ri­na Pro­tet­ta Da­vi­de Bru­no – d’in­for­ma­re i tu­ri­sti, ma an­che i re­si­den­ti e i vil­leg­gian­ti di  se­gna­la­re su­bi­to  a noi o alla Ca­pi­ta­ne­ria di Por­to lo­ca­le, l’e­ven­tua­le pre­sen­za di tar­ta­ru­ghe ma­ri­ne in dif­fi­col­tà a mare o sul­la spiag­gia, allo sco­po di av­ver­ti­re gli enti pre­po­sti al re­cu­pe­ro e alla ria­bil­ta­zio­ne; la co­mu­ni­ca­zio­ne è al­tret­tan­to im­por­tan­te in caso di de­ces­so de­gli esem­pla­ri, per con­sen­ti­re lo stu­dio del­le cir­co­stan­ze che ne han­no de­ter­mi­na­to la mor­te.”

Com. Stam./​foto

Fonte: l’ORA

Podismo: Parte il Giro Podistico di Ustica , nella prima tappa successi di Maria Cristina Mancuso e del “Furetto” Calogero Di Gioia.


Ustica (PA). Tanto sole, mare e divertimento per la prima tappa dell’undicesima edizione del Giro Podistico a Tappe Isola di Ustica Trofeo AMP, i partecipanti al giro lungo hanno archiviato la prima tappa di km 8,4 con partenza ed arrivo dal rinomato Rosa D’Eventi. Il circuito di 4,2 km da ripetere due volte ha visto la vittoria con record di percorrenza del palermitano Calogero Di Gioia (ASD Universitas Palermo” conosciuto ormai sull’isola col soprannome di “Furetto” il tempo impiegato è stato di 32’05’’ che migliorava di sei secondi il precedente record della tappa.

Secondo assoluto al traguardo Baldo Genna dellla ASD Podistica Salemitana in 38’22’’ e buon terzo Fabio Petrizzo della ASD TOP Trail Lazio in 39’14’’, quarto Andrea De Alessandri della ASD Pol. Santorso AOSTA in 40’18’’, quinto Leonardo Carbonello  ASD Podistica Salemitana in 40’35’’, sesto Riccardo Giannoli ASD AVIS Castelbolognese in 43’31’’, settimo Andrea De Andrea De Bernochi ASD Podistica Buschese Piemonte in 44’19’’, ottavo Antonino Aiello GSD Amatori Palermo in 44’49’’, nona la prima donna assoluta Maria Cristina Mancuso ASD Sport Amatori Partinico in 45’44’’, decimo Enrico Maria Santoro ASD Good Race Team in 51’20’’, seguito dalla palermitana Emanuela Manca GSD Amatori Palermo in52’28’’, Amadeo Martini ASD Delta Spedizioni Genova in 54’38’’, Paola Ellero ASD TOP Trail in 57’15’’, arrivo mano nella mano per Giuliana Amarù e Salvatore Gasparro del GSD Amatori Palermo in 1h03’31’’ seguiti dal compagno di società il mitico Giuseppe Salica in 1h08’20’’.

Alla tappa presente come di consuetudine il referente di Usticasape.it che con i suoi scatti ha arricchito l’evento usticese.

Martedì 19 luglio 2022 giornata di riposo e svago aspettando la seconda tappa di mercoledì 20 luglio ’22 dove gli atleti affronteranno 5200 metri con partenza ed arrivo dalle ore 18,30 da Ailanto Park. La manifestazione organizzata dalla ASD Sicilia Promo Sport Vacanze e dalla Ustica Tour sotto l’egida della ACSI Sicilia Occidentale è valida come prova ufficiale del BioRace Trofeo Per…Correre/MACRON.

È morto Vittorio Morace, ex presidente del Trapani calcio e fondatore di Ustica Lines

Dal Giornale di Sicilia
di 
Laura Spanò 

In queste ore la notizia che ha gelato i trapanesi: è morto a 82 anni Vittorio Morace. Dal 2016 viveva in Spagna ma parte della sua attività diciamo il “cuore” della sua attività, era rimasto a Trapani.

Era soprannominato il “Comandante”, Vittorio Morace e fino al 2016 è stato presidente della compagnia di navigazione veloce “Liberty Lines” ex Ustica Lines. Ma quello per cui viene ricordato da sempre e per questo è rimasto nel cuore dei tifosi trapanesi e che dal 2005 al 2018 è stato il presidente del Trapani Calcio. Società che ha portato alla scalata dall’Eccellenza fino alla Serie B e poi sfiorando anche l’accesso alla Serie A.

Vittorio Morace è figlio dell’avvocato marittimo Ettore Morace, si era diplomato capitano di lungo corso al Nautico di Napoli e proprio in questa città aveva intrapreso l’attività di piccolo armatore di navi da carico, con la “Constance”. Nel 1970 è amministratore delegato di Alilauro-Aliscafi del Tirreno Spa e un decennio dopo di Alisur S.A nelle Canarie dove resta fino al 1987. Alle Canarie rimane anche la sua prima moglie a dirigere quell’attività. Dal 1989 al 1993 è direttore generale e poi amministratore delegato di Snav.

Poi la svolta nel 1993 fonda la compagnia di navigazione “Ustica Lines” sceglie come base Trapani e inizia l’attività di trasporti veloci per passeggeri via mare sulla rotta “Napoli – Ustica – Favignana – Trapani” e “Trapani – Pantelleria – Tunisia”.

Oggi la società con oltre 400 dipendenti, è leader dei collegamenti veloci da e per la Sicilia. A Trapani poi realizza l’unico cantiere da Roma in giù che si occupa di cantieristica per navi veloci. Nel cantiere navale a Trapani lavora un team altamente qualificato di ingegneri, tecnici ed operai. Ed è qui che vengono operate tutte le manutenzioni dei mezzi. Qui nel 2016 ed è stato l’aliscafo più grande del mondo, unico esemplare di Super Admiral 350 costruito nella storia.

Nel 2016, trasferitosi ormai a Malaga in Spagna lascia oltre che il Trapani calcio, anche la presidenza di Liberty Lines al figlio Ettore.

Il 15 febbraio 2018 gli vengono sequestrati beni per 10 milioni di euro, incluso il 97,17% della Liberty Lines, e questo a seguito dell’inchiesta Mare Monstrum, che lo vede coinvolto assieme anche al figlio Ettore. Nel dicembre 2019 viene però prosciolto dal Gup di Palermo che ha dichiarato nei suoi confronti “il non luogo a procedere in relazione alla malattia che lo ha colpito”.

La Liberty Lines ex Ustica Lines, è la sua creatura. Quando nel 1993 decide di investire scegliendo Trapani, come sede della sua azienda ed inaugurando le sue prime rotte con i collegamenti Napoli-Ustica-Favignana-Trapani e Trapani-Pantelleria-Kelibia, da il nome di Ustica Lines, perché Ustica è la meta della prima rotta e per manifestare, attraverso una denominazione, il suo progetto: unire le terre che si affacciano sul Mediterraneo, attraverso una rete di collegamenti veloci.

Al “Comandante” è legata però la storia Trapani calcio e dei colori granata. Ormai è storia la promozione in B nel 2013. Morace prese il Trapani dopo l’abbandono di Nino Birrittella e ripartì con una dolorosa retrocessione in Eccellenza. Poi, riuscì a capire che quella società aveva bisogno di una buona struttura, di persone adeguate e così divenne un modello da imitare e invidiato ovunque. Furono quelli gli anni di buona gestione ma anche di tante vittorie che portarono alla promozione in B, fino alla finale per la serie A.

Poi la retrocessione, ma soprattutto il coinvolgimento nell’operazione “Maremostrum” che portò alle sue dimissioni da presidente e il passaggio a Paola Iracani. Fino ad oggi comunque Vittorio Morace resta il presidente di una società sportiva che è stato capace di catturare le prime pagine di carta stampata e tv.

Fonte: Giornale di Sicilia

Lutto


Ieri sera a Milano, all’età di 81 anni, è passata ad altra vita Ines Uda (moglie del nostro concittadino Carmelo Caminita).

All’amico Carmelo e alle figlie, Barbara, Roberta e Nada le più sentite condoglianze.

^^^^^^^^^^^^

CONDOGLIANZE

La notizia mi e’ giunta come un tuono a ciel sereno, soprattutto perche’ non sapevo che Ines stesse male. Mi dipiace moltissimo e porgo le mie sentite condoglianze all’amico Carmelo e alle figlie.

Ustica, invitati festa di compleanno


Ustica invitati festa di compleanno

Collegamenti marittimi regolari oggi da e per Ustica


Aforisma, Citazione, Proverbio… del giorno


Le nostre vite finiscono quando taciamo di fronte alle cose davvero importanti.
(Martin Luther King)

Buon Compleanno


A Calogero Basile
a  Maria Ailara
a  Francesco Tranchina
a   Giovanna Vocino
a  Debora  Ferrari i Migliori
Auguri di Buon Compleanno

^^^^^^^^^^^^^

Oggi si festeggia S. Giusta
Auguri a tutti coloro che festeggiano
il loro Onomastico sotto questo Nome.